Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Uffici giudiziari, le nuove misure organizzative in Trentino Alto Adige

giovedì, 18 giugno 2020

Trento – Modificate le misure organizzative per la ripresa dell’attività giudiziaria in Trentino Alto Adige. Da lunedì prossimo il numero massimo dei cittadini, dei professionisti e di ogni persona estranea all’organizzazione giudiziaria che potrà accedere in contemporanea nei Palazzi di Giustizia di Trento e di Bolzano è stato elevato da 10 a 20. Rimane il limite massimo di 10, invece, in tutte le altre sedi più piccole del Trentino Alto Adige.

L’esigenza di adeguare le misure organizzative distrettuali all’evoluzione del quadro epidemiologico -, precisano la Presidente della Corte Gloria Servetti e il Procuratore Generale Giovanni Ilarda -, è da tutti avvertita ed è stata sottolineata in particolare dall’avvocatura e al riguardo, sulla base dell’ampiezza di diversi ambienti di lavoro, si è ritenuto, d’intesa con i capi degli uffici interessati, che, nella prospettiva di una progressiva riduzione di tutte le misure limitative, una prima ed immediata modifica, potesse riguardare sin d’ora le più grandi sedi giudiziarie del Trentino Alto Adige“.

Per il Palazzo di Giustizia di largo Pigarelli a Trento e per il Palazzo di Giustizia di piazza Tribunale a Bolzano, quindi, da lunedì il numero massimo delle persone che vi potranno accedere contemporaneamente è stato raddoppiato.

Al contempo, il servizio dei due call center centralizzati di Trento e Bolzano, raggiungibili mediante numero verde, è stato reso più efficiente nell’interesse dell’utenza, prevedendo che per gli uffici del Trentino lo stesso venga svolto anche in lingua inglese, mentre per gli uffici dell’Alto Adige lo stesso da sempre è stato svolto, naturalmente, anche in lingua tedesca.

Dal 12 maggio ad oggi il call center della Procura Generale di Trento ha gestito oltre 1.300 appuntamenti per tutti gli uffici e quello attivato presso la Procura di Bolzano oltre 1.000 appuntamenti in meno di un mese.

Valorizzando l’esperienza – conclude il Procuratore Generale Ilarda – si è, quindi, già avviato con la Regione un progetto per la realizzazione di un’app che sarà implementata in tempi rapidissimi e che permetterà ai cittadini, alle imprese e all’utenza professionale di pianificare velocemente i propri appuntamenti con le cancellerie e i magistrati, anche utilizzando uno smartphone“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136