Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


90enne bresciana evita truffa, gli auguri della Polizia di Stato

lunedì, 22 giugno 2020

Brescia - Un truffatore ha tentato di raggirare una 90enne bresciana fingendosi una sua nipote, ma la signora ha fiutato la truffa ed avvisato  la Questura.

polizia bresciaIn questi ultimi giorni si stanno verificando, in diverse città d’Italia, alcuni tentativi da parte di malintenzionati di raggirare le persone anziane. Sono stratagemmi che questi impostori senza scrupoli mettono in atto per truffare o derubare le loro vittime prescelte. Mercoledì pomeriggio, un truffatore ha provato a imborgliare un’anziana signora bresciana, telefonandole e fingendosi sua nipote.

Ciao nonna, sono tua nipote, probabilmente non mi riconosci perché sto parlando con la mascherina”, queste le parole pronunciate telefonicamente dal malvivente.

La 90enne non si è fatta abbindolare e, dopo numerose telefonate, ha reagito con voce decisa: “Adesso chiamo la Polizia”. La Signora, dopo aver riagganciato, ha avvisato sua nipote che ha contattato la Questura di Brescia attraverso la pagina facebook.

Gli agenti, dopo aver ascoltato telefonicamente la nipote, si sono complimentati con “nonna Dantina” per come ha saputo agire. Inoltre, il Questore della Provincia di Brescia, Leopoldo Laricchia, venuto a conoscenza che venerdì sarebbe stato il suo 90° compleanno, ha deciso di far preparare una torta speciale “targata Polizia di Stato” consegnata dagli agenti nel primo pomeriggio di venerdì, quando si sono recati presso l’abitazione di “nonna Dantina” per raccogliere la denuncia per tentata truffa.

Truffa del falso nipote: cosa fare. Le indicazioni della Polizia di Stato

La truffa del falso nipote: Se il presunto nipote ha un disperato bisogno di denaro…

Comincia con un’innocua telefonata e finisce facendo perdere migliaia di euro ad alcune vittime: la truffa del falso nipote è nota da molti anni ed è ancora una di quelle più utilizzate dai criminali.

Questi ultimi sono ben organizzati. Negli elenchi telefonici ricercano in modo specifico persone con i nomi più comuni tra gli anziani; la truffa del falso nipote è principalmente rivolta a donne anziane. Dall’indirizzo i truffatori identificano se la loro vittima vive in un quartiere socialmente svantaggiato oppure in una zona più signorile. In questo modo possono stimare quanto denaro riescano ad estorcere tramite l’inganno.

“Indovina un po’ chi parla!”

Infine i truffatori chiamano. Conducono la conversazione con frasi come “Indovina un po’ chi parla!”. In questo modo invogliano la vittima a pronunciare il nome di un parente o conoscente. In seguito, i truffatori fingono di essere questa persona. Raccontano che hanno urgente bisogno di molto denaro. Il motivo: emergenze finanziarie, ad esempio un incidente, debiti o l’acquisto di un’automobile.

Con telefonate ripetute, i truffatori tengono la loro vittima sotto pressione, non lasciandogli il tempo di consultarsi con la famiglia. Se la vittima acconsente, i truffatori riescono ad ottenere il denaro. Il presunto nipote spiega alla vittima che non può ritirare personalmente il denaro e quindi manda un amico. A volte alla vittima è chiesto di trasferire il denaro su un conto.

Potete difendervi dalla truffa del falso nipote in questo modo:

Siate sospettosi se vi viene chiesto di indovinare chi sia il chiamante.

Al telefono non rivelate alcun dettaglio sulla vostra situazione familiare e finanziaria.

Dopo aver ricevuto una telefonata con una richiesta di denaro, consultatevi sempre con la vostra famiglia.

Non date mai denaro o gioielli ad estranei.

Non trasferite mai denaro su un conto sconosciuto.

Informate immediatamente le forze dell’ordine se ricevete una chiamata che vi sembra sospetta. Numero unico di emergenza: 112 chiamateci sempre.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136