Ad

w

Ad
Ad


Trentino, Camera di Commercio e Apprendistato duale

lunedì, 13 settembre 2021

Quando:
21 settembre 2021@16:55–17:55 Europe/Rome Fuso orario
2021-09-21T16:55:00+02:00
2021-09-21T17:55:00+02:00

All’interno del progetto di sistema “Formazione Lavoro” relativo al triennio 2020-2022 – che ha tra i propri obiettivi quello di accentuare l’impegno del sistema camerale in materia di orientamento, formazione, lavoro e impresa – la Camera di Commercio, d’intesa con il Dipartimento istruzione e cultura della Provincia autonoma di Trento, ha attivato un’azione di sostegno dei percorsi di apprendistato duale. Si tratta di un modello operativo, mutuato dalla cultura tedesca, che ha lo scopo di consentire il proseguimento dei percorsi di studio lavorando e quindi, in prospettiva, di diminuire il divario di competenze fra scuola e mondo del lavoro. 

Il Bando, operativamente coordinato dall’Ufficio innovazione e sviluppo dell’Ente camerale trentino, è stato inizialmente finanziato per una spesa complessiva di 100mila euro e successivamente integrato per un ammontare di poco superiore al 20%, al fine di soddisfare tutte le richieste pervenute. La novità assoluta del progetto è rappresentata dal contributo di 4mila euro, riconosciuto alle imprese che aderiscono alle iniziative proposte dagli istituti scolastici e formativi ai quali viene assegnato un contributo di pari importo, con un incremento di 500 euro per ogni impresa coinvolta oltre la prima.

Alla data di scadenza del bando, sono pervenute richieste di contributo da parte di 7 istituti scolastici che hanno coinvolto 22 imprese dislocate su tutto il territorio provinciale (Trento, Riva del Garda, Tione, Primiero, Giudicarie) e attive in diversi settori, dall’agricoltura al turismo, dall’edilizia alla costruzione di manufatti in legno, dalla meccanica allo sviluppo di hardware e software). 

“L’importanza di avvicinare il mondo della scuola a quello del lavoro – ha sottolineato Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento – è a dir poco fondamentale per imprimere ai diversi percorsi formativi quella praticità che non si può apprendere in classe, ma che deriva esclusivamente dall’esperienza sul campo. Da tempo il sistema camerale, tramite il Progetto Excelsior, monitora le previsioni occupazionali delle imprese, collegandole al percorso scolastico delle figure professionali da assumere; con l’attivazione di questo bando, però, ci siamo spinti oltre, dando concretezza all’interazione scuola-lavoro per rendere operative, su tutto il territorio provinciale, esperienze di eccellenza che possano rappresentare un punto di riferimento e di emulazione a beneficio di professionalità ulteriormente qualificate”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136