Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Passeggiate e panorami mozzafiato tra Corvatsch e Diavolezza per turisti e appassionati di montagna

venerdì, 10 luglio 2020

St. Moritz – Il peggio sembra alle spalle anche in Engadina, che dopo l’emergenza-Covid e il lockdown primaverile ora sta accogliendo i tantissimi appassionati della montagna che scelgono il Cantone dei Grigioni per trascorrere il periodo estivo.

escursioni engadina Ferrata Romano SalisL’estate 2020 nei comprensori di Corvatsch – Furtschellas Diavolezza sta prendendo forma nel migliore dei modi: “Con tutte le precauzioni, abbiamo aperto gli impianti e i risultati ci stanno premiando: le persone stanno riscoprendo ancora di più le nostre zone, ideali per momenti di relax senza il problema del distanziamento sociale. Nelle prime settimane estive stiamo notando un notevole afflusso, la stagione sta proseguendo nel migliore dei modi“, racconta Andrea Cristina Rominger, Sales & Marketing della società Corvatsch AG. Foto di Romano Salis.

st moritz Cabinovia Corvatsch estate Romano SalisIn Engadina non mancano le iniziative per famiglie e gruppi, nonostante una rivisitazione generale del quadro degli eventi che prevedevano gli assembramenti e che era stato ipotizzato al pari degli anni scorsi: “Da inizio giugno in progressione sono stati aperti gli impianti di Diavolezza, Corvatsch e Furtchellas fino al 16 ottobre. Abbiamo dovuto annullare alcuni eventi e dai feedback che abbiamo, siamo stati apprezzati per questa nostra assunzione di responsabilità. Le nostre proposte principali sono le escursioni, se necessarie anche con le guide alpine per famiglie e gruppi non numerosi, partendo da funivie e impianti e poi proseguendo tramite percorsi in paesaggi mozzafiato, ad esempio sul ghiacciaio o sul Sass Queder dove, a 3065 metri di quota, si trova il focolare più alto d’Europa. Ristoranti e punti di ristoro garantiscono il distanziamento senza recare problematiche alla clientela, in vista della festa nazionale dell’1 agosto abbiamo pensato a un momento conviviale con musica e barbecue al Furtschellas. Sarà un’estate senza affollamenti, ma qui in Engadina non mancano le opportunità di rilassarsi e divertirsi“, ha aggiunto Rominger.

FESTA NAZIONALE SVIZZERA AL FURTSCHELLAS

Trascorrere la Festa Nazionale Svizzera in uno scenario alpino da favola. La mattinata parte con un caffè e un panino speciale alla stazione intermedia Murtèl (CHF 5). Tratta della funivia: Surlej – Murtèl. Si continua con una camminata lungo la via panoramica, passando per la Rabgiusa e il sentiero dell’acqua fino a giungere al ristorante La Chüdera.

Qui ci sarà la possibilità di un gustoso barbecue nel ristorante al Furtschellas. Cervelat, grigliate succose, spiedini di verdure… il barbecue sul Furtschellas non lascia nulla a desiderare.

Prezzi
Barbecue con ticket funivia: adulti CHF 66*; bambini (fino a 12 anni) CHF 46*
Solo Barbecue: adulti CHF 48; bambini (fino a 12 anni) CHF 28
*Prenota il tuo barbecue e ricevi il ticket della funivia a prezzo vantaggioso.

Informazioni & prenotazione:
Ristorante La Chüdera
T +41 81 838 73 55
gastro@corvatsch.ch

MISURE ANTI-COVID

Terrazza Diavolezza foto Romano SalisLa chiusura prematura della stagione invernale e gli effetti collaterali delle misure per ilcontenimento del coronavirus hanno rappresentato grosse s de. Tanto più ci rallegriamo di poter dare nuovamenteil benvenuto a ospiti e residenti sulle nostre vette”, spiega Markus Moser, presidente della direzione delle società Corvatsch AG e Diavolezza Lagalb AG.

Nella sua seduta del 1° luglio, il Consiglio federale ha deciso d’introdurre da questa settimana l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici e quindi anche a bordo degli impianti di risalita. Sulle cabinovie delle società Corvatsch AG e Diavolezza Lagalb AG possono salire a bordo solo gli ospiti che indossano una mascherina. La disposizione vale per gli utenti a partire dai 12 anni. Presso le biglietterie degli impianti di Corvatsch, Furtschellas e Diavolezza le mascherine sono in vendita al prezzo di CHF 1/unità.

Piano di protezione

Le società Corvatsch AG e Diavolezza Lagalb AG hanno attuato il piano di protezione in conformità alle raccomandazioni dell’Associazione Funivie svizzere. Le cabine di grandi dimensioni vengono regolarmente sottoposte a disinfezi-one attraverso una nebulizzazione altamente efficace a base di acqua ossigenata. “Allo stesso tempo facciamo altresìappello alla responsabilità personale e alla solidarietà dei nostri ospiti“, sottolinea Markus Moser.

Clean & Safe

Le società Corvatsch AG e Diavolezza Lagalb AG danno molta importanza alla protezione di ospiti, residenti e collabo- ratori. A tale scopo hanno sviluppato tre piani di protezione (esercizio funivie e clienti, gastronomia nonché collabora- tori e aziende terze) ottenendo così il marchio «Clean & Safe» per i settori «Impianti di risalita, gastronomia e alloggi» da parte di Svizzera Turismo. Inoltre, si applicano scrupolosamente le misure descritte nei piani di protezione per tuttii settori destinati ai vari servizi.

I comprensori di Corvatsch, Diavolezza e Lagalb

Nel giugno 2017 le tre vette di Corvatsch, Diavolezza e Lagalb si sono unite formando la regionedello «scenario alpino da favola» dell’Alta Engadina. Le tre aziende di impianti di risalita si trovano nell’Alta Engadina e si sviluppano attorno al famoso massiccio del Bernina, che culmina nella vetta del Piz Bernina a 4049 m, l’unica vetta che supera i 4000 m nelle Alpi Orientali. Sul versante occidentale del Piz Bernina troneggia l’imponente Corvatsch, mentre sul versante orientale riposano la dolce Diavolezza e la sportiva Lagalb. Le località di Sils, Silvaplana, St. Moritz e Pontresina, con il passo del Bernina, fanno parte di questo scenario alpino da favola. I turisti beneficiano di impianti di risalita in servizio per 365 giorni all’anno - setti mesi in versione sciistica, cinque mesi in versione estiva – e godono di una vista mozzafiato sul Piz Bernina dalle prospettive più diverse.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136