Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Comunali a Trento: liste e programma del candidato sindaco Marcello Carli

sabato, 11 luglio 2020

Trento – Le Comunali si avvicinano e a Trento – uno dei test più importanti a livello nazionale – e la campagna elettorale sta entrando nel vivo. ”In queste ore – spiega il candidato sindaco Marcello Carli (nella foto), sostenuto da tre forze politiche Rinascimento Trento, Dc e Agire per il Trentinostiamo chiudendo le liste e siamo pronti per l’appuntamento elettorale. In questi giorni ho avvertito un interesse crescente da parte dei trentini e una richiesta ben precisa: rimettere in moto la città che negli ultimi due decenni è rimasta paralizzata“.

Marcello Carli - TrentoAvete un obiettivo?  “Con i partiti che sostengono la mia candidatura a sindaco di Trento abbiamo uno scopo ben preciso: rimettere al centro la Polis, coinvolgere i cittadini nelle scelte e far ripartire la città che è bloccata da almeno vent’anni“.

Può anticipare il programma elettorale? Trento ha necessità di una ricucitura urbanistica e di una progettazione lunga. In primo luogo deve essere una città inclusiva, aperta, accogliente moderna e smart nel senso vero del termine; quindi efficiente e rapida nei servizi pubblici erogati, pensata a favore di un’economia a misura d’uomo e con l’università integrata nel tessuto cittadino“.

Quali interventi ritiene prioritari?Sono tanti, però ritengo che in testa deve essere posta la riqulificazione delle aree degradate del capoluogo, in particolare la realizzazione del Not, di cui si parla da almeno 15 anni, la realizzazione delle cittadella dello sport, spostando a sud della città lo stadio e contemporaneamente costruire un centro sportivo, quindi la funivia Trento-Bondone, il recupero dell’area dell’ex ospedale, creando un centro di servizi integrati per le persone e famiglie“.

E sulla mobilità?Va rivista, creando parcheggi nelle zone periferiche della città e favorendo collegamenti veloci con il centro della città con mezzi pubblici. Ritengo che il trasporto deve avvenire con bus più piccoli, ma con corse più frequenti che favorisca l’utenza. Tra i progetti su cui punteremo c’è il potenziamento delle linee ferroviarie esistenti, in particolare la Malè-Trento che può essere trasformata in metropolitana leggere da Lavis. Inoltre ritengo deve essere fatta una scelta rivoluzionaria con un vero servizio di car sharing, utilizzando auto elettriche. Il progetto deve essere realizzato in collaborazione con i Comuni dell’hinterland con un potenziale bacino d’utenza di 250 mila persone“.

E in campo sociale ed economico?Dobbiamo far ripartire Trento. In primo luogo va eliminata la burocrazia, valorizzare e motivare tutti i dipendenti del Comune e a livello sociale vanno creati servizi per la terza e quarta età, senza dimenticare interventi nella prima età. A livello economico vanno sostenute tutte le attività con interventi ad hoc“.

Le liste sono già definite?Sono sostenuto da tre formazioni politiche, Rinascimento Trentino, Dc e Agire per il Trentino. Capolista di Rinascimento Trentino sarà Dario Maestranzi, quindi sono in lista con ruoli importanti Daniela Fronza, esperta su temi sociali, e Martina Margoni, vicepresidente di circoscrizione“.

E’ una campagna elettorale strana?Direi particolare, visto che siamo nella fase post emergenza coronavirus è fondamentale l’incontro con i cittadini e, ripeto, le risposte sono molto positive“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136