Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Giudicarie, verifiche sulla circolazione dei mezzi pesanti

mercoledì, 17 giugno 2020

Comano Terme – Il Corpo di Polizia Locale delle Giudicarie, nell’ambito dei controlli stradali del territorio di competenza, in queste settimane si sta avvalendo della collaborazione del Nucleo Autotrasporto della Polizia locale di Trento per eseguire verifiche più particolareggiate sulla circolazione dei mezzi pesanti.

polLe Amministrazioni comunali aderenti alla gestione associata del corpo di polizia locale avevano evidenziato il sempre più frequente transito, maggiormente percepito dalla popolazione di Comano Terme e della Busa di Tione, di veicoli pesanti, di cui molti, magari anche stranieri, totalmente estranei dal contesto locale.

Le strade sono sempre più spesso percorse da questi autoveicoli – autocarri e autoarticolati, in particolar modo sulla statale 237 nella tratta di competenza Comano – Tione, che facendo parte della percorso Trento – Brescia, sembra a volte sia scelta per la ricerca del contenimento del costo del pedaggio autostradale e della minor probabilità di incappare in controlli specifici.

Il comandante Carlo Marchiori spiega i dettagli della collaborazione: “I servizi resi dalla Polizia Locale del capoluogo compensano l’attività svolta in città dal nostro Corpo in occasione di grandi eventi come ad esempio l’Adunata Nazionale degli Alpini. Terminata la collaborazione con Trento i controlli sui mezzi pesanti verranno comunque intensificati anche senza il supporto del nucleo specialistico. Oggetto dei controlli su strada sono ad esempio: i periodi di guida giornalieri e settimanali; le interruzioni ed i periodi di riposo; i dati memorizzati nel crono-tachigrafo; gli eventuali superamenti dei limiti di velocità e di carico. Tutti fattori che incidono in maniera determinante sulla sicurezza della circolazione e, dato non marginale, sulla concorrenza sleale che a volte viene perpetrata ai danni delle aziende locali che rispettano le regole”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136