Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Garda Trentino sollecita un’azione sulla riapertura delle frontiere

venerdì, 15 maggio 2020

Riva del Garda – Ha avuto un riscontro ed un successo di partecipazione significativi la conference call con Herbert Dorfmann, europarlamentare della Südtiroler Volkspartei, organizzata da Garda Trentino S.p.A. per affrontare il delicato problema della riapertura delle frontiere dopo il lockdown dovuto all’epidemia Covid-19.

lago garda trentino turismo vitesseAlla conferenza, moderata dal Presidente di Garda Trentino S.p.A. Marco Benedetti e dal Direttore Oskar Schwazer, hanno preso parte i rappresentanti delle categorie imprenditoriali del settore turismo, l’Assessore Provinciale Roberto Failoni e Trentino Marketing, oltre ai Presidenti e ai Direttori delle Aziende di Promozione Turistica del Trentino.

L’Onorevole Dorfmann ha riepilogato le raccomandazioni e le prescrizioni dell’Unione Europea sul tema delle frontiere con particolare riferimento all’adozione di provvedimenti omogenei per tutti i paesi dell’area Schengen in cui la situazione sanitaria non presenti livelli di criticità particolari. Il dibattito si è sviluppato soprattutto intorno alle misure che il governo tedesco avrebbe intenzione di adottare dal 15 giugno per una riapertura differenziata che potrebbe risultare molto penalizzante per l’Italia e in particolare per il Trentino.

D’accordo con l’eurodeputato, abbiamo immediatamente intrapreso un’azione condivisa per sensibilizzare le associazioni di categoria nazionali e portare il tema all’attenzione urgente del nostro Ministro degli Esteri per un intervento immediato atto a prevenire decisioni di grave impatto su una situazione già incerta e preoccupante di suo rispetto agli esiti della stagione turistica”, ha spiegato Benedetti.

Chiamare allo scoperto la politica nazionale è un passo necessario – ha concluso Benedetti – anche se non mancheremo di reiterare l’istanza attraverso un’azione coordinata con le altre regioni dell’Euregio, così come ci ha raccomandato lo stesso Onorevole Dorfmann”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136