Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad

L’agenda delle Valli

Tutti gli appuntamenti giorno per giorno nelle zone montane. Sport, spettacoli ed eventi di ogni genere tra Valtellina, Valle Camonica, Val di Sole per arrivare in Trentino. L’Agenda delle Valli contiene eventi, manifestazioni, iniziative delle zone bresciane e trentine di cui si occupa il portale. Valli che spesso ospitano campionati nazionali e internazionali di diverse discipline e personaggi di fama internazionale. Esibizioni di cori, manifestazioni ciclistiche, raduni degli Alpini. Giorno per giorno tutti gli eventi tra Breno, Edolo, Passo Tonale, Vermiglio, Malè, Cles, Trento passando per Ponte di Legno, Temù, Vezza d’Oglio, Incudine, Malonno, Sonico, Cedegolo, Aprica, Cortenedolo, Caldes, Stavel, Velon.

 

lug
22
lun
2019
Contributi dopo “Vaia”: modificati i criteri in Trentino
lug 22@16:55–17:55

Con un provvedimento proposto dal presidente Maurizio Fugatti, la Giunta provinciale ha modificato i criteri per la concessione dei contributi connessi ai danni provocati dalla calamità dell’ottobre 2018, chiamata tempesta “Vaia”, e per andare incontro a tutti coloro che non hanno potuto presentare la domanda entro i termini originariamente fissati, ha stabilito la riapertura dei medesimi per tutte le tipologie di danno. Le nuove domande potranno essere presentate dal 22 luglio 2019 al 5 agosto 2019. Verranno anche accolte le domande presentate in ritardo (al di fuori dei precedenti termini), ma gli interessati dovranno rinnovare l’interesse ad ottenere il contributo con una semplice comunicazione da inviare o presentare alla struttura competente entro i termini previsti.

La Giunta ha inoltre introdotto altre modifiche migliorative ai criteri:
• per i danni ad immobili di soggetti privati, le percentuali di contributo sulla spesa ammessa per interventi sull’abitazione principale, compresi arredi e attrezzature principali, vengono aumentate dall’80% al 90% e per interventi su abitazioni diverse da quella principale vengono aumentate dal 50% al 70%;
• per i danni ad immobili di privati, ad attività economiche ed agricole, sono state rideterminate le modalità di concessione dei contributi; viene privilegiata la modalità in unica soluzione rispetto alla concessione in rate annuali; le rate annuali rimangono comunque per risarcimenti sopra determinate soglie, ma per un massimo di 5 anni;
• per il settore dell’agricoltura/pesca, sono stati modificati in modo migliorativo i limiti massimi di spesa.

Chiara Jacobitti e Sara Tosi al Jamboree Mondiale Scout
lug 22@19:00–20:00

Chiara Jacobitti di Agesci e Sara Tosi di Cngei, entrambe classe 2003, partiranno domenica per la West Virginia negli Stati Uniti, dove dal 22 luglio al 2 agosto si svolgerà il 24° Jamboree, raduno internazionale di scout al quale sono attesi 45 mila partecipanti (di cui 35 mila ragazzi) provenienti da praticamente tutti i Paesi del mondo. Nella mattina di venerdì 19 luglio in municipio il saluto dell’Amministrazione comunale, presenti il sindaco Alessandro Betta e l’assessore alla cultura Stefano Miori.

 

Il motto di questa edizione è «Unlock a new world», per dire «aprirsi ad un mondo nuovo, a nuove avventure, a nuove culture e nuove amicizie», un invito ad aprirsi a nuove avventure, a nuove amicizie e a conoscere nuove culture. Il Jamboree americano ha l’obiettivo di mettere a confronto una generazione che possa trovare insieme quelle chiavi di lettura per affrontare le difficoltà che ancora oggi impediscono la pace e la serena convivenza dei popoli.

 

All’incontro in municipio, in sala Giunta, hanno preso parte per Agesci i capigruppo Flavia Morandi e Nicolò Pisoni e il caporeparto Alessio Ponzi, per Cngei il presidente Antonio Gatto e il caporeparto Michele Cont.

 

«Sono onorata di prendere parte a un evento così importante -ha detto Chiara- dal quale mi aspetto molto. L’anno scorso a un ritrovo in Germania ho conosciuto un gruppo di brasiliani e quell’incontro mi è bastato per farmi un’opinione amichevole di un’intera nazione. Adesso sarò io a rappresentare il mio Paese, oltre che la mia città, e lo farò all’interno del mondo scout, in cui credo.»

 

«Anch’io sono molto onorata di poter fare questa esperienza -ha detto Sara- e se penso a quanto ho potuto imparare e scambiare l’anno scorso al campo nazionale Cngei, al quale eravamo in 4000, non oso immaginare cosa sarà il Jamboree, molto più grande e con partecipanti da tutto il mondo.»

 

Il sindaco Alessandro Betta si è complimentato con Chiara e Sara e con il messaggio alto e importante che daranno con la loro partecipazione al Jamboree: «Il mondo è diviso da tanti conflitti, anche nel nostro Paese c’è una tensione e un livello di aggressività preoccupanti; è bello che voi invece superiate tutte le barriere e partecipiate a un incontro così allargato e collettivo. Bello anche che siate due donne: se il mondo fosse solo un po’ più femminile, ci sarebbero meno conflitti e meno sofferenza.»

 

«Per me che sono uno scout -ha detto l’assessore Stefano Miori- è una gioia ancora più grande vedere il nostro scoutismo unito al punto da riuscire a portare due ragazze a un evento di valenza mondiale così importante, davvero un bel risultato, del quale mi complimento.»

Annibale Salsa, i paesaggi del Trentino a Carisolo
lug 22@21:00–22:00

L’appuntamento è per lunedì 22 luglio alle ore 21.00 presso l’Auditorium comunale, dove il noto antropologo, che di Carisolo è cittadino onorario, darà voce a “I paesaggi del Trentino” a partire dalla presentazione dell’omonimo documentario che sarà proiettato ad inizio serata.
Dopo la première avvenuta nell’ambito della recente edizione del Trento Film Festival, sarà dunque Carisolo ad ospitare un evento dedicato ad “Annibale Salsa. I paesaggi del Trentino” con la prima proiezione pubblica del documentario. Oltre ad Annibale Salsa, che in Val Rendena è oramai di casa, saranno presenti i due registi, Gianluca Cepollaro e Alessandro de Bertolini.

Grazie alla collaborazione della Pro Loco di Carisolo e della locale Amministrazione comunale, il docufilm sarà proposto ai tanti turisti presenti in zona così come ai residenti e a tutte le persone interessate a conoscere, attraverso il racconto di Salsa, protagonista e voce narrante della pellicola, il territorio trentino e i suoi paesaggi. Il documentario, infatti, ripercorre le principali tappe che hanno portato alla costruzione del paesaggio del Trentino, raccontando quelle connessioni uomo-ambiente che maggiormente hanno rappresentato e rappresentano il rapporto tra l’uomo e la natura. Ponendo l’attenzione sui paesaggi dell’abitare, sui paesaggi del lavorare e sui paesaggi dell’attraversamento, il filo narrativo segue la tripartizione per fasce altitudinali: dai fondovalle alla montagna di mezzo alle terre alte. Il linguaggio è divulgativo ma allo stesso tempo rigoroso e scientifico.

“Annibale Salsa. I paesaggi del Trentino” è un documento essenziale, con una finalità espressamente didattica ma capace, allo steso tempo, di incuriosire gli spettatori di ogni età grazie ad una modalità narrativa vivace, ad un ritmo incalzante, a straordinarie immagini di diverse zone del territorio provinciale, tra cui la Val Rendena con l’Antica Vetreria e il Museo del Vetro di Carisolo e la Val Genova. Un documentario “dotto, per le scuole”, come lo ha definito il Touring Club Italiano, che proprio dalla Val Rendena inizierà il suo lungo viaggio lungo le montagne della provincia, ma anche in alcuni Film Festival
italiani dove sta riscuotendo un buon successo.

Scritto e diretto da Cepollaro e De Bertolini, “Annibale Salsa. I paesaggi del Trentino” è un progetto di Trentino Marketing, frutto di una collaborazione tra la tsm-step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio e la Fondazione Museo Storico del Trentino. La produzione è stata curata da Alfredo Croce e Luca Albrisi di Pillow Lab.

Annibale Salsa è il protagonista del documentario e la voce narrante. Salsa, antropologo ed esperto conoscitore delle Alpi, ha insegnato Antropologia filosofica e Antropologia culturale all’Università di Genova. È stato Presidente generale del Club alpino italiano (CAI) e Presidente del Gruppo di Lavoro «Popolazione e cultura» della Convenzione delle Alpi. È Presidente del Comitato scientifico di tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio, componente del Comitato scientifico del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina e del Comitato scientifico della Fondazione Dolomiti UNESCO.
Gianluca Cepollaro è direttore della tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio. Alessandro de Bertolini è ricercatore presso la Fondazione Museo storico del Trentino e giornalista pubblicista.

INFORMAZIONI
Per qualsiasi informazione, contattare la tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio scrivendo all’indirizzo di posta elettronica step@tsm.tn.it o chiamando il numero T. 0461 020 060

Riva del Garda, “Bigfoot Junior”
lug 22@21:00–22:00

Lunedì 22 luglio la rassegna Cinema Comune propone il film d’animazione di Jeremy Degruson e Ben Stassen « Bigfoot Junior» (Belgio e Francia, 2017, durata 92 minuti), nel cortile della scuola di rione Degasperi con inizio alle ore 21. Il pubblico è invitato a portare le sedie. Ingresso: adulti 2 euro, bambini un euro. Dalle ore 19 pic nic in allegria aspettando il film.

TrentinoInJazz 2019 con Sonata Islands in concerto per Valli del Noce
lug 22@21:00–22:00
TRENTINOINJAZZ 2019
e
Valli del Noce
presentano:
Lunedì 22 luglio
ore 21.00
Piazzetta Cesare Battisti
Cles (TN)
SONATA ISLANDS in THIRD STREAM
In caso di pioggia: Sala B.Bertolla
Nuova settimana di musica al TrentinoInJazz 2019, che si apre con uno degli appuntamenti più importanti della sezione Valli del Noce, con Sonata Islands a Cles (TN).
Il concerto del 22 è un evento speciale per il quartetto Sonata Islands, con Emilio Galante (flauto), Alessandro Bianchini (vibrafono), Davide Tedesco (contrabbasso) e Thomas Samonati (batteria). Si tratta del programma Third Stream, un termine coniato negli anni ’50 per descrivere un genere musicale in grado di compiere una sintesi tra musica classica e jazz. Le composizioni di Galante si ispirano infatti ai grandi autori della musica di tradizione eurocolta del Novecento come Bartok, Debussy e Stravinsky: reinvenzioni imprevedibili e forse improbabili per un quartetto jazz, come la Sacre o i Trois Nocturnes. Al loro fianco musiche di Chick Corea e Astor Piazzolla, autori che a quel Novecento si sono ispirati, in perenne bilico fra scrittura e improvvisazione. La scelta non è gratuita: Piazzolla studiò composizione a Parigi con Nadia Boulanger, insegnante nel Novecento di tanti Americans in Paris, come Gershwin, Copland e Glass.
Prossimo appuntamento: martedì 23 luglio Trio Corrente a Malé (TN).
Al Cortile Crispi Bonporti arriva la cumbia dei Puerto Candelaria
lug 22@21:15–22:15

Per il quinto appuntamento in calendario, Itinerari Folk – rassegna del Centro Servizi Culturali S. Chiara – prosegue con una interessante proposta musicale proveniente dalla Colombia. Lunedì 22 luglio il Cortile delle Crispi Bonporti ospiterà i PUERTO CANDELARIA, attualmente considerati la più innovativa, controversa e audace proposta musicale colombiana degli ultimi decenni.
Espressione di punta di una nuova musica, radicata nella cumbia ma al tempo stesso trasgressiva, i Puerto Candelaria sono una vera esplosione di suoni che attraversa i confini, va oltre gli schemi e traccia un percorso veramente originale all’interno della scena musicale latino-americana. Un approccio alla musica che guarda anche al teatro, alla danza e alla realtà sociale della Colombia, che viene raccontata con le sue contraddizioni e assurdità e diventa oggetto di umorismo e ironia. Ancorati alla tradizione raccontano dei loro viaggi e dei porti visitati con la loro immaginaria nave chiamata “Candelaria”, frutto dell’inesauribile ispirazione di Sargento Remolacha (“Sergente Beetroot” Juancho Valencia, leader del gruppo). A fronte del notevole successo internazionale e commerciale la band esercita inoltre una notevole influenza sulla nuova musica colombiana. La formula vincente risiede nella fusione di elementi eterogenei, come la Cumbia Rebelde e l’Underground (Underground Rebel Cumbia) e il Colombian Style Jazz.
La formazione dei Puerto Candelaria è composta da Juan Diego Valencia Vanegas (piano, tastiere e direzione musicale), Eduardo Gonzalez Moreno(basso), Cristian Camillo Rios Escobar (trombone), Carlos Didier Andrés Martìnez Pardo (percussioni), Magaly Alejandra Alzate Velez (voce e percussioni), Harlinson Humberto Lozano Santibañez (sax soprano e clarinetto).
Si ricorda che è previsto un biglietto di ingresso al costo di 5 euro, con una riduzione a 3 euro per gli under 15. Il concerto avrà inizio alle ore 21.30. In caso di pioggia, l’evento si trasferirà al Teatro Auditorium.
Nel prossimo appuntamento di Itinerari Folk, il Cortile Crispi Bonporti ospiterà la meravigliosa voce di Tosca.

Risultati Team Santa Cruz al campionato italiano xco 2019
lug 22@21:35–22:35

I piloti del Santa Cruz Fsa tornano dal campionato italiano xco 2019 con una medaglia di bronzo e qualche rammarico. Al terzo posto di Greta tra le Un23 fanno eco il 4º e 5º posto di Gioele ed Andrea nella classe regina. Solo 12º Zaccaria tra gli Un23 uomini.
La storia è molto semplice. 4 piloti e 3 titoli tricolori in ballo per uno degli appuntamenti più attesi di ogni stagione. L’appuntamento che da solo è in grado di ripagare gran parte dei sacrifici e del lavoro svolto da ogni singolo atleta. Il campionato italiano cross country.

Sulla carta era tutto chiaro, tutto molto semplice. Con Greta si corre per vincere. La forma è al top. Il primo posto è alla sua portata, anche se il tracciato non è dei più tecnici, ma con la Highball si può essere davvero veloci e fare la differenza. Con Andrea e Gioele si punta al podio. Certo, si corre sempre per vincere, ma in Italia il livello è da World Cup e conquistare il podio sarebbe una bella iniezione di fiducia. Per Gioele che si vuole confermare in crescita. Per Andrea che si vuole ri-confermare pilota di enorme classe e spessore atletico. Con Zaccaria invece si punta in alto, più in alto che si può, per ritrovarsi dopo una prima parte di stagione viziata da impegni extra sportivi e alti e bassi con la preparazione.

La realtà, invece, è stata ben altra cosa. Crudele, forse. Ma lo sport implica anche questo. E bisogna accettarla. Punto. Greta parte mettendo a fuoco la vittoria, vede però il titolo allontanarsi e l’argento scivolagli via dalle mani giro dopo giro, chiudendo sofferente in terza posizione: “Ero partita per vincere. Lo faccio sempre. Ma quest’oggi stavo veramente bene e sapevo che il titolo sarebbe potuto essere alla mia portata – ha commentato Greta dopo il traguardo – i piani però non sono andati come previsto. Una scivolata. Poi un’altra. La concentrazione che se ne va assieme al primo ed al secondo posto. Non ho nulla da recriminarmi, ma profondamente dispiaciuta nei confronti del mio team e di tutte le persone che lavorano per me, che mi sostengono. Ora voglio solo risalire in sella, attaccare il numero e correre. Per loro. Per rifarmi e ritrovarmi. Voglio la mia rivincita.”

Andrea e Giole si fanno subito notare nella gara regina. Tibi sfiamma in partenza. Gioele rincalza. Ma la davanti non mostrano segni di cedimento e dopo una gara dura e sofferta i nostri chiudono rispettivamente al quarto e quinto posto. Non riescono ad agguantare il podio, ma la loro gara lascia il segno ed una gioia enorme nel cuore dei tifosi che li hanno supportati e seguiti: “C’è poco da dire. Davanti c’era una moto e subito dietro due carabinieri che la inseguivano – scherza Gioele applaudendo i vincitori di giornata – per noi non c’è stato spazio anche se io e Tibi ci abbiamo provato in tutti i modi. Oggi è andata così anche se dal mio punto di vista torniamo a casa con il bicchiere comunque mezzo pieno. Stiamo bene e davanti a noi restano ancora tanti appuntamenti importanti che ci attendono. Ci faremo trovare pronti.”

“Che dire…ormai sono troppo vecchio per fare questo genere di fatiche – sorride il capitano #IronTibi – la gara di oggi è stata durissima. Fisica. Di testa. Di cuore e molto altro ancora. Non è bastato. Come dice Giò resta la consapevolezza d’essere un team che trova la sua forza ed i suoi stimoli nella compattezza e nello stare bene assieme. Dispiace per i titoli sfumati e per le delusioni di giornata. Nostre, del team e dei tifosi. Ma ci rifaremo. Ne sono certo.”

Anche per Zaccaria la giornata non è stata propizia ad allontanare i demoni delle ultime gare. Dodicesimo posto per lui dopo una caduta ed un pit stop ai box per porre rimedio ad una foratura: “La cosa certa è che oggi la fortuna era impegnata a guardare altrove – racconta Zak – ma non voglio assolutamente trovare scuse. So bene che devo rimettermi subito al lavoro, rimboccarmi le maniche e lavorare sodo se voglio tornare a correre ai miei livelli.”

Arco, si assumono quattro operai
lug 22@23:00–lug 23@00:00

É pubblicato all’Albo pretorio informatico sul sito web del Comune di Arco (www.comune.arco.tn.it, percorso «Albo pretorio», «Bandi e concorsi», «Concorsi») il bando di concorso pubblico per la copertura quattro posti di operaio qualificato, categoria «B», livello base, prima posizione retributiva, presso l’Area tecnica del Comune di Arco (dei quali uno riservato ai volontari delle forze armate, ai sensi dell’art. 1014, commi 3 e 4, e dell’art. 678, comma 9, del D.lgs. 66/2010). Il termine per la presentazione delle domande è lunedì 26 agosto 2019.

Assieme al bando di concorso è disponibile anche il modello di domanda da utilizzare per candidarsi. Le domande vanno presentate con le modalità stabilite nel bando di concorso. Per il ritiro di copia del bando di concorso e della domanda di partecipazione o per eventuali informazioni, gli interessati potranno rivolgersi al Servizio personale del Comune di Arco, al terzo piano del muicipio, in piazza Tre Novembre n. 3 (telefono 0464 583542 o 583514).

Lavori in Valsugana: deviazione di carreggiata in località Crozi
lug 22@23:00–lug 23@00:00

Per i lavori di realizzazione del sottopasso sulla statale 47 della Valsugana, previsto nell’opera “C-56 Pista ciclopedonale Valsugana: Tratta Crozi – Ponte Alto”, nella notte tra lunedì 22 e martedì 23 luglio, verrà realizzata una deviazione della carreggiata in direzione Padova, tra i km 126,3 e 126,6, in località Crozi. La deviazione rimarrà fino all’ultimazione dei lavori, prevista per la fine dell’autunno 2019. Verrà sempre garantito il transito su due corsie di marcia, con una larghezza utile di m 6,50 e limitazione della velocità a 50 Km/h. Per la sola realizzazione della deviazione e l’apposizione della segnaletica di cantiere si renderà necessaria la chiusura totale della canna in direzione Padova della galleria di Martignano tra le ore 20,30 di lunedì 22 e le ore 01.00 di martedì 23 luglio, il traffico verrà deviato sulla viabilità ex S.S. 47 delle Laste.

lug
23
mar
2019
Stazione Vipiteno-Val di Vizze, chiusura della strada
lug 23@12:00–13:00

Nella mattinata del 23 luglio chiusura di via Stazione a Val di Vizze. La stazione ferroviaria non potrà essere raggiunta dagli autobus extraurbani.

Martedì 23 luglio, dalle ore 8 fino presumibilmente alle ore 13, è prevista la chiusura di Via Stazione nel comune di Val di Vizze. Il provvedimento è necessario per consentire la rimozione di alcuni vagoni ferroviari danneggiati. Per questo motivo, nel periodo della chiusura, la stazione ferroviaria di Vipiteno-Val di Vizze non sarà raggiungibile per gli autobus extraurbani. Rimane a disposizione la fermata autobus “Klammer”.

La chiusura della strada incide sulle linee autobus 310 Vipiteno-Bressanone, 311 Vipiteno-Prati -Val di Vizze, 312 Vipiteno- Val Ridanna, 314 Vipiteno-Val Giovo, 315 Vipiteno-Tunes-Telves, 317  Vipiteno-Passo Giovo e 319 Vipiteno-Racines.

Calciomercato, Andrea Faccioli al Ciliverghe
lug 23@12:55–13:55

Il Ciliverghe Calcio ha annunciato l’acquisizione delle prestazioni sportive di Andrea Faccioli. Il centrocampista classe ’00 giunge in prestito secco dalla Feralpisalò, società in cui è cresciuto calcisticamente arrivando a vincere lo scudetto Berretti nella stagione 17/18.
“Un prospetto molto interessante, – dichiara il direttore sportivo Danilo Facchinetti – ha delle buone qualità individuali e non è un caso se la Feralpisalò ha deciso di fargli firmare l’addestramento tecnico prima di prestarlo al Ciliverghe. E’ un centrocampista centrale che sotto la guida di Carobbio potrà crescere molto ritagliandosi uno spazio importante”.
“Sono entusiasta di poter vestire la maglia del Ciliverghe perché dopo Brescia e Feralpisalò nella provincia è la squadra più importante. – le parole di Andrea Faccioli – Inoltre essere allenato da Carobbio che ha calcato i campi di serie A nel mio stesso ruolo mi consentirà di crescere molto, il mio obiettivo è quello di guadagnarmi sul campo sempre più spazio rubando segreti dai compagni più anziani.”.

Gli eventi nei castelli del Trentino
lug 23@13:00–18:45

Trento – Una serie di appuntamenti nei castelli del Trentino. Ecco il cartellone di questa settimana

Martedì 23 luglio ore 15 Castel Beseno: STORIE DA CASTELLO Storie di animali, di fantasmi, di principi e principesse, storie fantastiche o forse vere, storie appassionanti: storie da castello, che verranno raccontate nella suggestiva cornice di Castel Beseno a bambini e grandi che vogliono lasciarsi incantare .

Mercoledì 24 luglio ore 15 Castel Stenico: L ABIRINTI DI PIETRA Una sorta di caccia al tesoro per esplorare assieme e conoscere, tappa dopo tappa divertendosi, gli ambienti del Castello di Stenico e le collezioni qui custodite…e chi non si perde riceverà un piccolo “tesoro”.

Giovedì 25 luglio ore 15 Castel Thun: RITRATTIamo Quali erano i volti dei signori che animavano le corti e le antiche sale? Eccoli! Ci guardano dai loro ritratti appesi alle pareti… il viso è un insieme di espressioni, di sentimenti, di “indizi emotivi” che si riflettono e si mescolano con quelli di chi osserva. Dopo averli osservati attentamente con occhi d’artista, sarà divertente realizzare speciali ritratti o autoritratti prendendo spunto ed ispirazione dalle opere presenti in mostra.

Venerdì 26 luglio ore 15 Castello del Buonconsiglio: CACCIA BESTIALE Per quest’attività di scoperta e animazione rivolta alle famiglie, grandi e piccini dovranno unire le proprie conoscenze e sfruttare tutte le abilità per superare le prove che incontreranno lungo il percorso. Tappa dopo tappa, seguendo gli animali nascosti nel castello, verranno svelati gli ambienti che lo compongono e i loro enigmi.

Sabato 27 e domenica 28 luglio Castel Thun: U NA GIORNATA A CORTE La splendida dimora castellana della Valle di Non potrà essere pienamente vissuta grazie ad una proposta che uscirà dalle sale del palazzo baronale e andrà ad occupare gli splendidi giardini. Nei grandi spazi aperti che circondano il castello sarà allestito un accampamento di cavalieri, all’interno del quale sarà realizzata una serie di sfide di abilità, con anche una dimostrazione di caccia a cavallo con falco.

Sabato 27 e Domenica 28 luglio ore 11-17 – Castel Bes eno: tornano le RIEVOCAZIONI STORICHE! Il bastione nord del castello sarà teatro delle dimostrazioni, degli addestramenti e delle spiegazioni al pubblico, durante la visita il pubblico potrà indossare e toccare repliche fedeli di parti delle armature come l’elmo, il guanto, il petto.

 

Campo Scuola Giovani Alpini 2019, il progetto dedicato alle giovani penne nere
lug 23@14:45–15:45

Ricominciare dai più piccoli, trasmettere loro valori veri e genuini quali lealtà, collaborazione, impegno e attenzione verso il prossimo.  Questi gli obiettivi alla base del Campo Scuola Giovani Alpini di Almenno San Bartolomeo allestito dal 12 al 28 luglio 2019, 24 ore su 24 in via Campino, località Colombaia grazie all’organizzazione del Gruppo Alpini e del nucleo di Protezione Civile di Almenno San Bartolomeo, in collaborazione con il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, l’Associazione Nazionale Alpini, la Sezione ANA di Bergamo,  il Comune di Almenno San Bartolomeo, Humanitas Gavazzeni, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo  e Ospedale da Campo Nazionale Alpini, con il patrocinio della Regione Lombardia.

Dall’alba al tramonto i ragazzi condividono una quotidianità fatta di piccoli gesti e grandi valori, un’esperienza focalizzata sulla crescita della persona e sulla condivisione di uno stile di vita, quello dell’alpino, che deve essere tramandato alle generazioni future.

Nato nel 2011 con 62 ragazzi, il Campo Scuola Giovani Alpini di Almenno San Bartolomeo oggi conta 560 iscritti tra i 9 e i 14 anni, dalla quinta elementare alla seconda media.

“Il Campo Scuola Giovani Alpini non è una semplice vacanza in tenda, ma un’avventura durante la quale gli educatori adulti attraverso il gioco faranno vivere alle piccole penne nere un’autentica esperienza di addestramento alpino. - spiega Domenico Donghi, capogruppo e responsabile della Protezione Civile di Almenno San Bartolomeo.

Un addestramento completo che, grazie al supporto e al duro lavoro di volontari e educatori, vuole trasmettere ai più piccoli un modo diverso di vivere la comunità e di relazionarsi con i coetanei. Un percorso che vuole avvicinare i ragazzi al mondo degli alpini e perché no aiutarli ad intraprendere un addestramento che li porti dal campo scuola fino all’Esercito Italiano.

Tra orienteering, arrampicata e bivacco alpino i ragazzi si dedicano anche alle semplici attività da campo come montaggio e smontaggio tende, nodi e imbragature e difesa personale.

Ma non solo, grazie alla collaborazione con Humanitas Gavazzeni, che dal 2016 affianca il gruppo Alpini di Almenno nell’organizzazione di questa esperienza formativa e in rete con l’ospedale Papa Giovanni e la Croce Azzurra, i giovani alpini possono contare anche sull’Ospedale da Campo Nazionale Alpini, fiore all’occhiello della sanità italiana.

Una tenda è riservata al PM postazione medica da campo che fornisce assistenza con medici e infermieri per tutta la durata dell’iniziativa: un ambulatorio con tutto l’occorrente per il primo soccorso con due brandine/letti, una degenza con 8 brandine/letti, un collegamento diretto con il Pronto Soccorso Pediatrico dell’ospedale Papa Giovanni e il presidio di un’ambulanza della Croce Azzurra.

Un’organizzazione affidata al dott. Nicola Gaffuri, medico gastroenterologo, responsabile in Humanitas Gavazzeni di Bergamo dell’endoscopia digestiva e gastroenterologia, volontario come tutti gli altri operatori in questa avventura, sottolinea: “Siamo un ospedale da campo per i più piccoli, ma anche per le tante persone che lavorano a questa importante iniziativa. Possiamo contare su 6/8 medici che coprono la giornata dalle ore 8 alle ore 20, provenienti da Humanitas Gavazzeni e Ospedale da campo Ana, e su una decina di infermieri coordinati da Jadranka Marinkovic, coordinatrice infermieristica di Humanitas Gavazzeni, che coprono invece a turno le 24 ore, che arrivano da Humanitas Gavazzeni, ASTT Papa Giovanni e Ospedale da campo Ana”.

A Nago un progetto di conoscenza per Castel Penede
lug 23@14:55–15:55

Conoscere per restaurare: da questo presupposto prende vita il progetto di recupero di Castel Penede a Nago, intrapreso dal Comune di Nago-Torbole, proprietario del maniero, con il supporto e l’assistenza della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento. L’obiettivo del progetto è mettere in sicurezza la parte sommitale del castello, le cui murature interne e perimetrali sono degradate e ricoperte da materiale di crollo. Lo scavo, sorvegliato dagli archeologi, sta mettendo in luce murature, elementi architettonici, piani pavimentali, intonaci, volte e scale che componevano gli ambienti riconoscibili a grandi linee nella planimetria del 1615, conservata a Innsbruck presso il Tiroler Landesarchiv. Rigorosamente documentate e studiate, queste realtà aiuteranno a ricostruire la vita del maniero. L’intera operazione, iniziata nel 2008 con l’analisi storica e stratigrafica, costituisce una nuova sfida per Castel Penede. Un lavoro delicato da svolgere nel rispetto della stratigrafia secondo le più avanzate metodologie scientifiche per garantire la conservazione del bene culturale e la sua futura fruibilità.

Il progetto di restauro è seguito e coordinato dall’Ufficio beni architettonici e dall’Ufficio beni archeologici della Soprintendenza. Direttore dei lavori, affidati all’impresa Tecnobase con l’assistenza archeologica di Arc-Team, è l’architetto Giorgia Gentilini che qualche anno fa aveva svolto un rilievo delle fasi stratigrafiche allora visibili sulle murature del castello, fasi che ora saranno aggiornate sulla base dei nuovi dati acquisiti.
L’importanza di Castel Penede si deve alla sua posizione strategica su uno sperone roccioso, ultima propaggine nord-occidentale del Monte Baldo, a chiusura del valico tra la conca della foce del Sarca e la valle di Loppio, unico passaggio dall’Alto Garda alla valle dell’Adige. Funge inoltre da eccezionale vedetta sul lago di Garda a controllo e difesa del sottostante porto di Torbole. Il complesso fortificato copre un arco cronologico di circa cinque secoli, dal XII al XVI, in un’area con una sequenza insediativa almeno bimillenaria. Le evidenze più antiche sono emerse nel corso di un altro cantiere, aperto a poca distanza dai resti del castello: si tratta della prima campagna di ricerca archeologica condotta dall’Università di Trento, nell’ambito di un protocollo di intesa con il Comune di Nago e la Soprintendenza.
Eretto da Ulrico II d’Arco tra il 1203 ed il 1207, Castel Penede viene menzionato per la prima volta nel 1210, quando il vescovo Federico Wanga fu in grado di riportare all’obbedienza gli Arco riuscendo ad assicurarsi la sovranità feudale sul maniero. Nei secoli successivi si trovò spesso al centro di lotte e contese. Nel 1266 il castello passò ai Tirolo assieme a tutto il suo patrimonio e da questi ai Castelbarco, che nel 1281 riuscirono ad ottenere una seconda investitura del castello, questa volta da parte del vescovo di Trento. Castel Penede rimase stabilmente nelle mani di questa famiglia fino al 1340, rappresentando l’estrema rocca occidentale dei loro domini e l’unico importantissimo sbocco della loro signoria in Val Lagarina sul lago di Garda. Assediato da parte degli Arco sostenuti dalle truppe di Luchino Visconti, duca di Milano, il castello fu posto sotto la protezione del vescovo di Trento. Nel 1348 passò nuovamente agli Arco che riuscirono a tenerlo indisturbati fino al 1438 quando, nel contesto delle guerre fra Venezia e Milano, fu occupato dalle truppe del Gattamelata rimanendo quindi sotto il dominio veneto. Nel 1509 la guerra fra l’imperatore Massimiliano I e Venezia comportò la restituzione del castello agli Arco che fra alterne vicende lo tennero fino al 1703, quando fu assediato e diroccato ad opera delle truppe francesi del Vendôme. Da allora il castello è in rovina. Dopo tre secoli si apre ora una nuova fase che intende ridare vita a questa rilevante testimonianza della storia dell’Alto Garda e del Trentino più in generale.
Informazioni
Provincia autonoma di Trento
Soprintendenza per i beni culturali
Ufficio beni archeologici
Via Mantova, 67 – 38122 Trento
tel. 0461 492161
e-mail: uff.beniarcheologici@provincia.tn.it
www.cultura.trentino.it/Temi/Archeologia

Rinnovo esenzioni E02, E12 e E13 anche in farmacia
lug 23@16:20–17:20

A partire da lunedì 22 luglio sarà possibile rivolgersi in farmacia anche per richiedere, o rinnovare, le esenzioni E02 (disoccupazione, con validità nazionale), E12 (disoccupazione, con validità regionale) e E13 (mobilità, cassa integrazione straordinaria o in deroga e contratto solidarietà), analogamente a quanto già avviene per le E30 e per le E40. Si tratta di tipologie di esenzioni che hanno una durata massima annuale e che non sono rinnovabili automaticamente.

 

Le esenzioni E02, E12 e E13 possono essere estese in sede di autocertificazione anche ad eventuali famigliari a carico del cittadino diretto interessato: conseguentemente l’applicazione SISS (Sistema Informativo Socio Sanitario) per la registrazione delle autocertificazioni in farmacia consentirà di identificare, attraverso il codice fiscale, eventuali famigliari assistiti lombardi a carico del diretto interessato e di riportarli automaticamente sul modulo di autocertificazione.

 

Per l’esenzione E13 (mobilità, cassa integrazione straordinario o in deroga e contratto solidarietà) è richiesto che il cittadino-lavoratore diretto interessato completi il modulo di autocertificazione barrando la casella della specifica condizione scelta tra mobilità, cassa integrazione straordinaria, cassa integrazione in deroga o contratto di solidarietà, e dove richiesto riporti la denominazione, il comune e la provincia della propria azienda.

 

Come già per le esenzioni E30 e E40, per l’autocertificazione in farmacia delle esenzioni E02, E12 e E13 il farmacista tratterrà il modulo firmato dal cittadino diretto interessato con firma autografa e successivamente firmerà elettronicamente e registrerà nel SISS l’avvenuta autocertificazione. In questo modo l’esenzione sarà immediatamente fruibile sia per il cittadino diretto interessato che per eventuali famigliari a suo carico.

 

Si precisa che il cittadino è pienamente responsabile delle dichiarazioni effettuate e che tutte le autocertificazioni sono soggette a controllo. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito della Regione Lombardia (Ticket ed Esenzioni).

Sorteggio Aquila Basket Trento nel girone D di 7Days EuroCup
lug 23@16:55–17:55

L’EuroCup come forse non l’abbiamo mai vista: si percepisce anche solo dal sorteggio ufficiale di Barcellona scorrendo il nome delle pretendenti al trono della seconda coppa europea che l’edizione 2019-20 della 7Days EuroCup si preannuncia ricco di spettacolo, blasone e storia. 

La Dolomiti Energia Trentino affronterà le grandi potenze del basket continentale partendo nel gruppo D di regular season: i bianconeri, alla quarta partecipazione, sfideranno corazzate di lunga tradizione fra Eurolega ed EuroCup come Malaga, Galatasaray e Buducnost Podgorica, oltre a due formazioni in rampa di lancio continentale come i tedeschi di Oldenburg e i polacchi dell’Arka Gdynia. 

Per non perderti nemmeno un istante della stagione dei bianconeri… VIVILE TUTTE! Scopri a questo link la nuova campagna abbonamenti

SALVATORE TRAINOTTI (General Manager DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Siamo inseriti in un girone tosto, davvero duro, ma ci siamo abituati: basti pensare che tre squadre che erano nel nostro girone lo scorso anno oggi sono in Eurolega… Non lo scopriamo oggi, questa EuroCup si conferma di alto livello e quindi tutti e quattro i gironi sono competitivi. Per superare la prima fase dovremo giocare ogni partita come se fosse quella decisiva, ci sarà da viaggiare, da essere solidi: ecco, in questo prendere parte ad una competizione europea aiuta davvero molto. L’EuroCup allena ad essere solidi, in campo ma anche come organizzazione e come club. Quest’anno cominceremo affrontando due squadre che hanno già vinto questa coppa in anni recenti e un’altra, il Buducnost, reduce da una stagione in Eurolega. Non vediamo l’ora di cominciare e di poterci confrontare con questo tipo di avversari: ci aspettano tanto lavoro da fare e tante sfide stimolanti».

La prima fase si svolgerà tra ottobre e dicembre con la disputa di 10 match (5 di andata e 5 di ritorno contro le altre squadre dello stesso girone): le prime quattro di ogni girone si qualificheranno alla fase successiva. Nei prossimi giorni EuroCup comunicherà il calendario completo della regular season.

Ecco le avversarie della Dolomiti Energia Trento nel gruppo D:

Unicaja Malaga (Spa)

Il Malaga è una squadre più importanti e di prestigio d’Europa: dal 2002 ad oggi l’Unicaja ha giocato sedici stagioni in Eurolega e due in EuroCup (vincendo l’edizione 2017). Campione nazionale nel 2006, la squadra spagnola vuole confermarsi ai vertici della pallacanestro continentale e tornare a giocare la massima competizione firmata Euroleague. 

Galatasaray (Tur)

Cinque titoli nazionali e la grande vittoria in EuroCup nel 2016: la sezione cestistica della storica polisportiva turca è ambiziosa e capace di giocarsela fino in fondo in tutte le competizioni a cui prenderà parte, puntando anche sulla frizzante atmosfera del Sinam Erdem Dome.

Buducnost Podgorica (Mte)

Contro i montenegrini la Dolomiti Energia dette spettacolo nelle Top 16 2018 con una partita infinita alla BLM Group Arena che si chiuse con la vittoria del Buducnost dopo due tempi supplementari: reduci da una stagione in Eurolega con scalpi pesanti (CSKA e Real Madrid fra le altre), i ragazzi di Podgorica sono pronti a riprendere il loro posto nelle zone nobili della competizione.

EWE Baskets Oldenburg (Ger)

Già affrontati nella prima fase dell’EuroCup 2015-16, i tedeschi dopo un anno senza coppe tornano alla ribalta europea dove erano entrati nel 2009 dopo la storica vittoria del campionato nazionale: trascinati dall’ex Trento Will Cummings, i gialloblù lo scorso anno hanno sfiorato il colpaccio in Bundesliga e proveranno a rafforzare il proprio blasone europeo con un’altra stagione solida. 

Asseco Arka Gdynia (Pol)

Dopo il dominio a livello nazionale che aveva garantito l’accesso all’Eurolega all’Arka Gdynia per nove stagioni consecutive, i polacchi dell’Arka Gdynia daranno continuità al loro debutto in EuroCup nel 2018-19 in cui sono usciti nella prima fase. 

Serie A a 17 squadre, aggiornati i prezzi degli abbonamenti all’Aquila Basket Trento
lug 23@17:55–18:55

L’esclusione della Scandone Avellino dalla Legabasket Serie A 2019-20 ufficializzata nel corso della giornata di oggi dal consiglio federale fa scendere a 17 le partecipanti al massimo campionato italiano della prossima stagione.
Diventano così 16 le partite casalinghe in Serie A che si giocheranno durante la regular season alla BLM Group Arena di via Fersina: la Dolomiti Energia Trentino se la dovrà vedere non solo con le piazze storiche tornate nella massima serie nazionale, come Fortitudo Bologna, Treviso e Roma, ma anche con corazzate come Milano e Virtus Bologna che hanno portato in Italia alcune delle eccellenze del basket mondiale come coach Ettore Messina e il playmaker serbo Milos Teodosic.
I bianconeri, che della passione per le grandi sfide in questi anni hanno fatto un vero e proprio stile di vita, promettono di regalare ai propri tifosi una stagione ricca di grandi partite e grandi emozioni: VIVILE TUTTE!
Alla pagina http://bit.ly/VivileTutte sono disponibili le informazioni e i prezzi aggiornati della campagna abbonamenti 2019-20 della Dolomiti Energia Trentino.

Cinema all’aperto al Castello del Buonconsiglio
lug 23@20:00–21:00

SOTTO LE STELLE AL CASTELLO DEL BUONCONSIGLIO
Cinque serate di cinema nei suggestivi giardini del maniero

In concomitanza con la mostra “Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento” il Castello del Buonconsiglio propone nelle giornate di martedì dal 23 luglio al 20 agosto cinque serate di cinema all’aperto di film famosi per aver dedicato una accurata ricerca nei costumi di scena. Il reparto costume nel mondo del cinema ricopre un ruolo di grande importanza e molte volte è stato proprio il lavoro svolto dai costumisti a rendere credibili alcune delle figure più controverse e popolari del cinema internazionale. Ingresso libero fino ad esaurimento sei posti disponibili

INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI
I film saranno proiettati all’aperto nei Giardini di Castelvecchio, in caso di pioggia nella Sala Marangonerie.
Prima dello spettacolo sarà aperta la Caffetteria del Museo per aperitivi a tema.
Info: buonconsiglio

A Contrada larga il concerto spettacolo di Saba Anglana
lug 23@21:00–22:00

 

Prosegue il cartellone di Contrada larga, che la settimana prossima ospita un’eclettica artista internazionale. Martedì 23 luglio alle 21 promette di incantare il pubblico lo spettacolo concerto di Saba Anglana, che trasforma lo spettatore in compagno di viaggio e lo conduce in dialogo con i mondi, le diverse latitudini, i territori geografici e gli spazi emotivi che l’identità fluida di Saba tocca attraverso le canzoni dei suoi quattro album. La frontiera del mediterraneo, l’immenso cielo liquido sopra la testa dell’Africa, è il limite geografico da attraversare e raccontare, il perno attorno al quale ruotano molte vite e gravitano tante speranze. Dalla metafora del Mediterraneo-culla salata, dunque, spazio fisico o immaginario che divide o unisce i popoli, la voce si snoda con melodie e parole in storie di viaggi, affetti, nostalgia, immigrazione, in diversi idiomi, linguaggi e ibridazioni afro-europee.

 

Attrice, cantautrice, laureata in storia dell’arte, Saba Anglana pubblica quattro album musicali distribuiti internazionalmente in 60 paesi, con testi che scrive nelle lingue che compongono il suo albero genealogico, tra Italia e Africa orientale.

L’esordio, del 2008, vede con Jidka – The Line la collaborazione con la prestigiosa etichetta inglese World Music Network. Saba porta in tour il suo lavoro esibendosi in centinaia di spettacoli in cui alterna il canto alla narrazione. Pubblica Biyo – Water is Love (2010), dedicato all’acqua e le problematiche mondiali legate al suo sfruttamento, diventando testimonial di campagne mediatiche internazionali in fatto di salute e diritti umani. Nel 2012 esce Life Changanyisha, disco sul valore della mescolanza e nel 2015 Ye katama hod – The belly of the city, sguardo sul rapporto tra il progresso e la tradizione nell’epoca delle grandi trasformazioni.

Saba è contemporaneamente attrice in diverse produzioni teatrali e televisive. È per due stagioni fra i protagonisti della fiction tv La Squadra su Rai3, è in scena con Pilato Sempre diretta da Armando Pugliese, è protagonista dello spettacolo teatrale Rosamara, con l’Orchestra Femminile del Mediterraneo, è nel cast di Disgraced, prodotto dal Teatro Stabile di Roma, per la regia di Jacopo Gassman.

Come autrice porta in scena il suo monologo Mogadishow, prodotto e presentato in cartellone dal Teatro Stabile di Torino e lo spettacolo di teatro musicale Abebech – Fiore che sboccia – Storia di identità, preghiera e guarigione, che debutta alla XXV edizione del Festival Internazionale di Musica Sacra a Pordenone e apre il Festival Internazionale di Teatro delle Colline.

Saba lavora anche come doppiatrice, autrice e conduttrice radiofonica per Radio2 e Radio3.

Il suo primo libro, di prosa poetica, si intitola Lettera al mio Fantasma – Piccola epopea dell’Assenza, edito da Animamundi nella collana Piccole Gigantesche Cose.

Attualmente Saba è in tournée con lo spettacolo teatrale Nel tempo degli dèi, che ha debuttato al Piccolo Teatro Strehler di Milano, per la regia di Gabriele Vacis: in scena affianca Marco Paolini – Ulisse, coprendo il ruolo di tutte le figure femminili dell’Odissea.

 

Il prezzo d’ingresso è 5 euro il biglietto intero e 3 euro quello ridotto (per i ragazzi fino a 15 anni). La cassa aprirà un’ora prima dello spettacolo. Prevendite presso le Casse rurali del Trentino o su www.primiallaprima.it.

In caso di pioggia il concerto verrà ospitato all’Auditorium S. Chiara.

Per ulteriori informazioni:

Ufficio relazioni con il pubblico – numero verde 800 017615

Centro servizi culturali S. Chiara – n. tel. 0461 213834, n. verde 800 013952

 

TrentinoInJazz 2019: Trio Corrente in concerto
lug 23@21:00–22:00
TRENTINOINJAZZ 2019
e
Valli del Noce
presentano:
Martedì 23 luglio
ore 21.00
Piazza Regina Elena
Malé (TN)
TRIO CORRENTE 
in 
TEM QUE SER AZUL
In caso di pioggia: Teatro Comunale
Proseguono gli appuntamenti della sezione Valli del Noce al TrentinoInJazz 2019, martedì 23 luglio a Malé con un appuntamento speciale: Trio Corrente con Tem Que Ser Azul!
Fabio Torres (pianoforte), Paulo Paulelli (contrabbasso) e Edu Ribeiro (batteria) sono uno dei gruppi strumentali di maggior successo dell’intero Brasile, basta pensare ai sei album pubblicato e al Grammy Award in curriculum. Il Brasile e la sua musica sono una direzione che il TrentinoInJazz da anni ha seguito con attenzione, il Trio Corrente è in linea con questo aspetto artistico, soprattutto per la sua impostazione musicale. Il Trio infatti propone un rinnovamento della tradizione del samba-jazz anni ’60 con la creatività del jazz moderno interpretando il repertorio classico brasiliano con freschezza, virtuosismi e fantasia.
Prossimo appuntamento: mercoledì 24 luglio Elina Duni e Rob Luft a San Romedio (TN).
UniTrento – Buchi neri in un bicchiere
lug 23@21:00–22:00

Incontro pubblico “Gravità analoga: buchi neri in un bicchiere” in programma martedì 23 luglio alle 21 alla Bookique (Trento – Via Torre d’Augusto, 29).

L’iniziativa è stata pensata come un dialogo tra ospiti e cittadinanza. Parteciperanno alla serata Sabino Matarrese, cosmologo dell’Università di Padova; Silke Klemm, esperta di buchi neri dell’Università Statale di Milano; Alberto Parola, esperto di fisica della materia dell’Università dell’Insubria. L’incontro, dal taglio informale, sarà introdotto da Massimiliano Rinaldi (ricercatore al Dipartimento di Fisica, Università di Trento) e Iacopo Carusotto (ricercatore Ino-Cnr Bec, Trento).
La proposta fa parte del ciclo “Beer&Physics”, organizzato ogni anno dall’Associazione italiana studenti di fisica (Aisf). Un assaggio di fisica per la cittadinanza che si tiene nei giorni in cui a Trento è in corso un convegno scientifico sulla “Gravità analoga”.

Da lunedì 22 a giovedì 25 luglio, infatti, a ECT* – Villa Tambosi ci sarà un meeting (International Workshop on: Simulating gravitation and cosmology in condensed matter and optical systems) con scienziati di livello mondiale sia in gravità sia in materia condensata.
Massimiano Rinaldi, che è nel comitato organizzatore del workshop, spiega: «Il convegno di Villa Tambosi sarà incentrato sui cosiddetti “modelli analoghi di gravità” ovvero sulle simulazioni in laboratorio di buchi neri e universi in espansione. L’argomento è d’interesse in quanto dalla teoria si è passati di recente a esperimenti veri e propri. Ad esempio, un paio di anni fa, Steinhauer (che sarà tra gli speakers a Villa Tambosi) è riuscito a ricreare un effetto analogo alla radiazione di Hawking (quella che fa evaporare i buchi neri) nel suo laboratorio a Tel Aviv, dimostrandone per la prima volta l’esistenza. Verrà anche un esponente del team che ha “fotografato” il buco nero per la prima volta».

Per informazioni
- sulla serata pubblica: qui
- sul workshop scientifico: qui

UniTrento – Buchi neri in un bicchiere
lug 23@21:00–22:00

incontro pubblico “Gravità analoga: buchi neri in un bicchiere” in programma domani sera, martedì 23 luglio, alle 21 alla Bookique (Trento – Via Torre d’Augusto, 29).

L’iniziativa è stata pensata come un dialogo tra ospiti e cittadinanza. Parteciperanno alla serata Sabino Matarrese, cosmologo dell’Università di Padova; Silke Klemm, esperta di buchi neri dell’Università Statale di Milano; Alberto Parola, esperto di fisica della materia dell’Università dell’Insubria. L’incontro, dal taglio informale, sarà introdotto da Massimiliano Rinaldi (ricercatore al Dipartimento di Fisica, Università di Trento) e Iacopo Carusotto (ricercatore Ino-Cnr Bec, Trento).
La proposta fa parte del ciclo “Beer&Physics”, organizzato ogni anno dall’Associazione italiana studenti di fisica (Aisf). Un assaggio di fisica per la cittadinanza che si tiene nei giorni in cui a Trento è in corso un convegno scientifico sulla “Gravità analoga”.

Da lunedì 22 a giovedì 25 luglio, infatti, a ECT* – Villa Tambosi ci sarà un meeting (International Workshop on: Simulating gravitation and cosmology in condensed matter and optical systems) con scienziati di livello mondiale sia in gravità sia in materia condensata.
Massimiano Rinaldi, che è nel comitato organizzatore del workshop, spiega: «Il convegno di Villa Tambosi sarà incentrato sui cosiddetti “modelli analoghi di gravità” ovvero sulle simulazioni in laboratorio di buchi neri e universi in espansione. L’argomento è d’interesse in quanto dalla teoria si è passati di recente a esperimenti veri e propri. Ad esempio, un paio di anni fa, Steinhauer (che sarà tra gli speakers a Villa Tambosi) è riuscito a ricreare un effetto analogo alla radiazione di Hawking (quella che fa evaporare i buchi neri) nel suo laboratorio a Tel Aviv, dimostrandone per la prima volta l’esistenza. Verrà anche un esponente del team che ha “fotografato” il buco nero per la prima volta».

Per informazioni
- sulla serata pubblica: qui
- sul workshop scientifico: qui

CinemAMoRe porta il cinema all’aperto a Villa Lagarina
lug 23@21:15–22:15

La rassegna cinematografica promossa dall’Assessorato alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento e curato dal Trento Film Festival, dalla Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico e dal Religion Today Film Festival arriva per la prima volta a Villa Lagarina: il 23 luglio tre bellissimi film verranno proiettati all’aperto, grazie alla collaborazione con Cinema du Desert.

Martedì 23 luglio a Villa Lagarina va in piazza la magia del cinema all’aperto, grazie alla collaborazione con Cinema du Desert e il Comune. Nel Piazzale della Scuola elementare alle ore 21.15 saranno proiettate tre pellicole molto originali, tutte in linea con l’impegno sociale e culturale dei ragazzi di Cinema du Desert: La storia dimenticata degli Swahili (di Agnès Molia, Francia / 2018 / 26′), premiato alla Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico 2018 con la Menzione CinemAMoRe;  Across the Line (di Nadav Shlomo Giladi, Israele / 2018 / 29′), dal Religion Today 2018, un corto nel quale Hananel, un giovane ebreo praticante, grazie a un incontro inaspettato con Mundir, un autostoppista palestinese indesiderato e testardo, impara molto sulla comunicazione, l’amicizia e l’amore; Let’s Go to Anctartica! (di Gonzaga Manso, Spagna / 2018 / 5′), in anteprima internazionale all’ultimo Trento Film Festival, un’ironica riflessione sui viaggi contemporanei e quel che comportano.

 

 

Cinema all’aperto al Castello del Buonconsiglio
lug 23@21:30–22:30

In concomitanza con la mostra “Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento” il Castello del Buonconsiglio propone nelle giornate di martedì cinque serate di cinema all’aperto di film famosi per aver dedicato una accurata ricerca nei costumi di scena.

Martedì 23 luglio alle ore 21.30 LA LETTERA SCARLATTA: Regia di Roland Joffé. Un film con Demi Moore, Robert Duvall, Gary Oldman, Robert Prosky, Joan Plowright. Titolo originale: The scarlet letter. Genere Drammatico – USA, 1995, durata 135 minuti. Il film, tratto dal romanzo di Natahniel Howthorne, narra l a storia di un amore che sboccia tra la paura, l’ipocrisia ed il violento scontro di culture che ha segnato la vita dei primi coloni nel nuovo mondo. Hester, una donna giovane e sensuale, porta sul petto una lettera scarlatta, una A come adulterio, il marchio d’infamia che punisce la sua relazione con il reverendo Dimmesdale. Il loro coraggioso amore è ostacolato dal vendicativo marito di Hester, Roger Chillingworth.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI
I film saranno proiettati all’aperto nei Giardini di Castelvecchio, in caso di pioggia nella Sala Marangonerie.
Prima dello spettacolo sarà aperta la Caffetteria del Museo per aperitivi a tema.

Aquila Basket Trento, preso George King
lug 23@21:35–22:35

Scelto dai Phoenix Suns con la 59a chiamata al Draft NBA del 2018, dopo una stagione in G-League l’ala americana è pronta al debutto in Europa. Coach Brienza: «Tiro da fuori, atletismo e voglia di mettersi in gioco: portiamo a Trento un giocatore di grande qualità»

GeorgKing è un giocatore della Dolomiti Energia Trentinoprodotto di Colorado University, l’ala piccola nativa del North Carolina dopo un anno in G-League con i Northern Arizona Suns debutterà a 25 anni in Serie A ed EuroCup.

Vestendo i colori della squadra satellite dei Phoenix Suns, la franchigia che lo aveva scelto con la 59a chiamata del Draft NBA 2018, il classe ‘94 (198 centimetri per 100 chili) in 41 presenze ha prodotto 15.5 punti, 5.3 rimbalzi e 2.5 assist in 31’ di media, mostrando grande efficacia nel tiro dall’arco (42.9% su oltre 5 conclusioni da tre tentate a partita). 

George McZavier King Jr. nella sua carriera collegiale in Colorado ha disputato 127 partite, chiudendo con oltre il 40.0% al tiro da treNel suo anno da senior è stato inserito nel secondo miglior quintetto della competitiva conference Pac-12 dopo aver chiuso la stagione a 12.9 punti e 7.8 rimbalzi di media, nel 2016 aveva invece ricevuto il riconoscimento di giocatore più migliorato. 

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO)«Diamo il benvenuto a un giocatore sulla cui scelta non abbiamo esitato un istante: King è un giovane di grandissima qualità su entrambi i lati del campo e un elemento perfetto per completare il nostro reparto esterni. In attacco è un’ala che apre il campo con il suo ottimo tiro da fuori ma che sa anche attaccare il canestro; in difesa sfrutta la sua fisicità per proteggere il ferro e avere impatto contro ogni tipo di avversario. Siamo sicuri che ci darà una grossa mano a crescere e allo stesso tempo noi saremo importanti per lui, per fare un passo in avanti nella sua carriera».

UniTrento – Nei panni di un robot: così si accorciano le distanze
lug 23@22:15–23:15

Mettersi nei panni di una persona, aiuta a comprenderla in profondità, la fa sentire più vicina, contribuisce a rimuovere diffidenze e pregiudizi. Ciò accade anche quando l’altro è un robot. A dare un riscontro sperimentale a questa dinamica interpersonale è uno studio, pubblicato in questi giorni dalla rivista Scientific Reports. La ricerca è frutto di una collaborazione scientifica italo-francese.
Francesco Pavani, professore di Psicologia del Centro interdipartimentale Mente/Cervello (CIMeC) e del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento, è tra gli autori e spiega: «Abbiamo dimostrato come teletrasportando un partecipante dentro un robot è possibile modificare il suo atteggiamento verso il robot».
Pavani chiarisce in che modo una persona può mettersi nei panni di un robot: «Il teletrasporto consisteva nel dare l’illusione al partecipante di guardare la realtà attraverso gli occhi del robot, muovere la testa del robot come fosse la propria e vedersi in uno specchio come un robot».
La conseguenza è che l’essere umano considera poi il robot una presenza più vicina a sé: «Rispetto a condizioni in cui la persona non può muovere la testa del robot, o non può farlo in maniera coordinata con i propri movimenti, l’esito del mettersi nei panni del robot è che alla fine il partecipante lo giudica più amichevole, lo percepisce socialmente più vicino».
Lo studio dà un contributo per migliorare il rapporto con la tecnologia e far cadere paure e resistenze verso i robot. Pavani sottolinea: «Tutto questo è rilevante perché uno dei problemi della scienza dei robot è come renderli accettabili agli utenti umani. Penso in particolare ai dispositivi automatizzati destinati a supportare sempre di più le persone nella loro vita, ad esempio nei casi di ridotta sicurezza e capacità di camminare. Nella nostra ricerca mostriamo che la semplice pratica di agire brevemente come se si fosse all’interno del robot, può renderne più facile l’approccio e l’accettazione».

Lo studio
L’articolo, dal titolo “Embodiment into a robot increases its acceptability”, è stato pubblicato da “Scientific Reports” il 12 luglio 2019 ed è disponibile in open access: https://rdcu.be/bJYYJ
È stato scritto da Jocelyne Ventre-Dominey (University of Bourgogne) e da Francesco Pavani (Università di Trento) assieme ad Alessandro Farnè (IMPACT lab del Centre de Recherche en Neurosciences de Lyon), Guillaume Gibert, Marielle Bosse-Platiere e Peter Ford Dominey (Stem Cell and Brain Research Institute, Bron).

Volley: il calendario 2019/20 di SuperLega, esordio a Ravenna per l’Itas Trentino. Match e date
lug 23@23:00–lug 24@00:00

Ufficializzato questa mattina a Salsomaggiore Terme il calendario del 75° campionato di Serie A1 Superlega Credem Banca (stagione 2019/20).

L’Itas Trentino inizierà la sua corsa in trasferta domenica 20 ottobre a Ravenna; il primo impegno alla BLM Group Arena è invece programmato per il 27 ottobre contro il Vero Volley Monza; per il primo big match bisognerà attendere solo il 10 novembre, quando a Trento arriverà Verona per il derby dell’Adige. Gli altri si concentreranno tutti nella seconda metà del calendario, con la sfida interna con Perugia che chiuderà l’andata. Il turno di riposo è invece previsto per l’undicesima giornata (8 dicembre e 15 marzo).

Le date: la regular season si svilupperà in poco più di cinque mesi, fra il 20 ottobre ed il 29 marzo (data dell’ultima giornata). Sei turni infrasettimanali: tre a novembre (13, 20 e 27), il 16 gennaio, 5 febbraio, oltre al 26 dicembre. Dopo la giornata di Santo Stefano, il campionato si fermerà sino al 16 gennaio (sedicesimo turno) per lasciare spazio alle qualificazioni olimpiche. La Supercoppa Italiana 2019, che per la quarta edizione consecutiva adotterà la formula della Final Four, si disputerà fra giovedì 31 ottobre e venerdì 1 novembre a Civitanova Marche; l’Itas Trentino affronterà in semifinale la Sir Safety Conad Perugia. L’edizione 2020 della Coppa Italia adotterà la formula della stagione precedente, coinvolgendo solo le prime otto classificate del girone d’andata. I quarti di finale, definiti secondo i piazzamenti in graduatoria ottenuti dopo il tredicesimo turno di regular season, si giocheranno quindi in gara unica in casa della miglior classificata mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio 2020. La Final Four si svolgerà un mese dopo, fra sabato 22 e domenica 23 febbraio.

Accederanno ai Play Off Scudetto le prime otto classificate al termine della regular season, che si affronteranno nei quarti di finale (al meglio delle tre gare); semifinali e finali prevedranno invece lo svolgimento di cinque partite, con le prime due gare da giocare in casa della miglior classificata. Prenderanno il via mercoledì 1 aprile con gara 1 dei quarti di finale e si concluderanno martedì 12 maggio (data eventuale di gara 5).

Questo, nel dettaglio, il cammino che attenderà in regular season l’Itas Trentino, alla sua ventesima presenza consecutiva in massima categoria, la sesta denominata Superlega. Tra parentesi la data della gara d’andata e quella di ritorno.

1ª giornata – (20 ottobre 2019 – 26 dicembre 2019)
Consar Ravenna-Itas Trentino
2ª giornata – (27 ottobre 2019 – 16 gennaio 2020)
Itas Trentino-Vero Volley Monza
3ª giornata – (3 novembre 2019 – 19 gennaio 2020)
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Itas Trentino
4ª giornata – (10 novembre 2019 – 26 gennaio 2020)
Itas Trentino-Calzedonia Verona
5ª giornata – (13 novembre 2019 – 2 febbraio 2020)
Itas Trentino-Gas Sales Piacenza
6ª giornata – (17 novembre 2019 – 5 febbraio 2020)
Allianz Milano-Itas Trentino
7ª giornata – (20 novembre 2019 – 9 febbraio 2020)
Itas Trentino-Kioene Padova
8ª giornata – (24 novembre 2019 – 16 febbraio 2020)
Leo Shoes Modena-Itas Trentino
9ª giornata – (27 novembre 2019 – 1 marzo 2020)
Top Volley Latina-Itas Trentino
10ª giornata – (1 dicembre 2019 – 8 marzo 2020)
Itas Trentino-Cucine Lube Civitanova
11ª giornata – (8 dicembre 2019 – 15 marzo 2020)
turno di riposo per l’Itas Trentino
12ª giornata – (15 dicembre 2019 – 22 marzo 2020)
Globo Banca del Frusinate Sora-Itas Trentino
13ª giornata – (22 dicembre 2019 – 29 marzo 2020)
Itas Trentino-Sir Safety Conad Perugia

Il calendario completo di tutte le partite di campionato (giornata per giornata) è consultabile sul sito della Lega Pallavolo Serie A, www.legavolley.it.


UFFICIALE ANCHE IL CALENDARIO DI SERIE A3, LA GIOVANE TRENTINO VOLLEY DEBUTTA A PORDENONE NEL GIRONE BIANCO

 

Salsomaggiore Terme (Parma), 18 luglio 2019

 

Nella mattinata odierna a Salsomaggiore Terme è stato ufficializzato anche il calendario del campionato nazionale di Serie A3 Credem Banca 2019/20, che vedrà ai nastri di partenza anche una squadra junior di Trentino Volley.

Il team allenato da Francesco Conci, inserito nel girone Bianco, debutterà a Pordenone il 20 ottobre mentre giocherà il primo match casalingo il 26 ottobre contro Cuneo. Il derby con l’AVS Mosca Bruno Bolzano è previsto per l’ultima giornata, mentre la sfida del girone d’andata con Civitanova avverrà nello stesso weekend in cui è stata programmato anche il confronto fra le due formazioni di SuperLega (1 dicembre 2019).
Le date: la regular season si svilupperà in poco più di cinque mesi, fra il 20 ottobre ed il 22 marzo (data dell’ultima giornata). Non sono previsti turni infrasettimanali, visto che l’unico effettivamente in programma (giovedì 26 dicembre) è in calendario per il giorno di Santo Stefano, dopo di cui il torneo si fermerà per dieci giorni prima di iniziare il girone di ritorno.
Accederanno ai Play Off Promozione le prime quattro classificate al termine della regular season, che si affronteranno nei quarti di finale (al meglio delle tre gare come le semifinali) con le altre quattro classificate del girone Blu. La finale prevedrà invece lo svolgimento di cinque partite. Prenderanno il via il 29 marzo con gara 1 dei quarti di finale e si concluderanno il 16 maggio (data eventuale di gara 5).
Retrocederanno in Serie B le ultime due classificate, mentre disputeranno i Play Out la terzultima e quartultima.

Questo, nel dettaglio, il cammino che attenderà nella regular season del girone Bianco del campionato di Serie A3 la Trentino Volley, alla sua prima partecipazione al torneo. Tra parentesi la data della gara d’andata e quella di ritorno.
1ª giornata – (20 ottobre 2019 – 5 gennaio 2020)
Tinet Gori Wines Prata di Pordenone-Itas Trentino
2ª giornata – (27 ottobre 2019 – 12 gennaio 2020)
Itas Trentino-Cuneo Volley
3ª giornata – (3 novembre 2019 – 19 gennaio 2020)
Tipiesse Cisano Bergamasco-Itas Trentino
4ª giornata – (10 novembre 2019 – 26 gennaio 2020)
Trentino Volley-Invent San Donà di Piave
5ª giornata – (17 novembre 2019 – 2 febbraio 2020)
Trentino Volley-Biscottificio Marini Delta Po Porto Viro
6ª giornata – (24 novembre 2019 – 9 febbraio 2020)
Gamma Chimica Brugherio-Trentino Volley
7ª giornata – (1 dicembre 2019 – 16 febbraio 2020)
Trentino Volley-Goldenplast Civitanova
8ª giornata – (8 dicembre 2019 – 1 marzo 2020)
Gibam Fano-Trentino Volley
9ª giornata – (15 dicembre 2019 – 8 marzo 2020)
ViviBanca Torino-Trentino Volley
10ª giornata – (22 dicembre 2019 – 15 marzo 2020)
Trentino Volley-HRK Motta di Livenza
11ª giornata – (26 dicembre 2019 – 22 marzo 2020)
Mosca Bruno Bolzano-Trentino Volley

Il calendario completo di tutte le partite di campionato (giornata per giornata) è consultabile sul sito della Lega Pallavolo Serie A, www.legavolley.it.

lug
24
mer
2019
Turismo, la maratona del business delle imprese lombarde
lug 24@12:30–13:30

Trenta aziende lombarde del settore turismo che hanno aderito alla tappa milanese dell’iniziativa InBuyer, realizzata da Promos Italia, l’agenzia per l’internazionalizzazione del sistema camerale, in collaborazione con Unioncamere Lombardia, incontrano a Palazzo Giureconsulti otto buyer provenienti da Germania Svizzera, Stati Uniti e India. Circa cento gli incontri d’affari nella giornata.

 

Gli incontri si terranno dalle ore 9.30 alle 13.30:

Mercoledì 24 luglio

Palazzo Giureconsulti

Piazza Mercanti 2

MM1 Duomo

“Commercialisti e Agenzia delle Entrate: un rapporto sempre più sinergico”
lug 24@13:00–14:00

La Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo, Simona Bonomelli, ha fatto visita al Direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Bergamo, Antonino Lucido. Un’occasione per rafforzare ulteriormente il rapporto tra i due enti, in particolare con il nuovo Tax Compliance Office. L’ufficio, attivato da pochi mesi presso gli uffici di Largo Belotti dell’Agenzia delle Entrate, nasce con l’obiettivo di dare assistenza ai contribuenti su attività quali la chiusura di vertenze attraverso il versamento spontaneo, l’annullamento in autotutela, l’accertamento con adesione, la mediazione tributaria, la conciliazione in 1° e 2° grado di giudizio, dando anche attuazione al decreto legge n. 119/2018, la cosiddetta “Pace Fiscale”.

«Rinnovo i ringraziamenti al Direttore per l’attenzione che riserva all’Ordine e ai suoi professionisti - sottolinea Simona Bonomelli -, il tutto nell’ottica della trasparenza e della semplificazione degli adempimenti tributari. Mi auguro che il “modello Bergamo” venga esportato nelle altre Direzioni provinciali in Italia, per una sempre più attuata Tax Compliance a vantaggio dell’Amministrazione finanziaria, dei cittadini e dei professionisti».

Filt del Trentino, sciopero trasporti
lug 24@14:00–15:00

Mercoledì prossimo, 24 luglio, i lavoratori dei trasporti incrociano le
braccia. Si fermano per 4 ore gli addetti del trasporto pubblico,
trasporto merci e logistica, per 8 ore quelli delle società autostradali
e del gruppo FS. Lo sciopero proclamato unitariamente da Filt Cgil, Fit
Cisl e Uiltrasporti a livello nazionale punta a riportare l’attenzione
del governo su temi strategici del settore, dalla necessità di nuovi
investimenti in infrastrutture per ammodernare il Paese, alla centralità
del trasporto pubblico. “Questo è un comparto fondamentale dell’economia
nazionale – sottolinea Stefano Montani della Filt del Trentino -, ma
troppo spesso viene considerato solo una voce della spesa pubblica e non
si investe, come si dovrebbe, adeguando il parco mezzi con veicoli anche
ecologicamente compatibili”. C’è poi il tema sicurezza che a livello
nazionale ha dimensioni preoccupanti soprattutto nel settore merci e
logistica. “A livello nazionale si sono verificati numerosi infortuni
mortali. Serve maggiore attenzione alla sicurezza e regole chiare e
trasparenti per impedire il dumping contrattuale che spesso impone di
operare in condizioni limite”.

Altri temi aperti sono quello dell’intermodalità che riguarda da vicino
anche il nostro territorio, un investimento indispensabile per
connettere il nostro Paese con l’Europa, alleggerendo anche il traffico
su gomma, e la questione delle concessioni autostradali. Su questo tema
i sindacati sono chiari: le società autostradali devono investire i
profitti per la sicurezza degli utenti, dei lavoratori e sulla
manutenzione dell’esistente, garantendo in tutti i caselli un presidio
fisico. Nell’ambito delle assegnazioni delle nuove concessioni vanno
previste, inoltre, clausole per la tutela dell’occupazione, così come
vanno garantite regole chiare e trasparenti nel sistema degli appalti.

Per quanto riguarda l’articolazione della mobilitazione sul territorio
provinciale in Trentino trasporti il servizio urbano di Trento e
Rovereto e le biglietterie scioperano dalle 11.00 alle 15.00; quello
extraurbano, ferrovia Trento-Malè e Trento Bassano dalle 19.00 – 23.00.
Gli impianti fissi si fermano per le ultime 4 ore del turno di lavoro.
Così anche il comparto merci e logistica; autostrada del Brennero si
ferma per l’intero turno di lavoro. Gruppo FS macchinisti, capitreno,
personale delle stazioni scioperano dalle 9.01 alle 17.01.

Sciopero trasporti anche in Trentino
lug 24@14:00–15:00

mercoledì anche in Trentino ci sarà lo sciopero dei trasporti. Coinvolti
trasporto pubblico urbano ed extraurbano, ferrovie, autostrada e
logistica.

Scuola italiana, nominati cinque dirigenti scolastici e due ispettori
lug 24@14:55–15:55

Il Sovrintendente Vincenzo Gullotta ha nominato cinque dirigenti scolastici, che andranno a ricoprire incarichi nella scuola in lingua italiana.

Il Sovrintendente Vincenzo Gullotta ha nominato questa mattina cinque  dirigenti scolastici che dal primo settembre andranno a ricoprire incarichi attualmente scoperti nella scuola in lingua italianaSusanna Addario andrà a dirigere l’Istituto comprensivo Bolzano 4-Oltrisarco (scuole primarie Tambosi e Rodari, scuola secondaria di I grado Fermi). Giuseppe Augello, dopo la nomina a dirigente, è stato assegnato alla Direzione provinciale scuole a carattere statale, in qualità di ispettore e coordinatore del Servizio inclusione. Marco Fontana è stato nominato dirigente presso l’Istituto comprensivo Bolzano Europa 2 (primaria King e secondaria di I grado Alfieri). Chiara Nocentini prenderà servizio presso l’Istituto comprensivo Bolzano 2-Don Bosco (primarie Don Bosco e Langer, I grado Ada Negri), mentre Marco Tovani, già attualmente dirigente presso la scuola italiana a Zurigo, dirigerà l’Istituto comprensivo Laives 1.

Nuovo ispettore per la religione

A seguito del pensionamento di Sandro Tarter, si sono concluse anche le procedure per la selezione del nuovo ispettore per la religione, incarico affidato alla dirigente Patrizia Corrà. In sostituzione, invece, dell’ispettrice per il Tedesco L2, Carlotte Ranigler, che dal 1° settembre tornerà al ruolo di dirigente nella scuola tedesca, è stata chiamata Barbara Gramegna, alla quale è stato affidato il coordinamento del Servizio di tedesco seconda lingua e lingue straniere.

Trail della Val di Pejo con la Social Ride di Marco Aurelio Fontana
lug 24@15:55–16:55

Dopo l’Isola d’Elba, Marco Aurelio Fontana ha conquistato la Val di Pejo. In occasione della tappa della eEnduro, nella quale ha colto un buon 2° posto, il Prorider della Scuderia Fontana è andato alla scoperta di uno dei posti più belli dove girare in eMTB in stile enduro e all-mountain. Grazie al video disponibile su www.redbull.com possiamo conoscere uno dei più bei natural park della Val di Sole.
L’idea della Social Ride è nata dalla volontà del Prorider con il caschetto Red Bull di girare insieme alla community, dimostrandosi un format vincente fin dal primo appuntamento all’Elba. Nello specifico la Social in Val di Pejo, famosa per i suoi trail naturali e i suoi paesaggi alpini spettacolari, ha percorso i 4 tracciati AM-Enduro della Pejo Trail Arena, novità della Val di Sole Bike Land, immersa nel Parco Nazionale dello Stelvio e pensata e strutturata per gli e-biker proprio per l’abbondante dislivello che ci si trova a percorrere.
Ad accompagnare Marco Fontana, Luca Bortolotti guida e shaper: «Alla Pejo Trail Arena c’è tutto: sottobosco compatto alternato da passerelle in legno e rock garden naturali, passaggi tecnici, flow che alternano tratti di discesa a sezioni tecniche con salita e ostacoli naturali. Un vero paradiso per chi ama percorrere i trail naturali».
Il prossimo appuntamento per la Social Ride con Marco Aurelio Fontana è fissato a Livigno sabato 20 luglio. Per info e iscrizioni: www.redbull.com/socialride.

La Leonessa Basket Brescia ha il suo ‘re’: ufficiale l’acquisto di Bronson Koenig
lug 24@16:35–17:35

Germani Basket Brescia ha reso noto l’acquisto di Bronson Koenig, combo guard statunitense di 24 anni. Koenig, che vanta già un’esperienza europea nelle fila della squadra montenegrina del Mornar Bar con la quale ha disputato la scorsa edizione della 7DAYS EuroCup, ha firmato un contratto valido per la stagione sportiva 2019-2020.

“Siamo molto felici di aver chiuso l’acquisto di Bronson Koenig, che rappresentava uno dei nostri principali obiettivi di mercato – afferma Matteo Bonetti, patron di Basket Brescia Leonessa -. È un giocatore giovane, che ha le caratteristiche tecniche utili a completare il nostro roster. Un ragazzo in crescita ma non una scommessa, perché ha già avuto modo di dimostrare il proprio valore negli ultimi due anni, in particolare nell’esperienza che ha compiuto in Montenegro. Koenig è il tassello giusto per completare un roster lungo, in grado di affrontare le due competizioni grazie a un mix di esperienza e di gioventù e che ora dovrà cercare la chimica giusta per poter fare una stagione importante”.

“Koenig è una perfetta combo guard, che può giocare in due ruoli, quello di playmaker e quello di guardia – spiega Giacomo Baioni, assistant coach della Germani Basket Brescia -. Ha tiro dal palleggio, gioca bene il pick-n-roll, si esprime bene in campo aperto, è consistente dal punto di vista fisico ed è un ottimo difensore sulla palla”.

“Bronson incarna lo spirito di questa Germani, che ormai è praticamente formata – prosegue Baioni -. È un giocatore che ha un’estrema voglia di fare bene, come ha dimostrato nella sua esperienza al Mornar Bar, dove è stato protagonista di performances importanti. Siamo contenti di averlo firmato, pensiamo che possa completare nel migliore dei modi il pacchetto esterni della squadra”.

“Sono molto contento di poter giocare in un Paese interessante come l’Italia, dove potrà proseguire il mio sogno di giocare a basket da professionista – le parole del neo giocatore della Leonessa -. Poter competere nel campionato italiano e in EuroCup rappresenta per me una grande opportunità e sono entusiasta di poter conoscere la ricca cultura che l’Italia e Brescia hanno da offrire e di provare anche del cibo delizioso!”

LA SCHEDA – Nato a La Crosse (Wisconsin) il 13 novembre 1994, Bronson Koenig è un prodotto dell’Università del Wisconsin, nella quale ha trascorso quattro anni tra il 2013 e il 2017. Con la maglia dei Badgers totalizza 148 presenze, arrivando ad accumulare 14.5 punti di media e 2.0 assist a partita nel suo anno da senior.

Dopo essersi dichiarato eleggibile al Draft NBA del 2017, dove però non viene scelto, firma un contratto con i Milwaukee Bucks fino a settembre, poi partecipa al camp dei Chicago Bulls ma a metà ottobre rientra tra gli ultimi tagli del roster. Decide dunque di indossare la maglia dei Grand Rapids Drive, disputando la stagione 2017-2018 della G League con un fatturato di 9.8 punti e 1.3 assist di media a partita.

Nell’estate del 2018 firma un contratto con la squadra montenegrina del Mornar Bar, con la quale disputa la scorsa edizione della 7DAYS EuroCup. In Europa disputa 8 partite (12.4 punti, 2.3 assist di media a gara) mentre in ABA League ne disputa 9 (12.4 punti e 2.8 assist di media a partita). A fine novembre lascia l’Europa e si trasferisce in Messico, vestendo la maglia dei Mineros de Zacatecas, ma solo per 2 partite.

Chiude la stagione nei Vaqueros de Bayamón, squadra portoricana, con la quale disputa 9 partite, arrivando a collezionare 11.6 punti e 1.9 assist di media a gara.

Calcio, programma ritiri estate: amichevoli Napoli con Cremonese e Benevento
lug 24@17:00–18:00

Sarà la sfida con la Cremonese a chiudere il ciclo di tre amichevoli che SSC Napoli disputerà nel ritiro di Dimaro Folgarida 2019. Si giocherà – come le altre – allo Stadio di Carciato. E’ in calendario per mercoledì 24 luglio, due giorni prima che la squadra lasci la Val di Sole e il Trentino per affrontare una serie di amichevoli internazionali. 

Il Napoli inizierà il 13 luglio il suo ciclo d’amichevoli contro il Benevento, formazione di serie B che ha sfiorato la promozione in serie A. Rimane da definire l’amichevole di venerdì 19 luglio.

La Cremonese sarà in ritiro, sempre in Trentino, a Molveno dal 13 al 27 luglio. I lombardi nella scorsa stagione hanno chiuso al nono posto il campionato di serie B, sognando a lungo di qualificarsi ai play-off. Alla guida della formazione lombarda c’è Massimo Rastelli, una vecchia conoscenza del Napoli, in cui ha giocato nella stagione 2001-02. La Cremonese metterà subito alla prova la crescita tecnica, tattica e atletica del Napoli nel corso del ritiro valorizzando i propri punti di forza, soprattutto la solidità difensiva. La squadra grigiorossa ha concluso lo scorso campionato con soli 33 gol subiti, avendo così la miglior difesa della serie cadetta, incassando ben nove reti in meno del Brescia capolista.

Il primo allenamento del Napoli versione 2019 – 2020 si terrà nel pomeriggio di sabato 6 luglio. L’arrivo di giocatori, tecnici e dirigenti è previsto alla spicciolata. Nessun pullman come in passato ma l’indicazione di raggiungere lo Sport Hotel Rosatti entro le 13.00. Doppio allenamento invece per domenica 7 luglio e quindi l’occasione per i tifosi di poter conoscere i prodotti della ruralità locale già lunedì pomeriggio con il Mercatino Contadino allestito nel piazzale antistadio.

Martedì sera 9 luglio il Centro Congressi alla Sosta dell’Imperatore a Folgarida ospiterà il primo incontro ufficiale del ritiro: saranno presenti Mister Carlo Ancelotti e due giocatori. Spazio alle domande, in particolare dei bambini. Inizio 21.15.

Previsti altri momenti di contatto squadra-tifosi: lunedì 15 luglio Quattro giocatori incontreranno il pubblico in piazza a Dimaro (ore 21.15) e giovedì 25 luglio, alla vigilia della partenza da Dimaro – Folgarida quando nuovamente Piazza Madonna della Pace (ore 21.15) sarà il palcoscenico di DJ set e Incontro con la squadra, che tradizionalmente vede Mister e calciatori coinvolti in canti e momenti di divertimento.

Ricco anche il programma di contorno articolato negli spettacoli di Gino Rivieccio (giovedì 11 luglio), Made in Sud con Sal da Vinci (giovedì 18 luglio) e Made in Sud (lunedì 22 luglio), tutti previsti sul palco di Piazza Madonna della Pace con inizio alle 21.15.

Grande novità dell’estate 2019 per i tifosi è la Val di Sole Opportunity-Trentino Guest Card: sino al 29 settembre chi soggiorna presso le strutture ricettive convenzionate avrà l’opportunità di salire sulle montagne della Val di Sole con le oltre 10 funivie e seggiovie e raggiungere i 3000 metri delle vette dell’Ortles Cevedale e, novità assoluta, dell’Adamello Presanella, con la spettacolare vista sul ghiacciaio più esteso d’Italia. Un’occasione da non perdere anche per i tifosi del Napoli.

Anche per le famiglie con bambini è così possibile godere dall’alto l’emozionate veduta delle montagne di questo splendido angolo del Trentino Occidentale. E di trasportare le Mtb in quota per poi affrontare semplici o adrenaliniche discese. INFO www.valdisole.net

Free bike a Livigno
lug 24@18:00–19:00

Livigno è diventato negli ultimi anni un punto di riferimento in tutta Europa per gli amanti del downhill e del freeride; uno dei primi bike park in Italia è il “Bike-Park Mottolino”. Danny MacAskill, Hans Ray, Brian Lopes e Karl Platt, sono alcuni nomi noti nel mondo delle bici con le ruote grasse che non hanno saputo resistere all’attrazione di Livigno. Se d’inverno si scia su meravigliose piste da sci, dalla primavera all’autunno i crinali privi di neve diventano adrenaliniche piste per gli appassionati di downhill e freeride. Con i suoi 600 metri di dislivello e 14 piste lunghe fino a 4,5 km, il bike park offre percorsi per tutti; tra le piste più facili c’è la “Take it Easy”: 4.400 m di sentiero nel bosco; c’è poi la Downhill, una pista nera, tecnica e veloce: è il vertiginoso percorso di gara dei Campionati Mondiali di MTB ed è riservato ai biker più esperti e preparati. Di media difficoltà è ad esempio la “Chemical water”, un percorso abbastanza pianeggiante, ma reso divertente dalle molte radici e dalle molte curve.
Per gli amanti delle due ruote ci sono 3200 km di percorsi mappati con sistema GPS per Tours&Track, dove avventurarsi anche accompagnati da esperte guide Lungolivigno MTB, istruttori professionisti per il freeride, il downhill e il cross country. Chi preferisce le pedalate meno adrenaliniche, può rimanere in paese e pedalare lungo la tranquilla pista ciclabile dotata di bike service.

Dopo l’adrenalina, ci si rilassa alla MANDIRA SPA dell’hotel Concordiaoppure alla MANDIRA SPA dell’hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort; nella prima è stato progettato il mondo delle acque: uno spazio adibito alla sauna e bagno turco, un tripudio di profumi e di tisane in grado di depurare e purificare. Nell’idromassaggio ci si rilassa in un ambiente raffinato e arredato con cura. La nuovissima piscina è un inno al benessere: ci si rilassa in un’atmosfera alpina.
La Mandira SPA dell’Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort, di circa 1200 metri quadri, presenta la nuova vasca d’acqua salina, “Lac Salin”, ricca di sali benefici per la vita: lo iodio, il magnesio, il potassio che per osmosi entrano in circolo nell’organismo; il suo nome, come per l’hotel, deriva del laghetto a 3.000 metri di quota, sulla montagna di Livigno. Sono state tolte le barriere con l’esterno: nel progettare le sale relax si è pensato di riprodurre all’interno un fitto bosco, mettendo alberi stilizzati in legno resinoso e lasciando pendere dal soffitto una cascata di pigne profumate. È il luogo giusto per sognare e per sentire il profumo della natura. Qui ci si rigenera grazie anche alla nascita dei nuovi prodotti a base di stella alpina, per i quali sono stati studiati gli Alpine Care Rituals, dedicati a chi si vuole immergere totalmente nel mood delle atmosfere che sa regalare la montagna. Sono sei rituali per il corpo e per il viso di uomo e donna, che rilassano, levigano la pelle, la tonificano e le danno energia. È un’immersione totale nella natura, dove l’interno e l’esterno si sovrappongono, per rivivere le emozioni sulle due ruote che ha regalato la giornata. Highlight della stagione 2019 è la casetta di fieno, speciale chalet dalla forma quadrata, costruito interamente con il fieno per regalare agli appassionati del benessere naturale un’esperienza insolita e provare il rituale “Badent da Fen” che riattiva l’energia interiore per una nuova vitalità. 

IL PACCHETTO 
PERIODO: dal 14 al 29 settembre
OFFERTA: Hotel Concordia: € 384 per 3 notti a persona in doppia camera Standard
Lac Salin SPA & Mountain Resort****S: € 537 per 3 notti a persona in doppia camera Superior

  • Soggiorno di 3 notti con trattamento di B&B con colazione atomica;
  • 3 giorni di Bike Pass INCLUSO;
  • Drink di benvenuto;
  • Late Check Out alle ore 12.00 il giorno della partenza;
  • Bike Garage;
  • Servizio lavaggio e tools per la manutenzione della Bike;
  • Lavaggio quotidiano dell’abbigliamento tecnico;
  • Parco bici gratuite (MTB) rinnovato;
  • Libero accesso alla Mandira SPA dell’Hotel;
  • Lungolivigno Club Card, la tessera che unisce tutte le attività del mondo Lungolivigno e consente di accumulare punti ed utilizzare subito buoni sconto negli hotel e nelle fashion boutique del gruppo Lungolivigno. Welcome bonus di 500 punti;
  • Ampio parcheggio gratuito;
  • Wi-fi free.

> DEAL > Viaggi con il tuo partner ma non sei Biker? Lungolivigno Hotel ha il piacere di offrirti 3 cene al posto del Bike Pass!

Info: www.lungolivigno.com

Livigno, città “duty free” è una delle mete più amate degli shopping addicted. In particolare, il gruppo Lungolivigno Fashion vanta 5 boutique situate in centro dove acquistare a prezzi vantaggiosi capi e accessori delle migliori marche come: Gucci, Dolce&Gabbana, ZZegna, Hogan, Burberry, Stella McCartney, Michael Kors, Tod’s, Fendi, Dsquared2, Moncler, Neil Barrett, Alanui, Off-White, Jimmy Choo per citarne solo alcuni. Grazie alla funzione Clic & Collect si possono ordinare i capi sul sito e ritirarli negli store Lungolivigno Fashion usufruendo dello sconto Iva dell’area extradoganale.

•            Da Giuseppina 1941, via della Gesa 711, Livigno

•            Da Giuseppina 1941 Woman, via Fontana 96, Livigno

•            Connaction, via Rin 52, Livigno

•            Renna Sport, via Plan 130, Livigno

•            Outlet Lungolivigno, via Fontana 181/C, Livigno

Info negozi: www.lungolivignofashion.com

Germani Basket Brescia: ufficiale l’acquisto di Tommaso Guariglia
lug 24@18:00–19:00

Germani Basket Brescia ha annunciato l’acquisto di Tommaso Guariglia, centro italiano di 21 anni che nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia della Fortitudo Agrigento, in Serie A2. Guariglia ha firmato un contratto che lo legherà alla Leonessa per la prossima stagione, con opzione per le stagioni successive.

“Riteniamo che Tommaso possa essere l’uomo giusto per chiudere il nostro roster, in modo che possa essere il più lungo possibile per affrontare due competizioni importanti come campionato ed EuroCup – spiega Matteo Bonetti, patron di Basket Brescia Leonessa -. Si tratta di un giovane lungo di grande prospetto, merce rara nel panorama cestistico nazionale, dal quale ci aspettiamo grandi cose”.

“Guariglia è un giocatore giovane, che entrerà a far parte del nostro pacchetto di lunghi – il pensiero di Vincenzo Esposito, coach della Leonessa -. Considerato ciò che è disponibile sul mercato degli italiani, credo che per noi sia importante avere la possibilità di inserire nel nostro roster un giocatore giovane, interessante, che ha fatto esperienze importanti in Serie A2, disputando minuti veri”.

“Tommaso ha dimostrato subito interesse per la nostra offerta – conclude il coach campano -. È un giocatore che ha voglia di crescere e migliorare: di certo non gli mancava mercato in A2, ma ha accettato la nostra proposta perché è interessato a crescere in una società importante e a confrontarsi con giocatori di livello, oltre che a partecipare a una competizione internazionale. Ci darà una mano vicino a canestro, ma è dotato di una mano educata. Ha grossa voglia di lavorare e migliorare, siamo contenti che sia arrivato da noi”.

“Quando è arrivata l’offerta di Brescia e la chiamata di coach Esposito, mi sono accorto venire a Brescia era un’occasione che non potevo farmi scappare – le parole di Tommaso Guariglia, nuovo lungo della Germani -. Arrivare alla Leonessa rappresenta qualcosa di più della semplice opportunità di fare un salto di categoria: arrivo in un posto che è in grande crescita, dove trovo persone che amano fare il proprio mestiere. Sono rimasto molto coinvolto e molto sorpreso dalle parole del coach e so che il club ha fatto un investimento importante su un ragazzo di 21 anni. A me adesso non resta che ripagare con i fatti la fiducia del coach e della società”.

LA SCHEDA – Nato a Salerno l’8 agosto 1997, Tommaso Guariglia è un centro di 207 centimetri. Cresciuto nelle fila della Virtus Siena, completa la sua crescita indossando la maglia della Stella Azzurra Roma. Nella Capitale trascorre due stagioni dal 2014 al 2016, poi compie il salto in Serie A2, vestendo i colori della Viola Reggio Calabria.

La stagione produttiva trascorsa sullo Stretto gli vale la chiamata della Fortitudo Agrigento, che nell’estate del 2017 lo pone all’interno del proprio roster, guidato da coach Franco Ciani. Nella prima stagione trascorsa in Sicilia raggiunge i playoff, persi ai quarti di finale contro la Fortitudo Bologna. Chiude la seconda stagione trascorsa ad Agrigento con 5.7 punti e 3.8 rimbalzi di media a partita, in un’annata chiusa dalla formazione biancoblu al decimo posto del Girone Ovest.

Guariglia ha vestito la maglia azzurra in tutte le categorie giovanili (Under 15, Under 16, Under 17 e Under 18), arrivando ad accumulare 11 presenze e 45 punti a referto nelle fila dell’Under 20, con cui nel 2016 ha disputato il campionato europeo di categoria in Finlandia, chiuso con 3.6 punti e 2.0 rimbalzi di media a partita.

Programma amichevoli estate Ciliverghe Calcio
lug 24@18:00–19:00

Il Ciliverghe Calcio rende noto il proprio programma del ritiro estivo che vedrà la società gialloblù ai nastri di partenza del campionato di serie D per la sesta stagione consecutiva, diventando così la compagine bresciana con maggior militanza nel massimo campionato dilettantistico tra quelle ai nastri di partenza per il 2019/20.

La rosa a disposizione del tecnico Carobbio effettuerà scaglionata le visite mediche nei giorni di giovedì 18 e venerdì 19 presso il centro Panathleticon di Brescia, per poi iniziare il lavoro sul campo presso il Centro Sportivo Casa Cili da lunedì 22 con programma di doppie sedute fino al 13 agosto.

Folto e di qualità il programma delle amichevoli estive che vedrà il Ciliverghe affrontare ben due società di serie A ed una di Lega Pro.
Primo confronto mercoledì 24 contro il Brescia a Darfo Boario con calcio d’inizio alle ore 17.30; a distanza di soli quattro giorni domenica 28 il Ciliverghe sarà ospite del Sassuolo nel ritiro di Vipiteno, mentre l’ultimo test contro i professionisti sarà il 7 agosto a Temù quando i gialloblù affronteranno la Feralpisalò.

page1image10872

PROGRAMMA AMICHEVOLI

24/07

Brescia – Ciliverghe

page1image14464 page1image14784

ore 17.30

page1image16048

Stadio Comunale – Darfo (Bs)

28/07

Sassuolo – Ciliverghe

page1image19440 page1image19760

ore 18.00

page1image21024

Stadio Comunale – Vipiteno (Bz)

03/08

Ciliverghe – Caravaggio

page1image25112 page1image25432

ore 16.00

page1image26400 page1image26720

page1image27192

Casa Cili

page1image28160

07/08

Feralpisalò – Ciliverghe

ore 17.30

Stadio Comunale – Temù (Bs)

10/08

Virtus Bergamo – Ciliverghe

page1image34184 page1image34504

ore 16.00

page1image35768

Stadio Comunale – Ciserano (Bg)

13/08

Ciliverghe – Vobarno

page1image39856 page1image40176

ore 16.00

page1image41144 page1image41464

page1image41936

Casa Cili

page1image42904

21/08

Triangolare Ciliverghe – Lumezzane – Bedizzolese

ore 19.30

page1image46720 page1image47040

Stadio Saleri – Bedizzole (Bs)

Alto Garda, «L’Ora dei burattini»: al via la ventiduesima edizione
lug 24@20:00–21:00

Ventiduesima edizione per «L’Ora dei burattini», il festival per piccoli e grandi proposto dalle Amministrazioni comunali di Arco, Riva del Garda e Nago-Torbole, il cui nome è un gioco di parole che allude all’Ora, il vento stagionale del Garda. Dal 24 luglio al 9 agosto, undici spettacoli per tredici rappresentazioni, con tante novità.

 

La prima: «Favole e burattini al parco», ciclo di sei laboratori di narrazione e di creazione di pupazzi con in più una conferenza-spettacolo. Altra novità: per quanto riguarda i luoghi che ospiteranno gli spettacoli -parchi e parchi gioco, piazze, cortili e spazi verdi delle scuole, oltre alla Rocca e alla spiaggia di Riva del Garda- un ritorno alle origini (il parco Arciducale di Arco, dove la rassegna iniziò 22 anni fa col nome di «Burattinate al parco») e una novità (il nuovo parco «Nelson Mandela» alle Braile ad Arco).

 

Per il resto il festival conferma i contenuti che ne hanno fatto negli anni un costante successo di presenze e di gradimento, con presenze medie a spettacolo superiori a cento persone tra bambini e adulti e punte di circa 300: un’immersione nel mondo affascinante e senza tempo di burattini e marionette, dal teatro di strada a quello di figura, il tutto con alcune delle compagnie più importanti d’Italia e con burattinai che hanno fatto la storia e altri, molto giovani, che la stanno iniziando. Con una tendenza, quest’anno, verso giovani compagnie locali, segno di una inaspettata rinascita.

 

Gli spettacoli sono tutti a ingresso gratuito, così come i laboratori (per questi ultimi è richiesta l’iscrizione), e si svolgono anche in caso di pioggia, in una sede alternativa. La rassegna è curata dall’associazione teatrale Iride e ha il patrocinio di Unima, l’Unione internazionale della marionetta, e di Unicef, United nations international children’s emergency fund. «L’Ora dei burattini» raccoglie fondi per i progetti di solidarietà dell’associazione «Officina del sorriso» (www.officinadelsorriso.org).

 

Come tradizione, l’apertura è ad Arco, la sera del 24 luglio in piazzale Segantini, con lo spettacolo di street art «Stravagarte» della compagnia bolognese Teatro Lunatico (ore 21, in caso di pioggia al Centro giovani intercomunale Cantiere 26), e la chiusura a Riva del Garda, la sera del 9 agosto nel cortile della Rocca con la compagnia trentina Teatro delle Quisquilie e lo spettacolo di attore e figure «Piantala Emma!» (ore 21, in caso di pioggia all’auditorium del Conservatorio).

 

Gli altri appuntamenti: il 25 luglio in piazza Mimosa al rione Due Giugno a Riva del Garda c’è «Samovar Show», spettacolo di street art della compagnia milanese Samovar (ore 21, in caso di pioggia sotto il portico); il 26 luglio ancora street art con «Magic street!» e le compagnie trentine Iride, F.lli Sam e Mago Barnaba, alla Piazzola di Torbole (ore 21, in caso di pioggia al teatro di Nago); il 29 luglio nel cortile della scuola di Massone ad Arco la compagnia bolzanina Sotriffer mette in scena lo spettacolo di attore e burattini «Dracula, il non-morto sfida la morte!» (ore 21, in caso di pioggia nella palestra della scuola); doppia rappresentazione per «I tre porcellini di pian del Porco», spettacolo di attore e burattini della compagnia trentina Teatro a Dondolo, il 30 luglio al parco Arciducale ad Arco (ore 18.30, in caso di pioggia sulla terrazza del Casinò municipale) e il 31 luglio al parco del Pernone a Riva del Garda (ore 18.30, in caso di pioggia nella sala dell’ex chiesa); «Due burattini e un bebè», spettacolo di burattini della compagnia ravennate «Vladimiro Strinati», è la proposta per il primo agosto, nel cortile della scuola di Bolognano ad Arco (ore 21, in caso di pioggia nella palestra della scuola); il giorno seguente, il 2 agosto, ancora la «Vladimiro Strinati» e ancora i burattini, con lo spettacolo «Nonna e Volpe», nel cortile della scuola di Vigne (ore 21, in caso di pioggia all’interno della scuola); lo spettacolo di narrazione con figure «Insetti, insettini e… insettoni!» della compagnia trentina Iride va in scena due volte, il 5 agosto al centro sportivo di Sant’Alessandro a Riva del Garda (ore 21, in caso di pioggia nella palestra della scuola) e il 6 agosto al parco «Nelson Mandela» ad Arco (ore 18.30, se piove sotto la tettoia del parco); il 7 agosto tocca alle marionette della compagnia sarda Kronicokab (di Ossi, Sassari) con «Camminando sotto il filo», alla spiaggia di Punta Lido a Riva del Garda (ore 11, in caso di pioggia nell’ex chiesetta al parco Miralago); mentre l’8 agosto «Brutto sarai tu!» è lo spettacolo di attore, pupazzi e burattini portato in scena dalla compagnia trentina Le Rane Verderame, al parco giochi di San Giorgio ad Arco (ore 21, in caso di pioggia nella sala del Circolo San Giorgio).

 

La novità «Favole e burattini al parco» coinvolgerà bambini di ogni età nell’ascolto di fiabe di ogni tipo legate alla realizzazione di personaggi e all’invenzione di brevi giochi, nei parchi e nelle aree verdi dei Comuni di Arco e Riva del Garda: una proposta all’ombra di alberi e comode panchine e un’iniziativa che vuole valorizzare le zone verdi all’insegna della fantasia, della socializzazione e della creatività. La chiusura è con una conferenza spettacolo del burattinaio e cantastorie Vladimiro Strinati dal titolo «La fola e il burattino», aperta anche ai genitori interessati ad approfondire tecniche di narrazione con i burattini.

La conferenza stampa di presentazione della rassegna si è tenuta nella mattina di venerdì 19 luglio nell’ufficio dell’assessorato alla cultura del Comune di Arco a Palazzo dei Panni, presenti l’assessore alla cultura di Arco Stefano Miori, la responsabile dell’Ufficio cultura del Comune di Arco Giancarla Tognoni, la presidentessa dell’associazione teatrale Iride (curatrice dell’evento) Rosalia Capitanio e, per Nago-Torbole Stefano Chelodi, vicepresidente di Cento, il Consorzio degli esercenti. Assenti per altri impegni Flavia Chincarini e Luisa Rigatti, assessore alla cultura rispettivamente di Riva del Garda e di Nago-Torbole.

Università di Bergamo, Piano Strategico di Ateneo 2020-2022
lug 24@21:00–22:00

L’Università degli studi di Bergamo ha avviato le procedure per la definizione del Piano Strategico di Ateneo 2020-2022 nell’ambito del quale saranno esplicitati gli indirizzi strategici e le direttrici di sviluppo per il prossimo triennio in continuità con il Piano Strategico 2017-2019.

Vista la consolidata posizione dell’Ateneo nel panorama nazionale e regionale, grazie all’offerta formativa e il conseguente trend di crescita da parte degli studenti, e vista la necessità di riallinearsi, come accade ciclicamente nella storia dell’Ateneo, ai nuovi fabbisogni didattici, di ricerca e di uffici che vedono crescere la domanda di aule, laboratori, sedi amministrative, residenze studentesche e aree parcheggio, l’attivazione di possibili nuove azioni strategiche in campo infrastrutturale e logistico, diventa prioritaria nel Piano Strategico 2020-2022.

Il Consiglio d’Amministrazione dell’Università degli studi di Bergamo, nella seduta del 9 luglio 2019, ha quindi ritenuto necessario intraprendere iniziative che consentano in termini moderni ed efficaci di attingere alle risorse presenti sul territorio per dare soddisfazione alle richieste di una nuova e dinamica università.

A tal fine, attraverso un Avviso Pubblico, l’Ateneo si rivolge ai privati, detentori di immobili o spazi, nei territori di Bergamo e Dalmine o immediatamente confinanti, interessati alla cessione, a vario titolo, per uso universitario.

Gli interessati, in possesso dei requisiti e secondo le modalità indicati nell’Avviso Pubblico presente sul sito www.unibg.it nella sezione Amministrazione/Bandi di gara, sono invitati a far pervenire la propria manifestazione d’interesse entro le ore 12 del 10 settembre 2019, a pena di esclusione.

Contest: ha vinto Arianna Viesi ad Arco
lug 24@21:45–22:45

É Arianna Viesi, ventisettenne di Castione neolaureata all’Università di Trento in lettere classiche (con 110 e lode), la vincitrice della terza edizione del Contest di giornalismo partecipativo organizzato da Tempora Onlus nell’ambito del progetto «Comunità e narrazione», la cui premiazione è stata mercoledì 10 luglio al Centro giovani intercomunale Cantiere 26 ad Arco. Arianna ha vinto un contratto free lance di un anno al giornale web Il Dolomiti.

 

Il secondo classificato è Luigi Prosser di Mori, studente del corso di laurea in «Letterature euroamericane, traduzione e critica letteraria» all’Università di Trento; terza Cinzia Villotti di Trento, operatrice di front office all’Apt dell’Altopiano di Pinè e Valle di Cembra, laureata in scienze politiche all’Università di Padova (con 110 e lode). A seguire si sono classificati Luca Rinaldi, Valeria Balestra, Viviana Arlette Maurina e Patrick Largher. Al primo (oltre al contratto free lance), al secondo e al terzo classificato sono andati un iPad, al quarto, quinto, sesto e settimo un tablet, e per tutti gli ammessi un attestato di partecipazione e il libro più ebook «Lavoro, dunque scrivo!» di Luisa Carrada (Zanichelli). Infine, Monica Ribon dell’assessorato alla cultura della Provincia ha consegnato a tutti i vincitori il libro «Magiche Dolomiti» (Hermes Color, Trento).

 

La cerimonia è stata condotta da Giovanna Venditti, presidentessa di Tempora Onlus, presente anche Tiziano Grottolo, giovane rivano vincitore dell’edizione dell’anno scorso, ospiti Silvia Girelli, assessora del Comune di Arco alle politiche giovanili; Corrado Bungaro, assessore alla cultura del Comune di Trento; Elisa Colla, consigliera delegata del Comune di Rovereto; Caterina Fassan, consigliera del Comune di Altavalle; Massimiliano Pilati, presidente del Forum trentino per la pace e i diritti umani; Patrizia Filippi, vicepresidente della Comunità della Valle di Cembra, e Monica Ribon per l’assessorato alla cultura della Provincia.

 

«È stata una particolare premiazione -dice l’assessora Silvia Girelli- perché non si è tenuta in un palazzo istituzionale ma al Centro giovani di Arco, il che ha costituito un valore aggiunto apprezzato da tutti. Una sede che ho fortemente voluto e che ha fatto conoscere questo luogo a tutto il Trentino. Per quanto riguarda il contest, non è solo una piccola ma significativa opportunità di lavoro, ma ha anche il merito di creare una rete tra comunità e tra giovani che non si ferma ai temi trattati ma credo abbia lasciato molto di più, soprattutto una preparazione e una cultura dell’informazione di notevole livello, grazie ai relatori qualificati e agli stimoli dei tanti partecipanti. Quello che mi preme è che questi ragazzi abiamo avuto la possibilità di sviluppare un senso critico e uno sguardo personale, alla ricerca di una informazione corretta.»

 

«Tutti i vincitori sono laureati con 110 e lode -dice Giovanna Venditti- e un valore aggiunto del contest che vorrei segnalare, è che Tiziano Grottolo, che l’anno scorso ha vinto, potendo così firmare il contratto di un anno al Dolomiti online, è stato ora riconfermato. Qust’anno ciascuna sede territorile, cioè Rovereto-Arco, Trento, Altopiano della Vigolana e Valle di Cembra, hanno avuto almeno un vincitore. Infine, vorrei ringraziare l’assessore Mirko Bisesti, che ha voluto donare ai premiati il libro sulle Dolomiti.»

 

Il contest ha l’obiettivo di incentivare prospettive di sviluppo locale in ottica innovativa e tecnologica, e per questo promuove collaborazioni di rete e reciproco interesse in Trentino, unendo mondo non profit e istituzionale al comparto economico delle comunità beneficiarie. I partecipanti al contest, giovani da 18 a 35 anni di età, hanno seguito dodici incontri formativi sul giornalismo, replicati nelle sei sedi di Arco, Rovereto, Trento, Altopiano della Vigolana, Cembra Lisignago e Segonzano, più cinque eventi speciali aperti alla cittadinanza. I relatori sono stati professionisti del giornalismo, dell’editoria, della letteratura e della comunicazione. A fine incontri c’è stata l’elaborazione di uno scritto tematico inedito, a scelta su tre tracce indicate («Usa, Russia e Cina nello scenario Inf, Intermediate range nuclear forces treaty: quali possibili giochi»; «A chi importa del clima? I giovani in sciopero il 15 marzo 2019 per rivendicare il diritto al futuro»; «Il senso dell’autonomia trentina nel contesto del disegno di legge governativo, che darebbe ampia autonomia alle Regioni limitrofe»), la cui valutazione è stata sottoposta a una giuria di esperti. Inoltre, i ragazzi hanno seguito un percorso esperienziale di due mesi in remoto con enti del territorio. La valutazione degli elaborati si è basata sui seguenti criteri: qualità del testo e chiarezza dell’esposizione tematica; coerenza con le finalità e il tema del contest; originalità e creatività; approfondimento, vigore e obiettività; valutazione del percorso esperienziale.

Basket: 7DAYS EuroCup, il calendario provvisorio del Girone C
lug 24@22:00–23:00

L’esordio in casa contro i russi dell’Unics Kazan, l’ultima sempre al PalaLeonessa di fronte ai francesi di Nanterre. In mezzo le altre otto affascinanti gare di un raggruppamento che si preannuncia tanto duro quanto stimolante per la Leonessa, pronta ad affrontare la sua seconda esperienza europea.

L’EuroCup ha diramato il calendario provvisorio dei gironi di qualificazione dell’edizione 2019-2020 della 7DAYS EuroCup, che vedrà la formazione guidata da Enzo Esposito affrontare i turchi del Darussafaka Tekfen Istanbul, i russi dell’Unics Kazan, gli sloveni del Cedevita Olimpja Ljubljana, gli spagnoli dello Juventut Badalona e i francesi di Nanterre 92.

Nel girone d’andata, la Germani Brescia Leonessa affronterà tre gare casalinghe (il 2 ottobre esordio contro Kazan, il 16 ottobre contro il Cedevita Olimpja e il 23 ottobre contro il Darussafaka) e due trasferte (il 9 ottobre sul campo dello Joventut Badalona e il 30 ottobre in Francia sul campo del Nanterre).

Percorso inverso nel girone di ritorno, con tre trasferte (6 novembre in Russa a Kazan, il 20 novembre a Ljubljana e l’11 dicembre a Istanbul sul campo del Darussafaka) e due gare da disputare al PalaLeonessa: il 13 novembre contro Badalona e il 18 dicembre al cospetto di Nanterre.

La mobilità digitale si fa strada a Bergamo
lug 24@22:00–23:00

E se potessimo cambiare l’auto come cambiamo i vestiti? Da oggi, anche la mobilità può essere modulata e per rispondere alle necessità del momento nasce “Base ALD Bergamo”, l’Experience Point di ALD Automotive, il secondo dopo Monza firmato Lozza, il quinto in Italia, insieme a Verona, Napoli e Perugia.

 

 “Base ALD” è un nuovo mondo dedicato all’innovazione e alla sostenibilità targata ALD Automotive, società del gruppo Francese Société Générale leader nel fleet management e servizi di mobilità pensati su misura del cliente, ma anche un luogo da vivere attraverso eventi e test drive durante l’anno.

 

Nel caso volessi trascorrere un mese in montagna, il veicolo idoneo lo noleggio, così pure il piacere di utilizzare una city car per quattro mesi e solo lo scooter per il resto dell’anno, e ancora, dal car sharing durante la settimana alla decapottabile per il week end al mare, al multi van per una vacanza in campeggio con la famiglia. Quante volte ci si rende conto che abbiamo la vettura sbagliata per l’occasione?

 

Base ALD Bergamo soddisfa tutte le esigenze, evitando il consumismo con la massima attenzione all’ambiente e al benessere dei luoghi in cui abitiamo, dando il via a un nuovo trend che presta attenzione alla salute nostra e delle nuove generazioni. Perché entrare in Base ALD, sia da privato che da azienda, si scopre la possibilità di cambiare il modo di vivere gli spostamenti con mezzi idonei a seconda del luogo e del tempo, che si tratti di ore, giorni, mesi, o anche anni, attraverso formule di noleggio, modulabili che includono tutto dall’assistenza alla risoluzione di qualsiasi problema emerga, ci si dovrà solo occupare del carburante e se è elettrica, ricaricarla.

 

Non importa che le esigenze siano familiari o professionali: l’auto condivisa è il nuovo modo di intendere la mobilità.  Troppo futuristico? Non proprio. A parlare sono i numeri: ogni giorno, oltre 900.000 persone utilizzano in Italia servizi di noleggio a lungo termine, 130.000 quelli del noleggio a breve termine, 33.000 il car sharing vero e proprio con ben 1 milione e 800 mila iscritti in tutto il Paese a servizi di questo genere (dati 18° Rapporto ANIASA). Il futuro, dunque, è già qui. Non a caso, per il “Base ALD Bergamo”, Lozza Spa ha scelto un richiamo all’avveniristico Matrix con una facciata a forometria che cambia colore a seconda degli impulsi quotidiani, un nuovo linguaggio dell’intelletto e delle emozioni. Essa, in genere avrà il colore neutro del relax e dell’equilibrio. Un luogo che fin dall’ingresso saprà stupire il visitatore, attento al benessere e alla salute sei propri dipendenti, il nuovo Base ALD Bergamo è un luogo silenzioso, ordinato e verde! Attento all’ambiente e capace di stupirvi quando meno ve lo aspettate!

 

Del resto, il noleggio delle auto è solo uno dei nuovi modi di intendere la proprietà, sempre più dinamica e meno legata al concetto di possesso. Si pensi agli short – stay stile Airbnb o alle nuove formule di design – sharing. La condivisione è il mantra del nuovo millennio e anche una città come Bergamo fa propria questa tendenza globale. Una filosofia che Lozza Spa ha intercettato per tempo, avviando il primo Base ALD in Europa a Monza. Un’esperienza da cui la nuova sede di Bergamo evolverà. Proprio la Base aperta a Monza, infatti, è un’ulteriore conferma di un format vincente, capace di interpretare le esigenze delle aziende ma anche delle famiglie, sempre più alla ricerca di una mobilità agile e sostenibile, poco dispendiosa e molto flessibile, declinabile in capo alle specifiche esigenze: «In quanti viaggeranno? Quale sarà la meta? Quale la ragione del viaggio?»

 

«Le nuove generazioni parlano il linguaggio della libertà e i servizi di mobilità devono essere in grado di rispondere a questa esigenza. Negli ultimi cinque anni, nel settore dell’automotive ci sono state più innovazioni che negli ultimi 50 anni. Si pensi non solo alla sharing ma anche alla e-mobility.  Evoluzioni che presuppongono importanti processi di ricerca e sviluppo in campo tecnologico, ma anche l’adozione di una nuova cultura da parte degli operatori del settore che devono diventare più smart, più efficienti, più dinamici.  Digitalizziamo la mobilità, diamo al cittadino una macchina gestita e controllata offrendogli la possibilità di scegliere, di rispettare l’ambiente senza pensare più a nulla perché gestiamo noi manutenzione, assistenza e storage” – spiega il presidente Alberto Lozza, ricordando che un importante passo avanti in questa direzione a Bergamo è stato già compiuto con l’apertura di Muoviti Controcorrente – Car Sharing Bergamo by Lozza, il servizio di sharing mobility che dall’1 giugno scorso ha portato in città 10 auto elettriche da condividere con un semplice click attraverso l’App Popmove. Con questa nuova sede la Lozza spa immette la prima vera provocazione in campo di mobilità fino ad ora mai osata sul mercato di Bergamo al servizio dei cittadini.

 

Stefano Zenoni, Assessore all’Ambiente e alla Mobilità del Comune di Bergamo sottolinea: “La sharing mobility si aggiunge al servizio di car sharing Muoviti controcorrente avviato quest’anno e all’attivazione di più di 32 colonnine di ricarica per veicoli elettrici avvicinandoci a un traguardo importante di far entrare Bergamo all’interno del novero dei comuni che stanno riflettendo su come intervenire a livello locale per adattarsi all’emergenza climatica. Inoltre, il prossimo anno saremo chiamati a fare l’aggiornamento del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (Paesc). L’ultimo monitoraggio del 2016 aveva evidenziato una riduzione del 17% delle emissioni di CO2 rispetto al 2010 e quindi siamo fiduciosi di poter centrare l’obiettivo fissato: una riduzione del 20% entro il 2020”.

 

All’evento di inaugurazione, ha preso parte Crescenzo Ilardi, Head Of Market Sales & Customer Management di ALD Automotive: “L’apertura del nuovo Base ALD nella città di Bergamo rappresenta un ulteriore passo della nostra strategia di sviluppo di una rete sul territorio che garantisca ai nostri clienti una presenza capillare e una continua ricerca nella qualità nei servizi legati alla propria mobilità. Il nostro obiettivo è creare dei veri e propri Experience Point dove i nostri clienti, ma anche i cittadini che vivono le realtà locali, possano vivere un’esperienza di mobilità fatta di innovazione e sostenibilità ambientale. Grazie al grande lavoro dei nostri partner- prosegue Ilardi – riusciamo a studiare il territorio e intercettare quelli che sono i bisogni in modo da costruire, anche con le istituzioni, progetti che possano migliorare la mobilità con una grande attenzione alla riduzione delle emissioni e del numero di veicoli circolanti. Da questo punto di vista la città e tutto il territorio di Bergamo rappresentano un’eccellenza in termini di innovazione e attenzione all’ambiente come già dimostrato con il lancio del servizio di Car Sharing su piattaforma PopMove, vero modello di mobilità innovativa.”

 

IL BASE ALD - Il Base ALD nasce in via dei Campi Spini 7 a Bergamo su una superficie di 3.500 mq coperti e 7.000 scoperti, grazie al lavoro di un pool di imprese del territorio. Provvisto di un sistema di colonnine di ricarica con impianto di assistenza di ultima generazione perfetto per dialogare con auto ibrid full electric digital. L’intera struttura è pensata in un’ottica di risparmio energetico e di human well-being. Nell’edificio lavoreranno 25 persone con la possibilità concreta di un’ulteriore crescita dell’organico.

 

L’EVENTO DI INAUGURAZIONE – Colonna sonora della Base ALD by Lozza giovedì 18 luglio le note di IMA – Italian Music Award e degli allievi de “La Fabbrica del talento” ideata nel 2016 da Fabrizio Frigeni, ex chitarrista di 883, Loredana Bertè, Giusy Ferreri e molti altri. Sul palco tanti giovani e giovanissimi, invitati a esibirsi per condividere la loro energia nuova e i successi raccolti in tanti concorsi musicali nazionali. L’esperienza trasmessa dai docenti IMA, tra questi la celebre vocal coach Lalla Francia, consulente artistica dell’ultima edizione di Amici nonché ex corista del Pavarotti & Friends, ha contribuito alla nascita di una piattaforma didattica unica nel suo genere. Con loro, sempre dalla IMA Italian Music Academy, il co-fondatore Fabrizio Frigeni che celebrerà i suoi 25 anni di carriera con un programma accattivante tra musica pop, rock, classica e colonne sonore. Chitarrista degli 883 all’epoca del “Grazie mille Tour”, Frigeni vanta collaborazioni con Paola & Chiara, Syria, Laura Pausini, Paolo Meneguzzi, Renato Zero, Luca Dirisio, Francesco Facchinetti, Loredana Bertè e Giusy Ferreri.

lug
25
gio
2019
Nuovi impianti di irrigazione, domande per il bando regionale lombardo
lug 25@14:55–15:55

Un bando da 3,5 milioni di euro per il finanziamento di investimenti finalizzati alla ristrutturazione o riconversione dei sistemi di irrigazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Lombardia. Queste le risorse messe in campo dalla Regione nel bando rivolto ad imprenditori agricoli individuali e alle società agricole di persone, di capitali o cooperative che, a partire da domani 12 luglio e fino al 14 ottobre 2019 potranno presentare domanda di partecipazione.

“L’obiettivo – spiega il consigliere regionale Simona Pedrazzicomponente della commissione Agricoltura di Regione Lombardia – è quello di concedere contributi alle imprese e alle società agricole per opere o impianti in grado di ridurre il fabbisogno e l’utilizzo di acqua per irrigazione in ambito aziendale. Saranno finanziati gli interventi di riconversione del metodo irriguo, dallo scorrimento superficiale alla subirrigazione e microirrigazione, pivot, rainger, rotoloni con irrigatori a lunga gittata. Sarà inoltre finanziata l’installazione di dispositivi per la programmazione, la gestione, la misurazione, il controllo e l’automatizzazione degli interventi irrigui”.

“Attraverso questo bando - conclude il consigliere valtellinese - Regione Lombardia dimostra con i fatti di essere vicina alle esigenze e preoccupazioni più volte espresse dal comparto agricolo anche del nostro territorio, fornendo concretamente la possibilità di sistemare acquedotti rurali ormai obsoleti e pericolosi, anche nell’ottica di un risparmio idrico. La nostra agricoltura risente inevitabilmente degli effetti derivanti dai cambiamenti climatici, e il tema della razionalizzazione dell’acqua va affrontato attuando processi di innovazione che aiutino le imprese a ridurre l’utilizzo di acqua, in particolare per l’irrigazione. L’impiego di tecnologie avanzate permette infatti di garantire un miglior efficientamento delle risorse idriche, affiancandosi comunque ai metodi tradizionali”.

Programma eventi a Vermiglio
lug 25@15:00–16:00

Programma eventi settimanali a Vermiglio
· Mercoledì 24 luglio, Sulle Tracce della Grande Guerra, in occasione del trekking dei forti concerto del Gruppo Caronte, Flower Power: i 50 anni del festival di Woodstock presso Forte Zaccarana
· Mercoledì 24 luglio Andar di Notte per un Forte, visita guidata a Forte Strino 21.00-22.30
· Giovedì 25 luglio, Laboratorio di Aquiloni presso i laghetti di San Leonardo (obbligo di prenotazione) presso i Laghetti di San Leonardo
· Giovedì 25 luglio Sentieri Silenziosi, trekking animato a Forte Strino
· Sabato 27 luglio Festa del Mulino di Cortina

Badjan Bakari, Lorenzo Ferraglia e Giovanni Paoli al Calcio Trento
lug 25@15:55–16:55

Calciomercato: Badjan Bakari, Lorenzo Ferraglia e Giovanni Paoli restano al Calcio Trento

Greta Bertolini ai Campionati Europei di Brno
lug 25@15:55–16:55

Dal 25 al 28 luglio nella rassegna continentale in programma a Brno (CZ) ci saranno anche Greta Seiwald e Gioele Bertolini a difendere i colori nazionali. La Santa Cruz Blur CC fa il suo esordio ai campionati europei di mountain bike.
È trascorso davvero tanto tempo, troppo, da quando Greta Seiwald allora giovane junior al 2º anno è stata convocata dall’allora CT Pallhuber per partecipare alla rassegna iridata di Vallnord – Andorra. Era il 2015 e da allora Greta non ha mai smesso d’inseguire il sogno della nazionale. Lo ha fatto stringendo i denti, tenendo duro e lavorando sodo nonostante i risultati tardassero ad arrivare.

A distanza di 4 lunghi anni quel sogno torna ad essere realtà. Questo non è un traguardo, bensì un primo importante step di crescita. Una crescita che quest’anno l’ha vista come non mai fare passi da gigante, sia a livello nazionale che internazionale.

“Una gioia immensa poter tornare a vestire i colori della nazionale italiana in una competizione ufficiale – ha detto Greta – questi ultimi quattro anni sono stati davvero molto impegnativi. Ricchi di duri allenamenti, sacrifici e fallimenti. Si, qualche piccola gioia c’è stata, ma non mi stupisco del fatto che fino ad oggi la convocazione tardasse ad arrivare. Era logico, non me lo meritavo! Ma negli ultimi due anni qualcosa ha iniziato a cambiare. Ho ritrovato la motivazione giusta grazie ad un team che ha saputo trasmettermi fiducia e sicurezza. Ho la fortuna di far parte di un gruppo affiatato, grandi professionisti, ma soprattutto grandissimi amici.”

Dal 25 al 28 luglio assieme a Greta ci sarà anche Gioele Bertolini tra le fila della nazionale azzurra ai campionati europei XCO/XCR/XCE che si disputeranno a Brno, in Repubblica Ceca. I due alfieri del Santa Cruz Fsa porteranno per la prima volta nella storia le loro amate Blur CC sul palcoscenico della rassegna continentale off-road per eccellenza: “È sempre bello ed emozionante indossare la maglia della nazionale – racconta Gioele – custodisco ancora il ricordo di due anni fa quando all’ultimo anno tra gli Un23 vinsi il titolo davanti ai tifosi italiani. L’anno scorso sono stato un po’ sfortunato, ma quest’anno ci tengo davvero tanto a fare un buon risultato. Sia perché esco dalle ultime due gare di coppa non proprio soddisfatto di quanto ottenuto. Sia perché vorrei onorare al meglio la maglia che indosso ed i brand che rappresento.”

Greta e Gioele saranno sicuramente al via delle rispettive gare XCO in programma rispettivamente nel pomeriggio di sabato 27 e domenica 28. Ciò che ancora non è dato sapere è se il CT della nazionale Celestino deciderà di schierare i nostri piloti al via anche nelle prove eliminator (XCE) o team relay (XCR) previste dalla rassegna.

Le capitali del turismo italiano entrano in BIKEBEE
lug 25@16:00–17:00

Dopo Rimini e Cortina d’Ampezzo, anche il Comune di Jesolo, nel cuore della laguna veneta: le capitali turistiche italiane fanno da apripista aderendo per prime alla piattaforma BIKEBEE, uno strumento innovativo per la lotta ai furti di biciclette. Come una reazione a catena che si propaga a partire dalla Regina delle Dolomiti e da due località emblematiche pronta a conquistare il resto d’Italia.
Nel nostro Paese sparisce una bici ogni trenta secondi, e le amministrazioni comunali corrono ai ripari: la startup BIKEBEE, creata da Alberto Montesi, fornisce gratuitamente ai Comuni che partecipano al progetto un Registro digitale completo, realizzato usando le migliori tecnologie, accessibile da chiunque e da qualsiasi device. Uno strumento che permette ai cittadini, in pochi click, di certificare la proprietà della propria bici registrandola gratuitamente, ma anche di riconoscere le bici rubate su tutto il territorio, comunale e nazionale.
Ai Comuni aderenti viene fornito un sito totalmente responsive, compatibile con tutte le versioni di software sul mercato (sia di sistemi operativi, sia di browser) e una app – per Android e IOS – con una grafica personalizzata con logo e colori del Comune.
Il sito sarà pubblicato su un URL a scelta dell’amministrazione comunale.
Un sistema che funziona “chiavi in mano” e viene aggiornato costantemente: il sito e l’app saranno completi di tutte le funzionalità sviluppate, comprensive di release successive per migliorie o semplificazioni delle varie procedure.
Prende forma, attraverso questa piattaforma, un progetto ad alto tasso tecnologico e allo stesso tempo a forte impatto sociale. Lottare contro i furti significa infatti incoraggiare l’uso della bicicletta, innestando un cambiamento che investe direttamente la vita dei cittadini, le loro abitudini, la percezione degli spazi e degli spostamenti.
Tutto questo parte dai territori e dalle comunità, in prima fila nella promozione della bicicletta: come Rimini, che ha aderito alla piattaforma lo scorso maggio, o Cortina, che presenterà il sistema integrato BIKEBEE e le tecnologie 4.0 dei suoi dispositivi di sicurezza nell’ambito del TEDx che la Regina delle Dolomiti ospiterà il 23 agosto.
«I cittadini hanno in mano un nuovo strumento per proteggere la propria bici, ma non solo: i vantaggi – spiega Alberto Montesi, CEO e Founder di BIKEBEE – riguardano tutte le parti coinvolte, dai Comuni, sempre più implicati nella promozione della mobilità verde, alle Forze dell’Ordine, agevolate nell’identificazione dei mezzi rubati e nella restituzione ai proprietari. È un passo deciso in direzione della Green Innovation Sustainability»

 

«È una grande soddisfazione per la nostra città entrare a far parte della rete BIKEBEE – afferma Valerio Zoggia, sindaco di Jesolo -. La località è da tempo impegnata in un processo di promozione della mobilità sostenibile, in particolar modo della ciclabilità, sia tra i turisti che tra i residenti. Il progetto di BIKEBEE diventa opportunità per sostenere questo sforzo, con un occhio alla sicurezza e puntare sempre più ad un modo di vivere il territorio e la città attento all’ambiente».

 

BIKEBEE: in breve

BIKEBEE è una startup fondata da Alberto Montesi, già CEO e Founder di Acotel Interactive, Fashionis.com, Media Bridge, Aggregando e MadeinItaly. Propone un sistema innovativo che integra vari elementi: il Registro digitale delle biciclette, gratuito e a disposizione dei Comuni e delle Forze dell’Ordine, una piattaforma on-line accessibile alla community dei ciclisti, una app e una gamma di prodotti. Questi ultimi sono frutto della ricerca sulle tecnologie IoT/M2M e si appoggiano su sistemi di marchiatura avanzati. BIKEBEE è molto di più di un semplice antifurto, o di un singolo prodotto: è una nuova modalità di utilizzo della bicicletta in ambiente urbano. Comprare una bicicletta, registrarla, proteggerla, sentirsi parte di una community che vigila sulle bici sono tutte azioni che fanno parte integrante dell’esperienza BIKEBEE. Per la prima volta un’unica piattaforma unisce ciclisti ed amministrazioni locali in nome di un obiettivo comune: contrastare i furti di biciclette per incoraggiare la mobilità dolce e restituire alle città una dimensione più verde e sostenibile.

Alta Valtellina Bike Marathon
lug 25@16:15–17:15

Da giovedì 25 a domenica 28 luglio il Parco Nazionale dello Stelvio con i suoi trails da urlo e panorami mozzafiato torna a fare da cornice alla 11ª edizione dell’Alta Valtellina Bike Marathon, uno degli appuntamenti nazionali più importanti per il movimento off-road a due ruote.

Non solo un evento agonistico. Bensì un lungo week end dove il biker, l’appassionato, lo sportivo o più semplicemente l’amante dell’out-door può essere protagonista vivendo un week end all’insegna del divertimento e della vita all’aria aperta.

Proprio per questi motivi, anche quest’anno, Focus Bikes rinnova la sua presenza a fianco ed a sostegno dell’Alta Valtellina Bike Marathon. Da giovedì 25 luglio presso l’Alta Valtellina Bike Village Focus Bikes sarà presente con un’ampia area espositiva per accogliere ed intrattenere tutto il pubblico dell’AVBM.

Expo, ma non solo! Per chi volesse vivere le emozioni ed il piacere di pedalare sugli sterrati del Parco Nazionale dello Stelvio provando le ebrezza delle eBike di ultima generazione non può non approfittare dell’imperdibile eBike Test che Focus Bike propone in forma assolutamente gratuita: basta seguire la procedura on-line per prenotare e quindi assicurarsi la propria bicicletta il giorno e nell’orario desiderato.

E….poi ci sarà una grande sorpresa per tutti i presenti! Il ProRider Marco Aurelio Fontana, portacolori della stilosa Focus Scuderia Fontana nel futuristico mondo delle eBike Races, sarà presente come special guest per tutto il week end presso l’area espositiva di Focus Bike e non solo: ”Faremo una gran festa all’insegna della nostra cara due ruote - ha detto Marco - l’appuntamento è da giovedì 25 ma vi aspetto numerosi fino a domenica per pedalare assieme nelle eBike Experience organizzate a contorno dell’evento agonistico, per firmare qualche autografo, farci qualche scatto assieme e parlare un po’ di questo magico mondo delle eBike che, devo ammetterlo, mi sta proprio facendo divertire un casino!…io ci sarò! Quindi mi raccomando, vi aspetto!”

CLICCA QUI PER PRENOTARE IL TUO TEST GRATUITO

Trentino, bilancio incontro Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile
lug 25@17:00–18:00

Nel corso dell’ultima riunione, il Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile (CIF) ha ospitato Emanuela Rossini, deputata alla Camera per il gruppo misto, con lo scopo di fare il punto sulle necessità delle imprenditrici trentine e verificare insieme la possibilità di portare in sede parlamentare le istanze più urgenti a sostegno di una cultura imprenditoriale libera da vincoli di genere.

 

All’incontro – nel corso del quale sono intervenuti anche Giovanni Bort e Alberto Olivo, rispettivamente Presidente e Segretario generale della Camera di Commercio di Trento – è subito emersa l’opportunità di intervenire in maniera decisa sull’attivazione di misure che permettano alle imprenditrici di conciliare gli impegni lavorativi con le responsabilità familiari. Spesso, infatti, molte donne non sono messe nelle condizioni di poter attendere, contemporaneamente e in modo soddisfacente, sia al proprio ruolo professionale sia a quello privato, creando, in molti casi, situazioni di disagio.

 

“Sono convinta – ha commentato l’on. Rossini – che riuscire a imprimere una dimensione più sostenibile ai ritmi quotidiani delle imprenditrici, e delle lavoratrici in generale, consentendo loro di gestire con serenità ed equilibrio i numerosi impegni giornalieri, non solo permetterà di conferire una dimensione più ‘umana’ alle loro vite, ma soprattutto di seguire con maggiore cura la crescita e l’educazione dei figli, compito che merita un’attenzione particolare”.

 

“Il Comitato – ha spiegato Claudia Gasperetti, Coordinatrice del CIF di Trento – si è sempre speso per dare voce alle necessità delle imprenditrici che, in gran parte, consistono proprio nel riuscire a gestire la quotidianità sia sul fronte imprenditoriale, sia su quello domestico. In Trentino, da diversi anni è attivo il Progetto Co-manager, un servizio unico in Italia, in grado di agevolare imprenditrici e professioniste che, per esigenze di gravidanza, maternità o cura dei familiari, scelgono di essere sostituite temporaneamente nel proprio ruolo gestionale. Ma non basta, per essere davvero incisive, dobbiamo affiancare a questa misura ulteriori strumenti conciliativi”.

 

Nel corso dell’incontro, la discussione si è concentrata anche su altri argomenti di criticità come lo scarso riconoscimento alle donne del proprio merito, la presenza esigua nei luoghi decisionali, la disparità salariale, l’assenza di una disciplina scolastica che avvicini gli studenti alla cultura imprenditoriale; tutti temi su cui il Comitato continua a impegnarsi e per i quali l’on. Rossini si è resa disponibile a dare il proprio sostegno e a confrontarsi in sede ministeriale.

© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136