QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Festival della Famiglia: presentate innovative soluzioni e la conciliazione tra vita e lavoro

martedì, 1 dicembre 2015

Trento – Nella sala Wolf del palazzo della Provincia si è svolto un incontro prefestival della Famiglia. L’Agenzia per la famiglia ha presentato oggi il meeting che ha offerto un ventaglio di innovative soluzioni per aiutare le famiglie nella conciliazione vita-lavoro, tra cui il Family Advisor: un sito web a servizio delle famiglie con l’obiettivo di essere strumento utile a risolvere i problemi di organizzazione domestica nel quotidiano e a gestire un servizio di consegna a domicilio a km 0. Altre organizzazioni hanno presentato i propri progetti – ad esempio Family pass, Tata app, Familink, Family cafè, Il Trentino dei bambini – finalizzati ad aiutare le famiglie nelle incombenze che si intersecano nella vita lavorativa e familiare e a offrire lorofamiglia Riva 10 nuovi servizi. Le testimonianze hanno dimostrato quali sono i vantaggi tangibili che le nuove tecnologie possono offrire a supporto della vita delle famiglie.

 L’INTERVENTO DI MALFER

“L’incrocio di competenze può creare opportunità di ideazione di servizi per le famiglie per rispondere ai nuovi bisogni nati sul territorio – ha dichiarato in apertura Luciano Malfer dirigente dell’Agenzia per la famiglia. Oggi ascolteremo la voce di alcuni imprenditori che hanno aperto uno scenario inedito con soluzioni innovative per rispondere alle esigenze delle famiglie”.
Stefania Carnevali ha aperto la sessione presentando il Family Advisor: “E’ un portale, online da un mese, nato da una esigenza vissuta in primis su me stessa come madre e lavoratrice. E’ uno strumento diretto ad aiutare le famiglie nella gestione del manage quotidiano: es. servizi legati alla gestione dei figli, approvvigionamento quotidiano, organizzazioni feste; gestione dell’auto, degli animali domestici, degli anziani e della manutenzione della casa. Alcuni di questi esistevano sul web ma questo strumento li accorpa e li rende fruibili più velocemente. Le famiglie oggi sono cambiate nella loro composizione rispetto a 20 anni fa: sono allargate, divise, composte da single, ecc. e inoltre – per mancanza di tempo e per risparmiare – hanno abbracciato l’e-commerce e dimostrano di acquistare sempre più beni online che non sono solo rappresentati da beni commerciali, ma sempre più da servizi. Family advisor seleziona i servizi più fruibili ed attendibili sul territorio e si fa garante della professionalità dei fornitori. Infine, il portale è semplice ed accessibile: con 3 clic la famiglia ha già prenotato il servizio. L’accesso dei fornitori al portale è gratuito e scommettiamo sul successo di questo progetto! Prossimi steps saranno mutuare il progetto anche all’interno delle aziende che potranno introdurlo e proporlo tra i loro dipendenti, nei condomini e nelle comunità di co-housing. 230 sono già i soggetti loggati, di cui il 90% donne.

IL TRENTINO DEI BAMBINI

Silvia Conotter, imprenditrice, ha ideato “Il Trentino dei bambini”, un portale con un’agenda giornaliera che accorpa tutte le attività proposte sul territorio per le famiglie e bambini, un’area con sessioni fisse geolocalizzate e un blog con picchi di 3.000-4.000 utenti al giorno nelle stagioni turistiche più calde (facebook ha 21.000 mi piace). Quasi tutte le attività sono state verificate di persona e il portale ha fidelizzato ormai centinaia di famiglie ed è un catalizzatore di turisti, che vengono in Trentino anche solo per seguire un evento di un giorno. Il sito è stato spin off di una omonima trasmissione televisiva su RTTR e, infine, è andato alle stampe quest’estate un volume molto fruibile che raccoglie tutte le attività per le famiglie e bambini in provincia (2.500 copie vendute). La Fiera del Trentino dei bambini è stato il passo naturale dopo questo grande successo (la penultima edizione ha registrato 5.000 visitatori paganti e l’ultima 7.000). La fiera ha raccolto decine di laboratori creativi ed interattivi che saranno replicati al Festival della famiglia il 4 e 5 dicembre a Riva del Garda e saranno ideati e proposti da cooperative ed associazioni locali.”
Valentina Piffer di Euregio ha presentato Family pass che è un servizio alla famiglia nato dall’esperienza tirolese e ora esteso anche al Trentino Alto Adige: “Il Family pass Tirolo esiste da anni e consiste in un libretto contenente un variegato parterre di scontistica per famiglie e rimane valido fino alla maggiore età del figlio. Ora è sorto un gruppo di lavoro di esperti tirolesi, bolzanini e trentini con l’Agenzia per la famiglia e Trentino Marketing per avviare la Euregio Family pass anche nella nostra regione che sarà concretizzata nel corso del 2016. Uno degli aspetti più importanti è la mobilità interregionale visto che i titolari della card potranno beneficiare dei servizi offerti nelle tre macro regioni. Avendo già l’Agenzia per la famiglia 600 organizzazioni family, il percorso sarà certamente molto agevole e veloce.
Beatrice Andalò della Cooperativa Ami.ca ha illustrato il Family cafè, che è un progetto ancora in fieri e che sarà concretizzato nel 2016. A Milano e a Brescia vi sono due similari esperienze già attive, ha esordito: ”offrono menù specifici per bambini, hanno un arredo pensato ad hoc per loro (stoviglie, bicchieri, seggioloni, area gioco, libreria bimbi, internet point, toilette con cambio pannolini e spazio per l’allattamento) e sono arricchiti da spazi multifunzionali che possono accogliere laboratori creativi e attività di svago. A fianco di queste peculiarità, abbiamo pensato ad altri aspetti da inserire: diversificazione del menu, introduzione del colore per affrescare gli ambienti e gli elementi di arredo, servizi sostenibili sia nel rispetto dell’ambiente (materiali riciclati, ecc.) che della persona. Infine, ci piacerebbe che il Family cafè possa trasformarsi nella sua modalità di uso e rispondere ad altre funzioni richieste dalla comunità, a seconda delle esigenze. Il cafè sarà al servizio della collettività e potrà accogliere le iniziative da essa proposte: uno spazio aperto sul territorio. Con l’Agenzia per la famiglia introdurremo alcuni pittogrammi per una fruizione semplice ed intuitiva per grandi e piccini. Il Family cafè nascerà all’interno di un Distretto famiglia e l’idea è di creare un prototipo da diffondere in altri territori”.

LA TESTIMONIANZA  DI TATA APP

La cooperativa Progetto92 ha portato infine la testimonianza di Tata app che è un servizio di baby sitting a domicilio per bambini e ragazzi da 3 mesi fino a 17 anni. L’obiettivo è aiutare le famiglie nella conciliazione vita-lavoro ed è iniziato nel novembre 2013. La cooperativa fa da garante nella selezione delle baby sitter (età, professionalità, conoscenza delle lingue straniere, studentessa, automunita, ecc.) e offre loro un tirocinio formativo professionalizzante. La creazione di questo servizio è nata dal basso e per rispondere alle esigenze di famiglie con madri e padri lavoratori. La cooperativa manda gli educatori nelle famiglie per comprendere i loro reali bisogni (es. supporto allo studio, attività pomeridiane di sport o hobby, lavori domestici, ecc.). Il servizio è relazionale e fiduciario e la modalità di contatto è telefonica, ad oggi, mentre in futuro la prossima frontiera sarà l’utilizzo di una app a cura di FBK. La maggior parte sono donne, ma c’è qualche aspirante “tato” che sta emergendo nel settore. Finora abbiamo registrato 40 contratti, 16 progetti di buoni di servizio, 3.600 ore erogate di servizio, n. 100 ore di formazione in 2 annualità. Siamo presenti in Val d’Adige, Valsugana, Giudicarie e Fiemme in partnership con la cooperativa Progetto 92 e cooperativa Ancora. Infine, Tata app sarà presente anche presso eventi, come i mercatini di Natale, all’interno delle aziende e Tat point sul territorio (www.tata-app.it)”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136