Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Rovereto: interventi nell’areale del Follone e spazi limitrofi

mercoledì, 22 maggio 2019

Rovereto - Interventi nell’areale del Follone e spazi limitrofi. Preceduta da una lunga storia di contatti, trattative, proposte con gli inquilini (ditte artigianali) che insistevano negli spazi, la demolizione degli edifici del Follone scatta a giorni.

Si tratta di un passo significativo verso la definitiva riqualificazione dell’areale del Follone. Dopo aver condotto un certosino lavoro di contatti tra tutti gli attori coinvolti, nel corso delle giornate 24 e 25 maggio si procederà alla disposizione della cartellonistica stradale e di cantiere ovvero con la fase informativa del cantiere.

A partire dal giorno 27 maggio  sarà approntato il cantiere volto alla demolizione della parte est dell’edificio a stecca ubicato nel centro del piazzale Follone ed identificato dalla p.ed. 1282 C.C. Rovereto. Seguiranno opere di verifica e smontaggio di alcune componenti edilizie per poi proseguire nell’arco della prima decade di giugno con l’intervento demolitorio completo.

Si calcola che le opere richiederanno circa 40 giorni, salvo imprevisti e quindi trovare conclusione entro la prima decade di luglio. A seguito della demolizione si prevede la collocazione di nuovi stalli per il parcheggio delle auto nella misura di circa 20 unità.

Successivamente nel corso dell’estate si procederà alla demolizione dell’edificio ubicato in prossimità di via Saibanti (p.ed. 1283 C.C. Rovereto) per poi proseguire con la demolizione dell’edificio prossimo a via Canestrini (p.ed. 174 C.C. Rovereto).

Al termine delle demolizioni il comparto del Follone ospiterà un quantitativo di stalli maggiorato rispetto all’attuale di circa 130-140.

Tutto ciò trova poi giustificazione in  una logica di riqualificazione globale che ha visto la Giunta impegnata fin da inizio mandato e che si innesta anche con il piano di sicurezza della città dai fenomeni estremi del clima. Non va infatti dimenticato che Novareti Spa ha portato a termine proprio al Follone un’opera pionieristica (il dispersore delle acque) e sta effettuando lo spostamento delle sue reti. Tutto questo consentirà di affrontare la tematica attinente la realizzazione di un parcheggio interrato potendo contare delle dovute infrastrutturazioni primarie, già ultimate.

Nel corso dell’estate troverà altresì realizzazione lo spazio a destinazione ludico-sportiva a servizio della comunità e che sarà ubicato in prossimità dell’areale adiacente al convento di Borgo Santa Caterina ed al collegamento ciclopedonale tra l’areale del Follone e Borgo Santa Caterina.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136