Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Operazione Maestro dei carabinieri di Trento: 23 misure cautelari

martedì, 1 dicembre 2020

Trento – Operazione “Maestro”, 23 persone indagate dai carabinieri del comando provinciale di Trento per spaccio di droga.

Spaccio - Trento - carabinieriDalle prime ore dell’alba, i carabinieri del comando provinciale di Trento sono impegnati nel dare esecuzione a una ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal Gip del tribunale di Trento, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di 23 soggetti indagati per il delitto di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Carabinieri - Trento

L’articolata attività d’indagine è stata condotta dal Nucleo Investigativo dei carabinieri di Trento.

I DETTAGLI

Alle prime ore di questa mattina, i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Trento hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. di Trento, a carico di 23 persone ritenute responsabili del reato di associazione per delinquere, finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Tre di queste sono tuttora alacremente ricercate dai militari.

maestroLe indagini, dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trento, hanno consentito di documentare l’esistenza di un sodalizio criminale, di prevalente origine tunisina, in grado di rifornire ininterrottamente le principali piazze di spaccio trentine, con eroina, cocaina e hashish.

La consorteria criminale oggi disarticolata, caratterizzata da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico, con compiti e ruoli specifici, ha dimostrato una elevata capacità a delinquere. Emblematiche di ciò sono l’attitudine dei promotori ad impartire direttive ai propri sodali, pur essendo ristretti in carcere o agli arresti domiciliari, la documentata e estesa rete di clienti, la modalità organizzativa delle cessioni al dettaglio peculiari, orientate a eludere sistematicamente i controlli delle forze dell’ordine, le procedure interne al gruppo.

Il sodalizio ha inoltre evidenziato la continua disponibilità di sostanze stupefacenti e “basi logistiche”, per lo stoccaggio della droga, la conservazione degli introiti derivanti dall’attività di spaccio nonché le operazioni di taglio e confezionamento delle dosi.

Nel corso dell’indagine, svolta mediante intercettazioni e attività di osservazione, controllo e pedinamento, sono stati censiti 43 episodi, costituenti reati-fine, che hanno consentito di imputare agli indagati il reato associativo e oltre 400 cessioni al dettaglio a favore di comuni assuntori.

Nelle diverse fasi dell’indagine sono stati complessivamente tratti in arresto 24 soggetti, sequestrando stupefacente per circa 4 kg e contante per oltre 38mila euro.

Le quantità di stupefacente trattate, le modalità operative, le particolari cautele volte ad eludere eventuali investigazioni e le capacità di riorganizzazione, poste in essere a seguito degli arresti effettuati dai Carabinieri in riscontro alle indagini, hanno dato conto di un elevato livello di “professionalità criminale” dei sodali, confermato dai 25 recidivi specifici, su 27 soggetti coinvolti.

VIDEO



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136