Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Il Tribunale Federale di Losanna respinge l’istanza dell’atleta Alex Schwazer

mercoledì, 6 maggio 2020

Bolzano – Il Tribunale Federale di Losanna ha respinto la richiesta di annullamento della sentenza avanzata dai difensori del marciatore altoatesino Alex Schwazer. L’atleta è stato squalificato 8 anni perché nell’estate 2016 era risultato positivo al testosterone emerso dopo un controllo a sorpresa. I legali di Alex si sono rivolti al Tribunale svizzero, che aveva però respinto una richiesta di sospensiva, dopo che il Tas aveva a sua volta rigettato il ricorso. ”Non è stata pronunciata l’ultima parola”, mette però in chiaro Gerhard Brandstaetter, il legale di Alex Schwazer.

Per l’olimpionico della 50 km a Pechino 2008, la decisione del Tribunale Federale giunge alla conclusione di una vicenda iniziata nel 2016.  I giudici svizzeri non hanno accolto la tesi di Schwazer, basata sull’emersione di fatti nuovi, in grado di riaprire la vicenda, ossia la presunta manipolazione del campione di urina che ha condotto alla squalifica non costituisce – secondo il Tribunale – un fatto nuovo, poiché l’atleta se ne era avvalso più volte durante il procedimento che avrebbe poi portato al provvedimento.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136