Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Il Garda celebra il lustro del varo di SuperNikka e guarda alle prime regate del 2020

venerdì, 29 maggio 2020

Riva del Garda – Roberto Lacorte, 51 anni, imprenditore di successo nel ramo della farmaceutica con l’azienda PharmaNutra SPA fondata con il fratello Andrea e appassionato sportivo diviso tra vela e motorsport, si è aggiudicato il premio di Armatore-Timoniere dell’Anno assegnato nell’ambito del Velista dell’Anno FIV, gli Oscar della Vela 2019 organizzati da Acciari Consulting insieme a Federazione Italiana Vela e ai partner Confindustria Nautica e Mercedes-Benz Vans.

La premiazione si è svolta nel pomeriggio, in forma virtuale, con un collegamento streaming a cui erano presenti anche il Presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre e il Segretario Generale del Coni Carlo Mornati.

Supernikka © fTaccola“Sono stato in lizza più volte per questo importantissimo premio e finalmente è arrivata anche la vittoria, che in qualche modo rappresenta la conclusione di un ciclo iniziato cinque anni con il varo di SuperNikka e con la prima, magnifica vittoria alla 151 Miglia 2015”, ha dichiarato Lacorte (Supernikka nella foto © fTaccola), che ai successi in barca a vela, affianca una carriera di tutto rispetto nell’ambito del motorsport, con tre partecipazioni consecutive alle ultime tre edizioni della celebre 24 ore di Le Mans (in top 10 nel 2017) e l’attuale impegno nel Campionato Mondiale Endurance FIA WEC con il team Cetilar Racing.

Un impegno a cui Lacorte è pronto ad affiancare una nuova sfida velica, il circuito di regate del “monotipo volante” 69F, una barca di quasi 7 metri di lunghezza per tre persone di equipaggio, super invelata e dotata di foil per raggiungere prestazioni sbalorditive. Una sorta di piccola Formula 1 del mare, che potrà contare su un circuito di regate esclusivo con tappe sul lago di Garda (14-19 luglio e 14-19 settembre), a Trieste (29 settembre-4 ottobre) e in una location ancora definire (10-15 novembre).

Marco Gradoni vince il premio Velista dell’Anno FIV 2019

La 26ma edizione delVelista dell’Anno FIV organizzata da Acciari Consulting con la Federazione Italiana Vela in veste di partner istituzionale, con il patrocinio e supporto di Confindustria Nautica e di Mercedes-Benz Vans come partner tecnico, ha celebrato oggi, giovedì 28 maggio 2020, i suoi campioni 2019 in una versione inedita organizzata completamente in streaming video, in linea con le tendenze dal periodo indotte dalla pandemia globale.

La diretta online dell’evento ha preso il via dalla sala Giunta del Palazzo del CONI a Roma alle 18.15 alla presenza di Alberto Acciari, ideatore e organizzatore del premio, delPresidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre, del Segretario Generale del Coni, Carlo Mornati, membro della Giuria del Premio e della campionessa Olimpica Alessandra Sensini direttore tecnico giovanile Nazionale della Federazione Italiana Vela. Gli ospiti sono stati raggiunti dal Presidente del CONI Giovanni Malagò per il saluto istituzionale che ha aperto la cerimonia di premiazione. Presenti virtualmente con un collegamento in teleconferenza i finalisti delle tre categorie, i partner, i membri del Consiglio Federale FIV e un ospite d’onore Max Sirena, Team Director & Skipper del Luna Rossa Prada Pirelli Team. La diretta streaming della 26ma edizione del Velista dell’Anno FIV è stata trasmessa contemporaneamente su oltre 20 piattaforme Social, tra i quali quelle istituzionali della Federazione Italiana Vela, delle testate partner e degli sponsor.

La cerimonia di premiazione ha avuto inizio con la consegna del Premio speciale per l’innovazione tecnologica al Luna Rossa Prada Pirelli Team per “lo sviluppo di un progetto unico, caratterizzato da soluzioni innovative nella realizzazione dell’AC75, la classe di imbarcazioni ideata per partecipare alla 36esima edizione  dell’America’s Cup”. Ha ritirato il premio Horacio Carabelli – Co-Design Coordinator del team che ha commentato uno spettacolare video di Luna Rossa AC 75 in volo sulle acque del golfo di Cagliari, coinvolgendo tutti i partecipanti con il racconto delle innovative tecniche di sperimentazione e ricerca realizzate con la simulazione al computer e la successiva puntuale verifica in acqua dei risultati.

Marco Gradoni, 17 anni, romano, tre volte vincitore del Campionato del Mondo Optimist (2017, 2018 e 2019) ha vinto il premio Velista dell’Anno FIV 2019. Alla sua terza presenza come finalista, Gradoni ha conquistato il suo primo Oscar della Vela, circondato dagli altri finalisti che fino all’ultimo gli hanno conteso il titolo per poi applaudirlo sportivamente: Ambrogio Beccaria (vincitore della Mini Transat categoria barche di serie), Vittorio Bissaro Maelle Frascari (campioni del mondo 2019 della classe Nacra 17), Giacomo Ferrari Giulio Calabrò (campioni del mondo classe 470M Juniores) e Mauro Pelaschier (vincitore nel 2019 del titolo mondiale classe 12M S.I e del campionato del mondo ORC a Sebenico in Croazia a bordo del Xp44 Wb Five).

Roberto Lacortevincitore del Campionato del Mondo nella categoria minimaxi 2019 a bordo del suo SuperNikka è stato assegnato il premio Armatore Timoniere dell’Anno - Trofeo Mercedes Benz Vans consegnato da Dario Albano, managing director di Mercedes Benz Vans.

Il premio Barca dell’AnnoTrofeo Confindustria Nautica, è stato consegnato da Marina Stella, direttore generale di Confindustria Nautica a Marco Serafini, armatore dell TP52 Xiol’imbarcazione vincitrice delCampionato del Mondo ORC 2019 a Sebenico in Croazia con Tommaso Chieffi nel ruolo di tattico.
Tutti i vincitori riceveranno insieme al premio una magnum di Franciacorta Bellavista offerta dal cantiere Maxi Dolphin.

La Federazione Italiana Vela ha premiato i 77 atleti che hanno conseguito podi internazionali nel corso del 2019. Accompagnati da Michele Marchesini, direttore tecnico FIV e da Alessandra Sensini.

Il Presidente della Federvela Francesco Ettorre, a margine della premiazione in diretta, ha detto: “Questa edizione ha un valore persino superiore: veniamo da un periodo durissimo e difficile per tutti, di sofferenza e sacrifici, ai quali lo sport ha partecipato con responsabilità, mostrando tutti i suoi valori e guardando al futuro. Il Velista dell’Anno FIV è il premio simbolo di tutto il nostro movimento, ne è in qualche modo una fotografia: e allora ascoltare e rivivere l’onda azzurra di tante medaglie, titoli internazionali e grandi risultati puo’ darci la dimensione di quanto la vela italiana stia continuando a crescere. Mi emoziona vedere, sia pure in modo virtuale, tanti azzurri della vela, dagli atleti del team olimpico che ci fanno sognare, ai meravigliosi giovani sempre vincenti, ai paralimpici. In attesa di abbracciarci tutti, spero presto, voglio ringraziare tutti i nostri tecnici, attraverso Michele Marchesini e Alessandra Sensini, atlete e atleti, i Circoli, le famiglie, tutta l’organizzazione federale, che anche in questi giorni di chiusura ha continuato a funzionare.”
Alberto Acciari, ideatore e organizzatore del Velista dell’Anno FIV ha dichiarato: “Il Velista dell’Anno FIV non si è fermato neanche davanti alle grandi difficoltà di questo periodo. Due sono state le grandi motivazioni di questa edizione: un omaggio a tutte le vittime di questa pandemia ed un omaggio alla vita ed allo sport testimoniato dall’impegno di tutti i velisti in gara. Abbiamo celebrato la 26ma edizione con un format sicuramente innovativo, diverso dalla tradizionale cerimonia conviviale, ma non per questo meno coinvolgente, confermando di essere un punto di riferimento della vela sportiva italiana da 26 anni. Condivido ilmio stato d’animo e la mia soddisfazione con il presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre, con tutti i nostri partner che ci seguono da anni e con tutti coloro che hanno contribuito, ancora una volta, al successo del Velista dell’Anno FIV.”

La Giuria del Velista dell’Anno che, dopo aver preso atto delle preferenze espresse dal pubblico sul sito velistadellanno.it (27.867 i voti registrati), ha proclamato i vincitori era composta da: Francesco Ettorre, presidente della Federazione Italiana Vela e presidente della giuria, Carlo Mornati segretario generale del CONI, Fabio Planamente, presidente del settore Vela di Ucina Confindustria Nautica e da Alberto Acciari ideatore e segretario del Premio.

I media partner
Telesia (Gruppo Class Editori) ha trasmesso le immagini dei vincitori del Velista dell’Anno FIV per il sesto anno consecutivo attraverso i propri canali televisivi digitali negli aeroporti italiani e nelle metropolitane. Tra i media partner anche le più importanti testate di settore: Bolina,Fare Vela, Nautica, Nautica Report, PressMare, Sailbiz.it, Saily.it, Vela e Motore, Italiavela e Zerogradinord.

Il Velista dell’Anno nasce nel 1991 da un’idea di Alberto Acciari, giornalista, professore di marketing all’Università di Roma Foro Italico e presidente di Acciari Consulting società specializzata in marketing e Comunicazione dello Sport. Il Velista dell’Anno si è affermato come il più importante e ambito riconoscimento nel settore tanto da essere considerato l’Oscar della vela. dal 2016 ’evento è realizzato in partnership con la Federazione Italiana Vela e assegna anche i riconoscimenti “Barca dell’anno” e “Armatore/Timoniere dell’Anno”.

Il Velista dell’Anno copre così tutta l’eccellenza della vela italiana costituendo il vero punto di riferimento qualitativo della stagione

In forza della collaborazione con la Federazione Italiana Vela, nell’ambito della serata vengono assegnati i premi FIV a tutti i velisti italiani che si sono distinti nelle classi Olimpiche. A questo fine sono prese in considerazione le prestazioni e i piazzamenti degli atleti azzurri nella vela Olimpica ottenuti, nell’anno di riferimento, in competizioni ufficiali nazionali e internazionali.

Tutti i più grandi nomi della vela italiana hanno ricevuto questo premio: da Francesco de Angelis a Giovanni Soldini, da Tommaso Chieffi a Vasco Vascotto, Vincenzo Onorato, Lorenzo Bressani, Andrea Mura, Gianfranco Pedote e Alessandra Sensini, detentrice di ben quattro titoli. Nelle altre categorie sono stati premiati negli anni personaggi quali Ernesto Bertarelli, Paul Cayard, Fabio Perini, Pasquale Landolfi e Patrizio Bertelli.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136