Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Indagine Uecoop, aziende pessimiste: mascherine fino a estate 2021 per una su quattro

lunedì, 3 agosto 2020

Brescia – Gli italiani saranno obbligati a portare le mascherine anti contagio coronavirus per tutto il 2020 secondo il 65% delle imprese. E’ quanto emerge da un monitoraggio dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su imprese e cooperative da nord a sud dell’Italia in riferimento alla proroga dell’obbligo di mascherine in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico e con la conferma dei limiti di capienza dei treni con gli obblighi di distanziamento fra i passeggeri. Fra gli italiani – continua Uecoop – la mascherina è ormai un oggetto di uso quotidiano da portarsi sempre dietro come le chiavi di casa. E se la maggioranza delle imprese pensa che per la fine dell’anno ci potrà essere un allentamento sull’uso dei dispositivi di protezione, più 1 impresa su 4 (26%) è super pessimista e pensa che per togliere le mascherine bisognerà attendere fino all’estate dell’anno prossimo nel 2021 secondo l’indagine di Uecoop. “L’uso dei dispositivi di protezione – sottolinea Uecoop – è necessaria sia per la tutela dei dipendenti che per quella delle persone con le quali vengono a contatto. Entro la fine dell’anno la spesa di aziende e famiglie per le mascherine potrebbe superare i due miliardi di euro”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136