Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


“Ti aspettiamo”: in Trentino il 2021 accolto dai Maestri di sci, video e nuovo appello per aprire la stagione

venerdì, 1 gennaio 2021

Madonna di Campiglio – Buon 2021. È l’augurio lanciato dai Maestri di sci del Trentino nel video di Capodanno voluto dal presidente Mario Panizza e dal Consiglio direttivo del Collegio, che riunisce i 2.800 Maestri e le 54 scuole e associazioni che operano a livello locale.

VIDEO

Quest’anno sono state cancellate tutte le manifestazioni legate al Natale e al Capodanno, a cominciare dalle affascinanti fiaccolate che tradizionalmente animano le piste di grandi e piccoli centri sciistici – spiega il Presidente Mario Panizzae quindi questo video vuol rappresentare anche un modo nuovo per mantenere quel rapporto di amicizia che tradizionalmente lega Maestri di sci e amanti degli sport e delle vacanze sulla neve. Non a caso il video si chiude con l’hashtag del turismo invernale del Trentino: #TIASPETTIAMO“.

Oltre al tradizionale Buon Anno i Maestri di sci lanciano l’auspicio che si possa velocemente riprendere l’attività sulla neve bloccata a causa delle limitazioni anti-Covid scelte dalle istituzioni. La richiesta parte da tutte le Valli del Trentino dove perdere il turismo legato alla vacanza invernale è paragonabile alla chiusura estiva delle spiagge nel resto d’Italia. Ora si spera che con il nuovo anno si possa velocemente tornare alla normalità anche nelle aree in quota, oggi di fatto inattive, tenendo peraltro conto delle necessarie misure di sicurezza, ma il Governo non ha ancora sciolto le riserve con un ulteriore rinvio della stagione che la farebbe saltare definitivamente, specie nei comprensori di quota e dimensione inferiori.

Contestualmente i Maestri di sci del Trentino sollecitano nuovamente il Governo ad attuare interventi di ristoro finanziari capaci di aiutare una categoria professionale che ormai da quasi un anno è priva di reddito e ha dovuto rinunciare ai preziosi incassi del periodo natalizio, che da soli valgono circa il 50% del movimento economico invernale. Non è difficile comprendere come lo stato d’animo nella categoria oggi oscilli tra la preoccupazione per il difficile momento economico e la delusione per una stagione invernale mai ricca di neve come quest’anno ma di fatto sinora cancellata dalle decisioni governative.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136