Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Covid-19, in Trentino continua l’approvvigionamento di strumentazioni e dpi

mercoledì, 28 ottobre 2020

Trento – In Trentino nei mesi scorsi Apss si è attivata per acquisire e stoccare a magazzino i dispositivi di protezione individuale, quali mascherine chirurgiche, facciali filtranti, tute di protezione e camici, oltre a strumentazione diagnostica necessaria per affrontare una ulteriore fase invernale dell’emergenza sanitaria.

In questi giorni sono state aggiudicate alcune gare tra le quali vi è la procedura negoziata per la fornitura di guanti in nitrile e in vinile che consentiranno di rispondere alle esigenze sia dell’Apss sia delle Apsp della provincia in questi mesi di nuova emergenza.

L’approvvigionamento di guanti sul mercato mondiale permane ancora molto difficile e per tale ragione Apss ha predisposto nei mesi scorsi protocolli per le proprie strutture e per le case di riposo per garantire un utilizzo appropriato ed evitare gli sprechi. Ciononostante, servono 5 milioni di guanti in più al mese rispetto alle esigenze dell’attività ordinaria. La ditta vincitrice della procedura negoziata si è aggiudicata la gara con un prezzo di 9 centesimi per i lotti di guanti in nitrile e vinile (rispettivamente per 24 milioni di guanti in nitrile all’anno e 18 milioni di guanti in vinile all’anno) e 10 centesimi per i 12 milioni di guanti lunghi in nitrile per un totale di 6 milioni di euro all’anno comprensivi di iva.

Anche sul fronte della tracciabilità del virus mediante tamponi molecolari di laboratorio e rapidi continua lo sforzo organizzativo ed economico per garantire i migliori prodotti disponibili sul mercato: è stata aggiudicata la procedura aperta che consentirà entro poche settimane di avere una nuova e innovativa attrezzatura da laboratorio che permetterà di processare in maniera automatizzata un potenziale aggiuntivo di 700 tamponi giornalieri in Apss e sono stati ordinati nuovi test molecolari rapidi che rafforzeranno le attività sul territorio e nelle Rsa, oltre che nei pronto soccorso di tutti gli ospedali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136