Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


In Trentino secondo giorno consecutivo senza morti per Covid-19

lunedì, 18 maggio 2020

Trento – Per il secondo giorno consecutivo in Trentino non si sono registrati decessi. E’ questo il dato più significativo illustrato oggi dal presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti e dall’assessore provinciale alla Salute, Stefania Segnana durante il consueto incontro della task force dell’emergenza coronavirus. I nuovi contagi sono 12, di cui uno riferito all’ultima settimana come da classificazione dell’Istituto superiore di sanità, otto le persone in Terapia Intensiva, di cui cinque all’ospedale di Rovereto e tre al Santa Chiara di Trento, e 42 le persone ricoverate. Nelle ultime 24 ore  si contano 104 guariti, in totale da inizio pandemia sono 3613.

Trento Segnana - Fugatti - PedrottiIl presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, ha spiegato la nuova ordinanza che ha firmato nella giornata odierna, consente di spostarsi liberamente in provincia di Trento e anche in quella di Bolzano, oltre agli sconfinamenti nelle province di Verona, Belluno e Vicenza (con però autocertificazione). Nell’ordinanza sono stati inseriti alcuni aspetti di spostamenti individuali.

“Stiamo definendo con il Ministero alla Sanità – ha spiegato il presidente Maurizio Fugatti – le modalità di rilevamento dei contagi e abbiamo dubbi, visto che non vengono tenuti in considerazione i tamponi effettuati, perché chi ne fa di più avrà un numero maggiore”. Il Governatore ha evidenziato la ricerca di contagiati in Trentino e il criterio che è stato posto al ministro Speranza.  “Auspichiamo che il ministero – ha aggiunto Fugatti – premi che è virtuoso nella ricerca delle persone contagiate”.

L’assessore provinciale Stefania Segnana ha sottolineato l’impegno della Provincia per riaprire prossimamente gli asili nido e scuole materne e i centri ricreativi estivi per venire incontro anche alle famiglie. Nella giornata odierna si è svolto un incontro tra il presidente Fugatti e gli assessori Stefania Segnana e Mirko Bisesti per valutare le linee guida della ripartenza nel mondo della scuola. La data di avvio dei centri estivi la ripartenza potrebbe essere il 15 giugno, un anticipo sarà valutato in base alla situazione epidemiologica. Sulla banca del plasma l’assessore Segnana ha riconfermato l’impegno della Provincia sulla sperimentazione.

Valter ContInoltre è intervenuto Valter Cont, presidente dell’impresa “LeCont”, specializzata in lavorazione di pneumatici che si è riconvertita nella produzione di mascherine, in diverse tipologie, anche per i bambini. Valter Cont ha ricostruito la riconversione dell’azienda nelle ultime settimane, con un’attività specifica nella produzione di mascherine (vedi sotto).

“Vista la carenza di mascherine – ha detto Valter Cont – ci siamo chiesti cosa potevamo fare e abbiamo pensato a trasformare una linea di produzione destinandola alle mascherine”. L’azienda LeCont non ha partecipato a un bando nazionale per soddisfare le esigenze del Trentino.

Infine il presidente Fugatti ha ribadito la necessità di rispettare le regole, quindi distanziati e con mascherine indossate appena si esce dalla propria casa.

di A. Pa.

70mila mascherine al giorno

Mascherine 1

LeCont è un’impresa familiare di Rovereto con 30 dipendenti che è stata capace di diventare uno dei più importanti player nel mondo per la produzione di pneumatici racing. La chiusura dei mercati della gomma a causa della pandemia e l’improvvisa ed enorme necessità di dispositivi di protezione, hanno spinto i titolari dell’azienda, i fratelli Sergio e Valter Cont, ad avviare una nuova iniziativa imprenditoriale finalizzata, in primis, a soddisfare le esigenze della popolazione trentina con un prodotto sicuro e certificato.

Attraverso una propria azienda del gruppo, la Go Energy, è stata progettata e realizzata, in house e in poco più di un mese, una macchina in grado di produrre mascherine certificate attraverso un processo tipicamente industriale che prevede una filiera ininterrotta dal rullo di tessuto sino alla mascherina completa di elastici termosaldati, quindi senza nessun intervento manuale nelle fasi di confezionamento. Le mascherine escono, infatti, già imbustate, in confezioni termo sigillate da 1, 5 o 10 pezzi e successivamente vengono immesse in autoclave per un ulteriore processo di sterilizzazione. Ogni mascherina riporta il codice del lotto di tessuto di appartenenza per facilitarne la tracciabilità.

La componentistica meccanica e le materie prime utilizzate per la costruzione della macchina nonché per quella delle mascherine sono state reperite principalmente sul territorio trentino e in piccola parte nelle province limitrofe. La capacità produttiva della macchina è ad oggi di circa 30.000 pezzi al giorno che diventeranno 60.000/70.000 al giorno entro il mese di giugno.

Le mascherine hanno passato tutti i test di filtrazione, respirabilità, pulizia microbica e compatibilità sino ad ottenere il riconoscimento dell’Istituto Superiore di Sanità. Sono prodotte anche in formato baby per poter essere indossate dai bambini. Sanifina (Medicale Italiana) è il brand concepito e brevettato per identificare i prodotti del Gruppo, che nelle intenzioni e nei progetti dei fratelli Cont comprenderà anche una linea di sanificanti ed igienizzanti, copricapi, tute e guanti.

La produzione avverrà negli spazi della LeCont Tyres, circa 900 metri quadri per il momento, da poco lasciati liberi perchè trasferiti nel comparto Marangoni per costituire il nuovo Polo Tecnologico Industria della Gomma, promosso da Trentino Sviluppo; ed è proprio in questa cornice produttiva e di ricerca che si è sviluppato il nuovo progetto medicale.

Va, infine, rilevato, che Go Energy ha rinunciato ad un contributo di 200 mila euro che Invitalia le aveva concesso come premio ad aziende che in breve tempo avessero progettato e realizzato tecnologie industriali per dispositivi utili nella lotta alla pandemia. Un premio che però prevedeva un vincolo sulle forniture al quale l’azienda ha preferito non sottostare per poter concentrare la distribuzione in primo luogo sul Trentino e per far fronte autonomamente agli impegni finanziari.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136