Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nuova telecabina e nuova pista Dosson-Selletta in Paganella: anche Miller all’inaugurazione

sabato, 1 febbraio 2020

Paganella – È stata inaugurata in Paganella la nuova telecabina Dosson – Selletta. La stazione di valle del nuovo impianto è raggiungibile con la telecabina Andalo – Doss Pelà scendendo alla stazione intermedia. All’inaugurazione hanno partecipato il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento Mario Tonina e l’assessore al turismo Roberto Failoni, assieme ai vertici della società impiantistica e ai sindaci dei comuni coinvolti: Gabriele Tonidandel, di Fai della Paganella, che è anche presidente della Comunità della Paganella, Alberto Perli, di Andalo e Renato Tasin di Terre d’Adige. Con loro anche il campione di sci statunitense Bode Miller.

inauL’impianto migliora il collegamento delle piste del versante di Andalo e di quello di Fai della Paganella. All’arrivo in località Selletta si gode di una meravigliosa vista sul gruppo del Brenta, sulla Val di Non e sulle montagne che incorniciano la Val d’Adige. L’intervento ha interessato anche la nuova pista di sci “Jana Granda”.

Mario Tonina ha sottolineato che l’Altopiano della Paganella, inserito nel patrimonio delle Dolomiti Unesco, sta lavorando molto bene da molti anni a questa parte. “Questa inaugurazione – ha detto – dimostra che viene garantito un ulteriore investimento di qualità sugli impianti, sulle piste e sul territorio. Anche nei recenti Stati Generali della Montagna è emersa, su tutte, la parola chiave “qualità” e devo dire che la Paganella da anni la sta interpretando. Con la nostra presenza siamo orgogliosi di riconoscere a questo territorio il frutto del suo lavoro degli ultimi 10 anni”.

Nel corso dell’inaugurazione è stato detto che la stagione sta conoscendo una crescita del 25% rispetto allo scorso anno. “Un risultato straordinario, che non s’improvvisa”, ha detto ancora Tonina. Da parte della Giunta provinciale, ha spiegato il vicepresidente, si confermano la volontà e l’impegno di condividere queste iniziative, per garantire il legame decisivo fra ambiente e territorio. “La Paganella – ha proseguito Tonina – ha saputo mettere in campo una strategia di rete fra Comunità di valle e Comuni, che interpreta nel modo giusto la sinergia del territorio. Non dimentichiamo che ambiente è sinonimo di sviluppo”, ha concluso, ricordando anche che il tema del prossimo Festival dell’Economia sarà proprio Ambiente e Crescita.

“L’impianto inaugurato oggi – ha evidenziato l’assessore Failoni – rappresenta una grande dimostrazione di come si possano coniugare il turismo con il rispetto e la valorizzazione dell’ambiente. Grazie ai progressi della tecnologia è stata realizzata una nuova infrastruttura che arricchisce la già importante offerta del comprensorio, migliorando il servizio a vantaggio degli utenti, ed è stata progettata con grande attenzione all’impatto ambientale. Siamo in una realtà che ha saputo dimostrare quali grandi risultati si possano ottenere a vantaggio dell’intero ambito turistico, quando comuni, imprenditori e comunità lavorano assieme condividendo una visione di sviluppo”.

I due assessori hanno poi ringraziato Eduino Gabrielli, presidente del Gruppo Paganella 2001, regista di questa operazione che, hanno detto, “con passione e professionalità ha saputo fare gioco di squadra. E quando c’è gioco di squadra, ci sono anche i risultati”.

Alcuni dati:

Telecabine da dieci posti

Lunghezza impianto: 1,6 km, con un dislivello di 540 metri

Quota della stazione a valle sul livello del mare m 1448.00

Quota della stazione a monte sul livello del mare m 1978.50

Velocità a regime m/s 6.0

Portata oraria P/h 2400

La pista Jana Granda:

è classificata rossa

è lunga 2 km, larga 45 metri e ha un dislivello di 540 metri

Oltre alla pista è stato realizzato anche un raccordo di 400 metri. Il nuovo tracciato costituisce un’alternativa alla pista nera “Olimpionica 2” per raggiungere la località Dosson.

Investimento complessivo per impianto e piste: circa 16 milioni di Euro



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136