Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Tragedia di Caldes: "Basta animalisti da salotto, vanno tutelati i trentini"

Intervento sulla tragedia di Caldes di Claudio Cia, capogruppo di Fdi in Consiglio provinciale a Trento:
"In queste ore gli animalisti da salotto, nel tentativo di scagionare le scelte sbagliate del passato, ne stanno minimizzando le responsabilità con una tesi difensiva offensiva. Secondo un modo miope di vedere la vita, anche la vittima avrebbe le sue colpe, in quanto avrebbe dovuto starsene a casa rinunciando - di fatto - a vivere il territorio custodito e valorizzato dai suoi genitori ed ereditato dagli avi. “Non doveva andare nei boschi”, questo è il mantra ripetuto dai buontemponi, evidentemente abituati a crogiolarsi nella possibilità di trascorrere il proprio tempo libero passeggiando tra le vetrine della città.

Essi paiono ignorare in primis che i boschi in Trentino ricoprono una superficie pari al 63% del territorio provinciale, in secondo luogo che da secoli (anche prima che l’orso venisse eliminato e reintrodotto) i nostri paesini sono lambiti dai boschi e che proprio per la tranquillità che riescono a trasmettere sono meta dei turisti e da ultimo che, in più di un’occasione, sono stati avvistati esemplari di orsi confidenti aggirarsi nei centri abitati. Risulta evidente che la Provincia autonoma di Trento in questo momento si trova davanti ad un bivio: scegliere se eliminare il solo aggressore, continuando nella gestione degli altri come se nulla fosse accaduto, oppure impostare una seria politica di selezione, suffragata anche da elementi scientifici (in primis la povertà genetica degli orsi trentini), che porti alla riduzione drastica del numero di orsi presenti sul nostro territorio, in modo che sia compatibile con la convivenza con l’uomo. Medesimo ragionamento si può applicare anche alla gestione dei lupi. Risulta pertanto chiaro che, una volta chiarito il bisticcio di competenze tra Stato e Provincia sul tema della gestione dei predatori in Trentino, servirà una classe politica adeguata e in grado di assumersi le proprie responsabilità (anche in termini legali, se necessario) per difendere la nostra gente, evitare lo spopolamento delle nostre valli e la conseguente omologazione a livello cittadino, che comporterebbe la definitiva scomparsa delle nostre specificità e rappresenterebbe la fine della nostra Autonomia", Claudio Cia, capogruppo di Fdi in Consiglio alla Provincia autonoma di Trento.

Ultimo aggiornamento: 09/04/2023 21:18:37
POTREBBE INTERESSARTI
L'incontro con il presidente del Consiglio provinciale Claudio Soini
In risposta alla coraggiosa decisione dell’università di Trento di declinare al femminile il regolamento di ateneo, si è...
"Dopo l'aggressione subita da una Guardia medica, il tema è su come creare condizioni di sicurezza per i numerosi...
"Al grido angosciato di uomini e donne abitati dalla paura e dalla tristezza, quali siamo tutti noi in quest’ora...
"Fu con il voto dell'Assemblea Costituente che la "causa montana" trovava posto all'articolo 44  della nostra...
Il consumo di suolo in Italia accelera alla velocità di 2,4 metri quadrati al secondo pari nel 2022 a ben 77 km2, quasi...
ULTIME NOTIZIE
Cevo (Brescia) - Sfida a due alle elezioni Comunali di Cevo dell'8 e 9 giugno: Simone Bresadola contro Salvatore...
Pian Camuno - La Master Rapid SKF CBL ha partecipato alla Youth League wkf di La Coruna in Spagna, un importante evento...
Cronoscalata, il 53esimo trofeo Vallecamonica in calendario dal 12 al 14 luglio