Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Orsi nelle Giudicarie, appello di Binelli (Agire): “Troppi danni, potenziare i controlli”

mercoledì, 29 aprile 2020

Tione - Orsi nelle Giudicarie, la Provincia intervenga rivedendo le azioni di monitoraggio e controllo. La cattura dell’orso M49 e le scorribande di grandi predatori e cinghiali con il risveglio del letaro hanno riproposto l’emergenza.

Sergio Binelli“Ultimamente – spiega Sergio Binelli (nella foto), segretario organizzativo di Agire per il Trentino - nelle Giudicarie abbiamo assistito ad una serie attacchi che hanno procurato gravi danni alla popolazione: la settimana scorsa dei cinghiali hanno devastato degli alpeggi nelle zone di Lodrone, Boniprati, Faserno e Castel Condino provocando le (giuste) ire del sindaco dell’ultimo Comune citato. Pochi giorni fa è stato segnalato un attacco dell’orso sopra Roncone (Sella Giudicarie), dove un asino è stato sbranato e di recente un orso ha devastato quattro malghe tra Roncone, Bondo e Tione. I sospetti sono ricaduti sull’orso maratoneta M49 (fortunatamente catturato nelle scorse ore nei boschi di Tione e trasferito nella struttura al Casteller attrezzata per la gestione di esemplari problematici), ma poco importa il “numero di targa” del plantigrado: quello che veramente è inaccettabile è che allevatori e agricoltori (oltre che i cittadini, alla luce dei filmati che mostrano le visite di grandi predatori nei nostri paesi) debbano guardarsi ancora le spalle da quello che ha sempre rappresentato un problema e che certo di certo non è sparito con l’arrivo del Coronavirus”.

“Il Governo nazionale giallo-rosso – prosegue Binelli – è stato praticamente assente sul tema, e il Ministro Costa nei suoi pochi e inadeguati interventi (che hanno dimostrato ancora una volta la lontananza della politica romana dalla vita delle nostre vallate) non ha mai nascosto l’appoggio ai movimenti animalisti, in barba agli agricoltori e allevatori di tutto l’arco alpino e delle manifestazioni organizzate”.

“La nostra speranza – è l’appello finale di Sergio Binelli, segretario organizzativo di Agire per il Trentino - è che la Giunta Provinciale intervenga rivedendo le azioni di monitoraggio e di controllo di cinghiali e grandi predatori al fine di tutelare cittadini, allevatori e agricoltori”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136