Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Eurac, nasce il Centro per l’autonomia in Alto Adige

martedì, 4 febbraio 2020

Quando:
19 febbraio 2020@21:50–22:50 Europe/Rome Fuso orario
2020-02-19T21:50:00+01:00
2020-02-19T22:50:00+01:00

Nasce presso Research il Centro per l’autonomia: metterà in rete le organizzazioni che si occupano di tutela delle minoranze, autonomia e modello Alto Adige. Sarà diretto da Marc Röggla.

La Giunta provinciale ha dato oggi (4 febbraio) il proprio assenso alla creazione del Centro per l’autonomia altoatesina che avrà sede presso EuracResearch e si occuperà della comunicazione e dello studio della tutela delle minoranze, del sistema dell’autonomia e del modello Alto Adige. La struttura potrà contare su di un finanziamento annuo di 150.000 euro e sarà diretta dal ricercatore dell’Eurac, esperto in merito alle tematiche delle minoranze, Marc Röggla. “La nostra autonomia rappresenta un modello di riferimento nel campo della tutela e dei diritti delle minoranze”, ha spiegato il presidente della Provincia Arno Kompatscher, ponendo l’accento sul fatto che “da decenni in Alto Adige vi sono strutture pubbliche e private che si confrontano con il tema dell’autonomia e della tutela delle minoranze.” Risale infatti a circa 25 anni fa la creazione presso l’Eurac degli istituti per la ricerca comparata sul federalismo e per il diritto delle minoranze.

Centro di competenza a livello internazionale

“Le esperienze maturate in Alto Adige ed il know-how ad esse collegato potranno ora essere utilizzati a favore di altre minoranze nei loro sforzi per l’acquisizione dell’autonomia e la tutela della loro identità”, ha aggiunto Kompatscher. L’interesse per l’autonomia altoatesina è testimoniato dalle numerose delegazioni politiche e scientifiche che ogni anno giungono in visita in Alto Adige per conoscere da vicino la situazione locale. Anche la costante collaborazione delle istituzioni altoatesine con importanti organizzazioni internazionali, come ad esempio l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), il Consiglio d’Europa ed i governi di numerosi Paesi, evidenzia l’importanza di soluzioni pacifiche delle questioni riguardanti le minoranze. “Il Centro per l’autonomia avrà lo scopo di mettere in rete conoscenze ed esperienze e sarà il punto di riferimento per le attività riguardanti il modello altoatesino. Rafforzerà inoltre il ruolo dell’Alto Adige come centro di competenza riconosciuto a livello internazionale sui temi dell’autonomia, delle minoranze e della soluzione dei conflitti” ha concluso Arno Kompatscher.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136