Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


News #inEmiliaRomagna Cycling Team

giovedì, 13 febbraio 2020

Quando:
21 febbraio 2020@21:15–22:15 Europe/Rome Fuso orario
2020-02-21T21:15:00+01:00
2020-02-21T22:15:00+01:00

A conclusione del periodo di preparazione invernale, per i ciclisti Under 23 di #inEmiliaRomagna Cycling Team è il momento di rifinire la condizione, a dieci giorni dal via della stagione agonistica.

Per farlo, gli ambassador in bicicletta della Regione Emilia-Romagna hanno scelto il Villaggio della Salute Più, agriturismo a coltivazione biologica sulle colline vicino a Monterenzio (Bologna). Una meta particolarmente indicata non solo per atleti agonisti, ma per ogni cicloturista: tra parchi, vigne, calanchi e relax alle Terme, chiunque può uscire in bicicletta tra percorsi collinari e panoramici, toccando Parco dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, pedalando lungo la Linea Gotica, ma anche con la possibilità di raggiungere facilmente il centro storico di Bologna, il caratteristico borgo dipinto di Dozza o Imola, con il suo Autodromo.
Quattro giornate di allenamenti ad alta intensità per i ragazzi del team, tutti emiliano-romagnoli, che fanno parte di questo progetto che rappresenta una case history di sport e marketing territoriale senza eguali, in Italia e nel mondo. Nato nel 2019, il progetto è promosso da APT Servizi Emilia-Romagna e Consorzio Terrabici, e anche nel 2020 i ragazzi del team, attraverso la propria attività sportiva e sui social network, rappresenteranno veri e propri ambassador della Regione Emilia-Romagna sul territorio nazionale e anche all’estero.
La preparazione si svolge sotto l’attenta guida del direttore tecnico Michele Coppolillo, dei direttori sportivi Mauro Calzoni e Alberto Contoli e dei preparatori atletici Alessandro Malaguti e Matteo Malaguti, oltre alla responsabile della logistica Roberta Malmusi e all’accompagnatore e meccanico Stefano Poli.

Per noi il Villaggio della Salute Più è davvero la location ideale per rifinire la preparazione - dice Michele Coppolillo, direttore tecnico di #inEmiliaRomagna Cycling Team, che vive a poche decine di chilometri di distanza -. La Vallata del Sillaro è particolarmente indicata per gli allenamenti dei ciclisti: il manto stradale è in ottime condizioni, il clima è temperato e le meravigliose colline consentono di affrontare gli allenamenti duri in un’atmosfera naturale che fa bene anche alla mente, fondamentale per un atleta“.

Il Villaggio della Salute Più in questi ultimi anni si è qualificato come struttura ricettiva particolarmente attenta al turismo in bici. In collaborazione con Bikeinbo ha infatti sviluppato una nuova rete di sentieri che permettono di scoprire il territorio circostante; è presente inoltre una ciclofficina. Il Villaggio è infine tra i promotori del progetto territoriale “Fitness Valley”, per valorizzare l’intera Val Sillaro: un territorio unico per caratteristiche climatiche, naturalistiche e storiche, perfetto per essere scoperto su due ruote (per infowww.villaggiodellasalute.it).

All’interno del Villaggio della Salute Più si trovano anche le “Terme dell’Agriturismo”: un’innovativa struttura di legno e vetro, immersa nel verde, ospita due piscine termali solfato-calciche, “granita di neve”, sauna, bagno turco.
Oggi il turismo termale rappresenta una nuova forma di turismo, un mix tra terme, natura, benessere e cultura, portando i turisti a contatto anche con l’ambiente circostante, la sua storia, i monumenti e le eccellenze enogastronomiche. È il mix vincente per vivere al meglio le proposte dei 23 Centri Termali dell’Emilia-Romagna con le loro preziose acque minerali (salsobromoiodiche e sulfuree), particolarmente efficaci per la cura, la prevenzione, la riabilitazione e la remise en forme (www.emiliaromagnaterme.it).

Nel 2018, in Emilia-Romagna, gli arrivi di clienti nei centri termali hanno raggiunto la quota di circa 280.000 arrivi secondo i dati dell’Osservatorio del Termalismo e Turismo della Salute dell’Emilia-Romagna elaborati dal COTER (Consorzio Termale dell’Emilia Romagna). Rilevanti i dati sul giro d’affari diretto generato, nel 2018, dai centri termali emiliano romagnoli (oltre 76milioni e 334mila euro) che ha prodotto un indotto superiore ai 579milioni e 813mila euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136