Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Covid-19: la situazione all’ospedale Morelli di Sondalo

venerdì, 6 novembre 2020

Sondalo – La prima settimana di novembre non si è ancora conclusa ma all’Ospedale Morelli i decessi sono già dieci, la metà dei 20 registrati in tutto il mese di ottobre: le persone che hanno perso la vita a causa del covid-19 sono ottantenni e settantenni ma anche sessantenni. In questi giorni si susseguono i ricoveri e, fortunatamente, anche le dimissioni di pazienti che hanno superato la fase acuta e possono tornare nelle loro abitazioni, seppure con l’obbligo dell’isolamento in quanto ancora positive al coronavirus. sondaloNei quattro reparti covid-19 ospitati nel primo padiglione e nei due moduli della Terapia intensiva del quarto sono ricoverati complessivamente 117 pazienti, di cui nove in Rianimazione dopo i due decessi di ieri. Si aggiungono i 16 del reparto Obi, l’Osservazione breve intensiva, alcuni dei quali con sintomi lievi, che, in caso di evoluzione positiva della malattia, potrebbero essere presto dimessi. La pressione sulla struttura ospedaliera e sul personale è forte e l’auspicio è che non sia necessario aprire nuovi reparti covid-19, per i quali sarebbe problematico reperire medici e infermieri.

L’impegno di tutti è straordinario – spiega il direttore generale Tommaso Saporito -, e ringrazio i dipendenti, a Sondalo, a Sondrio e negli altri presidi, per quanto stanno facendo, ma la situazione si aggrava di giorno in giorno. L’auspicio è che con la collaborazione di tutti riusciremo a impedire che la situazione peggiori e che non sia necessario aumentare i posti letto per i malati covid-19 per non arrivare agli oltre 220 ricoverati del mese di marzo“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136