Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Una consultazione pubblica sulla questione abitativa a Trento

giovedì, 21 maggio 2020

Quando:
29 maggio 2020@15:55–16:55 Europe/Rome Fuso orario
2020-05-29T15:55:00+02:00
2020-05-29T16:55:00+02:00

Una consultazione pubblica sulla questione abitativa a Trento. Il questionario è aperto fino al 15 giugno.

Oggi accedere ad una casa ad un prezzo ragionevole e abitare in un contesto di buon vicinato pare essere sempre più difficile. Tuttavia nella nostra città, ormai da anni, si sperimenta il cosiddetto “abitare collaborativo”, in cui gli abitanti hanno un ruolo attivo di cura del contesto in cui risiedono e collaborano con i vicini per gestire servizi che migliorano la qualità di vita.

Tra queste soluzioni si osservano in particolare le coabitazioni solidali, che rappresentano una risposta abitativa, sia per gli anziani che per altre fasce di popolazione, in grado di recuperare alloggi vuoti o sottoutilizzati. Soluzioni efficaci come le coabitazioni permettono di abbassare i costi dell’abitare, ridurre il ricorso ai servizi specialistici, incrementare l’autonomia delle persone, costruire una rete di legami e di supporto, sviluppare un senso civico di appartenenza attraverso la partecipazione, facilitare la gestione familiare.

Queste soluzioni ispirate al buon abitare necessitano di essere ampliate e fatte conoscere maggiormente, coinvolgendo il mercato privato, il mondo associativo, le comunità e i quartieri, poiché la città ha a disposizione un ampio patrimonio abitativo sfitto o sottoutilizzato che aspetta solo di essere valorizzato da un punto di vista sociale ed architettonico.

Lo studio dei modelli di abitare collaborativo e la mappatura del patrimonio abitativo sfitto della città sono i principali temi di studio della ricerca-azione Definizione delle misure di inclusione sociale – Programma di rifunzionalizzazione e riuso sostenibile dell’area Santa Chiara a cura di Francesco Minora, ABCittà e Alysso S.r.l. con lo scopo di produrre informazioni utili alla progettazione di politiche abitative locali volte ad incrementare il livello di resilienza della città di Trento.

La ricerca si inserisce nell’ambito del progetto Santa Chiara Open Lab che individua un ampio programma di rigenerazione urbana dell’area ex Santa Chiara, con due finalità principali: l’aumento del livello di sicurezza reale e percepita e l’aumento della capacità di resilienza urbana.

Sul sito www.abitarecollaborativo.com è possibile leggere i risultati di questo studio.

Per fornire all’amministrazione idee e spunti per promuovere la valorizzazione del patrimonio sfitto attraverso iniziative di abitare collaborativo, fino al 15 giugno, è possibile partecipare attivamente alla ricerca rispondendo ad una consultazione pubblica aperta a tutti i cittadini interessati. Ecco il link per accedere:

https://tinyurl.com/yapgqrpv



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136