Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


In Trentino 48 nuovi contagi e due decessi: i dettagli della nuova ordinanza

sabato, 2 maggio 2020

Trento – Record di tamponi in Trentino: nelle ultime 24 ore ne sono stati effettuati 1744 con un tasso di contagio del 2,7%. I nuovi contagi sono 48, di cui 3 in Rsa, e due persone decedute. Sono questi i dati illustrati nell’incontro quotidiano sull’emergenza coronavirus, alla presenza del presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti (nella foto), a moderare il responsabile dell’ufficio stampa della Provincia, Giampaolo Pedrotti.

Fugatti 1CONFRONTO CON MINISTRO BOCCIA - Il Governatore trentino ha spiegato che “oggi si è svolto un incontro con il ministro Francesco Boccia sul tema finanziario e abbiamo avuto un’apertura del ministro, mentre la Ragioneria dello Stato è perplessa e ha paragonato una Provincia e Regione a Statuto Speciale al pari di quello Ordinario. Noi abbiamo rivendicato i 430 milioni che servono per far funzionare e garantire i servizi che vengono erogati ai cittadini. Il tema che abbiamo posto è che 430 milioni era un versamento straordinario per un’economia ordinaria. Oggi non è più così: lo Stato parla di 150 miliardi e i nostri 430 milioni sono una goccia e ci sorprende la posizione dei funzionari della Ragioneria dello Stato. Oggi ci è arrivata una risposta parziale dal MEF, ma per noi i 430 milioni sono fondamentali. Risorse ci devono essere corrisposte per esercitare le nostre competenze, al pari di Bolzano e della Regione Friuli Venezia Giulia e siamo preoccupati per il futuro“.

Inoltre il presidente della Provincia di Trento. Maurizio Fugatti, ha illustrato l’ordinanza che ha firmato oggi su spostamenti individuali a piedi e in bici, attività motoria a livello regionale (quindi anche a Bolzano), obbligo della mascherina quando si esce di casa, con gli spostamenti vietati nelle regioni confinanti, l’unica eccezione è col Veneto per il Primiero (però non ci si può fermare) mentre per gli spostamenti con altri confini con la Lombardia, ad esempio Riva del Garda, Valle del Chiese o Passo Tonale si deciderà in futuro.

E’ possibile fare acquisti nei Comuni confinanti, riaperti i parchi pubblici ed è possibile servizio mensa per operai cantieri in presenza di un protocollo, nei giorni festivi sono sospese le attività di vendita. Consentiti spostamenti per fare l’orto e attività boschiva.

I DATI -  Nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Trentino due decessi, da inizio pandemia sono quindi saliti a 420 i trentini morti per Covid-19. I nuovi contagi sono 48. Tra i contagi si segnalano 7 nuovi casi (sono 600 complessivi) a Trento, 2 (348) ad Arco, 1 (71) Bleggio Superiore,  2 (100) Borgo Chiese, 4 (24) a Caldonazzo,  1 (87) a St. Jean Fassa, 2 (246) a Pergine Valsugana, 2 (44) a Comano Terme, 1 (30) a Lavis, 1 (34) a Mezzocorona, 1 (91) a Mezzolombardo, 1 (77) a Cles, 1 (64) a Pinzolo, 1 (14) a Giustino, 2 (30) Pieve di Bono, 1 (10) a San Lorenzo in Dorsino, 1 (63) a Selle Giudicarie, 1 (28) a Spiazzo,  3 (105) a Storo, 1 (60) a Tione e  3 (24) a Valdaone.

Il Governatore trentino ha poi risposto a numerose domande sull’ordinanza che entrerà in vigore da lunedì 4 maggio, e indicato che da lunedì scatteranno i test sierologici in 5 Comuni trentini, tra cui Vermiglio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136