Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Cresce il ‘movimento anti-mascherine’, Salvini: “Saluto col gomito è fine della specie umana”

lunedì, 27 luglio 2020

Brescia – Fin dall’inizio della pandemia, c’è stato un gruppo – qualche mese fa ristretto, ora via via più nutrito, additato come negazionista dalla linea filo-governativa – e che si è schierato apertamente contro lockdown e restrizioni ancora in atto, non si sa ancora fino a quando, in Italia. Tra gli elementi divisivi da mesi c’è la questione-mascherine, con numerosi esperti e scienziati che si sono apertamente schierati contro la reale efficacia e utilità dei dispositivi, evidenziandone gli effetti controproducenti all’apparato respiratorio.

“SERVE RITORNO ALLA VERA NORMALITA’”
Con la situazione in miglioramento in Italia e una crisi devastante socio-economica provocata dal lockdown e altre regole non sostenibili per numerose attività, le voci che spingono per un ritorno alla vera normalità sono sempre di più anche se le istituzioni non sembrano voler capire: il dibattito sulla proroga di stato di emergenza, smartworking e il continuo terrorismo per evitare gli ‘assembramenti’ non aiutano un Paese immobile e messo in ginocchio dalla gestione dell’emergenza.

A Roma è stato organizzato il convegno «Covid-19 in Italia, tra informazione, scienza e diritti», nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva. Il convegno è stato messo a punto dall’Osservatorio permanente sulle libertà fondamentali, tra i promotori l’esponente del Carroccio Armando Siri e il critico d’arte e senatore Vittorio Sgarbi che fin dalle prime settimane di emergenza si è schierato apertamente contro le decisioni adottate dalle istituzioni.

Oltre a un chiaro richiamo al senso di libertà, l’incontro ha visto la partecipazione di Matteo Salvini, che non ha nascosto il proprio punto di vista – in continuità con quanto accade da giorni, col leader della Lega a stretto contatto con cittadini nei vari appuntamenti elettorali in tutta Italia – e non ha indossato la mascherina nonostante l’invito a metterla da parte del funzionario del Senato in aula: “C’è la sensazione di essere in un ritrovo di carbonari, di negazionisti. Ma la libertà di pensiero è il primo bene a rischio qui in Italia: io però se uno mi allunga la mano per salutarmi, mi autodenuncio e la mano gliela do comunque. Basta coi bollettini del contagio: sono terrorismo mediatico. Il saluto con il gomito è la fine della specie umana, io mi sono rifiutato, piuttosto non saluto. Se uno mi si avvicina e mi porge la mano io commetto reato e gli stringo la mano, lo confesso. Ho visto una signora entrare in acqua, al mare, con la mascherina, allora vuol dire che c’è da fare lavoro di recupero importante, un lavoro culturale“.

Gli appelli a riaprire le scuole, un richiamo al senso di libertà costituzionali ancora messe in un cassetto e a un ritorno quantoprima alla normalità sono stati dati trasversalmente anche dai giuristi e costituzionalisti Sabino Cassese e Michele Ainis, il primario Alberto Zangrillo, il tenore Andrea Bocelli e il filosofo Bernard-Henri Levy che in un videomessaggio non ha usato mezzi termini: “Stiamo uscendo da questa crisi sanitaria con un’epidemia di stupidità, di autoritarismo, di odio della libertà. È abbastanza inquietante e incredibile come un po’ ovunque ci siamo piegati alle restrizioni. Va bene le misure per il contenimento, ma non si possono alzare delle barriere tra le persone. La facilità con la quale sono state prese certe decisioni hanno comportato una riduzione delle libertà“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136