Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Norme anti-Covid: sanzioni dei carabinieri tra Tonale, Peio, Vermiglio, Val di Sole e Val di Non

venerdì, 13 novembre 2020

Passo del Tonale – Controlli per il rispetto della normativa anti-Covid al Passo del Tonale, nei Comuni dell’Alta Val di Sole e Val di Non, tredici persone multate dai carabinieri della Compagnia di Cles (Trento).

carabinieri clesI militari hanno svolto numerosi controlli con particolare attenzione al Passo del Tonale e ai Comuni della Val di Sole, posti al confine con la provincia di Brescia nonché lungo le strade e i centri abitati dell’alta Val di Non, in prossimità di quella di Bolzano. Delle oltre 450 persone controllate negli ultimi quattro giorni, 13 sono state sanzionate per violazioni alla normativa in argomento.

Nello specifico: quattro ragazzi di Vermiglio sono stati controllati in piena notte dal Nucleo Radiomobile, mentre – senza comprovato motivo – chiacchieravano, violando il divieto di spostamento notturno; tre giovani di Cles sono stati trovati da una pattuglia della locale Stazione mentre si intrattenevano, creando un piccolo assembramento, nei pressi della fermata degli autobus di piazza Fiera senza indossare la prescritta mascherina; a Peio, 5 operai di una ditta della zona sono stati fermati dai militari della Stazione di Cogolo mentre passeggiavano per le vie del paese ancora senza un giustificato motivo ed in violazione del divieto di spostamento notturno.

Infine una pattuglia del Nucleo Radiomobile a Ruffré-Mendola ha fermato un’autovettura guidata da un residente in provincia di Bolzano, il quale era in provincia di Trento, per raggiungere la sua seconda casa, in alta Val di Non, violando il divieto di spostamento dalla provincia di Bolzano, individuata quale “zona rossa” e procedevano alla contestazione della relativa sanzione. Tutti sono stati sanzionati amministrativamente, per un importo tra i 400 e i 533 euro e tutti hanno già pagato le multe.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136