Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Intitolata a Renato Barborini la sede del Distaccamento della Polizia Stradale di Predazzo

martedì, 6 ottobre 2020

Predazzo – La sede del Distaccamento della Polizia Stradale di Predazzo è stata intitolata alla memoria dell’appuntato del Corpo delle Guardie di Pubblica sicurezza Renato Barborini, Medaglia d’Oro al Valor Civile. Questa mattina – assieme al Commissario del Governo Sandro Lombardi, al Questore di Trento Claudio Cracovia, al Direttore del Servizio della Polizia Stradale Paolo Maria Pomponio, al Dirigente del Compartimento della Polizia Stradale Giancarlo Sant’Elia e al sindaco di Predazzo Maria Bosin – ha partecipato alla cerimonia di intitolazione, in rappresentanza della Provincia autonoma di Trento, l’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli.

intSolenne, ma anche molto partecipata, la cerimonia ha offerto l’opportunità di ricordare la figura di Barborini, nato a San Michele all’Adige nel 1950 e, a soli 27 anni, morto assieme ad un collega il 6 febbraio 1977, in un conflitto a fuoco, mentre era in servizio di polizia stradale.

Nella motivazione del provvedimento con cui il Capo della Polizia, Prefetto Franco Gabrielli, ha disposto l’intitolazione della struttura si evidenzia il “Luminoso esempio di assoluta dedizione al dovere spinta sino all’estremo sacrificio”.

Della volontà di rendere tangibile la memoria di Renato Barborini e del suo collega Luigi D’Andrea, anch’egli morto nel tragico conflitto a fuoco avvenuto a Dalmine, in provincia di Bergamo, il 6 febbraio 1977, ha parlato il Questore Cracovia. Il dottor Pomponio ha sottolineato il significato dell’indossare una divisa servendo la comunità e le istituzioni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136