Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Tappa lunga e maltempo, proteste al Giro d’Italia: salta il passaggio dalla Valtellina al Lago di Como

venerdì, 23 ottobre 2020

Morbegno – Scene surreali in mattinata al Giro d’Italia. Doveva essere infatti una tappa interlocutoria quella odierna, tra Morbegno e Asti, di 258 km, prima del weekend decisivo e dopo il tappone dello Stelvio: la lunghezza esagerata della tappa e le condizioni climatiche avverse hanno spinto però i ciclisti a una protesta che ha portato alla neutralizzazione di parte della frazione e ripartenza nel suo tratto finale.

Dopo pochi km dal via da Morbegno, tutti sul pullman dunque e trasferimento di 100 chilometri sui mezzi, per poi iniziare la tappa vera alla periferia di Milano – in particolar modo ad Abbiategrasso – e sfidarsi quindi su un percorso di circa 150 chilometri.

Delusione per gli appassionati che attendevano la Corsa Rosa sul Lago di Como, rammarico anche per gli enti locali che nonostante il momento molto complicato avevano impegnato volontari e forze dell’ordine per allestimenti e sicurezza.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136