Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Accoltellamento a Bressanone, i carabinieri arrestano tunisino senza fissa dimora per tentato omicidio

Bressanone - Lite con accoltellamento e fuga: carabinieri Bressanone arrestano 35enne tunisino per tentato omicidio. Ieri sera, intorno alle 20.50, è pervenuta alla centrale operativa dei carabinieri di Bressanone una chiamata in cui uno stranieri chiedeva aiuto tra via fienili e via Roma poiché era appena stato ferito gravemente.


Bressanone - carabinieriSubito due pattuglie si sono recate sul posto e hanno ricostruito parzialmente la vicenda. La vittima e l’attentatore avevano iniziato a litigare dentro un limitrofo bar di via Roma, quindi erano usciti e la vittima era stata improvvisamente colpita a coltellate dall’altro uomo, a lui noto per nome.


I carabinieri hanno subito capito di chi si trattasse perché entrambi – vittima e aggressore – sono soggetti molto noti ai militari dell’Arma brissinese, il primo per reati di furto, il secondo per porto di armi e – recentemente – per aver orinato sulla porta del municipio in stato etilico acuto…


Allertate tutte le pattuglie tra Brunico, Vipiteno e Bolzano, i carabinieri si sono messi sulle tracce del reo che era stato visto prendere un taxi. E non ci è voluto molto ad acciuffarlo.

Il taxi è stato incrociato da una pattuglia a Varna e i carabinieri hanno immediatamente bloccato il passeggero. Sulla sua giacca (sottoposta a sequestro) evidenti tracce di sangue della vittima.


L’indagato, R.G., un tunisino 35enne senza fissa dimora e disoccupato, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e condotto in caserma e sottoposto ai consueti rilievi foto-dattiloscopici. Quindi, avvisato il pubblico ministero, questi ne ha disposto la custodia in carcere, dove è stato accompagnato dai carabinieri ed è in attesa di udienza di convalida.


Non sono ancora del tutto chiari i motivi della lite finita a colpi di fendente ma i militari brissinesi hanno sequestrato quasi ottocento euro in contanti trovati addosso all’indagato.


La vittima, un marocchino 33enne residente a Bressanone, già noto alle forze dell'ordine, è stato curato per le ferite riportate al volto presso il pronto soccorso dell’ospedale brissinese ed è stato già dimesso con una prognosi di venti giorni. Il coltello, di cui l’aggressore si era disfatto durante la fuga, è stato rinvenuto dai carabinieri e sottoposto a sequestro. Il taxista, intervenuto su chiamata in un luogo appartato non troppo distante, tra via Dante e via stazione, non aveva inteso nulla ed è rimasto piuttosto spaventato. In poco tempo lo spavento si è tramutato in arrabbiatura e prima che il tunisino fosse portato via in manette ha preteso che gli fosse corrisposto il costo della corsa fino a Varna. L’arrestato quindi, prima di farsi mettere le manette, ha saldato il conto…

Ultimo aggiornamento: 21/10/2020 14:48:02
POTREBBE INTERESSARTI
Al 19enne contestate ben 11 rapine a studenti minorenni
Merano (Bolzano) - Controllo straordinario dei carabinieri della Compagnia di Merano, con ben 13 pattuglie, procedendo...
Novate Mezzola (Sondrio) - Due giovani ladri arrestati dai carabinieri per furto in Valchiavenna. I carabinieri della...
L'intervento sul sentiero 209 in località Gasso Alto
ULTIME NOTIZIE
Originario di Vigo di Cavedine, sarà ordinato domani dal vescovo Lauro Tisi
Rovereto (Trento) - Stato di agitazione all’ex Logrò, proclamato da Flai Cgil e Fai Cisl, dopo il voto unanime...
La direttrice di Apt, Daniela Vecchiato: "Manifestazioni per tutti i gusti"