Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Viruskenner: la conoscenza come antidoto ai virus in Trentino

lunedì, 18 gennaio 2021

Quando:
21 gennaio 2021@15:00–16:00 Europe/Rome Fuso orario
2021-01-21T15:00:00+01:00
2021-01-21T16:00:00+01:00

Prevenire la diffusione dei virus attraverso misure personali, potenziare le esperienze di internazionalizzazione, promuovere il dialogo interculturale e il potenziamento linguistico, sviluppare le competenze chiave per l’apprendimento permanente e promuovere lo scambio di buone pratiche educative e metodologiche sono in sintesi le finalità del Progetto internazionale Viruskenner. Al progetto partecipano l’Istituto Buonarroti di Trento e alcuni istituti scolastici di Olanda e Surinam, Paesi partner dell’iniziativa. Viruskenner è un progetto riconosciuto al livello mondiale che tratta un tema di grande attualità. L’obiettivo è avvicinare la scienza ai giovani e alla società e utilizzare il potere della comunicazione e la creatività come strumento di prevenzione della diffusione di malattie infettive, vecchie e nuove.

Ha preso il via la scorsa settimana il progetto internazionale Viruskenner, la conoscenza come antidoto ai virus. Due i momenti iniziali: un webinar di formazione per docenti e l’evento ufficiale di avvio dell’edizione 2021. In collegamento online erano presenti i docenti, le studentesse e gli studenti del Buonarroti di Trento, quelli dei Paesi partner partecipanti all’edizione 2021 Olanda e Surinam, il Professor dr. Eric van Gorp del Dipartimento di Virologia del Medical Centre di Rotterdam e la dr. Marlies Wagener dell’Universitá di scienze applicate di Rotterdam.
Guidati da coaches, uno staff di medici e ricercatori, con il progetto Erasmus+ Viruskenner International, gli studenti imparano come i virus si diffondono, condividono le conoscenze reciproche e creano modalità per divulgare tale conoscenza.
“Con questo progetto – spiega la referente dell’ITT Buonarroti di Trento Stefania Stani – gli studenti e le studentesse sperimentano la Mobilità virtuale con eventi internazionali online, grazie anche all’utilizzo della piattaforma europea Etwinning, uno strumento che favorisce l’incontro con i partecipanti stranieri in chatroom, forum e Meet online di classe”.
Alla fine dell’anno scolastico una giuria qualificata decreterà il progetto vincitore dell’edizione 2021, basando la valutazione su tre aspetti: creatività e innovazione, contenuto del messaggio e impatto sociale.
Un evento importante dunque che, in un periodo in cui le frontiere sembrano essersi alzate, ci dimostra come creatività, forza di volontà e tecnologia offrono opportunità per continuare a lavorare anche su scala internazionale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136