QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

La gioia di Nadia Fanchini: “Orgogliosa di avere battuto la supercampionessa Lindsey Vonn”

sabato, 20 febbraio 2016

La Thuile – Le dichiarazioni delle azzurre dopo la storica discesa femminile di La Thuile che ha regalato all’Italia il miglior piazzamento nella storia della Coppa del mondo di specialità. Nadia Fanchini: “Non ho parole, è stato troppo bello. Venerdì mi sembrava di avere raggiunto il massimo, oggi sapevo che potevo fare una buona gara e pensavo a entrare nelle cinque-sei, invece ho fatto una cosa straordinaria, non pensavo di andare così bene.nadia fanchini

Le avversarie avevano una grande voglia di rivalsa e avevano potuto studiare le giuste linee, invece siamo andate meglio noi italiane. Ho dato il cuore, in partenza avevo un po’ paura per il vento, ma alla fine tutto è filato liscio. Battere una supercampionessa come Lindsey Vonn (foto sotto) mi ha dato una grande soddisfazione, avevo quasi vergogna ad essermi piazzata davanti a lei che è la più forte di tutti i tempi, domenica c’è un supergigante dove la festa può continuare. Voglio fare i complimenti a Daniela Merighetti, è stata capace di vivere un’altra grande giornata dopo i tanti guai fisici che ha vissuto in questo ultimo periodo“.lindsey vonn

Chiamata in causa, l’altra bresciana non si tira indietro: “Ci tenevo a fare bene almeno in una gara prima di ritirarmi a fine stagione – ha dichiarato Daniela Merighetti -, anche a Garmisch due settimane fa stavo facendo molto bene, poi un errore mi è costato una posizione molto a ridosso del podio. Però sono una leonessa, non ho mai mollato anche se i tanti infortuni mi avrebbero potuto abbattere. Oggi ho pensato solamente ad attaccare senza mai mollare, pazienza se avessi sbagliato… invece è andata bene, è il modo migliore per rifarmi delle mie sofferenze passate. Chiudere così la mia carriera è il modo perfetto, mi rende felice e orgogliosa di quello che ho fatto. Forse, il quarto posti di Sochi è quello che mi rode di più, perché avrei potuto arricchire il mio palmares con una medaglia importante. Mi mancherà soprattutto l’adrenalina della gara, ma ora so che è il momento giusto per mettere la parola fine alla mia carriera. Voglio comunque fare bene fino alla fine della stagione“.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136