Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


A piedi o in bici, ovunque c’è acqua: nel Garda Trentino nasce WaterDrops

venerdì, 26 giugno 2020

Riva del Garda – L’acqua è movimento, è energia, è vita: perfetta dunque per rappresentare e raccontare un territorio adrenalinico come il Garda Trentino. Così nasce WaterDrops, il progetto di valorizzazione che interessa il Comune di Dro e le sue frazioni Ceniga e Pietramurata, presentato quest’oggi da Michela Calzà, vicesindaco del Comune di Dro, promotrice dell’iniziativa in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente della stessa amministrazione comunale.

gtUn progetto dinamico, curato da Annalisa Bonomi, sostenuto dalla Comunità di Valle dell’Alto Garda e Ledro e da Garda Trentino S.p.A. Itinerari da percorrere a piedi o in bicicletta che, seguendo l’acqua, si snodano lungo la viabilità secondaria e interpoderale del territorio. “Volevamo valorizzare una ricchezza della nostra area  – ha spiegato la Vice Sindaco Calzà - offrendo tante possibilità sia ai residenti che ai visitatori per godere elementi di assoluta bellezza del territorio”.

Un impegno iniziato nel gennaio 2017, dopo l’approvazione dei canoni ambientali, e che dopo più di tre anni prende vita attraverso due diversi itinerari. Sia il Percorso delle Fontane che il Percorso Acqua e Sorgenti, infatti, sono caratterizzati dalla presenza dei luoghi d’acqua legati a Dro, narrati attraverso 21 stazioni didattico-informative, illustrate anche dagli alunni della locale Scuola Primaria, i quali hanno partecipato al progetto fornendo un contributo fatto di brevi messaggi e riflessionI sull’importanza dell’acqua.

Il Percorso Acqua e Sorgenti prevede un itinerario che si snoda in nove punti di interesse naturalistico, culturale e paesaggistico (dalle sorgenti alle riserve locali fino alla Centrale di Dro), tutti contraddistinti da indicazioni specifiche su flora e fauna. Il Percorso delle Fontane presenta invece due varianti – una ad anello da Ceniga a Dro e una da Ceniga a Pietramurata, sempre passando per Dro – e si snoda in dodici postazioni (sei fontane a Dro, quattro a Ceniga e due a Pietramurata) che permettono di scoprire i centri storici delle località interessate, suggerendo anche al visitatore il corretto comportamento per l’utilizzo dell’acqua, grazie ai pannelli informativi predisposti presso ogni fontana.

Le fontane – la più antica risale alla prima metà del ‘700 – sono state anche oggetto di censimentorestauro e pulizia come ulteriore obiettivo del progetto WaterDrops. “E’ un modo diverso e interessante di scoprire il nostro territorio - ha detto Marco Benedetti, Presidente di Garda Trentino S.p.A. - che sicuramente incontrerà l’apprezzamento degli ospiti. L’acqua è un elemento fondamentale e irrinunciabile della nostra vita, parlarne attraverso questa iniziativa è una proposta molto stimolante per tutti gli amanti del nostro ámbito. È anche così che una vacanza diventa un’esperienza a tutto tondo”.

I percorsi sono stati geo referenziati da Alessandro Marsilli di Albatros S.r.l. che ne ha descritto gli elementi naturalistici e paesaggistici trasferendoli su cartografia. Tutti gli itinerari sono stati racchiusi nella brochure “Itinerari WaterDrops – Seguendo l’acqua sul territorio di Dro”, che fornisce indicazioni sui percorsi e indica i punti sosta delle stazioni didattiche dove si possono trovare curiosità e approfondimenti sul territorio.

Per chi lo desideri, la brochure e le mappe saranno scaricabili gratuitamente dal sito ufficiale del Comune di Dro e da quello di Garda Trentino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136