Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Il gruppo PATT in Comune a Trento: avviare campagna sugli asintomatici Covid-19

sabato, 2 maggio 2020

Trento – Il gruppo PATT in Consiglio comunale ha presentato un’interrogazione sugli asintomatici contagiosi Covid-19. I consiglieri comunali Alberto Pattini, Tiziano Uez e Roberto Stanchina chiedono di  avviare una campagna di analisi a tappeto, con tamponi e testi sierologici (nella foto Alberto Pattini).

Alberto Pattini - PattIndividuare gli asintomatici contagiosi Covid-19

Dopo l’intervento di Marco Ioppi, presidente dell’ordine dei medici del Trentino che scrive al presidente della Provincia Maurizio Fugatti (“Molte morti erano evitabili”, “Purtroppo abbiamo commesso gli stessi errori della Lombardia”), la proposta è di avviare una campagna di analisi a tappeto con tamponi e test sierologici: “Il piano di emergenza provinciale va rivisto radicalmente, altrimenti rischiamo una fase 2 caratterizzata da nuovi focolai”.

Già il 16 aprile il Consiglio comunale di Trento ha deliberato su proposta del gruppo consiliare del Patt Pattini, Uez e Stanchina con 23 voti favorevoli di cambiare strategia con diffusione di tamponi e test sierologici per individuare i numerosi asintomatici (portatori sani) ed isolarli.

La ricerca degli asintomatici é sempre stata attuata in qualsiasi epidemia virale o batterica ed ora inspiegabilmente e gravemente é stata trascurata.

Il Presidente Fugatti dovrebbe conoscere la ricerca di Vò Euganeo in provincia di Padova nella quale il suo collega Luca Zaia ha finanziato e fatto effettuare dal virologo prof. Andrea Crisanti dell’Università di Padova a fine febbraio il tampone a tutti i 3000 abitanti.

Vi erano 3 evidenze sorprendenti che forse dovevano far riflettere i vertici politici e tecnici della PAT:

1) tra il 50-75% dei soggetti infettati, positivi al tampone, era asintomatico.
2) isolando tutti i soggetti infettati il numero di malati è sceso da 88 a 7 in una settimana.
3) l’isolamento degli infettati (sintomatici e asintomatici) non solo ha diminuito i contagi ma sembra essere stato in grado di proteggere anche da un’evoluzione grave della malattia.
Infatti il 60% dei soggetti isolati dagli infettati ha avuto un decorso più rapido della malattia (guarivano in 8 giorni).

Tutto ciò premesso, i sottoscritti consiglieri comunali interrogano il sindaco per sapere:
– se ha intenzione di sollecitare nuovamente i vertici della Provincia affinché prendano in considerazione quanto deliberato dal consiglio comunale di Trento in data 16 aprile 2020“. I consiglieri comunali del gruppo PATT Alberto Pattini, Tiziano Uez e Roberto Stanchina.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136