Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Maltempo: neve sui passi alpini, allarme frana Ruinon e chiusa la strada della Valfurva

sabato, 26 settembre 2020

Valfurva – L’ondata di maltempo ha portato neve fino a 1700-1800 metri, imbiancato i passi alpini Bernina, Spluga, Forcola, Foscagno, Stelvio, Gavia e Tonale, con obbligo di catene su Julier e Albula, mentre in Valfurva è scattato l’allarme per il Ruinon e la Provincia di Sondrio ha disposto la chiusura della strada provinciale 27 da Sant’Antonio a Santa Caterina. Sono stati avvisati i gestori del trasporto scolastico e oggi saranno impossibilitati a salire a Santa Caterina e il servizio trasporto non verrà effettuato. E’ stata interrotta la strada per precauzioni.

neve gaviaIntanto in Valtellina e Valle Camonica proseguono gli interventi per rimuovere alberi, alcuni di grosse dimensioni, in numerose località. Lungo la strada statale 301 “del Foscagno” è stato istituito, durante i lavori dei vigili del fuoco, il senso unico alternato in località Arnoga, nel territorio di Valdidentro (Sondrio) a causa della caduta di un albero sulla carreggiata.

Il maltempo ha interessato la Valle Camonica e il Sebino: sulla ciclabile di Darfo Boario Terme (Brescia) le raffiche di vento hanno abbattuto uno degli olmi che costeggiano il tracciato, sono intervenuti i volontari della Protezione civile per rimuovere l’albero e riaprire il percorso, mentre a Iseo un platano secolare è caduto in un parcheggio. La ciclabile Vello-Toline è ancora chiusa per lavori.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136