Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Maltempo, nuovo avviso di allerta della Protezione civile in Trentino: chiuse ciclabili e percorsi pedonali

venerdì, 4 dicembre 2020

Pejo – Intense precipitazioni, come annunciato, sono in corso sul Trentino. In conseguenza di tale situazione e delle previsioni meteo per le prossime ore la Protezione civile, nel pomeriggio, ha emesso un avviso di allerta moderata (arancione) in vigore su tutto il territorio provinciale dalle ore 18 di oggi e fino alle ore 12 di lunedì 7 dicembre.

valangaA seguito dell’aggiornamento delle previsioni meteo si ritengono possibili, a partire dalle ore 18:00 di oggi 4 dicembre 2020 criticità dovute principalmente a accumuli importanti di neve sul terreno e sui tetti con possibilità di aumento del carico anche a seguito di successive piogge, caduta di rami ed alberi; aumento del pericolo di valanghe con possibili fenomeni di slittamento anche su rampe vicine alle strade poste a quote medio-alte; erosioni e smottamenti nel reticolo idrografico, ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, allagamenti, frane e colate rapide; forti raffiche di vento. Queste criticità possono causare disagi ed effetti (anche interruzioni) sulla viabilità e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione di servizi.

Entro le ore 12 di domani, sabato 5 dicembre 2020, tutte le piste ciclabili o i percorsi pedonali, attigue o interessanti i corsi d’acqua, dovranno essere chiuse al traffico.

Situazione meteorologica

Oggi, venerdì, precipitazioni via via più diffuse ed intense; quota neve oltre 600 metri circa o sotto, in aumento dal tardo pomeriggio sera fino a circa 1000 metri a sud e ad est mentre a nord e ovest potrà continuare a nevicare intensamente anche a quote basse; attese cumulate di 40 – 70 centimetri o più di neve oltre 600 metri circa. Venti in intensificazione da sud con possibili raffiche superiori a 120 km/h in quota. Sabato precipitazioni intense, diffuse e persistenti specie dal pomeriggio ed a est, occasionalmente anche a carattere temporalesco; limite delle nevicate in aumento fino a 1200 – 1500 metri o più specie dal pomeriggio, a sud ed est; oltre 1600 metri circa sui settori orientali atteso più di un metro di neve, quantitativi inferiori altrove ed a quote inferiori; venti forti soprattutto in quota e dal pomeriggio. Domenica previsione dei quantitativi ancora incerta ma sono probabili precipitazioni abbondanti specie al mattino.

Sistema di Protezione civile

Per tutto lo stato di allerta è attivato tutto il sistema di protezione civile del Trentino. I Servizi provinciali presidieranno il territorio. I Vigili del fuoco Volontari ed il Corpo Forestale garantiranno il supporto al Servizio Bacini montani per l’effettuazione delle ronde sui corsi d’acqua, nonché al Servizio Geologico per il monitoraggio del territorio. I Sindaci, con il supporto dei Vigili del fuoco Volontari, assicureranno analoghe attività nelle zone di propria competenza, nonché l’attuazione dei Piani di protezione civile comunali, assumendo gli eventuali provvedimenti d’urgenza qualora necessario, nonché emaneranno le necessarie disposizioni operative in qualità di Autorità locali di protezione civile.

Nell’avviso si comunica alla popolazione la necessità di:

– ridurre il più possibile gli spostamenti e, nel caso risultino inevitabili, porre massima attenzione alle condizioni dei luoghi da percorrere, anche con automezzi, evitando di immettersi in aree che presentino condizioni anomale o di pericolo, l’avvicinarsi ai corsi d’acqua, a zone depresse (conche e sottopassi), alle rampe ed ai versanti che possono subire valanghe o scivolamenti di neve o smottamenti nonché di sostare sotto gli alberi e i cornicioni degli edifici;

– verificare la situazione della propria abitazione in merito al rischio idraulico e idrogeologico, evitando di sostare nei piani interrati e piani terra;

– comunicare tempestivamente al numero unico 112 eventuali situazioni di emergenza.

Informazioni sulle norme di autoprotezione sono disponibili sul sito web: http://www.protezionecivile.it/attivita-rischi/meteoidro/sei-preparato .



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136