Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Elezioni Comunali, Agire per il Trentino presenta il candidato sindaco Marcello Carli: “Ecco le nostre proposte per Trento”

giovedì, 25 giugno 2020

Trento – Conferenza di presentazione di Marcello Carli, candidato sindaco di Agire per Trento: presenti anche Claudio Cia, il vice segretario Sandro Bordignon ed il coordinatore del capoluogo Mauro Corazza.

marcello carliNelle scorse settimane, a seguito della decisione di allontanamento di AGIRE per il Trentino dalla coalizione di centrodestra assunta da Alessandro Baracetti, i rappresentanti del coordinamento cittadino del movimento hanno deciso di avviare una serie di incontri conoscitivi con il dottor Marcello Carli, con la partecipazione estesa a tutto il coordinamento cittadino, unica via per permettere di raccogliere le proposte e le impressioni di tutti i suoi componenti.

Questa serie di incontri hanno fin da subito segnato una profonda differenza rispetto a quanto avvenuto in esperienze precedenti, con confronti avvenuti a nomina – e conferenza stampa di presentazione – già avvenuta. I riscontri positivi, gli intenti comuni volti al presente e futuro della nostra città, nonché l’interesse che sta emergendo da parte della cittadinanza nei confronti di questo progetto, hanno rappresentato punti importanti nella formazione della volontà del coordinamento cittadino.

La determinazione, la capacità di coinvolgimento, il carisma, il rispetto e l’educazione nei modi e nei termini messe in luce dalla persona Marcello Carli, hanno contribuito a ottenere una valutazione positiva verso il sostegno a questo progetto anche da parte del Coordinamento provinciale. E’ nostra ferma convinzione che attorno a questa figura si potrà costruire un programma serio e credibile per la città di Trento.

A tale scopo AGIRE per il Trentino ha portato immediatamente all’attenzione di Marcello Carli una visione di città, e nello specifico di una parte importante di essa, che è frutto di un lavoro discusso e ragionato nei propri tavoli di lavoro. Nel corso dell’ultimo anno, sia attraverso la partecipazione attiva agli incontri sul tema della riqualificazione dell’area ex Italcementi sia con il nostro tour delle circoscrizioni #InterAGIRE, abbiamo iniziato un progetto il cui risultato, idealmente considerato con prospettiva 2040, porta a ridisegnare una parte di città con un insieme di funzioni che sono in gran parte note a tutti. Le nostre idee non mettono in discussione il già approvato Piano Destra Adige, sebbene si ritenga che alcuni ripensamenti dovrebbero esserci, in particolare rispetto all’ipotesi di partenza dell’impianto funiviario, nonché alla possibile valutazione relativa alla realizzazione di parco urbano destinato al fitness outdoor e non solo, rendendo così l’area più partecipata e presidiata.

Si prende atto della scelta già confermata di un ampliamento del parcheggio ex Sit per il quale riteniamo però necessario rivedere l’ingresso (accesso unico da parcheggio San Lorenzo) e l’uscita (solo da via Canestrini) con lo scopo di regolamentare il traffico. L’area bus di lung’Adige Montegrappa non è degna di una città accogliente e turistica come dovrebbe essere Trento: per questo riteniamo si possa lavorare anche su piazzale San Severino, rendendolo idoneo a questo uso e centrale rispetto all’accesso alla città, al Muse e alla stessa area ex Italcementi. In questo contesto si considera importante la presenza di una nuova sede dell’APT. Lo spostamento dello stadio Briamasco, atteso da anni, lascerebbe quindi spazio all’impianto funiviario andando a creare un collegamento importantissimo tra il Muse e il Monte Bondone (orto botanico e non solo) contribuendo così anche al sostentamento economico delle realtà coinvolte. Infine, proviamo a immaginare tutto questo con l’interramento della ferrovia. La città di Trento deve riprendere a puntare in alto, ad essere ambiziosa, a porsi degli obiettivi che passo dopo passo possono essere realizzati ed essere motivo di orgoglio per tutti e in particolar modo per le nuove generazioni che ne potranno beneficiare“, il messaggio lanciato dal movimento.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136