QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad
Ad

L’agenda delle Valli

Tutti gli appuntamenti giorno per giorno nelle zone montane. Sport, spettacoli ed eventi di ogni genere tra Valtellina, Valle Camonica, Val di Sole per arrivare in Trentino. L’Agenda delle Valli contiene eventi, manifestazioni, iniziative delle zone bresciane e trentine di cui si occupa il portale. Valli che spesso ospitano campionati nazionali e internazionali di diverse discipline e personaggi di fama internazionale. Esibizioni di cori, manifestazioni ciclistiche, raduni degli Alpini. Giorno per giorno tutti gli eventi tra Breno, Edolo, Passo Tonale, Vermiglio, Malè, Cles, Trento passando per Ponte di Legno, Temù, Vezza d’Oglio, Incudine, Malonno, Sonico, Cedegolo, Aprica, Cortenedolo, Caldes, Stavel, Velon.

 

gen
21
sab
2017
Interbourse a Livigno
gen 21@12:30–gen 28@13:30

Sarà Livigno la sede del raduno 2017 di Interbourse, l’evento che da cinquant’anni a questa parte coinvolge la comunità finanziaria internazionale. Una settimana di sci, divertimento e networking in programma dal 21 al 28 gennaio 2017. Saranno presenti 400 banchieri, professionisti di private equity, gestori di portafoglio, commercianti, analisti, intermediari e rappresentanti di scambi internazionali provenienti per il 60% dall’Europa, dai centri finanziari di almeno nove Paesi, e dagli Stati Uniti, Canada, Australia e Singapore.

Il primo Interbourse si è tenuta in Francia nel 1969, da allora il raduno ha viaggiato in tutto il mondo. Tra le località scelte in passato ci sono Chamonix, Whistler, Courchevel, Zermatt, Ischgl, La Plagne e Lech.
Durante la settimana a Livigno verranno organizzate attività di intrattenimento e competizioni sugli sci tra cui lo slalom gigante a squadre e la gara degli ospiti a cui accederanno tutti coloro che non si qualificheranno per la seconda manche della gara ufficiale.

Durante l’evento 2016, che si è svolto a La Plagne (Fra) è stata ufficialmente presentata la località di Livigno, che ha raccolto da subito molto interesse grazie alle sue particolarità tra cui la possibilità di fare shopping nei numerosi negozi duty-free e la forte presenza di après-ski e ristoranti.

34° Skiri Trophy XCountry a Lago di Tesero
gen 21@15:20–16:20

 

 

Lo Skiri Trophy XCountry (ex Trofeo Topolino sci di fondo) è una manifestazione a tutto tondo, che da quasi trentaquattro anni affina le abilità dei giovani degli sci stretti, non soltanto con le gare del 21 e 22 gennaio a Lago di Tesero in Val di Fiemme (TN), ma con divertenti appuntamenti ed iniziative coinvolgenti per tutti i ragazzi. Il mese di novembre è sinonimo di Skiri Trophy XCountry per i ragazzi del Liceo del Design e delle Arti “G.Soraperra” di Pozza di Fassa (TN), al fine di realizzare i bozzetti che andranno poi a creare i trofei della manifestazione e la statua di ghiaccio “simbolo” della 34.a edizione.

Nella giornata di ieri, 17 novembre, una giuria composta da Nicoletta Nones, coordinatrice generale del comitato organizzatore del G.S. Castello, Fulvio Zorzi, assessore allo sport del Comune di Castello-Molina di Fiemme, Tiziano Deflorian, responsabile del progetto e Domenico Bravi, referente dell’Istituto d’Arte – Liceo del Design e delle Arti G. Soraperra, ha valutato tutti i bozzetti presentati, premiando la vena artistica di chi ha saputo rappresentare al meglio ciò che il tema proposto richiedeva.

Il disegnatore più abile a realizzare il roditore protagonista di ben tre Campionati del Mondo di sci nordico è stato Ismaele Soraperra della classe seconda LA A. Nel bozzetto vincitore si vede Skiri appollaiato e trionfante, con il pollice alzato ed una corona da vincitore, alle spalle dello scoiattolino alcuni abeti ed un castello raffigurante l’antico maniero dei conti Enn-Caldiff posto sul colle roccioso dell’abitato trentino di Castello. Un colorato Skiri fa l’occhiolino mentre lascia sci stretti e bastoncini “a riposo”, fiero del risultato ottenuto. Nel disegno è ben visibile inoltre la scritta 34° Skiri Trophy XCountry. La commissione ha scelto di premiare Ismaele con la seguente motivazione: “per la pertinenza con le richieste del tema, la simpatia, l’originalità e la capacità di porsi in relazione con i ragazzi che partecipano all’evento”.

Il bozzetto di Silvia Zorzi della classe seconda LA B, seconda classificata, raffigura invece uno Skiri “innevato”, utilizzando solamente i colori bianco e blu. I cristalli di neve sono ben visibili, mentre lo scoiattolo è posto in formato tutt’uno con il campanile della chiesa di Castello-Molina di Fiemme, costruita dopo che nel 1296 il castello venne saccheggiato e dato alle fiamme. Un paio di sci da fondo separano Skiri dalla chiesa, mentre ai bordi del disegno si nota la scritta “Trophy XCountry”, con 34° Skiri posto sulla coda dello scoiattolino.

Terza posizione per il bozzetto di Letizia Grandi della classe quarta LA FA, un disegno più “classico”, con Skiri (skiratol in dialetto fiemmese) a svettare sorridente dall’alto del campanile della chiesa con gli sci in mano, in bella evidenza la coda folta e sulla destra il nome della manifestazione.

37 gli iscritti al concorso, un progetto “sentitissimo” che ogni anno elettrizza i giovani dell’istituto trentino, coinvolti da una sana competizione e stimolati dall’atmosfera artistica che anticiperà quella sportiva del 21 e 22 gennaio.

Info: www.skiritrophy.com

Skiri Trophy XCountry in Val di Fiemme
gen 21@15:20–16:20

 

 

La trentaquattresima edizione di quello che fino a ieri si chiamava Trofeo Topolino sci di fondo si farà il 21 e 22 gennaio prossimi, con un nuovo nome, Skiri Trophy XCountry, mantenendo però immutate le radici di una manifestazione che ha portato nel corso degli anni migliaia di giovani fondisti a competere sulle nevi della Val di Fiemme (TN), ergendoli in più di un’occasione ad astri nascenti del panorama fondistico nazionale ed internazionale. È questo il messaggio forte e chiaro che il comitato organizzatore del G.S. Castello vuole far arrivare a tutti gli appassionati di sci di fondo e alle loro famiglie. Lo staff trentino capitanato da Nicoletta Nones, che tra il resto partecipò alla competizione nel 1985 vincendo la categoria allievi, ha di fatto dato il via alla manifestazione dopo l’abbandono della Walt Disney come partner ufficiale.

Una storia lunga più d’un trentennio e con tante soddisfazioni sugli sci stretti: “La gara è sempre stata l’orgoglio del GS Castello che l’ha pensata, inventata ed organizzata per 33 anni e con un successo senza pari, arrivando a schierare, lo scorso gennaio, ben 1312 partecipanti a cui vanno sommati i 120 del “Revival”. Numeri che non trovano pari in altri trofei similari anche se più blasonati. La collaborazione con la Walt Disney – ha ribadito Nicoletta Nones – è stata importante e significativa, ma non dobbiamo dimenticare che se l’evento c’è è tutto merito della società e dei tantissimi volontari. Ora si continua con un nuovo nome e con rinnovato entusiasmo”.

La manifestazione del 21 e 22 gennaio prossimi rimarrà praticamente immutata, cambiando solamente nella dicitura: il nuovo nome come detto sarà “Skiri Trophy XCountry”, decisione presa all’unanimità dal direttivo del GS Castello, un nome che con “Skiri” ricorda la storica mascotte di Nordic Ski Fiemme per tutti e tre i Campionati del Mondo fiemmesi, marchio noto all’estero che raffigura uno scoiattolo sugli sci, uno dei ‘simboli’ più conosciuti degli eventi sportivi invernali della “culla dello sci nordico”, com’è conosciuta ed amata la Val di Fiemme in Italia e nel mondo; il comitato dei Mondiali fiemmesi ha concesso l’uso del nome e per questo l’intero direttivo del GS Castello lo ha voluto ringraziare. “Trophy” è un rimando al vecchio nome della manifestazione, declinato in inglese per dare ancor più un tocco d’internazionalità all’evento, la “X” abbrevia la parola “cross” che assieme a “country” significa sci di fondo, sempre nella lingua inglese.

Una scelta ponderata ma che non ha occupato troppo tempo, mettendo d’accordo tutti i membri del G.S. Castello presenti alla riunione trentina. Soddisfatto anche il presidente del G.S. Castello, Alberto Nones: “Abbiamo ricevuto tantissime telefonate per avere rassicurazioni che la gara si sarebbe fatta. I nostri volontari, i nostri partner commerciali ed istituzionali hanno confermato di essere al nostro fianco per lo “Skiri Trophy XCountry”.

E tra i numerosi partner commerciali che daranno il proprio contributo alla manifestazione ora c’è anche la Kinder, forte dell’iniziativa “Kinder + Sport Joy of Moving”, il progetto di responsabilità sociale del Gruppo Ferrero nato per promuovere stili di vita attivi a partire dalle nuove generazioni. Attivo in 30 paesi, in Italia Kinder + Sport supporta la passione dei giovani atleti collaborando con il CONI e le principali Federazioni sportive per sostenere le iniziative che avvicinano i più giovani ai valori dello sport e alla gioia di muoversi.

Nel 2017 lo “Skiri Trophy XCountry” festeggerà la 34.a edizione, perché la gara ha 34 anni e non cambia proprio nulla nè dal punto di vista logistico né da quello organizzativo, con il programma identico agli anni passati: gare in tecnica classica a Lago di Tesero, sabato per le categorie baby e cuccioli, domenica per ragazzi e allievi. Sabato ci sarà anche la gara Revival con gli “ex topolini”, oltre a tutte le attività di contorno e d’intrattenimento che negli ultimi anni sono aumentate e migliorate. Tra i ‘nomi forti’ che hanno partecipato sin da piccoli al trofeo fiemmese, alcuni dei quali rivisti poi anche nella prova Revival, ci sono fondisti del calibro di Cristian “Zorro” Zorzi, Antonella Confortola, Marianna Longa, Loris Frasnelli, Magda Genuin, Lara Peyrot, Ivan e Bruno Debertolis, Petra Majdič, Sabina Valbusa, Valerio Checchi, Marina Piller, Veronica Cavallar, Gaia Vuerich, Vesna Fabjan, Giulia Stuerz, Mauro Brigadoi, tutti atleti che si sono resi poi protagonisti in Coppa del Mondo e Mondiali. Una lista interminabile, per un evento che non avrà fine.

34° Skiri Trophy XCountry a Lago di Tesero
gen 21@15:55–16:55

 

 

Le iscrizioni dello Skiri Trophy XCountry procedono a meraviglia, sottolinea il comitato organizzatore del Gruppo Sportivo Castello presieduto da Nicoletta Nones, il cambio nome (dal passato Trofeo Topolino sci di fondo) non ha fatto scemare la passione e l’entusiasmo dei piccoli fan dello sci di fondo che il 21 e 22 gennaio prossimi faranno di tutto per non cambiare le proprie abitudini e presentarsi in Trentino per gareggiare nell’evento internazionale che più li rappresenta.

Gli iscritti superano i numeri del medesimo periodo della scorsa annata ed il G.S. Castello sta facendo il massimo affinché la manifestazione arrivi in tutte le case degli sportivi, invitando i genitori a far calcare gli scenari innevati del Centro del Fondo di Lago di Tesero (TN) ai propri ragazzi, una struttura iridata che si sta apprestando ad ospitare in questi giorni l’undicesima edizione del Tour de Ski e che sarà palcoscenico di prestigio anche per i giovani fondisti dello Skiri Trophy XCountry. In occasione della prossima perla organizzativa fiemmese il comitato abbellirà ulteriormente le competizioni con alcuni “doni” che arricchiranno il pacco gara, saranno infatti a disposizione degli stickers da applicare sul viso che raffigureranno la nazionalità dei concorrenti e il nuovo logo della manifestazione, il piccolo scoiattolo, oltre alla presenza di alcune mascotte giganti che si aggireranno fra le piste, concedendo qualche divertente siparietto e la possibilità di fare alcune fotografie ai piccoli degli sci stretti.

Ci sarà inoltre una ricca estrazione che coinvolgerà i presenti alle premiazioni, con in palio degli interessanti riconoscimenti quali un rampichino, degli sci Salomon, bastoncini da gara, borsoni e giacche.

I contest sportivi scatteranno sabato 21 gennaio alle ore 14 a Lago di Tesero, con la partenza delle categorie Baby e Cuccioli maschi e femmine in tecnica classica. Alle ore 15.30 ecco invece lo Skiri Trophy Revival che porterà sulle nevi trentine gli ex concorrenti che hanno reso celebre la manifestazione. A Castello di Fiemme un’ora più tardi le attività di animazione faranno da preludio alla cerimonia di benvenuto a tutte le rappresentative straniere e nazionali, con una sfilata e fiaccolata sulle note della banda sociale di Molina di Fiemme, il saluto da parte delle autorità, l’accensione del tripode ed i fuochi pirotecnici a coronare il tutto. Alle ore 20.30 ecco invece uno degli appuntamenti più attesi, con l’artista di Gardaland Pass Pass ad esibirsi in uno spettacolo di animazione al Cinema Teatro Comunale di Tesero.

Domenica 22 gennaio, sempre a Lago di Tesero, ci sarà lo start in tecnica classica delle categorie Ragazzi ed Allievi maschili e femminili, sfide sportive sempre accompagnate da attività di animazione. Alle ore 14 a Castello di Fiemme la scuola “Non solo danza” di Cavalese coinvolgerà tutti i partecipanti dello Skiri Trophy XCountry con l’ambita estrazione a premi, mentre un’ora più tardi ci sarà una toccante cerimonia di riconoscimento per i “Fedelissimi” che hanno partecipato alle ultime otto edizioni del Trofeo di sci di nordico. Le radio locali stanno inoltre mostrando tutto l’interesse che gravita attorno alla manifestazione anche facendo ascoltare il nuovo inno dedicato al celeberrimo roditore che esce sempre allo scoperto in occasione dei palpitanti contest trentini. Lo Skiri Trophy XCountry, oltre ad essere presente online con un rinnovato sito web, è anche a disposizione con tutte le informazioni del caso sui social network Facebook ed Instagram, quest’ultimo con alcune divertenti immagini e retroscena che hanno caratterizzato le passate edizioni delle sfide che rappresentano in gran parte il “futuro” dello sci di fondo azzurro.

Info: www.skiritrophy.com

Visita guidata per famiglie alla mostra sulle farfalle
gen 21@16:00–17:00

Una visita guidata per famiglie alla mostra “bye bye butterfly”, dedicata alle farfalle: la propone il Museo di Scienze sabato 21 gennaio.

Il mondo straordinario delle farfalle” s’intitola la visita guidata per famiglie con bambini dai sei anni in su proposta sabato 21 gennaio, dalle ore 16-17, al Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige.

La guida esplorerà la mostra temporanea “bye bye butterfly”, dedicata alle farfalle locali e tropicali, svelando le molteplici trasformazioni di questi insetti e i loro geniali adattamenti all’ambiente.

È necessaria la prenotazione telefonando allo 0471 412964 (martedì-domenica ore 10-18). Partecipare costa 10 euro.

Info: Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, via Bottai 1, Bolzano, tel. 0471/412964, web www.museonatura.it

Premiazione ufficiale del Circuito 2016 de Le Mezze
gen 21@16:30–17:30

Sabato 21 gennaio 2017 alle ore 16:30, all’interno dell’Expo della quarantaduesima Montefortiana, sito in Piazza Salvo d’Acquisto a Monteforte d’AlponeVerona, si terrà la premiazione ufficiale del Circuito 2016 de Le Mezze, importante progetto podistico che nell’edizione dello scorso anno ha riunito otto delle più importanti Mezze Maratone di Veneto, Lombardia e Trentino Alto Adige, con l’aggiunta della svizzera Stralugano Half Marathon.

 

LE PREMIAZIONI - Nell’occasione verranno premiate con quattro targhe le prime quattro Società classificate al Circuito Le Mezze 2016, la Vicenza Marathon, prima con 379 punti, L’Asd Atletica Lupatotina, seconda con 227 punti, il Gruppo Sportivo Dilettantistico Valdalpone De Megni, terzo con 155 punti e l’Atletica Bedizzole, quarta con 140 punti. Oltre alle quattro società verranno premiati anche i 50 Fedelissimi, ovvero i cinquanta atleti che hanno preso parte a tutte ed otto le Mezze Maratone con altrettanti attestati di partecipazione.

 

IL CIRCUITO 2016 - Dell’edizione 2016 del Circuito Le Mezze hanno fatto parte la ventiduesima Maratonina Falconeri del 17 gennaio, la ventitreesima Half Marathon Merano – Lugano del 24 aprile, la prima Stralugano Half Marathondel 22 maggio, il 599° Palio del Drappo Verde del 12 giugno, la decima Tre Campanili Half Marathon del 3 luglio, l’undicesima Mezza Maratona del Brenta del 4 settembre, la ventesima 5 Castelli Bedizzole Half Marathon del 9 ottobre e la quindicesima Garda Trentino Half Marathon del 13 novembre.

 

INFORMAZIONI E CONTATTI - www.lemezze.it

34° Skiri Trophy XCountry
gen 21@17:00–18:00

 

 

“Skiri” (da skiratol, scoiattolo in dialetto fiemmese) è la mascotte creata da Mario Gomboli, direttore editoriale di Diabolik, in occasione dei Mondiali della Val di Fiemme (1991, 2003 e 2013) ed è ora volto ed essenza dell’ex Trofeo Topolino sci di fondo divenuto Skiri Trophy XCountry, pronto a regalare un weekend emozionante agli oltre 1000 bambini provenienti da Spagna, Andorra, Austria, Bulgaria, Croazia, Romania, Slovenia e Italia che il 21 e 22 gennaio si catapulteranno al Centro del Fondo di Lago di Tesero (TN) per dare il via alle loro prime sfide sugli sci stretti.

Il “terreno di caccia” dei campioni di Tour de Ski e combinata nordica diverrà luogo di festa e competizione per i ragazzi della manifestazione ideata dal Gruppo Sportivo Castello. Le prove agonistiche si effettueranno tutte in tecnica classica a partire dalle ore 14 di sabato, e la partecipazione è aperta a tutti i tesserati FIS e FISI. La categoria baby, riservata a bambini e bambine delle annate 2007/2008, prevede un mini-circuito di 1.6 km, mentre gli atleti nati negli anni 2005/2006 prenderanno parte alla categoria cuccioli: i maschi gareggeranno per 3.4 km mentre le femmine si divertiranno lungo i 3 km di pista. La gara per la categoria ragazzi di domenica a partire dalle ore 9.30 per atleti delle annate 2003 e 2004 di disputerà invece lungo 5.3 km in campo maschile e 3.6 km in campo femminile. Nella categoria riservata ai più “grandi” dell’evento, quella in cui competeranno gli allievi nati negli anni 2001 e 2002, i concorrenti maschi scieranno lungo un tracciato di 6.8 km mentre le femmine lungo 5.3 km.

A ritornare sulla pista che li ha resi dei campioni, sabato alle ore 15.30, ci saranno anche gli ex concorrenti del Trofeo che si cimenteranno nello Skiri Revival, atleti dal passato fondistico glorioso e che non hanno dimenticato quando muovevano i primi passi sugli sci da fondo grazie al contest del Gruppo Sportivo Castello, il cui presidente onorario è quel Franco Nones capace di aggiudicarsi il primo oro azzurro olimpico nella storia dello sci di fondo.

Il programma del G.S. Castello sarà allettante anche per quanto riguarda il “contorno”, a partire da sabato ci saranno infatti tante iniziative: alle 16.30 a Castello di Fiemme l’“Associazione Noi” farà ballare i ragazzi e verranno offerti a tutti i presenti vin brulè, cioccolata calda e crepes; alle 17.30  seguirà la spettacolare cerimonia di benvenuto. In serata, alle ore 20.30 al Cinema Teatro Comunale di Tesero, ecco invece esibirsi l’artista di Gardaland Pass Pass, il quale accompagnerà i piccoli atleti facendoli divertire anche nel corso delle giornate di gara. Domenica alle ore 14 a Castello di Fiemme ci sarà una ricca estrazione a premi,  mentre la scuola “Non solo danza” di Cavalese ballerà la nuova sigla assieme ai bambini e l’Associazione Bambi  truccherà  i giovani con dei disegni. Lo Skiri Trophy è anche Snow Kidz, l’iniziativa FIS nata per portare sempre più bimbi a divertirsi nel magico mondo delle neve.

Info: www.skiritrophy.com

34° Skiri Trophy XCountry
gen 21@17:25–18:25

 

 

Nicoletta Nones, coordinatrice del 34° Skiri Trophy XCountry (ex Trofeo Topolino sci di fondo) del 21 e 22 gennaio prossimi in Val di Fiemme (TN), annuncia con soddisfazione l’arrivo di una nuova partnership per il G.S. Castello, la quale si aggiungerà ai principali sponsor della manifestazione trentina dedicata ai giovani degli sci stretti. L’abbandono della Walt Disney Company non ha minimamente scalfito né il G.S. Castello né tantomeno lo Skiri Trophy XCountry, subito sorretto da celebri brand nazionali che hanno deciso di unire la propria esperienza e competenza a quella della storica prova dedicata ai ragazzi dello sci di fondo.

MasterWax, azienda italiana che distribuisce sugli sci l’innovativo sistema di paraffinatura a freddo MasterPower, ha da subito accettato di essere a fianco del Gruppo Sportivo Castello di Fiemme, proponendosi come uno dei main sponsor dell’evento. La facile applicazione a freddo ha anche la pregevole caratteristica di essere esente da fumi nocivi dannosi per l’ambiente, permettendo di ottenere sbalorditivi risultati di scorrevolezza e di scegliere la paraffinatura più adatta direttamente sul campo gara anche pochi minuti prima del via. MasterWax vuole investire nella crescita dello Sci Nordico giovanile, e per questo ha deciso di affiancare quella che ritiene la più importante manifestazione a livello giovanile in Italia.

MasterWax farà inoltre trovare nel pacco gara di ogni atleta una bellissima fascetta copricapo tecnica personalizzata, marchiata anche dall’altro importante sponsor Casse Rurali Trentine, che ancora una volta si dimostra vicino alle proprie comunità e allo sport. Tutto questo  arricchirà ancor di più un “bottino” ricco di sorprese per i giovani fondisti. MasterWax sarà anche presente con un gazebo all’interno dello spazio allestito dal G.S. Castello a Lago di Tesero, per farsi conoscere ancor di più agli occhi del grande pubblico.

Le iscrizioni procedono a meraviglia per il comitato organizzatore trentino ed a Lago di Tesero gli appassionati potranno godersi uno Skiri Trophy XCountry più partecipato che mai.

Le piste sono innevate e pronte ad ospitare giovani spesso destinati ad un radioso futuro.

Info: www.skiritrophy.com

Conferenza sulla flora delle Ande al Museo di Scienze
gen 21@18:00–19:00

Un viaggio per parole e immagini alla scoperta della flora delle Ande di Cile e Argentina. L’appuntamento è per venerdì 21 gennaio al Museo di Scienze Naturali.

Le steppe montuose del territorio dell’Aconcagua, le foreste primordiali di araucarie, i faggeti delle Ande patagoniche.

Sono alcuni dei paesaggi raccontati da Andreas Hilpold nella conferenza dal titolo

“Flora e vegetazione delle Ande
di Argentina e Cile”
,

in programma venerdì 21 gennaio, alle ore 18, al Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige. Biologo, Hilpold lavora all’Accademia Europea di Bolzano.

La serata si terrà in lingua tedesca. L’ingresso è libero. Informazioni: Thomas Wilhalm, tel. 0471 412971.

Tv: riparte S4
gen 21@19:00–20:00

Dopo l’apertura della stagione invernale con il format televisivo SKIMAGAZINE, in onda dai primi di novembre,

con il 2017 riparte e ritorna in onda ufficialmente S4 (Sport,Sun,Sea e Snow):
il talk show di SportoutdoorTv, la prima multipiattaforma italiana tv\web dedicata al turismo e agli sport all’aria aperta,fondata da Floriano Omoboni.

Da sabato 21 gennaio, il talk show S4( Sport,Sun,Sea e Snow),e’ in onda su SPORTITALIA( lcn.60 e Sky 225) il sabato h.19
+NUVOLARI (lcn 61) sabato h.22
+ODEON ( lcn 177) sabato h.20
+SKY 512 RETECONOMY,canale prestigioso di economia posizionato nella fascia news\premium di SKY il giovedi h.20,30
+un network di Tv locali di tutta Italia, tra cui ALTO ADIGE TV il sabato h.21,15 e martedi h.23,30

La trasmissione e’ giunta al suo 6° anno di programmazione,dagli studi di Milano,personaggi dello sport e del turismo parlano della stagione 2017.
Sono prodotte 20 puntate settimanali da 1 ora sino a Giugno,il programma e’curato e presentato da FLORIANO OMOBONI.
La prima puntata vede ospiti in studio Francesco Bosco, direttore delle Funivie di Madonna di Campiglio, VALERIA GHEZZI,presidente dell’ANEF, l’associazione nazionale degli esercenti funiviari,BRUNO FELICETTI presidente di NORDIC SKI WORLD CUP e direttore dell’Apt della VAL DI FIEMME e FABIO SACCO direttore dell’Apt VAL DI SOLE in Trentino.

Il format, come tutti i programmi marchiati Sportoutdoor Tv, e’ in onda NUVOLARI, SKY512 RETECONOMY, ODEON e su una rete di più di 100 canali regionali di primaria importanza, Importante novità per il 2017 è l’inserimento nella piattaforma tv di una nuova realtà,coma la tv sportiva nazionale SPORTITALIA, tv sportiva nazionale visibile in simulcast cioe’in contemporanea sia sul digitale canale 60 e su SKY canale 225 e NUVOLARI oltre che SKY 512 RETECONOMY.
In questa stagione si alza il livello e il prestigio delle Tv, si aumenta la visibilita’anche sulla paytv Sky e si triplicano gli ascolti rispetto alle passate edizioni.

“Sportoutdoor Tv offre contenuti di altissima qualità a un pubblico di appassionati: i format tv sono tutti originali, scritti, realizzati e prodotti dal nostro team di video operatori professionisti e vanno in onda in chiaro, gratis e in prima serata su diverse piattaforme televisive del digitale terrestre e sul web – dichiara Floriano Omoboni, che aggiunge – Per il 2017 abbiamo una proposta fitta di appuntamenti con il meglio degli eventi turistico\sportivi in calendario. Gli appassionati potranno seguirci grazie a una quadruplala copertura nazionale, on air in diverse fascie orarie e con copertura nazionale capillare (Odeon+SPORTITALIA+Nuvolari+SKY 512 Reteconomy+ 100 tv locali). Ulteriore vantaggio è dato dal fatto che le principali tv locali con cui è stato siglato l’accordo hanno una numerazione LCN compresa fra il 10 e il 19, il che le rende facilmente reperibili e poi la visibilita’prestigiosa di SPORTITALIA,canale sportivo importante, visibile in simulcast cioe’in contemporanea sia sul digitale canale 60 e sia sul 225 canale di Sky”.

Lo stile caratteristico delle produzioni Sportoutdoor Tv offre una lente d’ingrandimento su tutto il mondo che ruota attorno alle discipline sportive all’aperto, al turismo e allo stile di vita ad esse collegato, e rappresenta una proposta unica in tv.
I format televisivi di Sportoutdoor Tv sono visibili anche sul portale online sportoutdoor.tv raccontano lo sport e il turismo sportivo dal punto di vista di chi li pratica e di chi vive la natura sia come sportivo, che da appassionato, con contenuti sempre freschi, attuali e originali.

GTO 2000 è una Società nata nel 1995 da un’idea di Floriano Omoboni. Giornalista sportivo molto apprezzato, Omoboni è riuscito a conquistare, nell’arco di una decina d’anni, un pubblico di appassionati, oltre al riconoscimento da parte di aziende, organizzazioni ed enti, e a restare al contempo entusiasta reporter dei maggiori eventi sportivi nazionali e internazionali, raccontando lo sport e il turismo sportivo attraverso contenuti sempre originali e immagini ricche di suggestioni. Nel 2014 nasce la multipiattaforma Sportoutdoor Tv, che trasmette i format originali in chiaro attraverso il circuito ODEON TV, Sporttalia,Nuvolari, Sky 512 Reteconomy e su oltre 100 emittenti locali.

L’ape e la cena con i “The Rebel Duo”
gen 21@20:00–21:00
Sabato 21 Gennaio 2017
Bar La torre
via San Faustino, 97
Brescia
presenta
L’ape e la cena con i
THE REBEL DUO
THE REBEL  è un progetto parallelo della rock band italiana Plan de fuga che desidera mischiare la musica reggae ad altre tendenze musicali.
Il progetto è dedicato alla reinterpretazione di una selezione di brani di Bob Marley, arricchiti nel sound da contaminazioni rock, funk e psichedeliche, che si traducono in sperimentazioni strumentali e improvvisazione nel set live.
Non è semplicemente una tribute band, è un maniera per divulgare ed elaborare il messaggio musicale e sociale di uno dei compositori più ispirati di sempre.
Dal vivo la band crea un set live ballabile e potente che guida l’audience attraverso un viaggio musicale tra musica nera e bianca.
Filippo De Paoli (vocals, guitars, loop station), Marcello Daniele (bass guitar, backing vocals)
dalle 20.00
ingresso libero
Possibilità di cena
infoline 3383417165
Volley, al PalaTrento l’anticipo del 20° turno di SuperLega: la guida a Diatec Trentino Bunge Ravenna
gen 21@20:30–21:30

Si gioca fra oggidomani e domenica il ventesimo turno di SuperLega UnipolSai 2016/17, il settimo del girone di ritorno. La Diatec Trentino sarà protagonista del secondo anticipo (il primo stasera fra Monza e Padova); sabato 21 gennaio tornerà di nuovo in campo al PalaTrento, affrontando la Bunge Ravenna. Fischio d’inizio programmato alle ore 20.30: diretta su Radio Dolomiti e live streaming su Lega Volley Channel all’indirizzo www.sportube.tv.
QUI DIATEC TRENTINO Ritrovata subito confidenza con la vittoria grazie al 3-0 imposto mercoledì sera ai finlandesi del Loimaa, la formazione gialloblù vuole riprendere la propria corsa anche in campionato, in una giornata che vedrà affrontarsi Modena e Perugia, formazioni che rispettivamente inseguono e precedono Lanza e compagni in classifica di una manciata di punti.
“Dopo la sconfitta in Umbria di domenica scorsa, abbiamo bisogno di tornare subito a muovere la nostra classifica, ma l’impegno con Ravenna è uno di quelli da prendere con le molle – ha spiegato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti presentando la partita – . Durante questo campionato la Bunge ha infatti già dimostrato di sapere come mettere in difficoltà squadre dal grande potenziale e ha assoluto bisogno di punti per restare in corsa per i playoff. Non sarà quindi una partita semplice, dovremo essere bravi a non farci sorprendere dal loro gioco veloce, replicando con la giusta dose di aggressività in tutti i fondamentali”.
In vista del match il tecnico della Diatec Trentino deve solo verificare le condizioni di Sebastian Solé (assente mercoledì in CEV Cup per un leggero attacco influenzale); tutti regolarmente a disposizione invece gli altri tredici elementi della rosa. Sabato sera Trentino Volley disputerà la 689^ gara ufficiale della sua storia (bilancio: 481 vittorie e 207 sconfitte), la trentesima della stagione in corso; l’imbattibilità del PalaTrento dura da quasi nove mesi: l’ultimo ko risale infatti al 25 aprile (1-3 con Modena in gara 4 di semifinale).
GLI AVVERSARI
 La Bunge Ravenna si presenta al PalaTrento alla ricerca di punti per riavvicinare l’ottavo posto, l’ultimo che consente l’accesso ai playoff scudetto. A sei giornate dalla fine della regular season, i romagnoli accusano quattro lunghezze di ritardo da Vibo Valentia, sui cui devono fare la corsa, e dovranno cercare di serrare il ritmo per arrivare allo scontro diretto casalingo con Vibo Valentia della penultima giornata con la possibilità di operare il sorpasso. Nel girone di ritorno i giallorossi hanno sin qui fatto registrare due sole affermazioni in sei gare, una di queste particolarmente significativa: il 3-1 al PalaPanini il giorno di Santo Stefano. Dopo quell’exploit sono però arrivate solo sconfitte, l’ultima delle quali nello scontro diretto di sette giorni fa al Pala De Andrè contro Molfetta. La formazione allenata da Fabio Soli si affiderà in principal modo al  braccio dell’opposto Torres, terminale offensivo di riferimento del gioco in grado di mettere a terra già 358 palloni in 19 partite (terzo bomber del campionato). Gli altri punti di forza sono il francese Lyneel, che nella sua prima stagione in SuperLega ha dimostrato di avere numeri importanti in tutti i fondamentali, e, a livello di squadra, il muro che è il migliore della categoria con 185 punti diretti. Fra gli interpreti di maggior spicco ci sono il centrale Ricci (best blocker con 47 block personali) ed il palleggiatore Spirito (30).
I PRECEDENTI Quello di domani sarà il dodicesimo confronto assoluto fra le due Società, che hanno iniziato a sfidarsi con continuità a partire dalla stagione 2011/12. Il bilancio è nettamente favorevole ai gialloblù per 10-1, ma l’incontro più recente giocato al PalaTrento è stato vinto proprio dai romagnoli: 3 febbraio 2016, successo al tie break nel segno di Torres (25 punti col 59% a rete). Prima di quella data, il Club romagnolo non era mai riuscito a vincere nemmeno un set contro Trentino Volley; nel match d’andata di questa regular season, disputato l’1 novembre, l’affermazione gialloblù è però arrivata in quattro parziali (25-23, 32-30, 28-30, 25-21) con Giannelli mvp e i due opposti best scorer: Torres 22 punti e Nelli 19 punti. Trentino Volley ha origini ravennate: nel maggio del 2000 il Presidente Diego Mosna acquistò i diritti di Serie A1 proprio dalla Valleverde Porto, già vincitrice di uno scudetto e tre Coppe Campioni negli anni novanta.
GLI ARBITRI L’incontro sarà diretto dai torinesi Marco Braico (in massima categoria dal 2003) e Giuliano Venturi (in Serie A dal 2007). I due fischietti piemontesi sono alla prima gara congiunta in SuperLega UnipolSai 2016/17, l’ottava personale per Braico (che ha già diretto Padova-Trento 2-3 del 14 ottobre e Trento-Monza 3-2 del 27 novembre) e la seconda assoluta per Venturi, che mai prima d’ora aveva arbitrato Trentino Volley.
RADIO, TV E INTERNET La gara sarà raccontata in cronaca diretta ed integrale da Radio Dolomiti, network partner di Trentino Volley. I collegamenti col PalaTrento saranno effettuati all’interno di “Campioni di Sport”, il contenitore sportivo dell’emittente di via Missioni Africane. Le frequenze per ascoltare il network regionale sono consultabili sull’home page www.trentinovolley.it, mentre sul sito www.radiodolomiti.com sarà inoltre possibile ascoltare la radiocronaca live in streaming.
Prevista anche la diretta in streaming video sullo spazio web “Lega Volley Channel”, all’indirizzo internet www.sportube.tv/volley (il servizio è a pagamento). In tv la differita integrale della gara andrà in onda già lunedì 23 gennaio alle ore 21.30 su RTTR, tv partner della Società di via Trener.
Su internet, infine, gli aggiornamenti punto a punto saranno curati dal sito della Lega Pallavolo serie A (www.legavolley.it) e dallo stesso www.trentinovolley.it e saranno sempre attivi sui Social Network gialloblù (www.trentinovolley.it/facebook e www.trentinovolley.it/twitter).
BIGLIETTI E MERCHANDISING La prevendita biglietti per la sfida con Ravenna è attiva fino a sabato sera alle ore 19 presso gli uffici di Promoevent, in via Suffragio 10 a Trento, e in qualsiasi momento su internet cliccando http://www.vivaticket.it/ita/event/trento-vs-ravenna/93538. I tagliandi saranno disponibili anche domenica presso le casse del PalaTrento, che saranno attive a partire dalle ore 19, stesso momento in cui verranno aperti anche gli ingressi del palazzetto. Le casse rimarranno a disposizione sino alla fine del secondo set, momento da cui non sarà poi più possibile accedere al PalaTrento per vedere il resto del match.
All’interno, dietro la tribuna lunga lato nord, i tifosi troveranno a propria disposizione il rinnovato punto merchandising gialloblù; in vendita una vastissima gamma di articoli Trentino Volley.

Sulle Ali della Lirica: al Teatro delle Ali con Mascagni e Leoncavallo
gen 21@20:45–22:45

SULLE ALI DELLA LIRICA

con Mascagni e Leoncavallo

Sabato 21 gennaio alle 20.45 per il Teatro delle Ali torna il secondo e ultimo appuntamento di Sulle Ali della Lirica, il ciclo realizzato in collaborazione con l’Associazione Amici della Lirica Valle Camonica, in un viaggio tra operetta e opera all’insegna dei classici tra i più amati della lirica.

Nell’incontro ideale tra Pietro Mascagni e Ruggero Leoncavallo, gli Amici della Lirica tratteggiano un intenso ritratto dell’Italia del Sud alla fine dell’Ottocento, mettendo in scena per intero le vicende di Turiddu e Lola nell’intramontabile Cavalleria Rusticana – con costumi d’epoca e la partecipazione del Coro Simone Mayr di Bergamo, e una selezione d’opera dai Pagliacci, dove il dramma della gelosia che si consuma nel baraccone di una compagnia teatrale riesce a confondere la realtà con la finzione.

rusticanaLa regia e la direzione dello spettacolo sono affidate alla soprano Daniela Favi Borgognoni, al piano il M° Alberto Braghini.

Ingresso: 15 €

Per informazioni e prenotazioni: 348/2551633 – amicidellaliricavallecamonica@gmail.com

Orobie Film Festival: la Città di Bergamo dedica una serata al grande alpinista Walter Bonatti
gen 21@21:00–22:00

“Il Re delle Alpi”, guida alpina, alpinista, esploratore e giornalista italiano, è con- siderato uno dei nomi più leggendari dell’alpinismo mondiale.
Nato a Bergamo nel 1930, fu autore di li- bri e numerosi reportage – molti dei quali come inviato esploratore del settimana- le “Epoca” della Casa Editrice Arnoldo Mondadori – nelle regioni più impervie del mondo.
Partecipò a moltissime spedizioni, sia al- pine che extra-europee. Celebre fu la sa- lita al K2 del 1954 che si trasformò in un “caso”: le vicende furono risolte soltanto cinquant’anni dopo, al termine della revi- sione nale del CAI pubblicata nel 2008 con la convalida della versione di Bonatti.
Dopo l’impresa del Cervino, che gli valse la Medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica, a soli 35 anni, Bonatti si riti- rò dall’alpinismo estremo.
“Il Re delle Alpi” morì nella notte tra il 13 e il 14 settembre 2011 all’età di 81 anni.
IL PROGRAMMA
Sabato 21 gennaio 2017 ore 21,00
-Concerto “Alta quota – arie alla tromba” con il Soprano Silvia Lorenzi e il Maestro Fabio Brignoli
-Proiezione lm fuori concorso -Coreogra a di danza a cura del Centro Studi Danzarea

LA COREOGRAFIA DI DANZA
a cura del CENTRO STUDI DANZAREA
Per la sezione “Montagna & Suoni” OFF presenta “Omaggio a Walter Bonatti” una coreogra a di danza contemporanea che esprime con forza la volontà di
superare se stessi.
Un uomo solo in compagnia della vita, la sua vita……LA MONTAGNA
La montagna, ben rappresentata, sottolinea le fasi essenziali dello scalatore, così come il ballerino sperimenta i suoi limiti e li supera.
Performance di Umberto Rota
Musiche di J. Sebastian Bach
“Le grandi montagne hanno il valore degli uomini che le salgono altrimenti non sarebbero altro che un cumulo di sassi’’ Walter Bonatti
IL FILM
GRIMPEURS di Andrea Federico
2015, Italia, 86’, produzione Out Cinema, lingua italiana e francese con sotto-
titoli in Inglese
Nel 1961 la parete Sud del Pilone Centrale del Frenéy del Monte Bianco era ancora inviolata.
Due cordate di scalatori professionisti si unirono per a rontare la di cile s – da, così da poter conquistare l’agognata vetta.
Quattro giorni di violentissimi temporali bloccarono le due cordate in parete, ad oltre 4.000 metri di quota. Dei sette scalatori, solo in tre faranno ritorno alle proprie famiglie.
IL CONCERTO
“ALTA QUOTA – ARIE ALLA TROMBA”
Per la sezione “Montagna & Suoni” OFF presenta un concerto che desidera
promuovere la montagna, parlando di montagna attraverso la musica.
Lo spettatore di “Alta Quota”, una volta tornato a valle, alla consuetudine della propria casa, non potrà più dimenticare quei suoni, quella voce e quella luce…
“Tra nostalgie d’opera e squilli di tromba prende vita un intenso momento musi- cale. Mentre celebri melodie si liberano dal labbro del Soprano Silvia Lorenzi, la Tromba di Fabio Brignoli decora suggestivi arabeschi. La lirica rinasce, si libera tra valli e dirupi, leggera e allo stesso tempo potente, accompagnata dal ato della tromba, come in volo…”
Programma liberamente tratto da:
Mozart Catalani Verdi
Bellini Dvorak
Verdi Bach-Gounod
Soave sia il vento Ebben? N’andrò lontana Pace pace mio Dio Casta diva
Rusalka
Ah, forse è lui
Ave Maria

Teatro Valle dei Laghi: “Cosa ti manca per essere felice?”
gen 21@21:00–22:00

Sabato 21 gennaio al Teatro Valle dei Laghi la pittrice e ballerina Simona Atzori porterà in scena Cosa ti manca per essere felice?, performance di danza tratta dal suo ultimo libro.
L’iniziativa rientra all’interno del progetto Diverso da chi? organizzata da Associazione Giovani Insieme, Commissione culturale intercomunale Valle dei Laghi, Oasi e Fondazione Aida.

Alegria – Attenti a quei due
gen 21@22:55–23:55
Sabato 21 gennaio 2017
Teatro Alberti
Via Santa Maria, 49
Desenzano del Garda, Brescia
presenta
la serata
ALEGRIA
ATTENTI A QUEI DUE
CIBO PER L’UDITO- MUSICA PER IL PALATO
Special guest live
ALESSANDRO DE MAGISTRIS
E DJ SET by Roberto Stoppa
Veronese, De Magistris ha sempre avuto la musica come filo conduttore della sua vita. L’amore e la dedizione per la musica hanno trasformato la sua passione in professione, permettendogli di diventare un musicista di sessions importanti per artisti del calibro di Fiorello, Jerry Calà, Albert One e Dan Harrow. Durante la sua carriera, essendo stato front-man e strumentista in diverse band, ha potuto creare e riprodurre generi musicali diversi, dal lounge al jazz e dal funky al pop. Si è esibito come cantante, pianista e percussionista in numerosi locali e club non solo in Italia ma anche all’estero, soprattutto in Svizzera ed in Germania e a Sochi in Russia. Negli anni Novanta è stato autore di molti brani disco italiani, e di euro-dance music in Giappone. Come compositore ha eseguito e registrato le musiche di alcuni documentari per l’Unesco, che sono ancora in onda oggi in tutto il mondo. Ha scritto anche una canzone per i Los Locos. De Magistris ha scritto la musica del video-clip ufficiale utilizzato per presentare la Camera di Commercio di Verona e l’Aeroporto Catullo di Verona.S.C.
Ingresso libero
Per informazioni e prenotazioni cena info@teatroalberti.it
0309121670
3402294389
gen
22
dom
2017
Melaverde: su Canale 5 protagonista il Trentino
gen 22@11:50–12:50

In questa ”Prima Visione”( puntata 551, anno 19 ) il”bosco in casa”dalla Val di Fiemme ed agrumi e frutta tropicale tra Rosarno e Gioia Tauro - Prima,alle 11,Le Storie di Melaverde tra Toscana(razza Chianina) e Romagna (maiali di Mora Romagnola)  - Il successo della trasmissione di Canale 5 che nella sovrapposizione con RAI 1 tallona e perfino ”straccia”la concorrenza

Dopo una breve pausa natalizia, Melaverde ha ormai ripreso con le sue “Prima Visione”. La nuova puntata del 2017 andrà in onda domenica 22 gennaio , come di consueto qualche minuto prima di mezzogiorno, alle 11.50, sempre condotta dai due “poeti del gusto”, Ellen Hidding ed Edoardo Raspelli.

ELLEN HIDDING IN TRENTINO, IN VAL DI FIEMME

Questa settimana Ellen Hidding raggiungerà la Val di Fiemme, in provincia di Trento, dove da sempre il bosco è stato una fonte naturale primaria per moltissime ragioni: boschi e foreste sono i polmoni del mondo, sono luoghi di riparo per moltissime specie animali, hanno fornito l’uomo di legname per riscaldarsi o costruire, tutto questo senza chiedere nulla in cambio, solo una parola “Rispetto”. Certo! Rispetto significa conoscere il bosco, tenerlo pulito, però anche controllarlo e gestirlo in modo intelligente, tagliandone ogni anno diverse porzioni per dar spazio a nuove piante, in modo da garantire il suo naturale rinnovo. Più volte Melaverde ha  mostrato questo, ma oggi la domanda è un’altra: come viene utilizzato il legname ottenuto da questi straordinari boschi? Semplice: per costruire case in legno di ultima generazione, con al loro interno pavimenti in legno biocompatibili e mobili costruiti con un sistema modulare di ultima concezione! Ma che cosa significa oggi vivere in una casa completamente di legno? Lo scopriremo insieme e vedremo come questo materiale straordinario sia ancora oggi un’importante risorsa e, in alcune situazioni, una possibile soluzione! Pensate che un test ha dimostrato che una casa di 7 piani, costruita in legno seguendo le ultime tecnologie strutturali, resiste ad una scossa di terremoto dell’8° grado della scala Richter.

EDOARDO RASPELLI IN CALABRIA, TRA ROSARNO E GIOIA TAURO

Edoardo Raspelli per Melaverde sarà in Calabria, nella Piana di Rosarno e Gioia Tauro, per parlare di agrumi e frutta tropicale. Un quarto della produzione nazionale di agrumi si raccoglie proprio in Calabria. Un settore importantissimo per l’agricoltura di questa regione, che si sviluppa su 32 mila ettari di territorio con tantissime aziende coinvolte.Si parlerà di sistemi di coltivazione di nuova concezione, ma anche tradizionali ed antichi, come le antiche piante di arancio coltivati sotto ulivi secolari.Vedremo anche come oggi la tecnologia, grazie ai droni, riesca ad aiutare i coltivatori a controllare la salute degli agrumeti. Vedremo anche come gli agrumi vengono lavorati e trasformati dopo la raccolta, in succhi e canditi ad esempio. E andremo anche in cucina ed in pasticceria per scoprire le tante declinazioni che questi frutti possono avere in Calabria.Si parlerà anche di kiwi, altro prodotto, molto importante per l’agricoltura calabrese e di frutti tropicali. In Calabria se ne coltivano molte varietà, come ad esempio la Annona di Reggio.

LE STORIE DI MELAVERDE
TRA SINALUNGA E BRISIGHELLA

Come di consueto,prima,dalle 11, andranno in onda Le Storie di Melaverde.

ELLEN HIDDING IN TOSCANA, A SINALUNGA, PER LA RAZZA CHIANINA

Per Le Storie di Melaverde, domenica 22 gennaio alle 11, si rivedrà Ellen Hidding in una antica fattoria toscana, in provincia di Siena,a Sinalunga,dove viene allevata la razza bovina più conosciuta ad apprezzata al mondo,la Chianina

EDOARDO RASPELLI IN ROMAGNA, A BRISIGHELLA,PER LA RAZZA SUINA “MORA ROMAGNOLA”

Per Le Storie di Melaverde, sempre domenica 22 gennaio alle 11, si rivedrà Edoardo Raspelli in Romagna, in provincia di Ravenna, tra i colli di Brisighella, per presentare una storica razza suina, la Mora Romagnola,un maiale nero che negli ultimi trent’anni ha rischiato di scomparire ma che oggi continua a vivere grazie ad un progetto di recupero singolare.

Nata il 20 settembre 1998 da un’idea dell’agronomo Giacomo Tiraboschi,Melaverde è  una delle trasmissioni più longeve e di maggior successo di tutta la televisione italiana.

NELLA SOVRAPPOSIZIONE, MELAVERDE TALLONA
E POI STRACCIA LINEA VERDE DI RAI 1

Bilanci più che lusinghieri per il domenicale di Canale 5,la rete condotta da Giancarlo Scheri: Melaverde ha praticamente quasi raggiunto (e perfino stracciato) la concorrenza di Linea Verde su Rai 1.
Quando,il 20 settembre del 1998, allora su Rete 4, debuttò Melaverde,la trasmissione di agricoltura ambiente e natura che Mediaset aveva affidato all’agronomo Giacomo Tiraboschi, erano in pochi a crederci: lo share iniziale fu modesto;Aldo Grasso stroncò Melaverde sulle colonne del Corriere della Sera.
Poi i risultati sono andati sempre meglio ed ora il boom della trasmissione che conducono Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding su Canale 5 .
Melaverde parte verso le 11.50; avrebbe il vantaggio di iniziare mezz’ora prima di Linea Verde su Rai 1(tra l’altro ,con meno persone davanti alla tv,ovviamente) ma Linea Verde è assolutamente favorita per vari motivi. Le Storie di Melaverde che precedono Melaverde vanno più che bene (per esempio spesso è stato fatto il 10 % di share ! ) ma di là, su Rai1,c’è il Papa che regala a Linea Verde,passandole il testimone, uno share iniziale addirittura del 25-30  % … se non di più. In più, Linea Verde è da sola nel momento di massimo ascolto,dalle 13 alle 13.30, perché Melaverde è finita…
Allora bisogna guardare la sovrapposizione ed risultati di Melaverde  sono esaltanti.

Prendiamo per esempio, domenica  6  novembre. La sovrapposizione è dalle 12.23 alle 12.57. Linea Verde ha fatto in totale il 17,99 % di share con 2.656.727 spettatori  ma Melaverde l’ha ,quasi, raggiunta con 2.426.881 spettatori ed il 16.44 % di share totale. Ma nel target commerciale,quello degli spettatori con potere d’acquisto(convenzionalmente gli spettatori tra i 15 ed i 64 anni) Linea Verde ha fatto solo il 13,15 % di share con 1.099.504 spettatori,Melaverde li ha stracciati con il 17.50 % e 1.462.849 spettatori !!!!

Altro esempio, domenica 27 novembre,tra i dolci che nascono in Romagna ( i Flamigni, da Forlì )e vini e latte di Lonato del Garda( La Perla del Garda dei fratelli  Giovanna ed Ettore Prandini), i due”signori del gusto” Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding,hanno fatto toccare un ascolto record che l’Auditel ha stimato nel 16,38 % ( 1.986.000 spettatori) .Il programma rivale, Linea Verde ,preceduto dal traino gigantesco di papa  Bergoglio, supera Melaverde ma le cose sono diverse se si guarda il periodo di sovrapposizione,i minuti in cui i due programmi sono contemporanei.
Nell’ascolto del pubblico in generale Linea Verde è stato di poco superiore( 17,8 % di share di Linea Verde contro il comunque eccellente 16,38 % di Melaverde) ma il risultato venne addirittura ribaltato nel Targat Commerciale, cioè il pubblico che ha potere d’acquisto,quello a cui si rivolgono gli investitori pubblicitari,che per convenzione è la fascia d’età tra i 15 ed i 64 anni: Linea Verde si era fermata ad un misero 11,99 % mentre Melaverde era schizzata al 15,41 % .

Aquila Basket Trento: Dolomiti Energia Day
gen 22@12:00–13:00

Domenica alle 12 al PalaTrento avrà inizio il girone di ritorno della Dolomiti Energia Trentino, impegnata nell’anticipo dell’ora di pranzo (diretta su Sky Sport 1) contro l’Enel Brindisi nell’ormai tradizionale “derby dell’energia”, che per l’occasione sarà al centro della promozione “Dolomiti Energia Day” pensata per i più fedeli utenti del main sponsor bianconero.

Aquila Basket e Dolomiti Energia offrono a tutti i clienti del Club Vantaggi la possibilità di assistere ad un prezzo estremamente vantaggioso alla partita. Esibendo la propria card presso l’Aquila Basket Store di Piazzetta Lunelli 10 (da martedì a sabato 9-12.30, 15.30-19, lunedì solo pomeriggio) i clienti del Club Vantaggi avranno diritto all’acquisto di un biglietto nel settore Curva/Corner a soli 5 euro. Un’imperdibile occasione riservata a tutti i clienti del Club Vantaggi, che hanno aderito ad un’offerta del mercato libero di Dolomiti Energia.

Per tutta la settimana sarà inoltre possibile, sia presso Aquila Basket Store che on line, abbonarsi alle 8 gare del girone di ritorno (http://bit.ly/PassioneSullaPelleRitorno) o acquistare biglietti per la gara (http://bit.ly/vsBrindisi22-01-17).

Basket, Serie A1: Trento-Brindisi. Diretta tv
gen 22@12:15–13:15

Priva dell’infortunato David Lighty, ma rinforzata dagli innesti dell’ex Dominique Sutton e dell’esterno Devyn Marble, la Dolomiti Energia Trentino ospiterà domenica, nel match d’apertura del girone di ritorno di Serie A PosteMobile in programma alle 12 al PalaTrento (ticket qui http://bit.ly/vsBrindisi22-01-17), l’Enel Brindisi del capocannoniere del campionato Amath M’Baye. La gara, che sarà trasmessa in diretta sugli schermi di Sky Sport 1, vedrà i bianconeri (tredicesimo posto, 12 punti in classifica) affrontare una delle formazioni qualificatesi in extremis alle Final Eight di Coppa Italia. Chiuso il girone d’andata all’ottavo posto con 14 punti, il team allenato da Romeo Sacchetti si presenterà al PalaTrento per provare a tornare al successo dopo le sconfitte subite nelle prime due gare del 2017 a Capo d’Orlando (86-82) e contro l’Umana Venezia (106-108): obiettivo a cui daranno la caccia pure Forray e compagni, a propria volta reduci da due ko consecutivi arrivati contro Cantù (68-77) e ad Avellino (79-69 dopo un supplementare).  

QUI TRENTO Per provare a portare a casa il primo successo del proprio 2017, la Dolomiti Energia ripartirà dalla grande fiducia nella propria difesa, per distacco la più efficiente del girone d’andata con soli 102,0 punti concessi ogni cento possessi, e dalla ritrovata profondità del proprio roster. Con l’innesto di Sutton, ala già vista a Trento l’anno passato e subito protagonista con 15 punti personali dell’amichevole disputata in settimana a Bolzano contro Reggio Emilia, e l’ingaggio dell’ex Orlando Marble, esterno arrivato giovedì pomeriggio a Trento e pronto a mettersi a disposizione di coach Buscaglia almeno per qualche minuto sin da domani, il sodalizio aquilotto conta di poter recuperare un po’ della pericolosità offensiva lasciata per strada con l’addio di Jefferson prima, e l’infortunio di Lighty poi, che a tre settimane di distanza l’uno dall’altro hanno privato la Dolomiti Energia degli unici due giocatori capaci di chiudere in doppia cifra di media la prima parte del campionato (rispettivamente con 10,5 e 13,1 punti segnati di media).  

QUI BRINDISI Se l’attacco di Trento è probabilmente uno dei più equilibrati della A, con Baldi Rossi (9,5 di media), Flaccadori (9,4), Hogue (9,2), Craft (8,8) e Beto (7,3) tutti responsabilizzati in egual misura nella prima metà di questa stagione, non altrettanto si può dire di Brindisi, che affida le chiavi del proprio attacco nelle mani delle ali M’Baye (20,6 a sera con il 60,8% da due e il 41,8% dall’arco) e Durand Scott (17,1). Ad aumentare la pericolosità offensiva dei pugliesi pensano poi Phil Goss, arrivato a stagione iniziata a puntellare il reparto esterni della Stella del Sud con il suo bagaglio d’esperienza e con i suoi 11,6 a match, e il lungo Robert Carter (13,1 di media con il 42,8% da tre). L’Enel, d’altronde, è la seconda squadra della Lega per punti segnati (85,1 a partita) dietro Milano, complice la grande vocazione ai ritmi alti (77,5 possessi ogni 40 minuti, prima della A per “pace factor”) tipica di tutte le squadre allenate da Meo Sacchetti. In questo contesto tecnico è arrivato a fine dicembre a completare il pacchetto esterni biancoblù l’ex Lubiana Blaz Mesicek (7,0 punti), aggiuntosi al play Nick Moore (9,0 punti e 4,6 assist) e agli ex Trento Marco Spanghero (2,8) e Marco Cardillo (1,9) in un organico che conta anche sul centro Agbelese (5,3 e 4,5 rimbalzi).

I PRECEDENTI Nei cinque “derby dell’energia” disputati in serie A il bilancio vede la formazione pugliese avanti 3-2, grazie al successo ottenuto all’andata al PalaPentassuglia per 69-61 nella gara inaugurale del campionato di A, disputata pure allora in anticipo su Sky Sport 1 alle ore 12. 1-1 il bilancio dei confronti diretti al PalaTrento, con bianconeri sconfitti l’anno passato per 89-92. Curiosamente, Trento è 2-3 anche nei suoi precedenti di campionato disputati alle ore 12, con vittorie ottenute l’anno passato a Sassari e in questa stagione a Pesaro e sconfitte rimediate a Reggio Emilia e Cantù nel campionato scorso, e per l’appunto a Brindisi nel match d’andata. 

LE INIZIATIVE  Curiosamente, quello di domenica sarà il primo “mezzogiorno di fuoco” giocato al PalaTrento nella storia di Aquila Basket in serie A. Il match contro Brindisi sarà aperto con l’esecuzione dell’Inno d’Italia da parte del Coro Cima Verde (cui in settimana hanno fatto visita Luca Lechthaler e il presidente aquilotto Luigi Longhi). I giocatori delle due squadre saranno accompagnati sul parquet da alcuni giocatori dei settori giovanili del Valbelluna Basket e del Paganella-Lavis Basket e Minibasket. Entrambe le società fanno parte del progetto Trentino Basketball Academy e sfileranno poi durante l’intervallo del match con tutti i propri giocatori. 

Alla fine del primo quarto invece verrà dato spazio sul parquet ai ragazzi e alle ragazze delle scuole di danza ASD GIRASOLE di Sopramonte e ASD LE GORGHE di Vigo, accompagnati dalle insegnanti Isabel Nardelli e Federica Costantini. Lo stand del progetto No Profit bianconero sarà invece dedicato domenica al “Villaggio del Fanciullo”, una delle 15 associazioni no profit che da due anni collaborano con Aquila Basket. 

MEDIA E ARBITRI La gara, che sarà arbitrata da Roberto Begnis, Alessandro Vicino e Gianluca Calbucci, sarà trasmessa in telecronaca diretta sugli schermi di Sky Sport 1. La differita del match andrà in onda lunedì alle ore 23 su Trentino TV. La radiocronaca della gara sarà trasmessa in diretta sulle frequenze di Radio Dolomiti, mentre aggiornamenti e play by play del match saranno consultabili suwww.legabasket.it. Fotografie, aggiornamenti social e report del match verranno pubblicati sui canali ufficiali bianconeri. 

 

Volley, Serie A1 femminile: Il Club Italia CRAI ospita la Liu Jo Nordmeccanica Modena
gen 22@15:00–16:00
Per il Club Italia CRAI femminile è già tempo di tornare in campo: a poche ore dalla sconfitta in casa di Casalmaggiore, la squadra della Federazione Italiana Pallavolo è pronta a ospitare la Liu Jo Nordmeccanica Modena a Busto Arsizio per la seconda giornata di ritorno della Samsung Gear Volley Cup di Serie A1. La partita si giocherà domenica 22 gennaioalle 15 nell’ambito del quarto PalaYamamay Volley Day: subito dopo il match delle azzurre, alle 18, si disputerà la sfida tra Unet Yamamay Busto Arsizio e Sudtirol Bolzano.
All’andata, a Modena, l’incontro si chiuse sul 3-0 per la Liu Jo nonostante la buona prestazione del Club Italia, che trascinò le avversarie ai vantaggi nei primi due set. Le emiliane, che hanno centrato la qualificazione alla final four di Coppa Italia e stanno ben figurando in Champions League, devono però fare i conti con un rendimento deludente in campionato e attualmente occupano l’ottavo posto in classifica con 14 punti, mentre le azzurre sono ultime a quota 6.
L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming su LVF TV.
La squadra azzurra ha avuto poco tempo a disposizione per preparare la sfida, a cui si presenterà ancora senza il capitano Elena Perinelli, una delle ex dell’incontro, ferma ai box per un’infiammazione alla spalla. Il coach Cristiano Lucchi riproporrà probabilmente il nuovo assetto con Vittoria Piani come opposto e Paola Egonu in posto 4, mentre sono in ballottaggio per una maglia da schiacciatrice Arciprete e Melli, e per il ruolo di centrale Mancini e Lubian.
Alessia Orro chiama a raccolta le compagne prima della difficile sfida: “Sapevamo che quest’annata sarebbe stata difficile, con una squadra così giovane e inesperta. Certo, perdere non fa piacere a nessuno e il morale inizia un po’ a risentirne, ma non dobbiamo lasciarci andare e farci prendere dalle emozioni negative: pensiamo a lavorare per continuare a crescere dal punto di vista tattico. In questo momento dobbiamo lavorare soprattutto sulla ricezione, che a Cremona è stata il nostro punto debole“.
Nata in estate dalla fusione di Modena e Piacenza, la Liu Jo Nordmeccanica Modena ha già cambiato volto rispetto alla sfida di andata con il Club Italia: in panchina Marco Gaspari ha preso il posto di Lorenzo Micelli, mentre la palleggiatrice statunitense Kreklow ha lasciato la squadra. In regia è tornata Francesca Ferretti, una delle tre ex azzurre insieme a Marika Bianchini e Ilaria Garzaro; i terminali offensivi della squadra sono l’opposto Jovana Brakocevic e la schiacciatrice Neriman Ozsoy, mentre in seconda linea brillano Francesca Marcon e il libero Giulia Leonardi. Al centro, oltre a Garzaro, la belga Heyrman e l’olandese Belien. Come rincalzo di lusso c’è Caterina Bosetti, insieme alla stessa Bianchini, alla palleggiatrice Petrucci e alla schiacciatrice Valeriano.
Arbitreranno l’incontro Dominga Lot di Treviso e Andrea Bellini di Perugia.
BIGLIETTI - I biglietti per il PalaYamamay Volley Day di domenica 22 gennaio sono acquistabili online su http://volleybusto.bookingshow.com/ o nei punti vendita del circuito BookingShow. Biglietterie e cancelli del PalaYamamay saranno aperti dalle 14 di domenica.
Questi i prezzi dei biglietti (validi per entrambe le partite):
Secondo anello non numerato: 9 euro (gratuito da 0 a 6 anni).
Primo anello non numerato: 16 euro (ridotto a 12 euro per ragazzi da 6 a 14 anni e over 65; gratuito da 0 a 6 anni).
Primo anello numerato: 21 euro (ridotto a 15 euro per bambini da 2 a 10 anni e over 65).
Parterre: 28 euro (ridotto a 23 euro per bambini da 2 a 10 anni e over 65).
L’evento è compreso nell’abbonamento stagionale alla Unet Yamamay Busto Arsizio.
MEDIA - La gara tra Club Italia CRAI e Liu Jo Nordmeccanica Modena sarà trasmessa in diretta da LVF TV, la Web Tv ufficiale di Lega Pallavolo Serie A Femminile. LVF TV trasmette in diretta streaming tutti gli incontri della Samsung Gear Volley Cup di serie A1 e della Coppa Italia, a eccezione di quelli trasmessi da Rai Sport. Il servizio è accessibile su abbonamento al costo di 12,95 € al mese o 59,95 € per l’intera stagione. Info e abbonamenti su www.lvftv.com.
La6Tv (canale 86 del digitale terrestre in Lombardia) trasmetterà la gara in differita lunedì 23 gennaio alle 23. Questa sera (venerdì 20 gennaio), sempre alle 23, sarà invece trasmessa la differita della gara di mercoledì scorso tra Pomì Casalmaggiore e Club Italia CRAI.
Aggiornamenti del punteggio in diretta sul sito ufficiale 
www.legavolleyfemminile.it, sulla pagina Facebook www.facebook.com/ClubItaliaFFFpage e via Twitter su https://twitter.com/ClubItaliaFemm.
Club Italia CRAI-Liu Jo Nordmeccanica Modena

Club Italia CRAI: 1 Enweonwu, 4 Morello, 5 Lubian, 7 Ferrara, 8 Orro, 9 Piani, 10 De Bortoli (L), 11 Mancini, 12 Arciprete, 13 Melli, 14 Botezat, 15 Cortella (L), 17 Bulovic, 18 Egonu. All. Lucchi.

Liu Jo Nordmeccanica Modena: 2 Brakocevic, 3 Belien, 4 Valeriano, 5 Heyrman, 6 Leonardi (L), 7 Marcon, 9 C.Bosetti, 10 Ferretti, 11 Petrucci, 13 Ozsoy, 14 Bianchini, 18 Garzaro. All. Gaspari.
Arbitri: Lot e Bellini.
Il programma della giornata
Domenica 22 gennaio 2017, ore 17
Imoco Volley Conegliano-Il Bisonte Firenze sab 21/1 ore 20.30
Saugella Team Monza-Pomì Casalmaggiore
Club Italia CRAI-Liu Jo Nordmeccanica Modena ore 15
Igor Gorgonzola Novara-Metalleghe Montichiari
Foppapedretti Bergamo-Savino Del Bene Scandicci
Unet Yamamay Busto Arsizio-Sudtirol Bolzano ore 18
La classifica
Pomì Casalmaggiore 30; Imoco Volley Conegliano 28; Igor Gorgonzola Novara 26; Foppapedretti Bergamo 24; Unet Yamamay Busto Arsizio 22; Savino Del Bene Scandicci 20; Sudtirol Bolzano 15; Liu Jo Nordmeccanica Modena 14; Il Bisonte Firenze, Saugella Team Monza 12; Metalleghe Montichiari 7; Club Italia CRAI 6.
“Garda Trentino Day” all’Audi Dome di Monaco
gen 22@15:35–16:35

Domenica 22 sarà una giornata di sport molto particolare per il Garda Trentino. All’Audi Dome di Monaco di Baviera è in programma alle 15.30 un importante match di coppa tra FC Bayern Basketball e Telekom Baskets Bonn. Ma oltre alla partita, l’impianto tedesco capace di contenere 6.700 spettatori vivrà un vero e proprio Garda Trentino Day, il primo di tre appuntamenti promozionali che celebrano la partnership tra il prestigioso club bavarese e il territorio altogardesano, diventato negli ultimi due anni la “casa” del raduno estivo della squadra tedesca diretta dal coach Sasha Djordjevic.

L’Audi Dome, impianto gioiello di Monaco di Baviera, si trasformerà in un prestigioso palcoscenico e Garda Trentino sarà protagonista con una serie di attività predisposte per pubblicizzare il proprio territorio presso gli appassionati bavaresi. L’evento conferma la solidità del rapporto tra Bayern e Garda Trentino, che ha le sue origini nei ritiri estivi della squadra di calcio (l’ultimo dei quali nel 2013) e prosegue con successo con i camp prestagionali del team di basket.

Durante la giornata che culminerà con il match di coppa, Garda Trentino sarà presente in forze all’Audi Dome con un intenso programma promozionale. I maxischermi e i monitor dell’impianto riproporranno le immagini del ritiro dell’Fc Bayern Basketball dello scorso agosto a Riva del Garda e sarà diffuso anche un suggestivo ed emozionale filmato che descrive le bellezze del territorio. Inoltre verranno distribuiti materiali promozionali disponibili su tutte le poltroncine dell’impianto e all’info point situato all’ingresso principale.

Ma lo show proseguirà anche durante gli intervalli della partita: lo speaker del Bayern descriverà le attrattive del Garda Trentino come destinazione di vacanza e proporrà al pubblico alcune domande. Il quiz avrà come premio un soggiorno per due persone offerto dall’Hotel Astoria, l’albergo che ha ospitato la squadra durante l’ultimo ritiro. Infine, dopo il match i giocatori firmeranno poster del Garda Trentino e sosteranno presso l’area riservata, per regalare qualche scatto fotografico e i richiestissimi selfie ai tifosi. Durante la giornata il pubblico verrà anche coinvolto in attività sui social media, sfruttando la copertura live dell’evento.

Al Teatro delle Ali di Breno “I Sacchi di Sabbia” con Sandokan
gen 22@16:05–17:05

Domenica 22 gennaio, a partire dalle 16.00, la Compagnia “I Sacchi di Sabbia” avrà il compito di mettere in scena il primo appuntamento del 2017 del ciclo Portami a Teatro, la stagione del Teatro delle Ali dedicata ai più piccini.

skSul palco Sandokan (in un libero adattamento dal classico per l’infanzia Le tigri di Mompracem di Emilio Salgari), nell’insolita cornice di una cucina nella quale ha luogo l’azione scenica.

Attorno a un tavolo si raccolgono quattro personaggi che, indossato il grembiule, iniziano a vivere le intricate gesta del celeberrimo pirata della Malesia. Perno dell’azione è l’ortaggio, in tutte le sue declinazioni: carote-soldatini, sedani-foresta, pomodori rosso-sangue, patate-bombe, e prezzemolo come sempre ornamentale! E poi cucchiai di legno come spade, grattugie come cannoni, una bacinella piena d’acqua per rappresentare il mare del Borneo, rotoli di carta assorbente per cannocchiali, e ancora sacchetti di carta, coltellini, tritatutto…

Il racconto si affaccia alla mente degli spettatori, per poi esplodere con una frenesia folle che contagia, con intelligenza e tanto divertimento.

Durata dello spettacolo: 1 ora circa
Età consigliata: dai 5 anni
Biglietto unico: 6 €

Orari biglietteria: ogni martedì, mercoledì e venerdì dalle 17.00 alle 18.30

liberamente tratto da Le tigri di Mompracem di Emilio Salgari
scrittura scenica Giovanni Guerrieri
con la collaborazione di Giulia Gallo e Giulia Solano
tecnica Federico Polacci
costumi Luisa Pucci
produzione I Sacchi di Sabbia / Compagnia Sandro Lombardi
in collaborazione con Teatro Sant’Andrea, La Città del Teatro, Armunia Festival Costa degli Etruschi
con il sostegno della Regione Toscana

 

Aldeno, “Il magnifico impostore”: Giorgio Perlasca, Giusto fra le Nazioni
gen 22@20:45–21:45

Fra le iniziative dedicate alla memoria di quella incredibile e terribile tragedia che fu la Shoah ne spicca una organizzata dall’associazione trentina Italia-Israele, in collaborazione con il Comune di Aldeno e il patrocinio dell’Fondazione Perlasca: “Il magnifico” impostore”, dedicata a Giorgio Perlasca, Giusto tra le Nazioni. La rappresentazione e l’incontro si svolgono domani, domenica 22 gennaio, al Teatro Comunale di Aldeno alle ore 20.45. Tutta la popolazione è invitata.

Giorgio Perlasca, di professione commerciante, dopo essersi allontanato dal fascismo, a cui aveva inizialmente aderito, nell’inverno del 1944, fingendosi Console generale spagnolo a Budapest, salvò la vita di oltre cinquemila ebrei ungheresi, strappandoli alla deportazione nazista e alla Shoah.
Gradito ospite della serata è Yehoshua Amishav già addetto stampa presso l’Ambasciata di Israele a Roma.

gen
23
lun
2017
Nuovi treni per una mobilità sostenibile in Alto Adige
gen 23@18:00–19:00

In arrivo il primo dei sette nuovi FLIRT di Trenitalia che circoleranno in Alto Adige. Conferenza  di presentazione il 23 gennaio a Bolzano.

Grazie all’acquisto dei treni FLIRT, negli ultimi anni la Provincia di Bolzano è riuscita ad ammodernare il materiale rotabile che circola sulle tratte locali, garantendo a viaggiatori e pendolari un servizio qualitativamente migliore. Il percorso, però, non si ferma, e come stabilito dal contratto di servizio siglato nel 2015, Trenitalia è pronta a inserire gradualmente sul territorio altoatesino altri sette nuovi convogli FLIRT, che rispettano tutti i più elevati standard europei dal punto di vista tecnico e della qualità.

Il primo di questi nuovi treni e le strategie che saranno portate avanti nel prossimo futuro in Alto Adige in tema di trasporto su rotaia, saranno presentati dal presidente della Provincia Arno Kompatscher, dall’assessore alla mobilità Florian Mussner, dal direttore della divisione passeggeri di Trenitalia Orazio Iacono e dal direttore regionale di Trenitalia Roger Hopfinger

Chiuso il Museo archeologico altoatesino
gen 23@18:55–19:55

A causa di lavori di ristrutturazione il Museo archeologico provinciale rimarrà chiuso al pubblico dal 23 al 30 gennaio.

Dopo quasi 20 anni di attività, nel corso dei quali la struttura è stata visitata da oltre 4,6 milioni di persone, il Museo archeologico provinciale chiude i battenti tra il 23 ed il 20 gennaio allo scopo di effettuare una serie di lavori di ristrutturazione.

Tali lavori interessano soprattutto la zona dell’entrata ed alcune parti espositive. Dal 31 gennaio il Museo sarà nuovamente accessibile al pubblico, da martedì a domenica, dalle ore 10 alle 18.

Alto Adige, consulta famiglia: previdenza, lavoro, prima infanzia, casa
gen 23@19:45–20:45

Riunione della consulta per la famiglia con Kompatscher e Deeg, si studia un nuovo modello per i contributi previdenziali alle madri che non lavorano.

Anche il presidente Arno Kompatscher ha partecipato nei giorni scorsi alla riunione della consulta per la famiglia, organo consultivo coordinato dall’assessora Waltraud Deeg. Molti i temi sul tavolo, a partire dalla situazione legata ai contributi previdenziali delle madri che non lavorano. Secondo i rappresentanti delle organizzazioni che operano nel settore della famiglia, il modello attuale che prevede la possibilità di una contribuzione volontaria da parte delle stesse madri, è considerato di difficile sostenibilità da parte dei nuclei familiari. “Stiamo lavorando ad un nuovo modello – ha annunciato il presidente Kompatscher – e contiamo di metterlo a punto già entro la fine del 2017″. Se le garanzie occupazionali offerte alle madri nel settore pubblico possono essere considerate soddisfacenti, il discorso è diverso invece nel settore privato, e secondo il Landeshauptmann è necessaria “una maggiore volontà da parte delle imprese e una più forte collaborazione con le categorie economiche”.

Sempre in tema di conciliazione tra i tempi del lavoro e quelli della famiglia, l’assessora Waltraud Deeg ha aggiunto che “la situazione potrà essere migliorata anche attraverso un ulteriore rafforzamento del programma di Audit“, quindi la discussione è proseguita concentrandosi sull’assistenza alla prima infanzia. Le organizzazioni del settore hanno espresso una valutazione positiva del progetto di ampliamento quantitativo e qualitativo dell’offerta, che obbligherà i comuni, a partire dall’anno in corso, ad offrire posti di assistenza ad almeno il 15% dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. “Si tratta di un passaggio fondamentale per migliorare la conciliabilità lavoro-famiglia - hanno sottolineato Kompatscher e la Deeg – e per contribuire a rendere l’intera società altoatesina sempre più a misura di famiglia“.

Durante l’incontro della consulta, inoltre, è stato affrontato anche il tema della casa in maniera particolare per quanto riguarda i costi, considerati difficilmente sostenibili per i nuclei familiari. “Non può essere – ha commentato Arno Kompatscher – che in Alto Adige un alloggio costi come nelle grandi città quali Roma o Milano. Dobbiamo iniziare a seguire nuove strade, in maniera particolare per quanto riguarda il mercato degli affitti“. In chiusura, l’assessora Waltraud Deeg ha ringraziato da un lato il Landeshauptmann per la sua “disponibilità a sostenere progetti riguardanti la famiglia“, e dall’altro i membri della consulta, “i quali danno vita ad un organo molto attivo e propositivo”.

Aquila Basket Trento, Marble: “Aiuterò creando per me e per i compagni”
gen 23@22:40–23:40

Secondo giocatore “draftato” della storia di Aquila Basket dopo Julian Wright. Terzo giocatore bianconero ad aver calcato il parquet della NBA dopo lo stesso Wright e Tony Mitchell. Non servirebbe molto altro per presentare Roy Devyn Marble, 24enne ex Orlando che dopo aver iniziato la stagione all’Aris Salonicco è arrivato a Trento per disputare la seconda parte della stagione in maglia aquilotta. Di questo, ma anche del nuovo assetto della Dolomiti Energia e della gara di domenica contro Brindisi, hanno parlato Marble e coach Maurizio Buscaglia durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo esterno trentino.  

MAURIZIO BUSCAGLIA (Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Abbiamo voluto Devyn Marble perché, date le nostre possibilità, era il migliore giocatore disponibile sulla piazza. Per avere il suo talento e le sue qualità, che siamo convinti potranno migliorare la squadra che abbiamo, abbiamo accettato di mettere in secondo piano le caratteristiche del giocatore di cui avremmo avuto più bisogno. Lavoreremo in modo progressivo per agevolare il suo inserimento ma, nel contempo, siamo contenti di essere riusciti a tesserarlo in tempo perché possa darci una mano da subito domenica contro Brindisi. Troveremo una squadra di grande talento offensivo, che corre benissimo il campo spinta da giocatori come Moore e Scott, che ha nell’esperienza di Phil Goss e nelle qualità di M’Baye, per quanto visto finora sicuramente uno dei migliori giocatori del campionato, punti di riferimento ben precisi. Dovremo fare grande attenzione alla transizione difensiva, e poi affidarci a quelle che sono le nostre caratteristiche, aggressività difensiva e grande propensione ad andare a rimbalzo da parte di tutti, per trovare a nostra volta canestri facili in contropiede. Mercoledì scorso a Bolzano per noi è cominciato il girone di ritorno e abbiamo già iniziato a lavorare bene sulle indicazioni che ci sono arrivate dal girone d’andata, per poter fare una grande seconda parte di stagione”. 

DEVYN MARBLE (Guardia DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Ho parlato con tante persone prima di venire a Trento, e tutte mi hanno detto che questa è una realtà seria, organizzata e ambiziosa, che rappresenta per me la collocazione ideale in questo momento della mia carriera. Sono quindi entusiasta di poter riprendere da qui la mia esperienza europea, e di poter giocare al fianco di ragazzi come Craft, Hogue e Lighty, che ai tempi del college ho affrontato tante volte da avversari, assaggiandone tutta la durezza e la straordinaria competitività: averli in squadra sarà sicuramente meglio che doverci giocare contro. Sono in condizione, ho giocato l’ultima gara un paio di settimane fa, e quindi sarò a disposizione già da domenica. Ovviamente, avendo a disposizione solo due allenamenti con la squadra, dovrò partire dalle cose essenziali, giocando duro e difendendo forte. Le mie caratteristiche? Sono un giocatore versatile, con buona attitudine difensiva, che in attacco può creare per sé e per i compagni. L’Italia? Da quel che so è un campionato davvero competitivo, equilibrato, e rappresenta per me una grande sfida”. 

gen
24
mar
2017
Piattaforma delle Resistenze contemporanee 2017: a Bolzano “Si gioca sul sul serio! E tu che fai?”
gen 24@12:30–13:00

 

Prime attività del nuovo anno per gli 11 percorsi selezionati dalla Piattaforma delle Resistenze contemporanee 2017 in entrambe le province autonome. Martedì 24 gennaio a Bolzano, nella sede di Resistenze, la coop sociale Studio Comune organizza il primo di tre laboratori di LEGO® SERIOUS PLAY® e coaching costruttivista, che punta ad avviare azioni di responsabilità sociale con giovani under 35 e giornalisti.

 

Il percorso proposto dalla neocostituita cooperativa sociale Studio Comune vuole stimolare la riflessione con giornalisti e giovani sulla responsabilità sociale, attivando con loro pratiche concrete che permettono di entrare nel magico mondo del costruzionismo e parlare con le mani per esprimere le proprie aspettative.

 

Abbiamo pensato di rivolgerci a queste due categorie – spiega Irene Visentini di Studio Comune – perché i mass media sono gli agenti principali nella trasmissione e comprensione della realtà in cui viviamo, mentre i giovani sono coloro che devono capire tale realtà per potervi agire concretamente e positivamente. I giornalisti parlano alla pancia, al cuore e alla testa delle persone, possono amplificare o smantellare le paure della gente, possono creare sensazionalismo e allarme, cavalcare e influenzare l’opinione pubblica; ma possono anche scoprire e valorizzare buone pratiche, svelare aspetti nascosti e inusuali della realtà, diffondere informazioni utili e obiettive e reale conoscenza. Gli altri partecipanti ai nostri laboratori, i giovani, sono coloro che invece devono comprendere la realtà, trovare gli strumenti e disporre delle corrette fonti per interpretarla, in tutta la sua sempre più mutevole complessità”.

 

I tre laboratori sul tema della responsabilità sociale si svolgeranno il 24 gennaio a Bolzano con i giornalisti, il 22 febbraio con giovani di Bolzano tra i 15 e 35 anni e il 1° marzo con giovani di Trento e saranno attivati con la tecnica LEGO® SERIOUS PLAY® che stimolerà riflessioni partecipate su di sé e sul contesto. Seguiranno poi sessioni individuali di coaching con ognuno dei partecipanti per accompagnarli nello sviluppo di un proprio piano d’azione di responsabilità sociale. Un’infografica, sviluppata in modo condiviso con i partecipanti, illustrerà il percorso e il suo impatto in termini di azioni di responsabilità generate.

 

 

“SI GIOCA SUL SERIO! E TU CHE FAI?”

Quando: Martedì 24 gennaio dalle 9 alle 13

Dove: sede di Resistenze, via Torino 31 Bolzano

Iscrizioni: Per info e iscrizioni scrivere a info@studiocomune.eu. La partecipazione è gratuita, i posti sono 10 e saranno assegnati secondo i criteri di eterogeneità dei gruppi e data di iscrizione.

 

GLI ORGANIZZATORI. La cooperativa sociale Studio Comune, costituita a fine 2016 da Irene Visentini, Raffaela Constantini e Sofía Sánchez, ha origine e nello stesso tempo dà seguito ad una precedente iniziativa, ideata e curata nell’ambito del Festival delle Resistenze contemporanee 2015: L’albergo dei circoli virtuosi, un percorso di co-progettazione di iniziative sociali per il riutilizzo e la rivitalizzazione di spazi altrimenti non usati.

Gli ambiti di attività di studio comune sono il lavoro, l’apprendimento e la collaborazione. La cooperativa offre spazi e servizi per il lavoro, la formazione e la conciliazione vita famiglia lavoro: creazione di un coworking con un’agenda di eventi collaborativi ricca di occasioni di sviluppo sia personale che professionale, formazione, facilitazione e coaching sui temi dell’innovazione e della gestione del cambiamento; tutto ciò è supportato da un servizio di babysitteraggio in collaborazione con la cooperativa Coccinella. Anche durante i laboratori del percorso “Si gioca sul serio! E tu che fai?” è infatti prevista la possibilità di richiedere la cura per i propri bambini, facilitando così la partecipazione dei genitori (giovani under 35 e giornalisti).

 

Partner di progetto

Carmela Marsibilio, giornalista Rai Radio2

Blufink, impresa sociale altoatesina per l’accompagnamento di processi partecipativi

Francesca Re di Sambaradio, radio comunitaria e studentesca di Trento

 

Corso sulla stabilità degli alberi alla Scuola professionale di Laives
gen 24@14:45–15:45

Sono aperte le iscrizioni al corso “VTA – la valutazione della stabilità degli alberi” presso la Scuola di frutti-viticoltura e giardinaggio di Laives. 

Tra gennaio e giugno 2017 si riapre l’offerta formativa presso la Scuola per la frutti-viticoltura e il giardinaggio di Laives.

I corsi primaverili di formazione continua sul lavoro per adulti comprendono proposte formative in ambito agro-ambientale e delle professioni del verde. Il catalogo dei corsi è consultabile al seguente indirizzo mail: http://www.agraria.fpbz.it

In particolare dal 24 al 26 gennaio presso la Scuola professionale di Laives si svolgerà un corso sul tema:
“VTA – la valutazione della stabilitá degli alberi”. 

Contenuti: aspetti legali legati alla stabilità degli alberi. Anatomia degli alberi. Micologia dei funghi cariogeni. CODIT. Analisi visiva e verifica dei difetti. L’analisi strumentale: Resistograph, tomografo, SIM. L’attribuzione delle classi di rischio. Cablaggi e riduzioni della chioma. Analisi in campo di casi di studio. Il metodo SIA. Il metodo VTA. La quota di partecipazione è di 100 euro.

Contatti e informazioni: Scuola professionale provinciale per la frutti-viticoltura e il giardinaggio, via Rio Vallarsa 16, Laives; Coordinatrice della formazione continua sul lavoro: Ivonne Califano Tel. 0471 959774; E-mail: ivonne.califano@scuola.alto-adige.it.

Mostra romana rivive virtualmente a Roma grazie a software
gen 24@15:00–16:00

La versione in Realtà Virtuale della mostra “Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea” è stata realizzata dalla Ripartizione Cultura Italiana.

Il software in Realtà Virtuale dell’esposizione ospitata a Roma fino al 2 ottobre 2016 e disponibile a Bolzano dalla fine di novembre 2016 per il percorso espositivo a Bolzano “tempo & denaro – Nel cerchio dell’arte”, sarà presentata a Roma presso il Museo Macro alla presenza di esperti di fama e resa disponibile al pubblico romano martedì 24 gennaio 2017. Pertanto, le postazioni per la realtà virtuale di “tempo & denaro – Nel cerchio dell’arte” saranno spostate a Roma per un giorno.

L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il patrocinio del Dipartimento di Storia dell’arte e Spettacolo della Sapienza Università di Roma.

La mostra “Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea”, ospitata presso il Museo Macro a Roma, si è conclusa fisicamente lo scorso 2 ottobre. Dell’esposizione, però, resta una versione in Realtà Virtuale, esplorabile attraverso appositi visori (Oculus Rift), che consentono di muoversi ancora negli spazi della mostra, girare intorno alle installazioni, fermarsi sulle pareti, avere una visione d’insieme e di dettaglio di circa venti opere fra quelle che sono state esposte. Un percorso che consente di ricollocare ogni opera nel luogo in cui si trovava, di coglierne le relazioni di vicinanza con le altre, il dialogo che si percepisce durante una visita museale.

Il software in Realtà Virtuale della mostra “Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea”, realizzato dalla Ripartizione Cultura della Provincia di Bolzano con la collaborazione tecnica della ditta Smart3k di Trento, è disponibile da fine novembre 2016 presso il Centro Culturale Trevi di Bolzano nell’ambito dell’esposizione “tempo & denaro – Nel cerchio dell’arte”. In occasione della presentazione a Roma il 24 gennaio, le postazioni VR saranno spostate presso il Museo Macro e, pertanto, questa sezione della mostra bolzanina non sarà disponibile nella settimana compresa fra lunedì 23 e sabato 28 gennaio. Il resto del percorso multimediale sarà invece visitabile regolarmente.

UniMont di Edolo: seminario “Importanza dei boschi di protezione ed opere di ingegneria naturalistica in aree a rischio di dissesto idro-geologico”
gen 24@15:30–16:30

SEMINARIO “Importanza dei boschi di protezione ed opere di ingegneria naturalistica in aree a rischio di dissesto idro-geologico”

Martedì 24 gennaio 2017 alle ore 15.30 presso l’Aula Magna dell’Università della Montagna a Edolo, Massimiliano Schwarz – Berner Fachhocschule-Hochschule für Agrar-, Forts- und Lebensmittelwissenschaften – terrà il seminario “Importanza dei boschi di protezione ed opere di ingegneria naturalistica in aree a rischio di dissesto idro-geologico”.

CONTENUTI:

In montagna le foreste sono da lungo tempo utilizzate dall’uomo anche come elemento per proteggersi dai pericoli naturali, e in particolare da frane, colate detritiche, caduta di massi e valanghe.

La funzione protettiva delle foreste nei confronti dei fenomeni di dissesto, in particolare, è legata all’azione delle radici che sono in grado di rinforzare meccanicamente il suolo e di ridurne il contenuto di umidità.

La quantificazione di questi effetti e la gestione forestale per massimizzarli è stata, ed è, oggetto di numerose ricerche.

Parallelamente, le piante possono essere utilizzate, da sole o in combinazione con materiali inerti, in opere di prevenzione e mitigazione del dissesto che rientrano nel campo dell’ingegneria naturalistica e che combinano l’esigenza di sicurezza e di qualità dell’ambiente e del paesaggio.

Nel seminario, verranno affrontati i temi connessi al ruolo delle piante, sia dal punto di vista forestale che delle opere di ingegneria naturalistica.

Parata di stelle alla 44a Marcialonga di Fiemme e Fassa
gen 24@16:45–17:45

 

 

La pista della 44.a Marcialonga di Fiemme e Fassa (Trento) è in fase di definizione, la mancanza di neve naturale non ha fermato il comitato organizzatore con al comando il presidente Angelo Corradini e la general manager Gloria Trettel. I cannoni sono a pieno regime ed hanno già coperto circa 45 chilometri dello storico itinerario che congiunge Moena (in Val di Fassa) a Cavalese (in Val di Fiemme).

Saranno quasi 8000 i concorrenti che il 29 gennaio sfileranno lungo i centri di Fiemme e Fassa, sostenuti ed incitati dall’entusiasmo dei valligiani, una manifestazione come sempre ricca di iniziative, sfide interessanti e progetti per tutte le età, come evidenziato dalle parole del presidente Angelo Corradini, il quale spiega agli appassionati il progetto Marcialonga Experience: “Andremo ad accomunare all’esperienza dei dieci “senatori”, coloro i quali hanno partecipato a tutte le edizioni della Marcialonga, dieci celebrità che aggiungeranno medaglie olimpiche e mondiali alla nostra gara. Il premio per la coppia vincitrice verrà poi devoluto all’associazione di Alex Zanardi “Bimbi in gamba”.

I 10 personaggi noti, a seconda delle loro possibilità sportive, potranno a loro volta decidere se affrontare la Marcialonga Stars (3 km con gli sci da fondo o con le ciaspole), la Marcialonga Story (11 km in abiti e con attrezzatura vintage ante 1976) o la Marcialonga di Fiemme e Fassa, Light di 45 km o tradizionale. Zanardi raccoglierà poi il premio direttamente dalle mani della coppia vincitrice in occasione della sua partecipazione alla Marcialonga Cycling Craft, prevista per il 4 giugno prossimo.

La vincitrice dell’edizione 2003, Lara Peyrot, ricorda invece le emozioni che la Marcialonga porta con sé: “Fare la gara, passare dai paesi, avere un tifo che non esiste da nessun’altra parte nel mondo, è un qualcosa che ti rimane nel cuore e che ti porti dentro”.

Ai nastri di partenza della 44.a edizione sarà presente un parterre fondistico decisamente sostanzioso e fitto di campioni degli sci stretti. Oltre al trentino Bruno Debertolis a capitanare la ‘truppa’ azzurra, ci sarà un Petter Eliassen in cerca di rivincita, mentre Tord Asle Gjerdalen, il fondista con i Ray-Ban, tenterà di completare un tris che lo porterebbe di diritto fra gli élite della seconda ski-marathon più famosa del mondo, ma di certo la più amata in assoluto nel cuore dei fondisti. Anders Aukland è uno dei capi saldi, così come Jerry Ahrlin, il quale può sfoggiare ben tre titoli alla Marcialonga. Ci sarà Jörgen Brink, fondista svedese ricordato anche per un particolare episodio, quando ai Mondiali di Fiemme 2003 crollò proprio sulla salita che ora porta il suo nome, perdendo la testa della gara. Da quel momento è in uso l’espressione gergale “prendere un Brink”, quando l’obiettivo sfuma per cause impreviste poco prima di averlo raggiunto. Il fondista svizzero Toni Livers alla 43.a Marcialonga fu l’unico non scandinavo a piazzarsi nelle prime quindici posizioni, ed il 29 gennaio tenterà di replicare. Al via anche l’esperto Stanislav Řezáč, oltre a Lukas Bauer e Øystein “Pølsa” Pettersen, campione olimpico nella sprint a squadre di Vancouver 2010, mentre Stian Hoelgaard punterà a più di un successo Youth nella Ski Classics.

Fra le donne spiccano le partecipazioni di Seraina Boner (vincente nel 2011 e nel 2013), della reginetta in carica Britta Johansson Norgren, della fuoriclasse svedese Lina Korsgren, di Sara Lindborg, della trionfatrice 2015 Kateřina Smutná e ad una falcata dal trionfo anche lo scorso anno.

Tra i papabili concorrenti c’è anche SuperGiorgio Di Centa, il quale spera di esserci poiché come disse l’eterno fuoriclasse di Tolmezzo: “La Marcialonga è sempre la Marcialonga”. Il comitato organizzatore vuole far presente, inoltre, un messaggio del concorrente Fulvio Esposito, iscritto alla 44.a Marcialonga e pesantemente colpito dal sisma del Centro-Italia: “La mia attrezzatura è sotto le macerie di casa, mentre con la mia famiglia sono stato ‘sfollato’ altrove. Spero che, per noi, questo 2017 sia l’anno della ricostruzione e spero anche di poter partecipare alla prossima Marcialonga. Grazie e… all’anno prossimo”.

Info: www.marcialonga.it

Barriere architettoniche negli edifici privati: i contributi
gen 24@17:40–18:40

Fino al 31 marzo 2017 si possono presentare le domande di contributo per gli interventi di rimozione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati. Le richieste vanno presentate recandosi, previo appuntamento, presso gli Sportelli periferici di assistenza e informazione della Provincia o agli istituti di Patronato e assistenza sociali presenti sul territorio. Rimandono confermati i requisiti di invalidità e l’indicatore Icef fino a 0,9, in vigore gli scorsi anni.  

Per eventuali informazioni si può contattare l’Ufficio Qualità dei servizi della Provincia autonoma di Trento, tel. 0461 492709.

A questo link l’elenco completo degli Sportelli periferici: http://www.sportelli.provincia.tn.it/dove_siamo/

 

Nasce il nuovo sistema di commercializzazione in rete del legno trentino
gen 24@18:00–19:00

Il Trentino vanta da anni un consolidato sistema di gestione e certificazione della filiera foresta-legno che lo pone all’avanguardia nel settore in campo nazionale. Oggi, il sistema si arricchisce di uno strumento aggiuntivo che facilita il rapporto fra il bosco e sui fruitori in termini commerciali, grazie alla collaborazione tra Camera di Commercio di Trento e Provincia autonoma (Servizio Foreste e fauna). Questo nuovo sistema di commercializzazione in rete del legno trentino consentirà in modo rapido ed economico di acquisire offerte di acquisto o vendita del legname delle nostre foreste e della biomassa da parte di tutti i soggetti interessati, sia privati che pubblici, e permetterà nel tempo di costruire anche una banca dati statistica sui movimenti commerciali relativi alla materia prima legnosa.

Il nuovo sistema di commercializzazione in rete del legno trentino si colloca all’interno del portale www.legnotrentino.it che opera con successo da anni, nel costruire un rapporto fra soggetti che gestiscono il bosco trentino e gli operatori commerciali.
Sarà pienamente operativo a partire dal prossimo mese di febbraio e, per illustrare i dettagli del suo funzionamento, saranno organizzati due incontri di formazione in programma entrambi martedì 24 gennaio:
- un primo incontro rivolto principalmente ai segretari comunali, ma esteso anche agli amministratori e ai tecnici, è previsto dalle ore 9.00 alle 12.00 presso la Sala Calepini al secondo piano della Camera di Commercio di Trento in via Calepina 13, con la presenza dell’Assessore provinciale Michele Dallapiccola;

- un secondo incontro, riservato alle aziende, si terrà invece dalle ore 17.00 alle 19.00 presso il Laboratorio di formazione di Palazzo Roccabruna a Trento in via S. Trinità 24.

Daldoss: “Nel 2017 verifica del Progetto Sicurezza”
gen 24@19:55–20:55

“Nel 2017 opereremo una importante verifica del progetto sicurezza e delle modalità con le quali viene effettuato il servizio da parte della Polizia Locale e potremo anche rivedere lo standard minimo che oggi blocca le assunzioni di nuovi agenti, ma i Comuni devono sapere che una revisione del progetto sicurezza deve partire proprio da loro, ai quali è lasciata assoluta libertà gestionale, senza che vi sia un obbligo verso la gestione associata del servizio”. E’ quanto ha affermato l’assessore alla coesione territoriale Carlo Daldoss intervenendo stamane a Moena alla 9a Giornata della Polizia Locale nella ricorrenza del patrono S.Sebastiano.

Daldoss è intervenuto dopo i messaggi di saluto del sindaco di Moena Edoardo Felicetti, del comandante della Polizia Locale della Val di Fassa, Gianluca Ruggero, e della Procuradora Elena Testor, che hanno sottolineato come, in tema di sicurezza del territorio, la Polizia Locale ricopra un ruolo multidisciplinare, che va al di là del mero controllo del traffico per abbracciare attività attinenti ai campi dell’edilizia e dell’ambiente, interpretando anche la domanda di sicurezza espressa dai turisti.
Per Daldoss, la sicurezza “deve essere assunta quale bene sociale di primaria importanza nelle politiche locali”, ed è proprio grazie a questa convinzione – ha ricordato l’assessore – che la Giunta provinciale, da diversi anni ormai, ha investito energie e risorse per realizzare un Sistema integrato di politiche per la sicurezza, secondo una moderna impostazione a rete che valorizzi l’autonomia dei Comuni, delle Comunità e le esigenze di coordinamento su scala provinciale, un modello che ha trovato compiuta attuazione nella legge provinciale n. 8 del 27 giugno 2005.
Il sistema integrato di sicurezza urbana ha tra i suoi obiettivi anche quello di promuovere un governo unitario delle politiche di sicurezza, attraverso una più stretta collaborazione tra amministrazioni locali, polizia locale e autorità di controllo dell’ordine pubblico e proprio nello spirito di creare una più stretta collaborazione tra le istituzioni – ha ricordato ancora l’assessore Daldoss – è stato firmato lo scorso 7 dicembre il “Protocollo d’intesa per la sicurezza della Provincia di Trento” tra Commissariato del Governo di Trento, Provincia autonoma di Trento e Consorzio dei Comuni trentini. “I Comuni – ha concluso Daldoss – sono chiamati ad essere parte attiva, anche con investimenti propri, del “cruscotto integrale di sicurezza” che si sta costruendo per il nostro territorio”.
A conclusione della cerimonia la premiazione degli agenti di Polizia Locale meritevoli.

YOLOMITAS live
gen 24@21:00–22:00
Martedi 24 gennaio 2017
YOLOMITAS live 
@
Enotema 
Via delle Battaglie, 69
Brescia
Yolomitas è un progetto nato ufficialmente nel gennaio 2014, frutto della creatività del chitarrista Michele Frosio e del batterista Davide Miglietti, amici nella vita e nella musica, che da anni condividono palco e sala prove. Decidono di tradurre il loro feeling musicale e le idee generate negli ultimi anni in qualcosa di originale, un duo acustico che propone cover rivisitate attingendo da qualunque genere (o quasi), e brani inediti in continua produzione.
Il carattere del loro progetto è ben chiaro: You Only Live Once, Make It TASty…
Il loro primo album “Journey Through The Seasons” è disponibile ora su Itunes e Spotify.
Dalle 21.00
Ingresso libero
Per informazioni
333 139 7601
Pejo: iniziativa Skipass & Scuola Sci
gen 24@22:45–23:45

 

21 – 29 GENNAIO 2017
11 – 19 MARZO 2017

La vacanza ideale per la famiglia, perché non dovrai preoccuparti di nulla, abbiamo pensato a tutto noi:

  • soggiorno di 7 giorni in hotel o appartamento
  • 6 giorni di skipass per sciare nella Ski Area Pejo 3000
  • lezioni di sci o snowboard

Se sei principiante puoi scegliere il corso di snowboard o di sci di 12 ore, mentre se sei già esperto e vuoi perfezionarti, puoi scegliere due lezioni di un’ora ciascuna con un maestro per te e per un’altra persona scelta dalla scuola. Se siete una famiglia di almeno 4 persone, potrete avere un’ora di lezione con un maestro a voi dedicato.
Cosa aspetti? Prenota subito!

gen
25
mer
2017
“L’importanza di comunicare la scienza” è il prossimo Caffè scientifico
gen 25@18:00–19:00

“La ricerca crea valore” è un ciclo di caffè scientifici proposti ai cittadini organizzati dalla Provincia autonoma di Trento con MUSE – Museo delle Scienze, Fondazione Bruno Kessler, Università degli Studi di Trento, Fondazione Edmund Mach.
Migliorare la qualità della vita delle persone è uno degli obiettivi della ricerca scientifica ed è guardando a questo obiettivo che la ricerca crea valore; in Trentino si fa ricerca ad alto livello in diversi ambiti e discipline, grazie a un terreno reso fertile da investimenti, relazioni e presenze importanti. I Caffè scientifici consentono di dialogare con i ricercatori, esplorare le aree di frontiera della ricerca e coglierne la ricadute sulla vita quotidiana, spaziando dai temi della salute alle questioni sociali, dalla biodiversità alla comunicazione della scienza
Il prossimo appuntamento è mercoledì 25 gennaio, alle 18 al MUSE, con “Limportanza di comunicare la scienza”, a cura di Federico Taddia, autore televisivo e giornalista de La Stampa e Radio24.

Programma
mercoledì 25 gennaio, ore 18, MUSE
L’importanza di comunicare la scienza
Con Federico Taddia, autore televisivo e giornalista de La Stampa e Radio24.
A cura della Provincia autonoma di Trento.
mercoledì 15 febbraio, ore 18, MUSE
I giovani e la lettura digitale
Con Davide Azzolini, ricercatore dell’Istituto per la Ricerca Valutativa sulle Politiche Pubbliche della Fondazione Bruno Kessler.
mercoledì 15 marzo, ore 18, MUSE
Malattie genetiche del cervello
Incontro con Marta Biagioli, ricercatrice del CIBIO-Centro di Biologia Integrata dell’Università di Trento, per trattare la tematica delle malattie genetiche del cervello: dall’identificazione della causa allo studio dei meccanismi molecolari, in cerca di nuovi trattamenti terapeutici.
mercoledì 29 marzo, ore 18, MUSE
L’innovazione sociale
Parlare di sfide, opportunità e politiche per favorire il progresso sociale attraverso l’innovazione con Mario Calderini, docente di social Innovation del Politecnico di Milano e presidente del Comitato per la Ricerca e l’Innovazione della Provincia autonoma di Trento.
mercoledì 19 aprile, ore 18, MUSE
SEED BANK
Incontro con Costantino Bonomi, Conservatore Responsabile della Sezione Botanica del MUSE per parlare di conservazione di semi per mettere al sicuro la biodiversità.
mercoledì 17 maggio, ore 18, MUSE
In cantina, in dispensa, nel frigo o … nella fruttiera
Come conservare i prodotti vegetali preservando al meglio il loro valore nutritivo: se ne parlerà con Flavio Fadanelli, ricercatore e responsabile del gruppo di lavoro Frigoconservazione e post raccolta del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach.

Allacciamento malghe: presentati nuovi criteri e parere preventivo in Alto Adige
gen 25@19:15–20:15

 Disponibile da subito nuovo tavolo tecnico per il rilascio di pareri preventivi secono nuovi criteri di valutazione, presentati da assessori Schuler e Theiner.

Un gruppo di lavoro composto da collaboratori della Ripartizione Foreste, e di quella Natura, Paesaggio e Sviluppo del Territorio, ha predisposto un elenco di criteri relativi ai vari aspetti legati alle opere infrastrutturali necessarie per garantire l’accessibilità alle malghe.

Per favorire l’implementazione di progetti per l’allacciamento delle malghe sostenibili e rispondenti ai suddetti criteri, in futuro un tavolo tecnico costituito da esperti delle suddette Ripartizioni e di rappresentanti delle associazioni protezioniste “Dachverband für Natur- und Umweltschutz” e “Heimatpflegeverband Südtirol”, dalla lega dei contadini “Südtiroler Bauernbund” e dall’”Alpenverein Südtirol”, su richiesta e senza alcuna spesa per i richiedenti, si occuperà dell’esame preventivo delle misure che intendono realizzare.

Le novità per l’allacciamento delle malghe sono state illustrate oggi, lunedì 16 gennaio, nell’ambito di una conferenza stampa a Palazzo Widmann a Bolzano, dagli assessori provinciali competenti Arnold Schuler (Agricoltura e Foreste) e Richard Theiner (Natura e Paesaggio) assieme ai direttori della Ripartizione Foreste, Paul Profanter, e dell’Ufficio Ecologia del paesaggio, Peter Kasal.

L’assessore Schuler ha posto in evidenza l’importanza di trovare una soluzione consensuale preventiva a monte delle decisioni, analogamente a quanto avvenuto per la tematica spargimento di letame, secondo un indirizzo concordato all’avvio della legislatura. La richiesta di pareri preventivi, pur di libera scelta, secondo l’assessore diventerà la regola. Vi è, infatti, un interesse precipuo per il proprietario, che risparmia eventuali costi di predisposizione del progetto se questo non ha possibilità di essere accolto, per tutte le parti coinvolte che giungono a soluzioni condivise, e per la politica che può adottare decisioni partecipate e sostenibili.
Come ha detto l’assessore Theiner, è importante individuare soluzioni nel giusto compromesso fra utilizzo delle malghe e tutela dell’ambiente e del paesaggio coinvolgendo la società civile, valutando le richeste di allacciamento delle malghe caso per caso in base all’opportunità stimata secondo criteri complessivi.
I criteri individuati dal gruppo di esperti fanno riferimento

Da parte sua Profanter ha fatto presente come sia un diritto per i proprietari utilizzare le malghe, ma come ciò debba avvenire senza danneggiare l’interesse pubblico. Infatti, al giorno d’oggi le malghe rivestono un grande interesse e potenziale, non solo per l’aspetto agricolo, bensì sempre più quali aree di ricreazione nel tempo libero e per il turismo, per escursioni a piedi e in bici.

Le malghe sono importanti per la zootecnia e quale aspetto economico per l’agricoltura di montagna, per il paesaggio rurale tradizionale, per il turismo e anche per la difesa da fenomeni di erosione.

L’Alto Adige su un’area territoriale di circa 750mila ettari complessivi, presenta superfici alpicole per complessivi 149mila ettari, un’area rilevante in mano per il 70 per cento a privati. In totale vi sono 1.739 malghe, delle quali l’89 per cento (1.551) sono già collegate. Quelle non collegate sono l’11 per cento; il 4 per cento (73) sono situate in zone di protezione speciale, e il 7 per cento (115) in zone non protette. Ogni anno nelle malghe altoatesine pascolano tra gli 80mila e i 90mila capi di bestiame, rispetto a un patrimonio zootecnico complessivo di 160mila capi.

I criteri individuati si riferiscono a quattro aspetti: l’economicità della malga (riferita al tipo di strutture e gestione), gli aspetti forestali, idrogeologici e tecnici (pendenza, stabilità, interventi costruttivi), gli aspetti riferiti all’ecologia del paesaggio, e altri aspetti (soluzioni alternative, priorità all’utilizzo agricolo). Sono stati illustrati nel dettaglio, secondo gli ambiti di competenza, dai direttori della Ripartizione Foreste, Paul Profanter, e dell’Ufficio Ecologia del paesaggio, Peter Kasal.

Nuovi vertici della sanità ricevuti dall’assessora Stocker
gen 25@19:15–20:15

 Gli obiettivi prioritari nel campo della sanità al centro dell’incontro dell’assessora Stocker con i nuovi vertici del settore.

L’assessora provinciale alla sanità ed alle politiche sociali, Martha Stocker, ha ricevuto nei giorni scorsi i nuovi vertici della sanità altoatesina, Thomas Lanthaler, direttore sanitario, Enrico Wegher, direttore amministrativo e Marianne Siller, nuova direttrice tecnico-assistenziale.

Presenti all’incontro anche il direttore generale, Thomas Schael, il direttore di dipartimento, Michael Mayr, e la direttrice della Ripartizione sanità, Laura Schrott.

Nel corso dell’incontro sono state trattate le linee strategiche che, in base al Piano sanitario provinciale, caratterizzeranno il settore nei prossimi anni sono al 2020.

Nel corso dell’incontro l’assessora Stocker ha sottolineato che la sanità provinciale deve essere in grado di garantire anche in futuro un’assistenza sanitaria sicura, di ottimo livello e diffusa sul territorio, il cui obiettivo prioritario sia la responsabilità nei confronti dei pazienti.

Analoga responsabilità deve esservi da parte dei dirigenti nei confronti degli operatori per realizzare un clima di fiducia e di reciproco rispetto alla base della cultura aziendale. A ciò concorrono in maniera determinante, secondo l’assessora, una corretta informazione, comunicazione e responsabilizzazione dei collaboratori.

Alto Adige, Diritto di famiglia e temi femminili: consulenza legale gratuita
gen 25@19:55–20:55

Riparte da oggi, 17 gennaio, il servizio di consulenza legale gratuita offerto da Commissione provinciale per le pari opportunità e Servizio donna.

Le consulenze riservate sono effettuate da avvocatesse con molti anni di esperienza e spaziano dal diritto di famiglia alle problematiche femminili. Vengono offerte a tutte le persone interessate, e a titolo gratuitoprevia prenotazione. Vengono tenute ogni martedì pomeriggio presso il Servizio donna a Bolzano e ogni due mesi, sempre il martedì pomeriggio, a Merano, Bressanone, Brunico ed Egna.

Il servizio, offerto ormai da molti anni, trova riscontro tra la popolazione. Oltre alle numerose richieste scritte e telefoniche, ogni anno circa 150 donne si recano negli uffici del Servizio donna per una consulenza.

Per prenotazioni e informazioni è possibile rivolgersi al Servizio donna, via Canonico Michael Gamper 1, a Bolzano, tel. 0471 418690 oppure serviziodonna@provincia.bz.it.

Statale 45bis Gardesana Occidentale: chiusura per lavori
gen 25@21:45–22:45

Sulla strada statale 45bis ‘Gardesana Occidentale’ sarà chiusa la galleria San Biagio, tra gli svincoli di Gavardo e Villanuova sul Clisi (Brescia), nella notte tra il 25 e il 26 gennaio 2017 (fascia oraria 21.00-5.00). Il traffico sarà deviato sulla viabilità secondaria con indicazioni sul posto.
Il provvedimento si rende necessario per consentire i lavori di manutenzione degli impianti tecnologici all`interno della galleria.

Alto Adige: indennità per il 2017, in calo i costi della politica
gen 25@23:00–23:55

La Giunta ha approvato le spese per indennità di presidente e assessori nel 2017. Prosegue il trend in calo, costi più che dimezzati negli ultimi 7 anni.

Via libera della Giunta provinciale all’impegno di spesa dell’anno 2017 per quanto riguarda le indennità di carica dell’esecutivo di Palazzo Widmann. Si tratta di un importo suddiviso in tre voci: indennità del presidente della Provincia e degli assessori (725mila euro), indennità di missione e rimborso spese di viaggio (68mila euro), IRAP su indennità di carica (62mila euro). In totale i costi ammontano a 855mila euro, e ricalcano quanto speso nel corso del 2016, quando vi fu un sostanziale risparmio rispetto al 1.020.000 euro di stanziamento inizialmente previsto. Rispetto al 2010, i costi per le indennità della Giunta risultano più che dimezzati, con un taglio del 56,9%.

“Con questo provvedimento – ha commentato il presidente Arno Kompatscher – prosegue l’impegno che avevamo preso all’inizio della legislatura per quanto riguarda i costi della politica”. Valutando tutto il pacchetto, compresa la Regione e il Consiglio provinciale, il taglio è stato superiore al 25%, dato che si è passati da oltre 9,2 milioni di euro a poco più di 7 milioni di euro. “Se però ci limitiamo alla Giunta provinciale – ha aggiunto Kompatscher – il trend è ancora più virtuoso. Rispetto al 2010, infatti, abbiamo eliminato completamente le spese riservate, abbiamo ridotto al minimo le spese di rappresentanza, che ora sono circa un decimo del valore iniziale, e abbiamo sostanzialmente dimezzato i costi legati alle indennità di carica e alle spese di viaggio”

Domande di contributo per nuove imprese, termine prorogato in Trentino
gen 25@23:00–gen 26@00:00

Esteso al 15 febbraio – su proposta del vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico e Lavoro Alessandro Olivi – il periodo utile per la presentazione a Trentino Sviluppo delle domande per sostenere la nuova imprenditorialità, in particolare femminile e giovanile. L’avviso approvato dalla Giunta provinciale lo scorso 2 novembre e ora prorogato prevede 4 milioni di euro, finanziati sul Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), a favore di chi vuole investire su se stesso avviando una nuova iniziativa imprenditoriale nel segno dell’innovazione.

La proroga dei termini, a fronte di un numero già significativo di domande presentate allo Sportello di Trentino Sviluppo, si è resa necessaria, per dare l’opportuno margine di tempo ai nuovi imprenditori che si trovano nella condizione di poter costituire formalmente la propria impresa a partire dal nuovo anno fiscale, ovvero da gennaio 2017.
Potranno beneficiare degli aiuti – la cui entità può arrivare ad un massimo di 35 mila euro per singola iniziativa, a seconda del punteggio di “innovatività” ottenuto – le piccole e medie imprese costituite dal 1° luglio 2016 e da non più di 6 mesi alla data di presentazione della domanda.
Le domande potranno essere presentate a Trentino Sviluppo tramite la piattaforma on-line http://agora.trentinosviluppo.it fino alle ore 12 del 15 febbraio 2017.

gen
26
gio
2017
Esami di bilinguismo: informazioni e simulazioni
gen 26@13:30–14:30

Informazioni e simulazioni per prepararsi bene all’esame di bilinguismo, nei vari livelli, sono offerte dalla Provincia il 26 gennaio a Bolzano. 

Quattro volte all’anno il Servizio esami di bilinguismo e trilinguismo della Provincia organizza appuntamenti informativi chiamati “Compact Info” nei quali i candidati possono prendere confidenza con l’esame da sostenere e le sue modalità. Una buona informazione e un’adeguata preparazione sono infatti le premesse per superare l’esame. Sono circa 15mila i candidati che ogni anno affrontano l’esame di bilinguismo.

Il prossimo evento, il primo del 2017, è in calendario giovedì 26 gennaio a Bolzano nella sede del Servizio in via Perathoner 10 (2° piano): dalle 8.30 alle 12.30 per i livelli C e D, dalle 13.30 alle 16.30 per i livelli A e B. La manifestazione si articola in varie parti: presentazione degli esami di bilinguismo (struttura degli esami e ambiente in cui si svolgono), simulazione dell’esame orale su vari testi e con immediato feedback della commissione, punto d’incontro per conversazione e autoapprendimento (come sfruttare al meglio internet e le nuove tecnologie per l’autoapprendimento delle lingue in modo semplice e gratuito).

I posti all’evento del 26 gennaio sono limitati e pertanto è necessaria la prenotazione tramite il modulo pubblicato sul sito www.provincia.bz.it/formazione-lingue/bilinguismo/events.asp, dove sono disponibili tutte le informazioni sull’iniziativa.

Esami di bilinguismo: evento informativo con simulazioni
gen 26@15:30–16:30

Nuovo appuntamento il 26 gennaio a Bolzano con le informazioni e simulazioni per i candidati che vogliono prepararsi all’esame di bilinguismo.

È confermato per giovedì 26 gennaio il primo appuntamento del 2017 con Compact Info, gli eventi informativi organizzati quattro volte all’anno dal Servizio esami di bilinguismo e trilinguismo della Provincia nei quali i candidati possono prendere confidenza con l’esame da sostenere e le sue modalità. Una buona informazione e un’adeguata preparazione sono infatti le premesse per superare l’esame. Sono circa 15mila i candidati che ogni anno affrontano l’esame di bilinguismo.

L’evento di giovedì 26 gennaio si svolge a Bolzano nella sede del Servizio provinciale in via Perathoner 10 (2° piano): dalle 8.30 alle 12.30 per i livelli C e D, dalle 13.30 alle 16.30 per i livelli A e B. La manifestazione si articola in varie parti: presentazione degli esami di bilinguismo (struttura degli esami e ambiente in cui si svolgono), simulazione dell’esame orale su vari testi e con immediato feedback della commissione, punto d’incontro per conversazione e autoapprendimento (come sfruttare al meglio internet e le nuove tecnologie per l’autoapprendimento delle lingue in modo semplice e gratuito).

I posti all’evento del 26 gennaio sono limitati e pertanto è necessaria la prenotazione tramite il modulo pubblicato sul sito www.provincia.bz.it/formazione-lingue/bilinguismo/events.asp, dove sono disponibili tutte le informazioni sull’iniziativa e il programma completo della giornata.

Sold-out Ledro SkyRace, 400 pettorali volatilizzati in un giorno e mezzo
gen 26@15:50–16:50

Trenta ore e poco più: è questo il tempo impiegato perchè la caccia ai 400 pettorali disponibili per la seconda Ledro SkyRace si completasse. Una corsa iniziata allo scoccare del mezzogiorno di venerdì e conclusa ben prima che l’alba sorgesse sulla domenica, un segnale di grande affetto e passione nei confronti della gara organizzata in Valle di Ledro, in Trentino, dall’SSD Tremalzo ed in programma per domenica 11 giugno sull’affascinante Senter dele Greste certificato dall’Unesco che consente letteralemnte di correre tra le nuvole, a picco sul meraviglioso lago.

Gli ottimi riscontri ricevuti dopo l’edizione 2016 lasciavano spazio ad un giustificato ottimismo in merito all’esaurimento dei posti a disposizione, ma nessuno di noi si sarebbe mai sognato di assistere ad una richiesta così massiccia ed immediata dei pettorali di partenza - è il commento di Paolo Ferrari, presidente dell’SSD Tremalzo - Un dato che certifica l’apprezzamento verso la nostra gara che oltretutto nel 2017 debutterà nel prestigioso circuito La Sportiva Mountain Running Cup insieme ad altre cinque tra le più importanti gare d’Italia“.

Insomma, è stata un’autentica caccia al tesoro. E con un bottino di prim’ordine perchè riuscirsi a farsi largo tra i 400 fortunati che potranno vivere l’emozione di gareggiare sull’entusiasmate tracciato della Ledro SkyRace significa anche garantirsi l’esclusivo pacco gara che tra le altre cose prevederà anche un paio di pantaloni tecnici by Crazy Idea.

Ma tutto era forse prevedibile, perchè la Ledro SkyRace ha tutte le carte in regola per cavalcare l’onda dell’entusiasmo, a partire da un percorso suggestivo che prende spunto dalle acque color cobalto del Lago di Ledro (a quota 675) per poi salire sull’aerea cresta che tra i 1988 metri di Cima Parì ed i 1703 di Cima Oro permette allo sguardo di spaziare praticamente sull’intero arco delle Alpi orientali, prima della picchiata che 19 chilometri e 1610 metri di dslivello dopo riporta al punto di partenza di Mezzolago.

Il tutto in un ambiente ed in una valle che hanno meritato un doppio riconoscimento dall’Unesco, uno assegnato per la particolare purezza del territorio, inserito nel progetto Riserva della Biosfera, l’altro per il valore dell’area archeologica delle Palafitte di Ledro, sito preistorico risalente all’età del Bronzo proprio in riva al Lago.

I riscontri dell’edizione 2016 hanno anche portato la Ledro SkyRace all’ingresso nel circuito La Sportiva Mountain Running Cup 2017 che sarà inaugurato il 7 maggio nella bresciana Marone con la Trentapassi SkyRace.

 

IL CALENDARIO  “La Sportiva Mountain Running Cup 2017”:

7 maggio, Marone (Bs): Trentapassi SkyRace

11 giugno, Ledro (Tn): Ledro SkyRace

25 giugno, Tesero (Tn): Stava Mountain Race

9 luglio, Laghi (Vi): Skylakes

20 agosto, Borno (Bs): San Fermo Trail

3 settembre, Rasura (So), International Rosetta

Dipartimento beni culturali: “Società ed eredità del costruito”
gen 26@16:20–17:20

Si svolgerà giovedì 26 gennaio, dalle ore 8,30 alle 18, nell’Aula Magna della Libera Università di Bolzano, il convegno “Società ed eredità del costruito”.

La costruzione di edifici nuovi da un lato e la conservazione e tutela dei monumenti storici dall’altro formano un binomio pratico inscindibile.

Si tratta di trovare un equilibrio nella gestione del patrimonio architettonico utilizzando le tecniche storiche a fianco dei materiali all’avanguardia che fanno parte delle tecniche costruttive attuali.

Questo uno dei temi al centro del convegno “Società ed eredità del costruito. Tutela e vincolo in un confronto regionale” organizzato dal Dipartimento ai Beni culturali in collaborazione con la Libera Università di Bolzano e l’Ordine degli Architetti che si svolgerà

giovedì 26 gennaio,
dalle ore 8,30 alle 18,
nell’Aula Magna 
della Libera Università di Bolzano.

Prenderanno parte al convegno l’assessore provinciale Florian Mussner, Salvatore Settis, Accademico dei Lincei, Anna Simonati, docente dell’Università di Trento, Walter Hauser, Landeskonservator del Tirolo, Renata Codello, Segretario regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per il Veneto, l’architetto Bernhard Furrer, ETH-Z/SIA/ass.BSA Bern, l’architetto Hans-Jörg Ruch, ETH/SIA/BSA St. Moritz, l’architetto Zeno Bampi, Giorgio Bonsanti, già Ordinario di Storia e Tecnica del Restauro all‘Università di Firenze e Martin Bredenbeck, Rheinischer Verein für Denkmalpflege und Landschaftsschutz, Köln.

Posta: maggiori sinergie per dare risposta alle esigenze del territorio
gen 26@16:55–17:55

Lavorare per favorire l’integrazione fra i servizi pubblici erogati dalle istituzioni territoriali e le prestazioni fornite da Poste Italiane. Questo l’impegno che Provincia, Consorzio dei Comuni e Poste italiane hanno preso oggi nel corso di un incontro tenutosi a Trento per affrontare alcune criticità emerse nell’ambito del percorso di sviluppo e di innovazione dei propri servizi, avviato da Poste Italiane nel 2014, che, almeno in una prima fase, si è concentrato sulla chiusura o sulla rimodulazione oraria di alcuni uffici.

Considerato che il servizio postale rappresenta un presidio essenziale per il territorio, soprattutto per le comunità di montagna e per il mantenimento della popolazione nelle valli, la Provincia si è attività per cercare una più stretta sinergia con i soggetti interessati. Tenuto conto, inoltre, che in base al nuovo contratto di programma tra la società postale e il Ministero dello sviluppo economico, Poste italiane è tenuta a promuovere un’offerta complessiva di servizi, anche nei vari ambiti territoriali, la Provincia ed il Consorzio dei Comuni hanno avviato alcuni tavoli di lavoro con la società nell’obiettivo di definire ambiti di collaborazione, promuovendo l’offerta di nuovi servizi ai cittadini alle imprese e agli enti locali, considerando anche le caratteristiche orografiche del territorio trentino.
Nell’incontro di oggi sono stai proposti alcuni ambiti di reciproca collaborazione, con l’individuazione di un percorso finalizzato a creare opportune integrazioni fra la rete degli uffici postali e dei postini telematici, anche attraverso l’organizzazione di servizi a carattere territoriale, come gli esercizi “multiservizi” capillarmente diffusi sul territorio e gli sportelli periferici decentrati della Provincia. Tra i servizi e le prestazione individuati, su cui verranno fatti a breve ulteriori approfondimenti: i servizi di tesoreria, i servizi tecnologici di accesso online, anche per i soggetti con scarse competenze digitali e i servizi collegati all’assistenza sanitaria, come prenotazione di visite o ritiro di referti. Particolare attenzione è stata riservata anche al tema del recapito dei quotidiani, soprattutto nei comuni interessati dalla riorganizzazione dei servizi di recapito postale, nell’obiettivo di garantire la massima attenzione a questa fascia di utenti.

Sci serale a Madonna di Campiglio sul Canalone Miramonti
gen 26@18:00–19:00

Madonna di Campiglio – Novità al “cancelletto di partenza” del Canalone Miramonti a Madonna di Campiglio. Da oggi, 19 gennaio, tutti i giovedì fino a metà del mese di marzo, si scia anche dalle 17 alle 19. La pista di Coppa del Mondo, su sollecitazione degli albergatori di Madonna di Campiglio, sarà aperta dal tramonto fino a sera per due ore di spettacolare sciata.l

Il tracciato sarà accessibile a tutti i possessori dei seguenti skipass in corso di validità: giornaliero, plurigiornaliero e stagionale delle tessere Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta Val di Sole Val Rendena (quindi anche per gli utenti che soggiornano a Pinzolo e in Val Rendena e hanno acquistato uno skipass Skiarea), interno Campiglio e Skirama.

Ci sarà inoltre la possibilità di accedere direttamente al Canalone acquistando il biglietto unico al prezzo di 15 euro disponibile all’imbarco della seggiovia Miramonti durante le due ore di apertura straordinaria, dalle 17.00 alle 19.00.

La pista, teatro della Coppa del Mondo di slalom maschile in notturna, rischiarata a giorno dal nuovo impianto di illuminazione e dotata di un innovativo sistema di innevamento programmato, aspetta tutti coloro che desiderano farsi emozionare dai cambi di pendenza del leggendario tracciato.

miramonti campiglioCaratteristiche tecniche Canalone Miramonti

Grado di difficoltà: nera

Lunghezza: 610 m

Larghezza: 70 m

Pendenza media: 27%

Pendenza massima: 60%

La pista nasce ad un’altitudine di 1.750 m e termina nel cuore di Madonna di Campiglio a 1.562 m.

© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136