Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Salò: servivano il pranzo al ristorante, i carabinieri chiudono il locale

mercoledì, 13 gennaio 2021

Salò – Servivano il pranzo al ristorante incuranti delle norme di contenimento del Covid-19: locale chiuso. I carabinieri della Stazione di Salò hanno proceduto oggi a chiudere un hotel ristorante. Avuta notizia che nel locale venivano comunque serviti pranzi al tavolo, nonostante le norme anticovid, effettuavano un controllo sorprendendo 10 persone che stavano mangiando.

Poco plausibili le scuse offerte ai militari, si è cercato di far passare i clienti come ospiti dell’hotel ma nessuna stanza era occupata dai commensali che non avevano neanche bagagli a seguito.

Sanzionati i clienti e sanzionato il titolare della struttura al quale è stata applicata la sanzione della chiusura provvisoria per 5 giorni in attesa delle successive determinazioni della Prefettura di Brescia, informata dell’evento.
È di ieri, invece, la denuncia in stato di libertà di una 35enne di Tremosine che andava in giro nonostante fosse positiva al Covid-19. Individuata e denunciata dai Carabinieri di Limone sul Garda che le intimavano il ritorno in abitazione per continuare la quarantena.

In totale, dall’inizio del 2021, i Carabinieri di Salò, nell’ambito di servizi di contenimento alla diffusione del Covid-19, hanno controllato 200 persone, di cui 11 sanzionate per violazioni; controllato 11 esercizi di cui uno chiuso oltre al quello di oggi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136