Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


A Bolzano e Trento le addizionali più basse d’Italia

mercoledì, 9 dicembre 2020

Bolzano – Nella città di Bolzano le addizionali, comunali, regionali o province autonome, sono le più basse d’Italia. La ricerca effettuata da Elexia Roma sui capoluoghi di regioni e delle province autonome e relativi al 2018. Infatti a Bolzano l’addizionale è di 108 euro pro capite ha il record con l’addizionale più bassa, seguita da Trento con 298 euro.

Le addizionali sono una vera e propria giungla: Regioni e Comuni hanno introdotto un ampio ventaglio di aliquote e fasce di esenzione. A livello nazionale i contribuenti che versano le addizionali sono circa 30,4 milioni, con le fasce di reddito più basse esentate dai tributi aggiuntivi locali.

Bolzano GdvA Bolzano nel corso del 2020 è stata rimodulata – rispetto agli anni scorsi – l’addizionale regionale, aumentando l’equità fiscale con il bilancio di previsione 2020. La No Tax Area è stata aumentata da 28mila a 35mila euro, l’aliquota su redditi superiori ai 75mila euro è stata aumentata dall’1,23% all’1,73%. Va ricordato che l’1,73% è l’aliquota massima applicabile in Alto Adige e Trentino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136