Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Green Jobs Trentino 2020, premiata la 4^G del liceo Rosmini di Rovereto

domenica, 17 maggio 2020

Rovereto – Premiata l’idea green degli studenti della classe 4^G del liceo Rosmini di Rovereto (Trento), che si è aggiudicato la vittoria nella finale virtuale provinciale di Green Jobs Trentino. Il 21 maggio gli studenti parteciperanno alla finalissima nazionale.

Classe 4 G - Rosmini - Rovereto foto credit CaritroL’INIZIATIVA - Green Jobs, nato in Lombardia da Fondazione Cariplo, è promosso in Trentino da Fondazione Caritro e realizzato con JA Italia e InVento Innovation Lab con l’obiettivo di coinvolgere i giovani delle scuole superiori in un percorso di autoimprenditorialità green, finalizzato a promuovere le competenze trasversali legate alla sostenibilità ambientale e coerenti con obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU, e a mettere a contatto i giovani con le realtà produttive, sociali e istituzionali del territorio (gli studenti della 4G del liceo Rosmini, foto credito Caritro).

A partire dal 2018 il progetto si è esteso su tutto il territorio nazionale, interessando 157 classi e con più di 3mila studenti, grazie al coinvolgimento di altre otto Fondazioni di origine bancaria aderenti all’ACRI, tra cui: Fondazione CRT, Compagnia di San Paolo, Fondazione Carispezia, Fondazione Cariparo, Fondazione Caritro, Fondazione CR di Perugia, Fondazione Tercas e Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana.

Una giuria di esperti, rappresentata da ospiti illustri, composta da: Alessandro Lunelli, vice Presidente Confindustria Trento e Imprenditore Gruppo Ferrari-Lunelli, Rita Ruffoli, segretario Generale di Fondazione San Zeno, professor Dino Zardi dell’Università degli Studi Trento e presidente Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia e presieduta da Carlo Schönsberg, consigliere del Consiglio di Gestione di Fondazione Caritro, ha valutato le 5 mini-imprese GJ ideate e realizzate, decretando il vincitore: il team Woodcard della classe 4G del Liceo Rosmini (Rovereto), per il progetto Smart Wood Card che utilizza il legno proveniente dagli alberi caduti durante la Tempesta Vaia dell’ottobre 2018 per produrre una smart card che possa sostituire le tessere in plastica. La classe è stata coordinata dalla docente professoressa Lucia Candioli, gli esperti green di InVento Innovation Lab – Claudio Avella e Bianca Russo – e il Dream Coach Filippo Galeotti.

I PREMIATI - Alla mini-impresa che rappresenterà il territorio trentino alla finale nazionale è stato omaggiato da parte di Fondazione Caritro un cubo di design Vaia: un amplificatore naturale interamente realizzato dal legno di alberi colpiti dalla tempesta Vaia, quindi in piena armonia con il senso del concorso.

liceo Rosmini greenNell’iniziativa le mini-imprese e gli istituti coinvolti in questa progettualità, oltre al Rosmini di Rovereto, sono: Ecopouf: Istituto G. Floriani (Riva del Garda); Dolomiti Games: Istituto G. Marconi (Rovereto); Electrix: Istituto Fontana (Rovereto); Firecube: Istituto Buonarroti (Trento). Tutti hanno proposto progetti innovativi.
A loro Fondazione Caritro ha omaggiato, tramite ogni istituto, un buono libro del valore di 750 euro per ciascun istituto.

La finale è arrivata al termine di un percorso che si è articolato attraverso lezioni in aula e soprattutto online durante le quali i ragazzi hanno imparato a trovare soluzioni concrete in risposta ai problemi ambientali, a conoscere i modelli organizzativi e di gestione imprenditoriale, a scoprire le professionalità coinvolte nel mondo produttivo green percorrendo tutti gli step del percorso che trasformano un’idea in un’attività imprenditoriale, a valorizzare la creatività individuale e collettiva.

L’interesse di Fondazione Caritro non è solo quello di supportare un’iniziativa di questo calibro, “ma di esserne parte attiva e promotrice, perché l’ambiente, la sostenibilità e i processi produttivi, sono elementi importanti per ognuno di noi – soprattutto per le prossime generazioni – che devono essere quotidianamente sensibilizzate e sollecitate da stimoli esterni per farne parte”.

Inizialmente gli organizzatori pensavano di realizzare l’evento in modalità live, presso la sede di Trentino Sviluppo a Rovereto, con diverse testimonianze di giovani imprenditori e start up del mondo green, poi l’emergenza Covid-19 ha portato alla modalità online. In videoconferenza Luca Mich, direttore Marketing Operations La Sportiva, ha portato la sua testimonianza ed è stato intervistato da Claudio Ruatti che ha moderato la mattinata della finale.

I ragazzi hanno lavorato sotto la supervisione di Junior Achievement Italia, che ha curato i contenuti imprenditoriali e il coordinamento didattico nonché il supporto alla classe da parte dei Dream coach aziendali, e di InVento Innovation Lab, che si è occupata della creazione e implementazione nelle classi della metodologia per costruire imprese resilienti e in linea con gli SDGs e del coordinamento dell’ente green. Il team vincitore parteciperà all’evento finale nazionale che si terrà in diretta streaming il 21 maggio 2020, dove saranno chiamati a raccontare il proprio progetto a tutta la Community Green Jobs, ma anche l’esperienza di resilienza vissuta in questi mesi di emergenza.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136