Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad

L’agenda delle Valli

Tutti gli appuntamenti giorno per giorno nelle zone montane. Sport, spettacoli ed eventi di ogni genere tra Valtellina, Valle Camonica, Val di Sole per arrivare in Trentino. L’Agenda delle Valli contiene eventi, manifestazioni, iniziative delle zone bresciane e trentine di cui si occupa il portale. Valli che spesso ospitano campionati nazionali e internazionali di diverse discipline e personaggi di fama internazionale. Esibizioni di cori, manifestazioni ciclistiche, raduni degli Alpini. Giorno per giorno tutti gli eventi tra Breno, Edolo, Passo Tonale, Vermiglio, Malè, Cles, Trento passando per Ponte di Legno, Temù, Vezza d’Oglio, Incudine, Malonno, Sonico, Cedegolo, Aprica, Cortenedolo, Caldes, Stavel, Velon.

 

Set
16
gio
2021
Campionato del Mondo di Skiroll in Val di Fiemme
Set 16@00:00–Set 19@23:45

Val di Fiemme – Dal 16 al 19 settembre il Campionato del Mondo di Skiroll. Gli italiani partono in prima fila, le parole del CT Michel Rainer. Interval Start a Passo Lavazè, Sprint e Team Sprint a Ziano, Final Climb sul Cermis. Matteo Tanel, oro mondiale e vincitore della Coppa del Mondo 2019, punta in alto.

Di Mondiale in Mondiale. La Val di Fiemme ci ha abituati negli anni a tutta una serie di grandi eventi, Campionati del Mondo di sci nordico in primis con la tripletta 1991, 2003 e 2013, e nel 2015 con lo skiroll, la versione estiva dello sci di fondo.
E quest’anno a settembre, dal 16 al 19, nella vallata fiemmese sarà ancora spettacolo con i migliori interpreti del roller skiing a caccia dei titoli, non assegnati nel 2020, e per questo ancora più attesi. Manca praticamente un mese allo start della quattro giorni iridata in Trentino e cominciano ad infittirsi le pre-iscrizioni, con una quindicina di nazioni che hanno già… prenotato un posto in griglia per i propri migliori atleti, nazioni tra le quali spiccano – oltre all’Italia, che in casa spera in qualche medaglia pesante – la Russia, che ha ventilato la presenza di alcuni forti portacolori della nazionale anche di fondo con Bolshunov in prima fila, la Svezia, che contende spesso le posizioni migliori agli azzurri, quindi Germania, Ucraina, Repubblica Ceca, Slovacchia mentre si attende l’annunciata conferma di Norvegia e Bielorussia.
Per i colori azzurri le speranze sono ottimistiche, e non solo per il fatto di sfruttare il fattore “casa”. Il CT degli azzurri Michel Rainer non ha dubbi, alla luce anche dei risultati della prima prova di Coppa del Mondo disputata a Banska Bystrica: “La stagione è ripartita dopo quasi un anno e mezzo di stop causa Covid-19. Abbiamo cominciato bene, dimostrando di essere compatti e competitivi su tutti i format di gare e categorie. 13 podi in tutto, 6 primi, 5 secondi e 2 terzi posti. La stagione però è ancora lunga e quindi l’importante è rimanere concentrati fino all’appuntamento del Mondiale”.
Com’è il livello di preparazione degli azzurri in riferimento agli stranieri? Chi temete maggiormente durante la stagione? “La nostra preparazione al momento è buona – prosegue Rainer. – Abbiamo fatto due raduni, uno ad Anterselva a fine maggio e uno a luglio in Val di Fiemme. Anni fa non si facevano raduni, ma solo le gare. É stato fondamentale per confrontarsi e lavorare su determinate lacune tecniche. Sicuramente i russi sono gli atleti che temiamo di più. Sono forti e competitivi su qualsiasi format di gare e distanze”.
Come proseguirà la preparazione degli atleti della nazionale? E quali i prossimi impegni? “In questi giorni siamo in raduno in Val di Fiemme con la squadra giovani. Poi partiremo il 18 per la trasferta estone, lettone e russa, che faremo in un blocco unico di piano viaggi.
Manca un mese al Campionato del Mondo in Val di Fiemme, come vede l’Italia nel massimo impegno? “Il Mondiale è lontano e la stagione ancora lunga. Ci prepariamo con serenità e tranquillità e senza pressione. Nelle gare ci vuole anche molta fortuna, noi arriveremo al top e poi cercheremo di dare il massimo come sempre”.
Quali saranno le discipline maggiormente favorevoli per gli italiani in Val di Fiemme? “La Team Sprint, dove siamo i campioni del mondo in carica con la coppia Matteo Tanel – Francesco Becchis. La Sprint dovrebbe enfatizzare le qualità dei nostri sprinters Emanuele Becchis, Michele Valerio e Alessio Berlanda, e al femminile Anna Bolzan con la giovane promettente Sabrina Borettaz. Anche nella Team Sprint siamo reduci dall’argento con la coppia Scardoni/Bolzan. Gli atleti distance sicuramente prediligono la Mass Start del Cermis rispetto alla individuale del Lavazè”.
La FISI sembra investire molto su questo settore, è così? “Si, siamo fortunati. In questi quattro anni abbiamo investito molto e chi ha avuto un occhio attento ha notato le cose che sono state fatte per crescere e dare identità e dignità a questa disciplina”.
Lo skiroll è praticato molto anche dai fondisti, eppure la nazionale è formata da specialisti, c’è un motivo? “Lo skiroll è un mezzo di allenamento per lo sci di fondo. Poi, come in ogni sport, ci sono gli specialisti che si cimentano nelle singole discipline”.
Bolshunov ha dichiarato che sarà ai Mondiali. Possibile che ci sia anche qualche altro fondista della nazionale? “Siamo in contatto con i tecnici del fondo per valutare l’eventuale presenza di qualche fondista. Sicuramente è una bella occasione di confronto, con atleti russi di quel calibro, cinque mesi prima delle Olimpiadi”.
E intanto si intensificano i preparativi delle quattro gare, “Interval Start” giovedì 16 settembre a Passo Lavazè sulla nuova pista permanente, Sprint venerdì sera a Ziano, Team Sprint sabato sempre a Ziano, tutte gare in tecnica libera, e infine domenica 19 l’attesa Mass Start Final Climb da Ziano fino all’intermedia del Cermis, un po’ come succede d’inverno col Tour de Ski.
Confermate da Rai Sport due sintesi di 45 minuti, mentre si è in attesa del dettaglio degli iscritti, i cui nomi saranno annunciati dopo le prove di Coppa del Mondo.
Matteo Tanel, il portacolori del Team Robinson Trentino che ha vinto la Coppa del Mondo nel 2019 e un oro e un argento mondiali nello stesso anno, punta in alto anche quest’anno: “Sono in buona forma, punto alla Coppa ma anche al Mondiale. Sicuramente a Lavazè sarà una gara impegnativa, l’altura condizionerà molti. Io conosco bene la pista, fare cinque giri sarà dura per tutti, le curve sono impegnative, se le sbagli puoi pagare anche 5” a giro. Correremo con le ruote “lente” come sul Cermis. Lì sarà importante arrivare con i primi fino all’attacco della salita, poi noi italiani potremo dire la nostra. Io ci conto. Certo che con i campioni del fondo russi non si scherza, saranno avversari temibilissimi”.
Sarà uno spettacolo anche per gli appassionati, sia con le due gare “distance” che con le due prove veloci a Ziano, cuore pulsante dell’organizzazione del comitato fiemmese.

Set
17
ven
2021
Presentazione Aquila Basket Trento
Set 17@16:50–17:50

Una serata con sponsor, partner e istituzioni per presentarsi e per “inaugurare” la nuova stagione: la Dolomiti Energia Trentino al gran completo ieri sera, ospite nella splendida struttura del PalaKosmos a Rovereto, ha condiviso con la “famiglia allargata” di Aquila Basketuna serata all’insegna dei sorrisi e del piacere di stare insieme. Una serata nel territorio e per il territorio, che ha permesso ai bianconeri di riabbracciare chi anche in questo anno e mezzo senza pubblico segnato dalle fatiche della pandemia non ha mai fatto mancare il suo sostegno alla squadra e al club: una serata che ha anche rappresentato un altro passo verso la “normalità”, in attesa di poter accogliere al palazzetto tutti i tifosi bianconeri pronti ad accompagnare la squadra in un’altra lunga stagione di grandi sfide ed emozioni tra campionato ed EuroCup.

Tra gli ospiti della serata a Rovereto anche il Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti, l’Assessore allo Sport del Comune di Trento Salvatore Panetta, il sindaco di Rovereto Francesco Valduga, l’Assessore allo Sport del Comune di Rovereto Mario Bortot e il “padrone di casa” e Presidente della APD Kosmos Rovereto Giovanni Morana.

LUIGI LONGHI (Presidente DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Ringrazio il Presidente Fugatti e tutti i rappresentanti delle istituzioni locali intervenuti, oltre alla Kosmos Rovereto che ci ospita in una bellissima location. Un ringraziamento di cuore anche a tutti i nostri sponsor e partner che non ci hanno mai lasciati soli in un periodo difficile durante la pandemia. La vostra vicinanza e il vostro sostegno ci rendono orgogliosi. Per voi e per tutti i nostri tifosi vogliamo fare la miglior stagione possibile: come dico sempre, non posso garantire le vittorie, ma garantisco che ci sarà massimo impegno di tutti per raggiungerle”.

LELE MOLIN (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Ringrazio tutti gli amici e gli sponsor presenti questa sera per la vostra presenza e la vostra dedizione, non vedo l’ora di rivedervi tutti al palazzetto assieme ai nostri tifosi per condividere con voi le emozioni della stagione. Con il sostegno del club, che ha sempre dimostrato serietà e competenza, ci prepareremo con l’obiettivo di volere competere contro tutti, al di là degli avversari”.

MAURIZIO FUGATTI (Presidente Provincia Autonoma di Trento): “Il Trentino e lo sport sono sempre più un binomio vincente. Lo abbiamo visto dai recenti successi nazionali e locali: gli europei di ciclismo, in cui Matteo Trentin è arrivato quarto, l’oro olimpico di Tita, mentre a breve il Festival dello Sport porterà i nostri campioni olimpici italiani dando un forte messaggio ai giovani. Per consolidare tutti questi risultati come territorio, anche nel futuro, continueremo certamente a investire nello sport e negli eventi sportivi. Società come Aquila Basket, da tempo ai massimi livelli, fanno sì che tutto questo sia possibile: permettono al Trentino di essere il territorio dove lo sport è vissuto non solo con la grande determinazione e capacità agonistica dei giocatori e degli staff tecnici, ma anche con l’alta qualità delle società sportive e con il valore aggiunto che è tutta la comunità nel suo insieme a credere nei valori positivi dello sport. Grazie per quello che fate come Aquila Basket, è questo l’impegno che fa crescere il Trentino”.

SALVATORE PANETTA (Assessore allo Sport Comune di Trento): “In ogni parte d’Italia Trento è presa come città esempio per il mondo dello sport, tutti ci guardano con ammirazione e rispetto perché con serietà e umiltà portiamo avanti grandi progetti ottenendo anche risultati importanti. Aquila Basket è una realtà che si è sempre distinta per il suo radicamento sul territorio, per la sua serietà e per la voglia di combattere espressa dalla squadra. Siamo sempre stati vicini, come città, alla squadra, e continueremo ad impegnarci anche per portare avanti nel migliore dei modi gli interventi già avviati e in programma al palazzetto”.

GIOVANNI MORANA (Presidente APD Kosmos Rovereto): “E’ un onore accogliervi al PalaKosmos, faccio un grande in bocca al lupo ai ragazzi perché da presidente di una società so quanta fatica e quanto sudore ci sia dietro le quinte e quanto sia importante il lavoro quotidiano negli allenamenti di tutti i giorni lontano dai riflettori. A tutti voi l’augurio di una stagione ricca di successi”.

Riva del Garda, le statue stele del Mag al Landesmuseen di Zurigo
Set 17@16:55–17:55

Il Museo Alto Garda saluta fino a gennaio tre statue stele esposte nella sezione dell’archeologica del Museo di Riva del Garda. Gli importanti monumenti saranno al centro della grande mostra internazionale “Uomini di pietra” al Landesmuseen di Zurigo, in compagnia di altre statue provenienti da tutta Europa, dal 17 settembre 2021 al 16 gennaio 2022. Saranno temporaneamente sostituite a Riva del Garda da fedeli riproduzioni.

Si sono concluse positivamente le operazioni di asporto e imballaggio delle statue stele di Arco esposte nella sezione di archeologia del Museo di Riva del Garda, sede del Museo Alto Garda. Venerdì 3 settembre sono state prelevate tre delle otto statue stele del Mag, corrispondenti a Arco II, Arco IV e Arco VI, più il calco della statua stele Arco I.

Le statue stele di Arco rappresenteranno la punta di diamante della grande esposizione internazionale “Uomini di pietra” al Museo Nazionale Svizzero – Landesmuseen di Zurigo, che vede tra i consulenti scientifici anche il soprintendente per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, Franco Marzatico. L’esposizione raccoglie testimonianze provenienti da tutta Europa, per presentare anche al grande pubblico le ancora poco note statue stele del terzo millennio a.C., indagandone diffusione e significato. La mostra è articolata in quattro sezioni principali: le stele antropomorfe sono presentate talora isolate, altre volte in gruppo, altre ancora in dialogo con oggetti e contesti contemporanei.

A testimoniare la diffusione del fenomeno, la mostra raccoglie statue stele provenienti da tutto l’arco alpino (Val d’Aosta: Saint Martin de Corléans; Valcamonica: Museo nazionale della preistoria della Valcamonica; Trentino Alto-Adige: Museo Alta Garda e Südtiroler Archäologie Museum), e da altre zone d’Europa, come Ucrania, Liguria, Sardegna, Francia e Grecia.

Il fenomeno europeo delle statue stele, diffuso dall’Ucraina all’Atlantico, nel terzo millennio a.C. raggiunge l’arco alpino dove è documentato in Trentino-Alto Adige dal ritrovamento di ventidue esemplari, otto dei quali sono stati scoperti ad Arco tra il 1989 e il 1990 durante gli scavi per la costruzione del nuovo ospedale. Esposte nella sezione archeologica del Museo di Riva del Garda, le statue stele di Arco, scolpite a tutto tondo e forse dipinte, in origine erano erette all’aperto in un’area a probabile destinazione cerimoniale, nei pressi di un antico canale del fiume Sarca.

Nel gruppo di Arco sono presenti personaggi maschili, riconoscibili in base alle maggiori dimensioni e caratterizzati dall’ostentazione di armi, figure femminili, contraddistinte dalla raffigurazione dei seni e da alcuni particolari dell’abbigliamento, e un personaggio privo di elementi distintivi, di piccole dimensioni, che probabilmente rappresenta un soggetto non adulto. A eccezione della statua stele più grande, che è in materia prima locale, tutti gli altri esemplari sono in marmo proveniente dalla val Venosta (Alto Adige).

La particolare attenzione rivolta alla raffigurazione di armi, ornamenti ed elementi dell’abbigliamento che si connotano come simboli di potere, suggerisce alcune ipotesi interpretative su chi fossero i soggetti rappresentati. Le statue stele potevano rappresentare personaggi di rango elevato realmente esistenti oppure immagini di divinità, anche se l’ipotesi più probabile è che siano figure commemorative di antenati illustri che con la loro imponente presenza legittimavano il potere dei gruppi dominanti dell’età del Rame.

World Wellness Weekend 2021: appuntamento in Val di Fiemme
Set 17@17:00–18:00

Il benessere scorre come linfa naturale nel territorio della Val di Fiemmedove lo stare bene non è un lusso, ma una pratica accessibile e quotidiana e dove si può respirare aria pulita e sicura.

Spa a cielo aperto adagiata tra le Dolomiti trentine Patrimonio UNESCO e i parchi di Paneveggio Pale di San Martino e del Monte Corno, la valle è ricca di oltre 60 milioni di alberi (3.000 pro capite) gestiti dal 1111 dalla Magnifica Comunità di Fiemme. Tra i territori più virtuosi d’Italia, è un distretto delle rinnovabili che autoproduce energia pulita, in cima anche alle classifiche di corretta gestione della raccolta differenziata. A livello sociale può contare su oltre 300 associazioni attive sul territorio, che è anche un polo produttivo unico in Italia per la sua capacità di trasformare il benessere in motore economico. Fiemme vanta anche uno dei musei outdoor più “quotati” al mondo, raggiungibile tramite una “seminovia”, una seggiovia che semina biodiversità. Patria sportiva dalla lunga tradizione, sarà tra i protagonisti dei prossimi Giochi Olimpici Milano Cortina 2026.

Non è un caso, quindi, se proprio la Val di Fiemme sarà il primo e unico territorio al mondo a far parte del World Wellness Weekend (WWW), l’evento internazionale che dal 2017 promuove il benessere psicofisico come stile di vita. Un appuntamento che ha l’obiettivo di generare un movimento mondiale per il benessere e che coinvolge contemporaneamente oltre 120 Paesi nel terzo weekend di settembre, a ridosso dell’Equinozio, periodo scelto come simbolo di equilibrio e di armonia.

Per tre giorni, dal 17 al 19 settembre, l’evento si svolgerà in totale sicurezza, in luoghi in cui dove si può esaudire il desiderio di respirare aria pulita e godere della bellezza essenziale della valle trentina che rivelerà la sua natura profonda, grazie a percorsi, attività, eventi collaterali, momenti di studio e approfondimento organizzati dall’Azienda per il Turismo Val di Fiemme. Contenuti che rispondono ai 5 pilastri del benessere individuati dal World Wellness Weekend: riposo e creatività, nutrizione e immunità, movimento e vitalità, mindfulness e serenità, motivazione e solidarietà.

Si parte venerdì 17 alle ore 17.00 con la Convention inaugurale organizzata dalle aziende del territorio a Casa Starpool (Ziano di Fiemme), sede di Starpool, impresa specializzata in wellness e spa che ha accompagnato la Val di Fiemme nel percorso di adesione al Wellness Weekend. Al centro, il tema del benessere come motore di sviluppo economico.

Per tutto il fine settimana, dall’alba al tramonto, si succederanno escursioni tra le Dolomiti Patrimonio UNESCO al suono di un corno, danze-spettacolo e aperitivi fioriti, percorsi Kneipp outdoor, laboratori del fieno rigeneranti, osservazione delle stelle, passeggiate notturne in ascolto del respiro del bosco e momenti dedicati alla cura degli animali, cavalli, mucche, capre e pecore.
I ristoranti della valle proporranno l’healthy menu elaborato appositamente in collaborazione con lo chef stellato Alessandro Gilmozzi. Si aggiungeranno attività ed eventi a tema organizzati dagli hotel dalle aziende del territorio.
Spazio in contemporanea a tre grandi eventi nell’evento: il Fiemme Namasté Festival – due giorni di yoga, karate e tai chi –, il Campionato del Mondo di Skiroll Val di Fiemme e Fiemme Senz’auto, una intera giornata dedicata alla sensibilità ambientale e alla riscoperta lenta del territorio con la Statale 48 delle Dolomiti chiusa al traffico veicolare: un invito a percorrere a piedi, in bicicletta o con qualsiasi altro mezzo non motorizzato i 13 chilometri da Cavalese a Predazzo.

Il World Wellness Weekend in Val di Fiemme sarà l’occasione di scoprire questa terra in cui il benessere non è un momento da ritagliarsi tra gli affanni quotidiani, ma uno stile di vita che rispetta la natura e dalla natura trae ispirazione ogni giorno.

“Scatti – 28 giovani per 1 immaginario”
Set 17@17:00–18:00

Venerdì 17 settembre alle ore 17.00 presso il quartiere di San Martino, nello spazio Virgolette, verrà inaugurata la mostra fotografica nata a conclusione del progetto “Scatti…di sport informali!”. Un reportage fotografico costituitosi in parallelo ad un percorso di avvicinamento e conoscenza agli sporti informali quali la bmx, lo skate, l’arrampicata e la slackline.

 

“Scatti – 28 giovani per 1 immaginario” è un’esposizione artistica costituita da un’ampia raccolta di fotografie interamente realizzata da ragazzi e ragazze di età compresa tra i 6 e i 13 anni. Queste immagini, nate dal libero sfogo creativo, si presentano nel loro insieme come un flusso di coscienza trasversale, capace di mettere in luce il profondo immaginario collettivo condiviso dai giovani stessi.

 

L’esposizione artistica, curata dal fotografo Giulio Boccardi, sarà aperta al pubblico fino al 15 ottobre e rappresenta un’occasione per entrare in contatto e comprendere il libero sfogo creativo dei giovani attraverso quello che è stato un vero e proprio esperimento artistico.

 

Le fotografie sono state realizzate durante le attività estive del progetto “Scatti…di sport informali!” promosso da UISP – Comitato del Trentino aps in collaborazione con Associazione Gas, nell’ambito del bando Amico Sport promosso e finanziato dal Comune di Trento.

A Castel Mella Eatinero, il Festival del cibo di strada itinerante
Set 17@17:45–18:45

Dal 17 al 19 settembre a Castel Mella arriva Eatinero, il Festival di Cibo di Strada Itinerante: tre giornate all’insegna del cibo, dell’intrattenimento musicale e del vivere bene all’aperto. La manifestazione organizzata con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Castel Mella, torna in Piazza Unità d’Italia per il quinto anno consecutivo con una la sua carovana di sapori.

L’evento partirà dalle ore 18 di venerdì per proseguire fino alle ore 24 di domenica, con cucine aperte tutto il giorno, a pranzo e cena o per l’aperitivo se preferite. I Food Truck accuratamente selezionati da Eatinero animeranno il weekend con i loro show cooking e tantissime ricette super appetitose e gourmet.

Per accompagnare le prelibatezze una selezione super speciale di birre artigianali dei più premiati microbirrifici italiani spillate dai beer truck di Birra di Classe. Piazza Unità d’Italia è la cornice ideale per accogliere un evento all’insegna della tradizione e della convivialità e per ospitare la band musicale che suonerà dal vivo per intrattenere tutti gli ospiti.

Street food gourmet preparato con ingredienti di qualità e cucinato a bordo di bellissimi food truck. Hamburger e panini gourmet, fritti di pesce, cucina etnica, cucina regionale e tante altre proposte. Tutto all’insegna della gastronomia di qualità, per dare vita a una grande festa all’insegna del gusto.
Intrattenimento musicale serale: Per rendere l’atmosfera serale ancora più piacevole tre band si alterneranno nei durante il weekend. Venerdì 17 settembre inaugurazione con i Giuditta, la band alt rock rivelazione di quest’anno che parteciperà presto all’Arezzo Wave Festival 2021 come “Best Band Lombardia”. Sabato 18 settembre si continua con musica country rock con Frederick & the Riverjumpers per concludere Domenica 19 settembre con The Matt Project, la band formata dal veronese Matteo Breoni alla batteria, Carlo Poddighe alla voce e chitarra, coadiuvati dalla voce e dal basso di Jury Magliolo.

Massima attenzione sarà prestata a tutti gli aspetti riguardanti la sicurezza e la lotta al coronavirus. Sarà aumentato il numero di posti a sedere e i tavoli saranno distribuiti sull’intera area per garantire il massimo distanziamento tra le persone. Per la distribuzione e il consumo delle pietanze sarà utilizzato esclusivamente packaging monouso. Sarà obbligatorio l’uso delle mascherine per tutti i visitatori in coda ai food truck; tavoli e sedute saranno sanificati regolarmente e accanto a ogni furgoncino sarà posto a gel igienizzante per le mani.

Test salivari nelle scuole lombarde
Set 17@18:45–19:45

Prenderà avvio domani, venerdì 17 settembre, la somministrazione dei test salivari nelle scuole lombarde per monitorare la circolazione del Covid. In accordo con tutte le Ats, Regione Lombardia ha individuato per la prima giornata almeno un istituto e una classe per Provincia in cui avviare il monitoraggio campionario.

Coinvolti in questa fase iniziale circa 1.600 alunni che sono stati invitati ad aderire, sottoponendosi al tampone salivare. Sulla base della precedente esperienza è attesa un’adesione stimata intorno al 60%.

Verranno effettuati test molecolari su campione salivare prelevato a scuola da operatori di Ats. In una fase successiva verrà altresì avviata la possibilità dell’autoprelievo nel contesto familiare per la successiva consegna nei punti raccolta scolastici e quindi conferiti nei laboratori analisi. L’adesione degli studenti avverrà su base volontaria attraverso la sottoscrizione del consenso informato dei genitori e non comporterà vincoli per l’accesso a scuola.

L’iniziativa di monitoraggio che parte domani concretizza il continuo e proficuo confronto tra il Welfare di Regione Lombardia, Ats e laboratori con il mondo della scuola.  Successivamente alla fase di avvio, si andrà ad incrementare il numero dei test come previsto dalle indicazioni nazionali.

“Questa attività nelle scuole – rimarca la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia – rappresenta una concreta misura per rilevare eventuali incrementi della circolazione del virus tra i bambini e gli adolescenti ed è volta a ridurre il rischio di provvedimenti restrittivi come la didattica a distanza che tanto hanno pesato su giovani e famiglie nei mesi passati”.

“Accanto alla vaccinazione – conclude la vicepresidente -, che resta l’arma più efficace di contrasto al virus, ricordo anche che i ragazzi tra i 6 e gli 11 anni hanno la possibilità di effettuare gratuitamente, ogni 15 giorni, un tampone antigenico rapido in farmacia, prenotandolo attraverso il portale prenotasalute.regione.lombardia.it“.

Acli trentine, dibattito distretto biologico
Set 17@20:30–21:30

Le Acli organizzano:

REFERENDUM SUL DISTRETTO BIOLOGICO: PARLIAMONE!

VENERDI’ 17 SETTEMBRE

Ore 20:30

SALA POLIFUNZIONALE CIRCOSCRIZIONE ARGENTARIO-COGNOLA

Confronto sui contenuti del Referendum del 26 settembre e sullo sviluppo dell’agricoltura biologica in provincia di Trento

Partecipano:

Enzo Mescalchin, esperto in viticoltura biologica

Michele Scrinzi, Acli Terra

Walter Nicoletti, giornalista, Vicepresidente Acli

Accesso con green pass

Ingresso libero

ATS Bergamo, dati incidenza Covid sul territorio
Set 17@20:30–21:30

La dimensione statistica dei nuovi casi su base comunale, ed il relativo tasso di incidenza per 1.000 abitanti, anche per la settimana 8-14 settembre 2021 evidenziano una lieve decrescita della curva epidemica.
Nella settimana osservata si evidenzia, infatti, una diminuzione di nuovi casi negli ultimi 7 giorni, rispetto alla settimana precedente, pari a -25, contro i -10 della scorsa settimana, con decremento percentuale pari a -9% contro –4% della scorsa settimana (+16% due settimane fa, -5% tre settimane fa, -14% quattro settimane fa). La media giornaliera dei casi incidenti è pari a 35, contro i 38 della scorsa settimana (40 due settimane fa, 34 tre settimane fa e 36 quattro settimane or sono).
Nel periodo osservato il valore di incidenza complessivo settimanale a livello provinciale è pari a 22 nuovi casi per 100.000 abitanti, rispetto ai valori di 24 della scorsa settimana, i 25 delle due settimane precedenti (21 tre settimane fa e 23 di quattro settimane or sono).
Il numero di Comuni con 0 (zero) casi incidenti (comuni con colore bianco nella mappa) sale a 149 (61,3%) contro i 140 (57,6%) della scorsa settimana, il valore più alto delle ultime quattro settimane.
Come la scorsa settimana nessun Ambito Territoriale risulta ‘Covid-free’; l’Ambito con il tasso di incidenza più alto (numero di nuovi casi positivi in rapporto alla popolazione residente) è quello di Romano di Lombardia con 49 nuovi casi ogni 100.000 abitanti e quello con il tasso più basso l’Ambito della Valle Brembana con 5 nuovi casi ogni 100.000 abitanti (22 nuovi casi per 100.000 abitanti in dato provinciale).

I livelli di copertura vaccinale a livello provinciale sono alti, grazie allo sforzo, come più volte si è ribadito, di tutti gli attori del sistema sanitario, sociosanitario e sociale del territorio bergamasco e agli alti livelli di responsabilità dei cittadini. L’ultima valutazione di copertura complessiva (dato aggiornato al 14 settembre 2021) evidenzia, infatti, come l’86.6% della popolazione dai 12 anni in su (popolazione target) si sia sottoposta ad almeno la prima dose di vaccino ed il 76.5% abbia completato il ciclo vaccinale (prima e seconda dose).

Giornata Nazionale della Sicurezza delle cure e delle persone assistite
Set 17@20:30–21:30

Domani,17 settembre, è la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, che coincide con la Giornata mondiale della sicurezza dei pazienti (World Patient Safety Day), introdotta e promossa a livello internazionale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

“Quest’anno il tema della giornata è “la sicurezza delle cure materne e dei neonati”. A livello nazionale e globale, è necessaria un’ampia sensibilizzazione sul tema per coinvolgere tutti i portatori di interesse in azioni sostenibili e adottare strategie efficaci per migliorare la sicurezza materna e dei neonati, facendo leva sull’advocacy (promozione) per l’adozione delle migliori pratiche per prevenire i rischi evitabili e i danni a carico delle madri e dei neonati durante la nascita”,spiega la dottoressa Carmen Tereanu, risk manager di ATS Bergamo.

 

La promozione della salute in ambito materno infantile 

“In ambito materno infantile l’OMS ha individuato nel miglioramento della qualità della vita della madre e del bambino uno degli obiettivi sanitari prioritari a livello mondiale. Le evidenze scientifiche attualmente disponibili documentano in modo chiaro come alcuni rilevanti problemi di salute del bambino e dell’adulto siano prevenibili mediante semplici azioni realizzabili nel periodo perinatale e nei primi anni di vita, sia attraverso la riduzione dell’esposizione a fattori di rischio sia con la promozione di fattori protettivi”, esordisce il dottor Michele Sofia, direttore sanitario di ATS Bergamo. Tali azioni costituiscono gli elementi cardine della promozione della salute nei primi 1000 giorni di vita per mamma, bambino e comunità.

L’impegno di ATS Bergamo nel miglioramento della sicurezza della madre e del neonato si è concretizzato negli anni  in diverse campagne di sensibilizzazione e/o in percorsi specifici a loro dedicati.

 

Campagna di promozione assunzione acido folico in epoca pre-concezionale 

“ATS Bergamo ha promosso una campagna informativa per incrementare il numero di donne che assume acido folico in epoca pre-concezionale, coinvolgendo i soggetti che rappresentano le agenzie del territorio e sono punti di contatto della popolazione femminile”, aggiunge la dottoressa Enrica Breda, Coordinatrice ostetrica dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo.

I dati di Regione Lombardia riferiti all’assunzione di acido folico in epoca peri-concezionale correlato al numero dei parti nel territorio bergamasco (periodo 1 gennaio – 30 giugno 2020) riportano che solo il 28,79% delle donne assume acido folico prima della gravidanza.

“La prevenzione delle malformazioni congenite rappresenta una priorità, sia in considerazione dei dati di prevalenza, sia per le ricadute nel campo socio-sanitario come causa di mortalità e morbidità infantile”, aggiunge la dottoressa Breda. Un apporto adeguato di acido folico nel periodo peri-concezionale è un fattore importante di prevenzione del rischio di malformazioni, in particolare difetti del tubo neurale. Considerando che l’organogenesi avviene nelle prime otto settimane di vita prenatale, gli interventi più efficaci riguardano il periodo precedente al concepimento fino alle prime settimane dello sviluppo embrionale.

Il materiale informativo che è stato distribuito nell’ambito della campagna di sensibilizzazione è stato prodotto dal Centro Nazionale Malattie Rare dell’ISS e inviato ai Medici di Assistenza Primaria, ai Pediatri di Famiglia, alle Farmacie, agli Ambulatori ospedalieri di ostetricia- ginecologia e Pap-test,  ai Consultori familiari. La collaborazione di questi servizi è fondamentale per sostenere il progetto esponendo nelle sale d’attesa degli ambulatori i poster e distribuendo, in modo mirato, il materiale informativo accompagnato da counselling.

 

Promozione dell’allattamento nella comunità amica dei bambini per l’allattamento materno (BFCI) 

ATS Bergamo è stata riconosciuta da UNICEF Italia nel 2017 Comunità Amica dei Bambini per l’Allattamento Materno (BFCI), 7° in Italia, in collaborazione con ASST Papa Giovanni XXIII, ASST Bergamo Est e ASST Bergamo Ovest, dopo un percorso triennale di valutazione.

Dal 2014 ATS Bergamo effettua il monitoraggio allattamento: alla dimissione, presso i Punti Nascita (dal 2019 dato cedap) e alla I°-II°-III° vaccinazione,  presso i Punti Vaccinali ASST del territorio mediante questionari compilati dalle madri che si presentano per la vaccinazione del/la figlio/a. Il monitoraggio alla dimissione dal punto nascita indica un aumento della proporzione delle donne con allattamento al seno esclusivo dal 59% nel 2014 al 65% nel 2020, mentre il monitoraggio alla prima vaccinazione indica un aumento dal 44% nel 2014 al 58% nel 2020.

 

Protocollo di invio ospedale-territorio 

ATS ha promosso un protocollo di invio di tutte le madri/puerpere al momento della dimissione dal Punto Nascita, previo consenso, al Consultorio Familiare per la presa in carico. L’obiettivo è di adottare standard di buone pratiche assistenziali, implementare le competenze materne e dei familiari e consolidare la collaborazione ospedale-territorio. L’invio al Consultorio avviene per classi di priorità: 1 quando la diade madre-bambino necessita di una presa in carico precoce entro i primi 3 giorni dalla dimissione, la classe 2 per la presa in carico entro la prima settimana dalla dimissione. Nel 2021 questo percorso ha coinvolto 819 donne nel primo trimestre e 865 donne nel secondo trimestre.

 

Percorso dedicato di sorveglianza sanitaria in seguito a diagnosi di infezione da Sars-Cov-2 in donna gravida e puerpera; monitoraggio allattamento 

“Appena iniziata l’epidemia COVID-19, ATS Bergamo ha promosso un percorso di presa in carico dedicato e monitorato dalla coordinatrice ostetrica di ATS, per facilitare la sorveglianza sanitaria delle gravide/puerpere COVID-19 positive, considerate una popolazione fragile”, prosegue la dottoressa Breda Il percorso prevede l’indagine epidemiologica e la sorveglianza sanitaria, che consente di tutelare la salute della diade madre-bambino attraverso un monitoraggio dell’attuazione delle procedure di prevenzione e garantisce l’esecuzione dei tamponi nei tempi previsti. In aggiunta, è possibile apportare un supporto psicologico alle famiglie con la possibilità di indirizzare le madri a operatori e servizi del territorio, considerando le misure di isolamento sociale e/o la difficoltà di accesso ai servizi sanitari.

“Un’attenzione particolare è stata posta alla promozione e al sostegno dell’allattamento, quale strumento efficace di promozione della salute e della relazione di madre-neonato-famiglia e orientamento, in tale prospettiva, verso l’assistenza territoriale. Il monitoraggio della modalità di allattamento è realizzato utilizzando una apposita scheda, compilata contattando periodicamente la puerpera”, conclude la dottoressa Breda.

La Polizia Stradale di Brescia aderisce alla campagna RoadPol
Set 17@20:30–21:30

Da oggi 16 settembre fino al 22 settembre il Gruppo operativo RoadPol lancia la campagna europea Focus on the road. II Gruppo Operativo “ROADPOL”-European Roads Policing Network ha programmato nel periodo dal 16 al 22 settembre l’effettuazione della campagna europea congiunta denominate “Focus on the Road” (Concentrarsi sulla strada), che avrà per oggetto il corretto utilizzo alla guida dei telefoni cellulari, che oggi rappresentano motivo di grave distrazione durante la guida. ROADPOL è una rete di cooperazione tra le Polizie Stradali, nata sotto l’egida dell’Unione Europea, alla quale aderiscono tutti i Paesi Membri, tranne la Grecia e la Slovacchia, oltre alla Svizzera, la Serbia e la Turchia ed in qualità di osservatore la Polizia dell’Emirato di Dubai (Emirati Arabi Uniti). L’Italia è rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del Ministero dell’Interno. L’Organizzazione intende sviluppare una cooperazione operativa tra le Polizie Stradali europee per ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali, in adesione al Piano d’Azione Europeo 2021- 2030, attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne “tematiche” in tutta Europa all’interno di specifiche aree strategiche. L’obiettivo è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte di contrasto i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo Focus on the road, niente distrazioni alla guida: la campagna RoadPol –

Lo scopo della campagna “Focus on the Road” (Concentrarsi sulla strada), programmata nel periodo dal 16 al 22 settembre 2021, è di verificare efficacemente, su tutte le arterie europee di grande viabilità, il rispetto del corretto utilizzo di determinati apparecchi durante la guida (telefoni cellulari, cuffie sonore), sicché si sviluppi la coscienza e la consapevolezza che nella stesso momento tutte le Forze di Polizia Stradale dell’Unione stanno operando con le medesime modalità, strumenti omogenei e un obiettivo comune. Per l’intera settimana, chiunque si metterà alla guida sulle direttrici europee sarà pertanto conscio che, in ogni Paese che attraverserà, il corretto utilizzo di apparecchi radiotelefonici durante la guida verrà costantemente monitorato. A tal fine la Polizia Stradale ha predisposto sull’intero territorio nazionale l’effettuazione, per tutto i1 periodo in questione di mirati controlli, in particolar modo sulle arterie autostradali e di grande comunicazione nazionale. 

Per promuovere una cultura della sicurezza stradale, ovvero  sviluppare la conoscenza e il rispetto delle norme di legge, dei comportamenti corretti in strada e nella vita, ispirati ad una cultura della legalità saranno allestiti degli  stands  dal 17 al 19 settembre 2021 a Desenzano del Garda (BS) e il 19 settembre 2021 a Montichiari (BS), dove i cittadini potranno confrontarsi e dialogare con i poliziotti che per chiarimenti sulle modalità comportamentali e le disposizioni attualmente in vigore in materia di Codice della Strada.

Motori, Clacson Motorsport
Set 17@20:30–21:30

Un fine settimana condito da forti emozioni per Clacson Motorsport, reduce da due impegni che, per diversi aspetti, si sono rivelati molto significativi.
Ricordando i fasti di un 2007 che, sulla terra dei mille laghi, aveva portato la squadra di Strigno alla ribalta internazionale con Bettega nel recente weekend il gentlemen driver locale Haris Kaltsounis ha affrontato la gara di casa, il WRC EKO Acropolis Rally Greece, alla guida di una Opel Adam R2 battente bandiera trentina, affiancato da Andreas Peridis sul sedile di destra.
Le pietraie elleniche, dell’evento valevole come nono appuntamento per il FIA World Rally Championship, non tardavano a farsi sentire e, causa cedimento del fusello anteriore sinistro quasi al termine della prima tappa, il classe 1948 si vedeva costretto ad un ritiro anticipato.
Rientrato con il Super Rally il percorso del greco procedeva senza particolari intoppi, sino a due speciali dal termine quando un problema tecnico alla centralina ne sanciva lo stop definitivo.

“Calcolando la durezza del fondo” – racconta Diego Gonzo (titolare Clacson Motorsport) – “possiamo dire di aver avuto pochissimi problemi, in proporzione. Ci dispiace moltissimo per il nostro equipaggio greco perchè meritava di arrivare in fondo. Per loro questa era la quarantacinquesima partecipazione all’Acropolis. Il pilota ha la bellezza di settantatre anni ed è una persona davvero speciale, molto conosciuta e stimata nell’ambiente dei rally locali. Ha praticamente corso con tutti i tipi di Opel in circolazione oltre ad essere proprietario di varie concessionarie, dello stesso marchio, ad Atene e dintorni. Grazie di cuore a Marios, di MC Racing Grecia, per l’organizzazione ma anche a Paolo Musae ed a tutti i ragazzi di Autosport 23, per il prezioso supporto tecnico. È stato bello tornare ad assaporare il mondiale rally.”

Alla durezza conclamata degli sterrati di Grecia hanno fatto bella compagnia anche quelli sardi, in occasione del Rally Historicu del Vermentino, penultimo appuntamento del Campionato Italiano Rally Terra Storico nel quale Corrado Costa ha piazzato un’importante stoccata.
Il quinto posto assoluto, terzo di quarto raggruppamento e primo di classe, in solitaria, permettono al sammarinese, in coppia con Domenico Mularoni sull’Opel Corsa GSI gruppo A, di consolidare una situazione nel tricolore che lo vede ai piani nobili delle principali classifiche.
Nell’assoluta il pilota di Clacson Motorsport figura al secondo posto mentre nella coppa di classe la vittoria è già chiusa in cassaforte, nei confronti del compagno di colori Galluzzi.
Passando al quarto raggruppamento Costa occupa anche il terzo gradino del podio provvisorio, completando un bottino che, al conclusivo Brunello, archivierà una stagione da protagonista.

“Siamo stati molto abbottonati” – racconta Costa – “perchè, specialmente una delle tre speciali, era abbastanza tosta per le nostre vetture. Abbiamo tenuto un’andatura accorta per non compromettere l’arrivo. Era facile fare degli errori e noi volevamo portare a casa punti per il CIRTS. Avevamo voglia di correre su strade che, in parte, si usano nel mondiale ed è stato molto bello. Grazie, di cuore, a Raffaele che ci ha assistito nel migliore dei modi in Sardegna.”

Programma eventi enogastronomici della Valtellina
Set 17@20:30–21:30
L’autunno è per eccellenza la stagione in cui si va alla scoperta dei prodotti enogastronomici del nostro Bel Paese. Tra sagre, degustazioni e mostre, riscoprire le prelibatezze italiane è un vero e proprio piacere per tutti i sensi. Anche la Valtellina presenta il suo ricco calendario di eventi e appuntamenti per amanti della buona cucina e delle tradizioni.
SAGRA DEI CROTTI 2021
Nei fine settimana 4/5 settembre e 11/12 settembre – Chiavenna
Sei percorsi enogastronomici nel cuore pulsante della Valchiavenna per andare alla scoperta della tradizione enogastronomica del territorio gustando i prodotti tipici nei vari crotti sparsi per il borgo.
EROICO ROSSO
Weekend 10/11/12 settembre – Tirano
La settima edizione di Eroico Rosso vedrà la partecipazione di 27 cantine vinicole produttrici di Sforzato. I turisti potranno immergersi in questa esperienza che avverrà all’interno di tre eleganti palazzi del centro storico tiranese.
Posti limitati – iscrizione obbligatoria dal sito
SENTIERO GOURMET
16 settembre 2021 – Livigno
Giunto alla sua 5° edizione, il Sentiero Gourmet accompagna i turisti alla scoperta del meglio della cucina livignasca e valtellinese. Il percorso si divide in 5 tappe, per 3km, e nelle diverse postazioni allestite dall’Associazione Cuochi e Pasticceri di Livigno si potranno degustare deliziosi finger food gourmet. Un viaggio gustoso tra accostamenti sublimi e raffinati.
Per partecipare è necessario il Green Pass.
WINELAB & FOOD
18 settembre 2021 – Chiavenna
Una giornata interamente dedicata ai famosi Vini di Valtellina e volta alla conoscenza del Nebbiolo delle Alpi. Qui i turisti potranno incontrare i produttori locali e scoprire cosa si cela dietro ai pregiati vini valtellinesi, il tutto nella meravigliosa cornice di Chiavenna. https://www.vinidivaltellina.it/vini-di-valtellina/valtellina-wine- festival-2021/
GUSTO DI VALTELLINA
19 settembre 2021 – bassa Valtellina
In occasione del Valtellina Bike Festival gli amanti delle due ruote potranno unire la passione per la bicicletta con l’amore per il buon cibo. Si tratta di un percorso che attraverso alcuni dei luoghi più rinomati della bassa Valtellina, da Morbegno alla Val Gerola passando per Traona, i cicloturisti avranno l’occasione di scoprire paesaggi mozzafiato pedalando e sostando nei vari punti ristoro per delle soste gustose.
Iscrizione obbligatoria.
https://www.valtellinaebikefestival.com/it/e-bike-tours/gusto-di- valtellina
SAPORI D’AUTUNNO
25-26 settembre, 2-3, 9-10 ottobre – Val Masino
Altra rassegna enogastronomica, questa volta nel cuore della Val Masino. Qui mangiare rappresenta un autentico viaggio sensoriale, non solo il gusto sarà appaagato, ma anche la vista. I turisti, infatti, potranno ammirare la natura che cambia colore e passa dal verde smeraldo alle mille sfumature di giallo e rosso.
Prenotazione obbligatoria.
PIZZOCCHERO D’ORO E WEEKEND DEI SAPORI AUTUNNALI
Tutti i weekend da settembre a novembre – Teglio
La rassegna enogastronomica si svolgerà in tutti i ristoranti e agriturismi della zona che aderiscono all’iniziativa. L’evento principe della rassegna sarà il Pizzocchero d’oro, dove, per tutti i weekend del mese di settembre, i turisti potranno gustare il piatto celebre della Valtellina proprio come insegna l’Accademia del Pizzocchero. Per i mesi di ottobre e novembre invece protagonisti indiscussi dei weekend valtellinesi saranno piatti a basi di funghi, selvaggina e non solo.
Si consiglia la prenotazione.
MOSTRA DEL BITTO
Dal 16 al 17 ottobre – Morbegno
Giunta alla sua 114° edizione, la Mostra del Bitto è un appuntamento unico e imperdibile. Morbegno, per due giorni, elogerà il celebre formaggio valtellinese con degustazioni e visite.
DELIZIE DI POLENTA
30 e 31 ottobre e tutti i weekend di novembre – Val Tartano
Una serie di appuntamenti dedicati al mondo della polenta e presentati dall’Accademia della polenta. Alberghi e ristoranti della zona per l’occasione creeranno dei menù dove la polenta sarà la regina indiscussa dei piatti. E’ prevista la possibilità di pernottamento per tutti coloro che vorranno trascorrere un rilassante fine settimana.
Prenotazioni obbligatorie
Trentino, concorsi: indetto il bando per otto nuove assunzioni al Muse
Set 17@20:30–21:30

Proseguono i concorsi pubblici per le 30 assunzioni complessive previste al Museo delle scienze di Trento (Muse), nell’ambito del percorso avviato dall’Amministrazione provinciale per dare attuazione agli impegni assunti in relazione all’organico della struttura conseguente all’internalizzazione di attività oggi oggetto di prestazioni rese in appalto. La Giunta provinciale, con delibera proposta del presidente della Provincia autonoma di Trento, ha indetto il concorso, per titoli ed esami, per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato di 8 funzionari museali da assegnare al museo. Disposta la pubblicazione del relativo bando sul bollettino ufficiale della Regione Trentino Alto Adige, nell’albo della Provincia autonoma di Trento, e sul sito del Muse.

La selezione riguarda i seguenti indirizzi:
INDIRIZZO 1: STEAM (SCIENZA, TECNOLOGIA, INGEGNERIA, ARTI E MATEMATICA)
A.1 Fisica e chimica (1 posto)
A.2 Matematica e coding (1 posto)
INDIRIZZO 2 (2 POSTI): SCIENZE DELLA VITA
B.1 Biotecnologie, salute e alimentazione (1 posto)
B.2 Biologia e conservazione della fauna (1 posto)
INDIRIZZO 3 (2 POSTI): GEO-PALEONTOLOGIA ED EVOLUZIONE
C.1 Geologia e paesaggio (1 posto)
C.2 Paleontologia ed evoluzione (1 posto)
INDIRIZZO 4 (2 POSTI) WEB SCIENZE AMBIENTALI
D.1 Ecologia e biodiversità vegetale (1 posto)
D.2 Educazione ambientale e sviluppo sostenibile (1 posto)
Inquadramento nella categoria D, livello base, prima posizione retributiva del ruolo unico del personale provinciale.
Dalla pubblicazione del bando, precisa il provvedimento, decorrerà il termine di 30 giorni per la presentazione delle domande di partecipazione.

Trento, incontro “Dal viaggio al pellegrinaggio. Fede, cultura, ricerca e custodia di sé”
Set 17@20:30–21:30

Dopo un ciclo di tre film a tema, prosegue la proposta della Diocesi di Trento nel mese di settembre, tempo del Creato, dal titolo “Mi prendo cura”, per riflettere sull’urgenza di un’attenzione personale, sociale e politica al destino della casa comune.  

Domani, venerdì 17 settembre, alle ore 20.30, a Trento in Sala Caritro è in programma l’incontro dibattito “Dal viaggio al pellegrinaggio. Fede, cultura, ricerca e custodia di sé”. Interverranno il teologo Brunetto Salvarani, il sociologo Adel Jabbar e l’insegnante e saggista Fiorenzo Degasperi; modera Paola Siano (giornalista RTTR). 

L’appuntamento, promosso dall’area Testimonianza della Diocesi, è intrecciato all’edizione 2021 del festival cinematografico Religion Today “Nomadi nella fede”.   

La serata sarà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube della Diocesi, sulla pagina Facebook di Vita Trentina e in TV (sempre in diretta) su Telepace Trento; andrà anche in replica su RTTR sabato 18 ad ore 21 e domenica 19 alle 10.40.

“Attorno allo stesso tavolo – spiega don Cristiano Bettega, delegato dell’Area Testimonianza – si confronteranno più visioni, più mondi: la tradizione cristiana, quella islamica e una visione più antropologica. Talvolta senza nemmeno accorgersene, chi si mette in cammino non arriva solo a contemplare un bel panorama o un bel luogo, ma arriva a contemplare meglio se stesso, la propria vita, la propria storia intrecciata con quella degli altri e dell’ambiente in cui vive. Per questo – conclude don Bettega – alle tre voci che si confronteranno venerdì sera abbiamo affidato questo compito: prenderci per mano e aiutarci a farci pellegrini: alla ricerca di noi stessi, dell’altro, dell’Altro”.

Trento, Ischia Podetti: verso l’attuazione del Protocollo di Intesa
Set 17@20:30–21:30

Nella seduta di oggi la Giunta provinciale, dando attuazione al Protocollo di Intesa adottato con il comune di Trento per la gestione della fase transitoria relativa allo smaltimento dei rifiuti urbani, ha formalizzato la localizzazione di alcune aree nel cosiddetto “Catino nord” della discarica di Ischia Podetti, utilizzabili ai fini dello smaltimento dei rifiuti urbani e speciali non pericolosi. La decisione, adottata dalla Giunta su proposta dell’assessore all’urbanistica e ambiente, garantisce, assieme al contestuale utilizzo di alcune discariche periferiche non completate, una durata temporale ulteriore alla discarica di ischia Podetti, consentendo alla pianificazione provinciale di porre mano, nel frattempo, all’aggiornamento del Piano provinciale dei rifiuti. A regime sarà prevista la chiusura del ciclo dei rifiuti conformemente al principio normativo nazionale e comunitario della “prossimità”, con conseguente impedimento di esportare rifiuti se non in casi eccezionali e motivati.

La decisione odierna consegue al fatto che le volumetrie attualmente disponibili presso il 4° lotto della discarica di Ischia Podetti sono in fase di esaurimento, il che rende necessaria la realizzazione delle seguenti aree di gestione rifiuti:
– area di compattazione e imballaggio rifiuti non pericolosi su una superficie di 4.400 m2;
– area di messa in riserva di rifiuti non pericolosi per una volumetria pari a 21.600 m3 su una superficie di circa 8.800 m2;
– area di deposito preliminare di rifiuti non pericolosi per una volumetria pari a 28.800 m3 su una superficie di circa 11.000 m2;
– discarica per rifiuti non pericolosi con una volumetria pari a 200-250.000 m3 su una superficie di circa 16.300 m2.
L’effetto degli interventi previsti si esaurirà da qui al 2026, quando si sarà completato l’aggiornamento della strategia provinciale in materia, orientata ai principi dell’economia circolare, della tutela e salvaguardia ambientale e di responsabilità, autonomia ed autosufficienza. L’aggiornamento del Piano provinciale per la gestione dei rifiuti dovrà dettagliare in particolare le seguenti azioni:
individuazione di specifiche attività di riduzione dei rifiuti prodotti, verificandone nel tempo lo stato di attuazione e la reale efficacia;
potenziamento della raccolta differenziata in particolare per i territori meno virtuosi, introducendo obiettivi vincolanti e sanzioni per gli inadempienti;
individuazione delle frazione di rifiuti speciali che possano trovare soluzioni di trattamento diverse dallo smaltimento in discarica;
definizione, con il supporto tecnico/scientifico degli Enti di ricerca del nostro territorio, delle migliori tecnologie disponibili dal punto di vista economico e ambientale per il trattamento del rifiuto residuo, alternative alla discarica, dimensionate sull’effettiva produzione di rifiuti che rimangono a valle delle iniziative di riduzione e raccolta differenziata.
In attesa del perfezionamento degli strumenti di pianificazione e della concreta realizzazione degli interventi previsti, la Giunta provinciale sta progressivamente attuando le azioni necessarie al fine del corretto smaltimento dei rifiuti urbani nella fase transitoria, che consistono principalmente nell’incremento delle tariffe per lo smaltimento dei rifiuti speciali in discarica, nella ricerca di possibili impianti di trattamento dei rifiuti urbani in Regioni confinanti e nel completamento degli spazi disponibili in alcune discariche periferiche (Monclassico e Imer). Rientra in questa serie di interventi anche quello relativo alla discarica di Ischia Podetti, che formalizza la localizzazione di aree idonee per lo smaltimento o recupero dei rifiuti urbani. L’area interessata si situa, come noto, sulla destra idrografica del fiume Adige, nei pressi dell’asse autostradale A22 del Brennero, della provinciale Trento-Rocchetta e dell’Interporto doganale.

UniTrento/Istituto Mario Negri – Sla, arrivano nuove prospettive per la diagnosi
Set 17@20:30–21:30

Grazie all’Intelligenza Artificiale, sarà possibile non solo diagnosticare tempestivamente l’insorgere della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) ma anche predire la progressione, più o meno veloce, del suo futuro andamento. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Neurodegeneration, ha scoperto che una particolare analisi del sangue permetterà di decodificare una sorta di ‘messaggi in bottiglia’ rilasciati dalle cellule e da cui sarà possibile conoscere il loro stato di salute. Una prospettiva importante per una patologia che solitamente viene diagnosticata dopo diverse indagini mediche ripetute nel tempo da parte di un neurologo esperto. La scoperta è il risultato dello studio multicentrico italiano disegnato e coordinato da Valentina Bonetto, Responsabile del Laboratorio di Biomarcatori Traslazionali dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS e da Manuela Basso del Dipartimento di Biologia Cellulare, Computazionale e Integrata (CIBIO) dell’Università di Trento in collaborazione con il centro CRESLA, AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, l’Azienda Ospedale Università di Padova e a Milano: il Centro Clinico NeMO, ICS Maugeri e la Casa Cura Policlinico.

Le vescicole, prelevate tramite un semplice prelievo del sangue, sono state isolate e caratterizzate. I dati ottenuti sono poi stati analizzati e rielaborati da Francesco Rinaldi del Dipartimento di Matematica dell’Università di Padova, che ha utilizzato dei modelli di Intelligenza Artificiale (I.A.) per predire, con accuratezza, se le vescicole extracellulari appartenevano a un individuo sano o affetto da patologia degenerativa.

Abbiamo sviluppato – spiega Laura Pasetto dell’Istituto Mario Negri, primo autore del lavoro – un protocollo rapido che permette di misurare le caratteristiche delle vescicole extracellulari nel sangue dei pazienti affetti da SLA. Abbiamo decodificato le informazioni derivanti da queste piccole particelle lipidiche circolanti nel sangue e abbiamo capito come distinguere questi pazienti da altri affetti da diverse malattie neurologiche e muscolari”.

I dati raccolti con questa caratterizzazione – aggiunge Manuela Bassomostrano che le vescicole di pazienti SLA hanno dimensioni e livelli di proteine diversi da controlli sani e pazienti affetti da distrofie muscolari o malattia di Kennedy, malattie che possono mostrare sintomi simili nelle fasi precoci. Utilizzando questi parametri siamo riusciti anche a predire in maniera accurata la velocità di progressione della malattia”.

I pazienti SLA – spiegano Andrea Calvo, del Centro regionale esperto per la SLA di Torino (AOU Città della Salute e della Scienza di Torino e Dipartimento di Neuroscienze Università di Torino) e Christian Lunetta del Centro Clinico NeMO di Milano e medical director di AISLA ricevono una diagnosi conclusiva, in media, dopo circa un anno dall’insorgenza dei sintomi, vivendo lunghi periodi di frustrazione, e vengono inseriti con grande ritardo nei protocolli di cura sperimentali, riducendo le probabilità di successo. La malattia è inoltre molto eterogenea sia per aggressività che per velocità di progressione rendendo difficoltosa la prognosi e la pianificazione delle cure. “L’identificazione di biomarcatori – conclude Valentina Bonettospecifici e predittivi per diagnosi e prognosi sarebbe dunque di grande aiuto non solo per la gestione clinica dei pazienti ma anche per lo sviluppo di una terapia efficace. Gli stessi risultati sono emersi nei modelli animali e questo è promettente anche per il monitoraggio di future sperimentazioni farmacologiche. Ora ci attendono studi di validazione per poter trasferire le scoperte, rilevate su un campione composto da 106 pazienti SLA e 96 soggetti controllo, alla pratica clinica”.

La Sclerosi Laterale Amiotrofica o SLA è la più comune malattia del motoneurone, una cellula essenziale per inviare i comandi ai nostri muscoli scheletrici e permettere il movimento. La SLA è una malattia neurodegenerativa con prognosi infausta. Nonostante i numerosi progressi nella ricerca di base e clinica, non esiste una cura e viene diagnosticata al comparire dei primi sintomi motori che rivelano una situazione di danno avanzato. Da anni il Laboratorio di Biomarcatori Traslazionali dell’Istituto Mario Negri, studia nuovi marcatori per anticipare nel tempo la diagnosi della malattia e definire con più accuratezza la prognosi. 

La notizia arriva alla vigilia della XIV Giornata Nazionale SLA, promossa da AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, e che si celebra domenica 19 settembre in centinaia di piazze italiane. Con la determinazione di voler cambiare la storia di questa malattia ancora inguaribile, AISLA ribadisce la necessità di continuare a finanziare la ricerca scientifica e i risultati di questo studio, reso possibile grazie alla competenza e disponibilità di molti esperti neurologi italiani, lo confermano. 

La ricerca è stata finanziata principalmente dal Ministero della Salute, Progetto di Ricerca Finalizzata “Giovani Ricercatori” (GR-2016-02361552), di cui le Dott.sse Basso e Pasetto sono rispettivamente responsabile e co-responsabile e dal programma europeo Marie-Sklodowska-Curie Individual Fellowships (752470 a Manuela Basso).

Decoding distinctive features of plasma extracellular vesicles in amyotrophic lateralSclerosis. 

Laura Pasetto, Stefano Callegaro, Alessandro Corbelli, Fabio Fiordaliso, Deborah Ferrara, Laura Brunelli, Giovanna Sestito, Roberta Pastorelli, Elisa Bianchi, Marina Cretich, Marcella Chiari, Cristina Potrich, Cristina Moglia, Massimo Corbo, Gianni Sorarù, Christian Lunetta, Andrea Calvo, Adriano Chiò, Gabriele Mora, Maria Pennuto, Alessandro Quattrone, Francesco Rinaldi, Vito Giuseppe D’Agostino, Manuela Basso and Valentina Bonetto. Molecular Neurodegeneration, 2021.

“Doppio digitale”, alla scoperta degli Ex Telefoni di Stato
Set 17@21:00–22:00

Esplorare gli Ex-Telefoni di Stato in corso Italia a Bolzano e scoprire come sono diventati dopo vent’anni di chiusura. Un percorso che ora diventa realtà grazie alla realizzazione del “doppio digitale” a cura dell’Ufficio Politiche giovanili della Provincia di Bolzano. Si tratta di un sito-web dedicato agli Ex telefoni di Stato trasformati in co-living e coworking. Il progetto multimediale consente di “passeggiare” virtualmente da un piano all’altro e (ri)scoprire che ne è stato dell’edificio che ospita lo spazio DRIN, il progetto di co-living dedicato dall’innovazione culturale che ha visto susseguirsi dalla sua apertura, nel 2019, una serie di progetti dedicati alle imprese culturali e creative. “Lo spazio diventerà il primo hub digitaleper la cultura giovanile in Alto Adige – sottolinea l’assessore alla cultura italiana Giuliano Vettorato – dedicato a tutte le associazioni ed enti che vorranno sperimentare nel mondo del digitale: avvicinare il mondo della creatività alla tecnologia è essenziale per costruire una società sempre più sostenibile e in linea con i tempi che stiamo vivendo”. Inoltre, grazie alla collaborazione con il NOI Techpark, è stata sviluppata una skill “Eventi DRIN” che integrandosi con l’Open Data Hub permetterà a chiunque abbia in casa un dispositivo Alexa o Google Home di conoscere le iniziative che si terranno presso DRIN e al Centro Trevi-Trevilab.

Aquila Basket Trento, Desonta Bradford: “Trento il posto giusto per me”
Set 17@21:25–22:25

E’ una storia davvero particolare quella di Desonta Bradford: non capita spesso di vedere un giocatore prendersi un anno di stop per lavorare su se stesso e stare vicino alla famiglia, coltivando la passione per il gioco anche lontano dai palcoscenici dei professionisti.

Lo ha fatto la scorsa stagione DB, rientrato a casa durante la pandemia per “chiudersi” in palestra nel suo vecchio college ed allenarsi duramente giorno dopo giorno per farsi trovare pronto al suo rientro in campo: un rientro che con la maglia di Trento Desonta vuole rendere indimenticabile.

Il classe ’96 statunitense ne ha parlato questa mattina, quando in conferenza stampa ha incontrato i media locali.

DESONTA BRADFORD (Guardia DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Ho sentito molto parlare da altri giocatori e da alcuni amici del campionato italiano, so che qui c’è una lega davvero competitiva con tante squadre di grande tradizione e ottimi giocatori. Trento è il posto giusto per me, un club che ha sempre saputo lasciare un’impronta in tutte le competizioni che ha affrontato: questa Supercoppa ha confermato le mie aspettative, non ci sono partite facili e ogni avversario è davvero tosto. Personalmente uscendo da un anno senza partite competitive sto sfruttando i match di preseason e di Supercoppa per togliermi di dosso un po’ di ruggine e prendere ritmo, siamo un gruppo giovane con tanti giocatori nuovi e quindi il processo di crescita di ognuno aiuterà quello della squadra. La scelta di fermarmi per un anno dal basket “pro”? Credo abbia dato i suoi frutti: mi sono allenato tanto, e con grande concentrazione, mi sento un giocatore più forte rispetto al mio ultimo anno in Europa in Belgio. Voglio dimostrarlo dando tutto in campo e facendo vincere alla squadra più partite possibile. Fuori dal campo? Sono un tipo avventuroso, mi piace girare e fare nuove esperienze: sono uno molto aperto, mi piace parlare nuove persone e conoscere nuovi modi di pensare e di vedere il mondo”.

Trento, Palazzi aperti: info iscrizioni a visite guidate
Set 17@21:25–22:25

Palazzi aperti, giunta quest’anno alla 17a edizione, è una manifestazione culturale promossa e coordinata dal Comune di Trento per offrire al pubblico l’opportunità di visitare luoghi e monumenti solitamente inaccessibili, alla scoperta di insoliti e suggestivi percorsi della città e di tutto il territorio provinciale.

Quest’anno l’iniziativa si svolge negli ultimi due fine settimana di settembre e vede la partecipazione di circa 60 Comuni sparsi in tutte le Comunità di Valle della provincia.

A Trento verranno proposte delle visite guidate alle torri della città, normalmente non aperte al pubblico, che si svolgeranno in più turni nelle giornate di programmazione della manifestazione:

  • Torre Mirana, accessibile anche al pubblico con disabilità motorie, tranne l’ultimo piano (sala della Torre), un’occasione per scoprire tutto l’edificio che fa parte del complesso di palazzo Thun e che ospita solitamente mostre e appuntamenti culturali negli spazi espositivi del piano terra
  • Torre della Tromba
  • Torre Civica (con la collaborazione del Museo Diocesano Tridentino)
  • Torre Vanga e piano terra di Torre Verde (con la collaborazione della Fondazione Museo Storico, della Soprintendenza per i beni culturali e dell’Associazione nazionale Alpini), con un percorso teatralizzato adatto anche ai più piccoli
  • Torre Granda del Castello del Buonconsiglio, che a differenza delle altre sarà  visitabile solo sabato 18 e domenica 19 settembre.

I posti disponibili sono limitati ed è quindi obbligatoria la prenotazione presso l’Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi (per Torre Mirana, Vanga/Verde e Tromba, n. telefono 0461 216000), il Museo Diocesano (per Torre Civica, n. telefono 0461 234419, chiuso il martedì) e Castello del Buonconsiglio (per Torre Granda, n. telefono 0461 492811 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13).

Il costo della visita guidata è di 5 euro per gli adulti e 3 euro per i minorenni, per partecipare è necessario il possesso della certificazione verde Covid-19.

Il calendario completo dell’iniziativa, per Trento e tutti i Comuni partecipanti, è disponibile su www.palazziaperti.it

World Patient Safety Day, in Alto Adige focus sulla sicurezza dei pazienti
Set 17@21:40–22:40

Si è tenuta oggi 17 settembre, nella sala congressi situata al primo piano dell’Ospedale di Bolzano, il World Patient Safety Day, una giornata di lezioni frontali dedicate alla sicurezza del paziente. Al convegno, diviso in due sessioni – una in mattinata di carattere generale e l’altra pomeridiana con un focus sui rischi della paziente in Ostetricia – e replicato in tutto al mondo con iniziative similari, ha visto la partecipazione di professionisti dell’ambito medico, tecnico e sanitario operanti sul territorio altoatesino.

Tra gli argomenti all’ordine del giorno, sono stati approfonditi tematiche quali il “Risk Management in Asdaa Incident Reporting”, “I fattori critici e di successo nell’analisi degli eventi sentinella” e “La sicurezza degli operatori: una priorità per la sicurezza del paziente”.

L’Assessore provinciale alla Sanità Thomas Widmann sottolinea l’importanza dell’iniziativa: «Il nostro sistema sanitario è di ottima qualità ed è per questo che si fa molto anche per minimizzare i possibili rischi. Ad esempio, durante gli interventi o nella somministrazione di farmaci. Attraverso eventi come questo, la sensibilità verso il tema aumenta ancora di più».

Tra le relatrici, anche la Dott.ssa Patrizia Raffl, responsabile scientifica dell’evento: «L’obiettivo di questo incontro è rendere consapevoli gli operatori del settore che tutte le azioni intraprese nella Sanità hanno nella sicurezza del paziente un fulcro imprescindibile. Questa pandemia, poi, ci ha mostrato ancora una volta che il rischio si può annidare ovunque e che la sua gestione è fondamentale tanto per il paziente che per i collaboratori in ambito sanitario».

Alla convention, iniziata alle ore 8:30, è intervenuto anche il Direttore generale dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige Florian Zerzer, che si è soffermato sull’importanza del processo di miglioramento di procedure e protocolli inerenti alla tutela degli ammalati: «Il World Patient Safety Day è un’occasione importante per ribadire che la sicurezza è per noi da sempre un tema principale e, se guardiamo ai numeri, gli sforzi di tutti gli operatori della Sanità sono indubbiamente serviti. Per noi, la sicurezza rappresenta la prima prerogativa da raggiungere e da massimizzare in tutti i reparti affinché il paziente possa fidarsi pienamente di noi».

Il Direttore si è poi soffermato sul focus della giornata, vale a dire la sicurezza della paziente in Ostetricia: «Abbiamo creato un centro di sicurezza della paziente e un centro di simulazione di neonatologia registrando grandi passi in avanti. Infatti, se guardiamo alle statistiche, possiamo costatare che, per fortuna, oggi in Alto Adige le morti premature di bambini sono al minimo storico e questo rappresenta indubbiamente un deciso segnale di miglioramento».

Coppa Italia Orienteering
Set 17@22:05–23:05

Orienteering, Coppa Italia sull’Appennino weekend di alto livello a Gaggio Montano e Corno alle Scale

Basket, lo staff “giovanile” dell’Aquila Trento protagonista nell’All Star Game U19 di Legabasket
Set 17@23:45–Set 18@00:45

Anche la Dolomiti Energia Trentino sarà ben rappresentata alla Final Eight della Discovery+ Supercoppa presented by UnipolSai: la prima squadra bianconera non si è qualificata all’evento, ma nel pomeriggio di domenica 19 settembre Trento sarà comunque protagonista, con il suo settore giovanile.

Coach Marco Albanesi e il suo staff infatti sono stati selezionati da Legabasket per guidare una delle due formazioni Under-19 in campo nell’All Star Game giovanile organizzato da LBA e che vedrà in campo i migliori giovani talenti d’Italia: allo staff bianconero l’onore di scegliere e allenare una delle due rappresentative.

 

Tra gli atleti selezionati dallo staff bianconero e da quello della Reyer Venezia, a rappresentanza dei due club che si sono aggiudicati le due passate edizioni della Next Gen Cup, ci sono anche Lorenzo Dell’Anna e Lorenzo Zangheri, entrambi classe 2004 arrivati in estate all’ombra del Bondone.

Set
18
sab
2021
Pallanuoto, programma Coppa Italia
Set 18@10:00–11:00

La Federazione Italiana Nuoto ha ufficializzato le sedi dei 4 gironi di Coppa Italia 2021/2022. Il primo turno si svolgerà dal 17 al 19 settembre. La prima partita dell’An Brescia è in programma sabato 18 alle ore 10 contro la Rari Nantes Salerno, mentre la seconda si disputerà alle 17.30 contro Quinto.
Questo il programma ufficiale:
Venerdì 17 settembre – 18:30: R.N. Nuoto Salerno-S.C. Quinto;
Sabato 18 settembre – 9.30: An Brescia- R.N. Nuoto Salerno;
17:30: S.C- Quinto -An Brescia.
Le partite dei leoni verranno trasmesse in diretta streaming su Facebook, Youtube e Twitch.

Alpe Cimbra, “Sostenibilità in Cammino”
Set 18@10:30–11:30

Alpe Cimbra (TN): L’agricoltura sostenibile dal punto di vista del cittadino/consumatore
“Sostenibilità in Cammino”

Sabato 18 settembre ore 10.30 lungo la strada della Val dei Oveni
Vattaro – Altopiano della Vigolana
L’agricoltura sostenibile
dal punto di vista del cittadino/consumatore

Riprendono i momenti d’incontro sull’Altopiano della Vigolana con lo scopo di coltivare sempre più il concetto di sostenibilità ambientale.

Il progetto “Sostenibilità in Cammino”, finanziato all’interno del Bando 2021 del Piano Giovani Zona Altopiano Vigolana, nasce dalla certezza che questo periodo “sospeso” che stiamo attraversando vada vissuto come un’opportunità di cambiamento, un momento di transizione che ci debba gradualmente portare ad una nuova visione del territorio, in un’ottica di rispetto e valorizzazione dello stesso.
Per fare ciò, Solidarietà Vigolana OdV assieme all’associazione “L’Ortazzo” e all’Ecosportello di “Fa’ La Cosa Giusta!” Trento ha organizzato un ventaglio di attività e incontri estivi all’aperto con lo scopo di condividere e far conoscere al territorio alcune buone pratiche e realtà provinciali che operano e promuovono la tematica della sostenibilità ambientale.

Si mira a una nuova visione spinta dalla creazione di una rete che si auto-supporta, condividendo esperienze, idee e possibilità che riguardino il tema della sostenibilità ambientale e che possano generare ricadute positive. Invogliare alla condivisione di piccoli e grandi gesti, concretizzabili da chiunque, che stimolino la voglia e la responsabilità di applicare al quotidiano piccole accortezze che possono fare la differenza.

Il progetto prevede l’organizzazione di una serie di momenti d’incontro sull’Altopiano, con lo scopo di presentare come il concetto di sostenibilità ambientale si stia sempre più diffondendo. Sono invitate a partecipare alcune realtà che rappresentano delle buone prassi a livello provinciale e ogni incontro sarà dedicato a un particolare settore (per esempio mobilità sostenibile, turismo sostenibile, agricoltura sostenibile, finanza etica, economia solidale, ecc.). Parallelamente alla condivisione delle buone pratiche con il territorio, l’obiettivo è di dare spazio ad alcune realtà consolidate già operative, ma che probabilmente non sono conosciute da tutta la popolazione.

Questi momenti d’incontro vogliono fungere da “scintilla”, ovvero non essere solamente occasione per informare, ma uno stimolo per la creazione di un gruppo di cittadinanza attiva, che possa fare tesoro delle buone prassi presentate e che si interroghi sulla possibilità di applicarle o adattarle nel concreto. “Sostenibilità in Cammino” vuole fungere da catalizzatore, quindi il coinvolgimento e le ricadute sul territorio sono fondamentali.

Il prossimo appuntamento è previsto per:

Sabato 18 settembre ore 10.30 lungo la strada forestale della Val dei Oveni
Vattaro – Altopiano della Vigolana
“L’agricoltura sostenibile dal punto di vista del cittadino/consumatore”
Nell’ambito della tradizionale “Festa della Pera” di Vattaro

Interverranno:
– Dott.ssa Francesca Forno dell’Università degli studi di Trento – Centro Agricoltura Alimenti Ambiente
– L’associazione l’Ortazzo

L’incontro, come illustrato da Sabrina Martinelli di Solidarietà Vigolana Odv, sarà l’occasione per stare a contatto con la natura e approfondire e capire insieme alla Dott.ssa Francesca Forno che bastano piccole scelte quotidiane per ridurre il proprio impatto ambientale, tutelare la biodiversità, la propria salute e quella del proprio territorio.
Seguirà poi l’associazione l’Ortazzo, nata nel 2009, che svolge attività di utilità sociale nei settori della cultura contadina, dell’aggregazione giovanile e della promozione dell’agricoltura biologica e conservativa. L’Ortazzo è anche un Gruppo di Acquisto Solidale (GAS).

Per chi fosse interessato a partecipare, vi chiediamo di prenotare il proprio posto sul sito https://www.solidarietavigolana.it/iscrizioni-incontro-agricoltura-sostenibile/

L’incontro si terrà lungo la strada forestale della Val dei Oveni, facilmente raggiungibile a piedi con una passeggiata di circa 15/20 minuti partendo dal centro di Vattaro. Il percorso è adatto a tutti e sarà appositamente segnalato. In caso di maltempo l’incontro si terrà nel Teatro Comunale di Vattaro.

Tutte le info su www.solidarietavigolana.it – info@solidarietavigolana.it – tel. 353 4295660

UniMont Edolo, progetto Vitivinicoltura sostenibile a Capo di Ponte
Set 18@11:00–12:00

SVILUPPO DELLA VITIVINICOLTURA SOSTENIBILE
IN VALLE CAMONICA

 

Sabato 18 settembre 2021, ore 11.00
Presso vigneto sperimentale progetto Val.So.Vi.Ca. (Capo di Ponte, BS)

Nell’ambito del progetto Valorizzazione Sostenibile della Vitivinicoltura Camuna – Val.So.Vi.Ca., sabato 18 settembre, presso il vigneto sperimentale di Capo di Ponte (BS), verranno presentate buone pratiche per lo sviluppo della vitivinicoltura sostenibile: il recupero del vitigno autoctono “Erbanno” e la valorizzazione e coltivazione dei vitigni resistenti o tolleranti. 


Il progetto Val.So.Vi.Ca. mette in atto un piano di valorizzazione per il territorio della Valle Camonica, ovvero lo studio di zonazione viti-vinicola della realtà camuna, implementato con la valutazione ed il confronto di nuove varietà di vite di potenziale interesse economico ed ambientale. Il progetto si prefigge lo scopo di coordinare e valorizzare idee e prospettive di crescita negli ambienti della Valle Camonica, con l’individuazione e il potenziamento delle peculiarità delle condizioni vitivinicole camune

Nell’ambito di tale progetto, sabato 18 settembre, verrà organizzato un incontro presso il vigneto sperimentale di Capo di Ponte (BS), volto a presentare buone pratiche per lo sviluppo della vitivinicoltura sostenibile tra cui la valorizzazione del vitigno autoctono “Erbanno”. Il progetto di recupero di questo vitigno, avviato due anni da dalla Comunità Montana di Valle Camonica in collaborazione con il Consorzio CIVIT, ha come obiettivo la creazione di una filiera che porti alla disponibilità di barbatelle di “Erbanno” per tutti coloro che vorranno coltivarlo, entro il 2022.

Durante l’incontro verranno, inoltre, illustrati alcuni risultati interessanti relativi allo studio sulla zonazione del comprensorio viticolo camuno, alla valorizzazione e coltivazione dei vitigni resistenti o tolleranti nonché alla gestione agronomica del vigneto.

Alla scoperta delle torri di Trento
Set 18@11:35–12:35

Palazzi aperti, giunta quest’anno alla 17a edizione, è una manifestazione culturale promossa e coordinata dal Comune di Trento per offrire al pubblico l’opportunità di visitare luoghi e monumenti solitamente inaccessibili, alla scoperta di insoliti e suggestivi percorsi della città e di tutto il territorio provinciale.

Quest’anno l’iniziativa si svolge negli ultimi due fine settimana di settembre e vede la partecipazione di circa 60 Comuni sparsi in tutte le Comunità di Valle della provincia.

A Trento verranno proposte delle visite guidate alle torri della città, normalmente non aperte al pubblico, che si svolgeranno in più turni nelle giornate di programmazione della manifestazione:

  • Torre Mirana, accessibile anche al pubblico con disabilità motorie, tranne l’ultimo piano (sala della Torre)
  • Torre della Tromba
  • Torre Civica (con la collaborazione del Museo Diocesano Tridentino)
  • Torre Vanga e piano terra di Torre Verde (con la collaborazione della Fondazione Museo Storico, della Soprintendenza per i beni culturali e dell’Associazione nazionale Alpini), con un percorso teatralizzato adatto anche ai più piccoli
  • Torre Granda del Castello del Buonconsiglio, che a differenza delle altre sarà  visitabile solo sabato 18 e domenica 19 settembre.

I posti disponibili sono limitati ed è quindi obbligatoria la prenotazione presso l’Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi (per Torre Mirana, Vanga/Verde e Tromba, n. telefono 0461 216000), il Museo Diocesano (per Torre Civica, n. telefono 0461 234419, chiuso il martedì) e Castello del Buonconsiglio (per Torre Granda, n. telefono 0461 492811 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13).

Il costo della visita guidata è di 5 euro per gli adulti e 3 euro per i minorenni, per partecipare è necessario il possesso della certificazione verde Covid-19.

Il calendario completo dell’iniziativa, per Trento e tutti i Comuni partecipanti, è disponibile su www.palazziaperti.it

Pinzolo, consegna 50^ Targa d’argento del Premio internazionale di Solidarietà alpina
Set 18@12:00–13:00

Sabato 18 settembre, alle 12 presso il Paladolomiti a Pinzolo, sarà consegnata la 50^ Targa d’argento del Premio internazionale di Solidarietà alpina ideato mezzo secolo fa dal cavaliere Angiolino Binelli, esempio di tenacia, sincerità, altruismo e impegno per il prossimo.

Il premiato di quest’anno, Silvio “Gnaro” Mondinelli incarna perfettamente i valori del Premio: da una parte è ed è stato un grande alpinista, originario della Val Trompia, ma alpinisticamente cresciuto in Piemonte, sulle pareti del Monte Rosa; dall’altra è ed è stato promotore di numerosi progetti di aiuto e solidarietà.

Un anniversario importante, quello di quest’anno, di grande soddisfazione per il suo ideatore Angiolino Binelli, per i componenti del Comitato, per quanti hanno ricevuto la Targa d’Argento, per i familiari delle Medaglie d’oro alla memoria, per la Comunità di Pinzolo e per l’intero popolo della montagna.

Mondinelli è stato il secondo alpinista italiano, dopo Reinhold Messner, ad aver completato la salita dei 14 Ottomila senza utilizzare le bombole d’ossigeno. Di straordinaria competenza alpinistica, si è inoltre sempre prodigato in aiuto del prossimo, con numerosi interventi di soccorso in particolare dove l’aria si fa rarefatta.

Dopo aver trascorso molti anni inseguendo le altissime quote, Gnaro decide che è tempo di restituire qualcosa alle popolazioni che abitano ai piedi dell’Himalaya. Si impegna così in attività di solidarietà e di raccolta fondi per aiutare la popolazione Sherpa, grazie alle quali ha finanziato la costruzione e la gestione di una scuola per 80 bambini a Namche Bazar. Nel 2005, tramite la ONLUS “Amici del Monte Rosa” da lui fondata, costruisce ed attrezza un “Trauma Point” sulla via che collega Kathmandu a Pokara, con lo scopo di assistere le numerose vittime degli incidenti stradali.

La Medaglia d’Oro alla memoria sarà consegnata ai familiari di Sergio Francese, caduto il 5 settembre 2020 all’età di 55 anni sulla Piramide della Cima Grande di Lavaredo, nel Comune di Auronzo di Cadore, durante un’esercitazione congiunta del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico con la Guardia di Finanza.

Venerdì sera, al Paladolomiti, ore 21.00, serata pubblica con Silvio Mondinelli che commenterà la proiezione del film “Oltre i 14 Ottomila” (ingresso gratuito con obbligo di green pass e prenotazione presso la Biblioteca di Pinzolo, biblioteca.pinzolo@comune.pinzolo.tn.it). Al mattino incontrerà gli alunni dell’Istituto Comprensivo Val Rendena.

Al Ciocco i Campionati Italiani col debutto assoluto del pump track: il programma
Set 18@13:55–14:55

AAA, giovani campioni di mtb cercansi. Sabato e domenica al Ciocco, in Toscana, ritorna la mtb giovanile con tre appuntamenti di cartello: il primo Campionato Italiano di pump track ospitato nella struttura coperta più grande d’Italia, il Campionato Italiano Team Relay e la finalissima di Coppa Italia XCO.

Sabato 18 in mattinata sarà spettacolo con la Team Relay. Lo scorso anno l’omologa gara si è disputata a Lavarone, laureando campione italiano il team Alto Adige davanti a Lombardia e Piemonte, i comitati che praticamente stanno dettando legge quest’anno insieme al Veneto.

Sabato sera toccherà alla sfida di pump track, e in questo caso per il primo campionato non ci sono favoriti di sorta, sarà un’esperienza tutta da vivere. Infine domenica si assegna la Coppa Italia XCO per comitati. Ieri a Lavarone si è corsa la penultima prova, con una gara decisa negli ultimi due giri di giornata. Ha vinto l’Alto Adige, anche se in mancanza di alcune delle proprie punte di diamante, ha perso la Lombardia per un guasto tecnico occorso all’atleta di primo piano, facendosi precedere al secondo posto anche dal Veneto, così domenica l’Alto Adige si presenta col team al completo per difendere la leadership. Questo il punteggio attuale: Alto Adige p. 1218, Lombardia p. 1175, Piemonte p. 1085, Veneto p. 1012 e Toscana p. 811. Proprio la Toscana lo scorso anno aveva dominato la Coppa Italia davanti a Lombardia e Alto Adige.

Una situazione “incandescente” che sicuramente garantirà grande spettacolo sul tracciato, per nulla facile, del Ciocco, un percorso ispirato al Campionato del Mondo del 1991 ma soprattutto al Campionato Italiano assoluto ospitato lo scorso anno insieme a quello giovanile.

Dunque una pista ben conosciuta anche dai giovani bikers, che saranno in gara sì per il risultato del proprio comitato, ma anche per ribadire individualmente il rango delle categorie Esordienti ed Allievi del primo e secondo anno. Ieri a Lavarone le singole categorie sono state vinte da Emanuele Savio (E1), Fabian Höllrigl (E2), Luca Fregata (A1), Gabiel Borre (A2) e al femminile da Elisa Giangrasso (E1), Elisa Ferri (E2), Giulia Rinaldoni (A1) e Valentina Corvi (A2).

Sarà sicuramente Elisa Ferri l’atleta toscana di riferimento. La 14enne del GS Olimpia Valdarnese lo scorso anno al Ciocco ha vestito la maglia tricolore, ma lei è campionessa italiana anche di ciclocross: “Nel 2020 al Ciocco hai avuto una grande giornata, – le abbiamo chiesto – ci ritorni quest’anno per la Coppa Italia? Come ti sei preparata? A cosa punti?” “Punto sempre a vincere, almeno ci provo, il Ciocco è molto bello, il percorso per me è adatto, spero tanto di riuscire a vincerla perché è un momento molto bello per me, poi l’aria di casa fa sempre bene, e il Ciocco per me è casa”. “L’obiettivo vero?” “È quello di vincere la categoria, ma è un obiettivo che mi pongo sempre.” “Come vedi la situazione per la tua squadra?” “L’anno scorso è andata bene, però quest’anno abbiamo un po’ di sfortuna perché succede sempre qualcosa ai miei compagni, ma io riesco sempre ad arrivare e prendere punti. La Toscana punta su di me, io ci provo”.

Il Comitato Organizzatore guidato da Valerio Barsella, sotto pressione anche perché la settimana successiva il Ciocco ospita il Campionato del Mondo UCI Marathon Master, sta apportando le ultime rifiniture ad una macchina organizzativa ormai rodata e oliata. Di sicuro il prossimo weekend al Ciocco sulla “Living Mountain” saranno due giornate di sport giovanile ad alto livello. E per chi vuole divertirsi e rilassarsi, la tenuta toscana offre davvero opportunità per tutti i gusti nelle terre della Garfagnana e Valle del Serchio.

 

PROGRAMMA GARE

 

CAMPIONATO ITALIANO TEAM RELAY

Sabato 18 settembre

10.00 -11.30    Partenza Campionato Italiano Team Relay

12.30               Premiazioni

 

CAMPIONATO ITALIANO YOUTH PUMP TRACK

Sabato 18 settembre

16.30       Qualifiche

17.30       Eliminatorie/semifinali/finali

 

COPPA ITALIA GIOVANILE

Domenica 19 settembre

08.30       Partenza ES1 (esordienti maschile)

09.30       Partenza ES2 (esordienti maschile)

10.30       Partenza DA1 + DA2 (allievi femminile)

10.32       Partenza DE1 + DE2 (esordienti femminile)

10.34       Partenza G6 (giovanissimi)

11.30       Partenza ALL1 (allievi maschile)

12.45       Partenza ALL2 (allievi maschile)

13.00       Premiazioni

Alla scoperta dei castelli più belli di Comano Terme con “Castellando”
Set 18@14:00–15:00

Nella valle di Comano Terme, nota per la sua specialità nella cura della pelle, il benessere non è solo natura e relax, ma anche cultura: per questo motivo l’APT Garda Dolomiti ha rinnovato anche per quest’anno l’appuntamento con “Castellando”, il tour guidato, in e-bike o in trenino turistico, alla scoperta dei più suggestivi castelli della zona, tra antichi borghi contadini dal fascino inalterato (alcuni dei quali segnalati tra i “Borghi più belli d’Italia”), tradizioni secolari, natura e sapori del territorio.

 

L’evento è programmato per le giornate di sabato 18 settembre (tour in e-bike) e sabato 2 ottobre 2021 (tour in trenino turistico), che prevede la visita di collezioni e antiche residenze nobiliari, simboli del potere del Principato Vescovile di Trento o delle famiglie più prestigiose del territorio.

 

Un’occasione imperdibile per un viaggio nella storia secolare del territorio: da Castel di Stenico, maniero arroccato sulla collina, per secoli abitato dal capitano delle Giudicarie e oggi sede museale staccata del Castello del Buonconsiglio di Trento, a Castel Campo, antica residenza della nobile famiglia dei conti da Campo immersa nel bosco a fondo valle e oggi dimora privata; da Castel Spine antica residenza della nobile famiglia dei conti d’Arco alla pieve di Vigo Lomaso, il più completo esempio architettonico di pieve rurale nel Trentino.

 

Il programma completo di “Castellando” è il seguente:

  • Ore 9.00: ritrovo e partenza presso l’Azienda per il Turismo di Comano a Ponte Arche;
  • Ore 9.30: passeggiata/pedalata presso le Cascate del Rio Bianco, nel Parco Naturale Adamello Brenta;
  • Ore 10.30 visita al Castello di Stenico;
  • Ore 12.30: pranzo con menu tipico al Ristorante Dologno a Stenico;
  • Ore 14.00: viaggio panoramico nella zona del Lomaso con vista su Castel Spine, antica residenza della nobile famiglia dei conti d’Arco;
  • Ore 15:00: visita alla pieve di Vigo Lomaso, tra racconti di storia ed emozionanti sorprese;
  • Ore 16.00: visita a Castel Campo, affascinante castello immerso nel bosco che nasconde antichi segreti di famiglia ancora vivi nella memoria di chi vi abita, seguita da un aperitivo di arrivederci con le specialità dell’Azienda Agricola Castel Campo;
  • Ore 17.30: conclusione del viaggio e rientro a Ponte Arche.

Tariffe:

 

€ 55,00 a persona per chi possiede la Trentino Guest Card Comano Dolomiti (escluso il costo di eventuale noleggio e-bike) o € 60,00 a persona per chi non possiede la card. La quota comprende:

  • Servizio giornaliero di transfer in trenino (nella giornata di sabato 2 ottobre)
  • Entrata e visita guidata al Castello di Stenico
  • Pranzo presso il ristorante tipico Dologno
  • Visita guidata alla pieve di Vigo Lomaso
  • Visita guidata e aperitivo a Km 0 a Castel Campo
  • Guida/accompagnatore per l’intera giornata

Per partecipare al tour è necessario il Green Pass o l’esito negativo di un tampone rapidoeffettuato nelle 48 ore precedenti.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni: Azienda per il Turismo Garda Dolomiti – Ufficio di Comano, al numero 0465-702626 o all’indirizzo mail info@comanodolomiti.it

Footgolf, 4.0 Open del Trentino al Golf club Bocenago
Set 18@14:30–15:30

È stata la presenza di Martina Quintarelli, Campionessa d’Europa 2016 e 2017 e oggi anche rappresentante della Lega Nazionale Footgolf (LNF), a nobilitare a Trentino marketing la presentazione della due giorni di gare nazionali di Footgolf in programma nel fine settimana al Golf Club Rendena, a Bocenago, con la presenza di circa 300 giocatori (inizio ore 09.00). Tra questi anche alcuni ex protagonisti del Campionato di serie A: Michele Marcolini, Diego Fuser (oggi presidente della Lega Nazionale Footgolf) e Sergio Pellissier, bandiera del Chievo e oggi di fatto salvatore della storica formazione veronese. La presentazione del 4.o Open del Trentino ha rappresentato anche il palcoscenico ideale per presentare la nuova maglia ufficiale di Footgolf Trentino 2022 marchiata Itas, la Mutua assicurazioni rappresentata dal direttore commerciale Paolo Bernardi. La nostra è una significativa realtà territoriale – ha detto – ed opera a fianco delle realtà che vi operano nei vari settori. Non solo quindi il supporto ai nostri assicurati come si confà ad una Mutua.

Sabato è in calendario il 4.o Open del Trentino che vedrà la partecipazione di alcuni dei protagonisti di questa disciplina in Italia. L’evento è inserito nel prestigioso circuito LNF come Torneo Lega 1.000. Domenica 19 settembre è poi in calendario il Torneo Lega1.000 a coppie organizzato dal Footgolf Villafranca.

Pieno appoggio alla manifestazione è stato espresso dall’assessore al Turismo e Sport del Trentino Roberto Failoni. “Siamo Reduci dai campionati Europei di ciclismo che oltre a segnare un grande successo mediatico internazionale hanno rappresentato il ritorno alla normalità sportiva ed eventi quali il 4.o Open del Trentino costituiscono una continuità importante. E arricchiscono anche la nostra offerta di vacanza sportiva il cui bouquet negli anni è divenuto sempre più ricco e sportivamente significativo”.

Un concetto ripreso dal presidente Tullio Serafini (Apt Madonna di Campiglio). “La Val Rendena negli ultimi anni è divenuta sempre più un significativo punto di riferimento all’interno del mondo del calcio e una competizione come l’Open del Trentino si affianca alle proposte di quest’anno: dal ritiro del Bologna a quello della nazionale di basket che poi ha ben figurato alle Olimpiadi di Tokyo. Il nostro è un territorio ideala per la vacanza attiva e la due giorni di FootGolf rappresenta una occasione significativa per garantire l’allungamento della stagione alla quale guardiamo con interesse”.

È poi toccato agli organizzatori Fabrizio Summa e Roberto Carbone entrare nel dettaglio dell’evento che nelle tre precedenti edizioni è stato vinto da Thomas Cassinetti (Footgolf Liguria), Matteo Gheda (Footgolf Cremona) e da Loris Marsotto (Footgolf Legnago), attesi protagonisti anche quest’anno. Quest’anno pronostico aperto e la speranza per carbone di centrare una prestigiosa vittoria, che ancora manca nel suo ricco palmares. Summa ha evidenziato la novità 2021. La gara della domenica organizzata dal Footgolf Villafranca rappresenta una simpatica novità che conferma come cresca anno dopo anno l’attrattività del Trentino nel mondo dello sport e anche della galassia che ruota attorno all’attività calcistica.

Oltre a costituire un significativo appuntamento sul piano prettamente turistico, la due giorni di Footgolf della Val Rendena e della Ski area di Pinzolo – Madonna di Campiglio ha certamente una significativa valenza anche sul piano promozionale per il seguito da parte dei media nazionali.

Si gioca con regole molto simili a quelle del tradizionale Golf. La sfida è articolata sul giro di 18 buche con l’unica differenza legata alle dimensioni di queste ultime: il diametro della buca è di 50 centimetri e la profondità di 35. Misure tali che consentono l’imbucata della palla (un normale pallone da calcio) anche con la presenza della bandiera.  I giocatori in gara saranno suddivisi in varie categorie maschili ed in una femminile. Prevista poi la classifica a squadre basata sui risultati di cinque giocatori.

Domenica il torneo si svolgerà a coppie, anche miste – ha spiegato Thomas Tagliapetra, presidente del Footgolf Villafranca -, con la formula Greensome: entrambi i giocatori calciano il primo pallone, per scegliere poi il migliore piazzato sul green e proseguire con un solo pallone verso la buca con colpi alternati dei due protagonisti. La nostra presenza non è casuale, in questi anni abbiamo potuto notare con soddisfazione la professionalità organizzativa di Trentino FootGolf e del Golf Club Bocenago. E, viene da aggiungere, in un ambiente da favola ai piedi delle Dolomiti di Brenta, patrimonio dell’Unesco.

Campionato Italiano Pump Track giovanile al Ciocco
Set 18@14:45–15:45

Il Ciocco ci ha sempre abituato a “prime” di lusso. Primo Campionato del Mondo in Europa di Mtb nel 1991, prima gara di Campionato Italiano e-Mtb nel 2020, a settembre è in programma il primo Campionato del Mondo Master Marathon, ma giusto il weekend antecedente (18 settembre) ecco nella location toscana il primo Campionato Italiano Pump Track giovanile, in abbinamento alla finale di Coppa Italia e al Campionato Italiano Team Relay. Eventi senza sosta, insomma, al Ciocco Bike Park, che vivacizza l’attività “bike” in Garfagnana.

La disciplina del Pump Track sta prendendo piede anche in Italia e al Ciocco è stato realizzato, alcuni anni fa, il circuito di pump track al coperto più grande d’Italia.

Si racconta che il primo pump track di nuova generazione sia stato realizzato negli Stati Uniti ancora nel 2004 presso The Fix Bike Shop a Boulder, in Colorado, dal downhiller professionista Steve Wentz, ora questa specialità è molto diffusa anche in Italia, anche per discipline diverse dalla mtb. Ormai, infatti, è utilizzata da biker di ogni disciplina perché è molto utile per mantenersi allenati, soprattutto grazie alle piste di nuova generazione che sono sempre più performanti. Gobbe e paraboliche, intervallate da brevi tratti lineari, vengono affrontate senza pedalare, “pompando” con movimenti mirati del corpo.

Il weekend del 18 e 19 settembre sarà un minifestival della mtb giovanile, tre eventi in due giorni con possibilità ovviamente di frequentare il bike park del Ciocco per testare il tracciato anche nei giorni precedenti, come sta succedendo già ora sul tracciato collaudato anche lo scorso anno con la prova unica di Campionato Italiano giovanile.

La gara del 18 settembre, inserita nel calendario nazionale FCI, si disputerà secondo i regolamenti UCI/FCI e assegnerà i primi titoli di Campione Italiano Giovanile Pump Track per le categorie Esordienti (1° e 2° anno) ed Allievi (1° e 2° anno) oltre alle categorie giovanissimi (G2-G6). È prevista una gara a tempo per la prima fase di qualifiche (ore 16.30), quindi fasi ad eliminazione diretta (17.30) per la gara vera e propria con i primi quattro migliori tempi di categoria a disputarsi il podio. La competizione si svolgerà su due identiche piste speculari, garantendo ai partecipanti le stesse caratteristiche e difficoltà. Sono ammesse al via biciclette con ruote da 20″ in su e con almeno un freno posteriore.

Le iscrizioni saranno accettate fino al 15 settembre su FattoreK, ma successivamente i partecipanti dovranno concludere la procedura sul sito della società organizzatrice Ciocco Bike Circle.

A tutto Teroldego lungo la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino
Set 18@14:55–15:55

A precedere e accompagnare la XXX edizione de “Aspettando Settembre Rotaliano – Alla scoperta del Teroldego”, in programma da venerdì 17 a domenica 19 settembre presso la corte di Palazzo Martini a Mezzocorona, la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino organizza “A tutto Teroldego” (link), un calendario di 25 appuntamenti che mirano a far conoscere e apprezzare il principe dei vini trentini dentro e fuori la Piana Rotaliana, dall’Altopiano della Paganella alla Vallagarina, dal Lago di Garda all’Altopiano di Pinè, fino alla Valsugana, passando per la città di Trento.

 

In programma, degustazioni e cene a tema, aperitivi e visite in cantina, proposte enogastronomiche e proposte vacanza, oltre alle immancabili “Esperienze di gusto”.

 

Il “via”, come consueto, con la Proposta Roccabruna Speciale Teroldego (link), che dal 16 al 18 e dal 23 al 25 settembre, dalle 17.00 alle 22.00 darà l’opportunità di effettuare assaggi di diverse etichette di Teroldego Rotaliano e di grappa di Teroldego tra le splendide sale e l’ampio cortile all’aperto di Palazzo Roccabruna-Enoteca Provinciale del Trentino di Trento.

 

Venerdì 17 settembre, alle 20.30 presso la corte di Palazzo Martini a Mezzocorona, è invece in programma una degustazione speciale di 10 etichette di Teroldego Rotaliano dal titolo Un grande vino dai tanti volti (link), a cura di ONAV – Sezione di Trento. Tra i vini in degustazione, quello di Azienda Agricola de Vescovi Ulzbach, Azienda Agricola Donati Marco, Azienda Agricola Zeni Roberto, Cantina Endrizzi, Cantina Rotaliana di Mezzolombardo, Cantine Mezzacorona, Dorigati, Gaierhof Azienda Vinicola, redondèl piccola azienda agricola.

 

Sul fronte delle Esperienze di gusto, proposte da vivere in giornata a cura della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino. Nello specifico, nei weekend del 18 e 19 e del 25-26 settembre, c’è la possibilità di prendere parte a Weekend in cantina speciale Teroldego (link): visita guidata e/o degustazione di Teroldego Rotaliano e/o di grappa di Teroldego presso le aziende aperte Azienda Agricola Distilleria Casimiro, Cantina Endrizzi, Cantina Rotaliana di Mezzolombardo, Cantine Mezzacorona, Distilleria Marzadro, Villa Corniole e Vivallis. Sul fronte delle due ruote, tutti i giorni, su prenotazione, è disponibile Taste&Bike “Il Teroldego e la Piana Rotaliana” (link), tra San Michele all’Adige, Mezzocorona e Mezzolombardo, che comprende due visite in cantina con relative degustazioni, visita al Museo degli usi e costumi della gente trentina e pranzo. Due, invece, le proposte Taste&Train: Taste&Train lungo la via del Teroldego (link), attivo dal 16 al 19 e dal 21 al 26 settembre, che prevede spostamento in treno per visita a due cantine/distillerie, con relative degustazioni, e pranzo finale, e Taste&Train tra Piana e Castelli (link), in programma solo venerdì 17 e 24 settembre, che prevede colazione, visita ad un luogo storico-culturale, visita guidata con degustazione in cantina e pranzo, tra Lavis, San Michele all’Adige e Mezzolombardo.

 

E ancora, dal 16 al 26 settembre è in programma Teroldego in cantina (link) presso l’Azienda Agricola Andrea Martinelli di Mezzocorona, con visita guidata in vigneto e in cantina storica, seguita da degustazione di Teroldego Rotaliano abbinato a prodotti locali.

 

Negli stessi giorni si svolge anche Profumi di Teroldego (link), che prevede una passeggiata nel vigneto con pranzo presso l’Agriturismo Madonna delle Vittorie di Arco seguita da degustazione di vini aziendali e, successivamente, visita in Distilleria Marzadro a Nogaredocon assaggio diretto dall’alambicco della grappa in purezza e degustazione di grappe, tra cui quella di Teroldego, abbinate a cioccolato.

 

Presso le Cantine Mezzacorona di San Michele all’Adige, nelle giornate di venerdì 17, sabato 18, giovedì 23 e sabato 25 settembre, è tempo della Centodiciassettesima vendemmia (link), con visita in cantina e degustazione del Teroldego Rotaliano aziendale, abbinato ai finger food del Ristorante Da Pino.

 

Poco distante, a Mezzolombardo, sabato 18 e 25 settembre, l’Azienda Agricola Zanini Luigi apre le porte per Il vino e i suoi 5 elementi(link), che prevede tour in cantina e degustazione di Teroldego Rotaliano dell’azienda preceduto da visita alla vasca di vinificazione e bottiglia personalizzata in omaggio.

 

Spostandosi in quota, a Lavarone, sabato 18 settembre torna anche l’Aperitivo del Malghese (link), con trekking guidato e visita alla Fattoria Lenzi, per scoprire i segreti della produzione del formaggio, e picnic finale sul prato per degustare un aperitivo 100% trentino con Vezzena e gli altri formaggi di Fattoria Lenzi, mele La Trentina, Teroldego Rotaliano di Azienda Agricola Zanini Luigi, Acqua Levico e una golosa proposta realizzata da Malga Millegrobbe.

 

Mercoledì 22 settembre, presso le Antiche Contrade di Pergine Valsugana, è la volta di Degustando il Teroldego (link), una serata con il produttore durante la quale il Teroldego Rotaliano di Cavit incontrerà i piatti del ristorante.

 

Infine, giovedì 23 settembre spazio alla musica con Omaggio a John Coltrane (link), presso la bottaia della Cantina Endrizzi di San Michele all’Adige, dove il Teroldego Rotaliano e altri vini dell’azienda verranno proposti in abbinamento ai piatti del Ristorante Da Pino.


Non mancano le proposte gastronomiche, accessibili durante tutte le giornate di A tutto Teroldego.  Due, in particolare, le proposte del capoluogo: Teroldego Rotaliano a tavola (link), presso il Ristorante Antica Trattoria Due Mori, Teroldego Rotaliano e sapori di montagna (link) presso il Ristorante al Vò, entrambi con i piatti in abbinata al Teroldego Rotaliano di Azienda Agricola Donati Marco. Due anche le occasioni in Vallagarina: Gusti di montagna (link), presso la Locanda delle Tre Chiavi di Isera, con il Teroldego Rotaliano di De Vigili, e Profumi d’autunno (link), presso il Ristorante Il Doge, con il Teroldego Rotaliano di Cantina Endrizzi.

 

Inoltre, il Ristorante Alt Spaur di Spormaggiore organizza Teroldego Rotaliano a Spormaggiore (link), con il vino di Azienda Agricola Endrizzi Elio e F.lli, quello di Azienda Agricola Betta Luigino e quello di Azienda Agricola Donati Marco; la Locanda 2 Camini di Baselga di Pinè – dal 16 al 19 e dal 23 al 26 settembre – Il Principe a tavola (link), con il vino di Azienda Agricola Donati Marco; e L’Ora Ristorante di Riva del Garda – dal 21 al 24 settembre – Le eccellenze (link), con il Teroldego di Azienda Agricola Endrizzi Elio e F.lli e quello di Dorigati.

 

Sul fronte ospitalità, sempre dal 16 al 26 settembre, il B&B Alla Loggia dell’Imperatore di Levico Terme punta su Weekend tra Teroldego e sapori locali (link), una proposta vacanza di una notte alla scoperta delle iniziative della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e del Teroldego Rotaliano di Cavit, mentre il Piccolo Dolomiti Resort propone un Tuffo nei sapori (link) ovvero weekend di tre giorni, inclusa una degustazione guidata nella cantina dell’hotel di divere tipologie di Teroldego Rotaliano. La Strada del Vino e dei Sapori propone infine Viaggi di gusto speciale Teroldego Rotaliano (link), ovvero una proposta vacanza presso i propri soci a tema Teroldego Rotaliano cucita su misura rispetto alle esigenze dell’ospite.

La rassegna “A tutto Teroldego”, fa parte del calendario di manifestazioni enologiche provinciali denominato #trentinowinefest ed è organizzata dalla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino in collaborazione con il Consorzio La Trentina e Bontadi Caffè.

 

Dettagli e maggiori informazioni su www.tastetrentino.it/atuttoteroldego

Aquila Basket Trento, XX edizione del “Memorial Marcello Larentis”
Set 18@14:55–15:55

Oltre alla Serie A, è pronta a ripartire anche la stagione del basket del settore giovanile, che anche quest’anno inizia per la Dolomiti Energia Trentino con il classico e attesissimo appuntamento del “Memorial Marcello Larentis”, il torneo intitolato a Marcello, giocatore di Aquila Basket Trento scomparso nel 2001 all’età di 21 anni per la leucemia (nella foto con l’attuale team manager di Aquila Basket Michael Robinson, amico e compagno di squadra di Marcello).

Il torneo, giunto alla sua XX edizione, ha il patrocinio di AIL Trento, l’Associazione contro le leucemie-linfomi e mieloma di cui la Dolomiti Energia Trentino è testimonial ufficiale.

Il torneo si disputerà il 18 e 19 settembre e sarà riservato alla categoria Under 14 con la partecipazione di sei squadre: ABA Legnano, Azzurra Trieste, Tezenis Verona, Junior BK Rovereto, Virtus Riva e Aquila Basket Trento. Le squadre sono divise in due gironi con sei partite da giocare nella giornata di sabato presso la palestra di via Fogazzaro e presso il PalaBocchi, le due palestre in cui Marcello Larentis ha giocato dagli esordi fino all’esordio in prima squadra di Aquila Basket in serie D e in C2.

Nella giornata di domenica il torneo si trasferirà al PalaBocchi con le semifinali e le finali che si susseguiranno a partire dalle ore 9.30 fino alla finale per il 1^ posto delle ore 18.00: a premiare i partecipanti, al termine del torneo, ci saranno anche i genitori di Marcello, Franco e Adriana. Come per tutte le edizioni precedenti, anche in questo caso ci si attende un alto livello tecnico e agonistico: in totale saranno undici gare in due giorni per le sei squadre in campo, che potranno così riprendere confidenza con il ritmo partita dopo una stagione complessa come quella passata. La partita d’esordio nella giornata di sabato sarà alle ore 16.30 su entrambi i campi con subito in campo i padroni di casa di Aquila Basket con la Virtus Riva alle Manazzon e Tezenis Verona e JB Rovereto al PalaBocchi.

Gastronomia, Roncone protagonista della ruralità e della gastronomia del Trentino con Mondo Contadino e il Secondo Festival del Formai da Mot
Set 18@14:55–15:55

È un fine settimana all’insegna della ruralità e della gastronomia d’alta quota a Km zero quello in programma in Valle del Chiese dove domani a Roncone torna Mondo Contadino e si conclude il Secondo Festival del Formai da Mot. Quest’ultima è una manifestazione che nell’ultimo mese ha coinvolto 13 ristoranti di Sella Giudicarie nel proporre l’abbinamento tra i tradizionali piatti di quest’angolo del Trentino e il formaggio prodotto in quota da cinque malghe di Sella Giudicarie. Il 2-3 ottobre toccherà poi a Storo ospitare un ulteriore tappa legata alla gastronomia della Valle del Chiese con il ritorno del Festival della Polenta.

Domani torna poi la nuova edizione di Mondo Contadino ovvero uno tra i più storici appuntamenti del Trentino legati all’agricoltura e soprattutto alla zootecnia. Quest’ultimo è il classico appuntamento inserito nel circuito Latte in Festa di Trentino Marketing da decenni ospitato al Lago di Roncone, il piccolo specchio d’acqua Bandiera blu quest’anno già salito alla ribalta per aver ospitato ad inizio luglio la penultima tappa della Transalp 2021. Imperdibile è la tradizionale mostra bovina dei capi degli allevatori del Chiese assieme alla produzione agricola locale, a cominciare dall’immancabile farina gialla di Storo. Articolato in una sola giornata punta a valorizzar l’attività zootecnica locale e a mettere giustamente in vetrina i suoi attori: la mostra bovina (oltre 200 capi in passerella) con l’elezione delle campionesse per ogni razza (Bruna alpina, Frisona, Rendena e Pezzata rossa), la competizione riservata ai conduttori junior, la gara di sfalcio e la Casarada.

Ma protagoniste di questo territorio, collocato tra il lago d’Idro e le Dolomiti di Brenta con regina la maestosa Val di Fumo, saranno le leccornie legate ai menù a tema dei 12 ristoranti della zona nobilitate dai formaggi prodotti in quota (di qui il nome di formai da mot – formaggio di montagna) nelle malghe che hanno aderito al progetto: Avalina, D’Arnò, Lodranega, Stabolfess e Cengledino. Le prime quattro collocate nel territorio comunale di Sella Giudicarie e la quinta a Tione. Strutture ubicate tra i 1.300 e i 2.000 metri di quota e caratterizzate da una produzione di latte di altissima qualità organolettica e nutrizionale. Qui alpeggiano le mucche delle razze grazie ai pascoli ricchi di erbe autoctone capaci di donare ai formaggi sentori e sapori unici. E tra l’altro da dove con lo sguardo si può spaziare dal vicino Gruppo delle Dolomiti di Brenta ai massicci che avvolgono i laghi di Garda, Ledro e Ledro.

Il patrimonio rurale di Sella Giudicarie è oggi capace di garantire una produzione di formaggio montano (e non solo) di eccelsa qualità a chilometro zero ancora una volta valorizzata nei ristoranti Alpino, L’angolo della Pizza, Filanda de Boron, Genzianella, Milano, Miramonti, Miravalle, Trento, Roncone, Rifugio Pont’Arnò, Rifugio Trivena e Serena

I produttori protagonisti del Secondo Festival del Formai da Mont sono Claudio Salvadori – Malga Avalina; Ivonne Valenti – Malga Lodranega; Filippo ed Erika Bazzoli – Malga Stabol Fres; Antonello Ferrari – Malga D’Arnò e Daniele Sartori – Malga Cengledino.

A sostenere il Festival Formai da Mont e Mondo Contadino Latte in Festa sono Trentino marketing, Apt Madonna di Campiglio (questo il nuovo nome dell’ambito che riunisce anche Pinzolo, Val Rendena, le Giudicarie centrali e la Valle del Chiese), Trentingrana, Federazione provinciale degli Allevatori, Latte Trento, Consorzio Bim del Chiese, Unione Allevatori valle del Chiese, Strada del Vino Trentino, Associazione Culturnova, Slow Food delle Giudicarie Consorzio Spressa Dop delle Giudicarie e Provincia autonoma di Trento.

Prima convocazione in Nazionale per Davide Dapporto: corre tra i «prof» al Memorial Pantani
Set 18@14:55–15:55

Davide Dapporto (#inEmiliaRomagna Cycling Team) sabato 18 settembre sarà al via del Memorial Marco Pantani (cl. 1.1) con la Nazionale Italiana.


Si tratta della prima esperienza in gara tra i professionisti per il giovane (classe 2001) ciclista faentino di Cassanigo (Ra), tra Cotignola e Faenza, che nel 2021 – la sua seconda stagione tra gli Under 23 – ha dimostrato una grande continuità di prestazioni e risultati ad alto livello (dieci volte nei primi dieci), in particolare negli ultimi due mesi in cui ha raccolto due vittorie, un secondo, un terzo e un quinto posto.
Davide Dapporto è tra i corridori convocati in Nazionale per il Memorial Pantani, che prenderà il via da Castrocaro Terme e Terra del Sole sabato 18 settembre (inizio operazioni preliminari: ore 9.40), insieme a Michael Belleri (Biesse Arvedi), Walter Calzoni (Gallina Ecotek Colosio), Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation), Alessandro Fedeli (Delko), Andrea Piccolo (Viris Vigevano) e Kristian Sbaragli (Alpecin-Fenix), su indicazione dei Commissari Tecnici Davide Cassani e Marino Amadori con approvazione del Team Manager Squadre Nazionali Roberto Amadio.

«Poter vestire questa maglia è un sogno che si realizza per me, ma è anche una tappa importante di un percorso – ha commentato Davide Dapporto, dopo la notizia della convocazione –. Spero davvero di divertirmi, che è la cosa principale, e di onorare la maglia, perché ne sento la responsabilità. Ringrazio il CT e la Federciclismo per questa opportunità, la squadra, la mia famiglia e tutte le persone che mi sono sempre state vicine. Proprio un anno fa, l’8 settembre, ero in ospedale dopo una brutta caduta in gara, con qualche dubbio sul prosieguo della mia carriera ciclistica: fa un certo effetto correre sulle strade di casa in Romagna, un anno dopo, con la maglia Azzurra della Nazionale sulle spalle. Sicuramente sabato sarà una giornata intensa per me, ricca di emozioni».

La prima convocazione di Dapporto in Nazionale è un nuovo motivo di orgoglio per #inEmiliaRomagna Cycling Team, formazione nata nel 2019 per unire in un unico progetto sport e promozione del territorio, che già due anni fa aveva visto un altro faentino in maglia Azzurra al Tour of the Alps e al Memorial Pantani: era stato Manuele Tarozzi, che quest’anno ha vinto due volte e che nel 2022 passerà professionista con la Bardiani CSF Faizanè.

«La maglia Azzurra è il giusto riconoscimento per Dapporto – aggiunge Michele Coppolillo, direttore tecnico di #inEmiliaRomagna Cycling Team –, per il suo trend di crescita e per il rendimento di spessore avuto per tutto l’anno e in particolare da luglio in avanti. È una convocazione meritatissima e noi, come società, ne siamo fieri e orgogliosi. Per Davide sarà una bellissima esperienza, importante anche in ottica futura: è giovane, al secondo anno da U23, e correre il Memorial Pantani gli consentirà di assaporare cosa vuol dire indossare la maglia Azzurra, sperando poi di poterlo vedere grande protagonista nel 2022 con il nostro team e ancora con la Nazionale. Certi risultati non vengono per caso: con #inEmiliaRomagna Cycling Team ha trovato il giusto ambiente per emergere e, cosa principale, lui è stato bravissimo per impegno, dedizione e costanza di rendimento».

Programma eventi Aspettando Settembre Rotaliano – Alla scoperta del Teroldego
Set 18@14:55–15:55

Dopo i primi quattro weekend molto partecipati che dal 20 agosto in poi hanno animato la corte di Palazzo Martini a Mezzocorona, in cui diverse associazioni del territorio hanno offerto la possibilità di degustare una selezione di etichette di Teroldego Rotaliano in abbinamento alle proposte food, si avvicina l’ultimo fine settimana di Aspettando Settembre Rotaliano, tutto dedicato alla mostra Alla scoperta del Teroldego, che compie 30 anni, in concomitanza con il 50° anniversario della DOC Teroldego Rotaliano.

 

Ad organizzarlo, come sempre, la Pro Loco di Mezzocorona con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito della promozione delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

 

L’inaugurazione, ha spiegato il neopresidente Pro Loco Daniele Postal durante la conferenza stampa di presentazione della kermesse, è in programma alle 18.00 di venerdì 17 settembre, presso la corte del Palazzo, dove si svolgerà l’intero programma del weekend, che si svolgerà anche in caso di pioggia. Contestualmente sarà anche aperto il wine bar gestito da sommelier AIS con 36 etichette di Teroldego, tra versioni classiche, rosati, riserve e selezioni, e, a partire dalle 19.00, il cocktail bar a cura del noto bartender Leonardo Veronesi, che darà vita a insoliti cocktail a base di grappa artigianale trentina. Il distillato sarà inoltre protagonista di Personal Tasting curati dalla sezione regionale dell’ANAG – Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa e Acquavite.

 

Dalle 19.00 vi sarà la possibilità di degustare la proposta food, affidata allo chef Paolo Bonetti del Ristorante La Cacciatora, mentre alle 20.30 sarà il turno della Masterclass ONAV – Sezione di TrentoTeroldego Rotaliano: un grande vino dai tanti volti”*: un appuntamento su prenotazione (costo 30 euro, 20 euro per i soci ONAV). Nel corso della serata, l’intrattenimento sarà affidato ai Sonic Trio.

 

Sabato 18 settembre l’apertura della corte è anticipata alle ore 16.30. Dalle 18.00 in poi, oltre al wine bar, si potrà partecipare alle degustazioni con i produttori locali di Teroldego Rotaliano, che saranno a disposizione per illustrare ai partecipanti le caratteristiche dei vini in lista e “raccontare” le proprie realtà. Presenti Azienda Agricola Andrea Martinelli, Azienda Agricola Betta Luigino, Azienda Agricola De Vescovi Ulzbach, Azienda Agricola Donati Marco, Azienda Agricola Endrizzi Elio e F.lli, Azienda Agricola Zeni Roberto, Cantina Endrizzi, Cantine Mezzacorona, Devigili, Dorigati e 435 HT.

 

La proposta food sarà invece affidata questa volta allo chef Andrea Rossi di Locanda Camorz, e si esibiranno i Soul Generation XZ. In tema di appuntamenti speciali, alle 17.00 è in programma la masterclass a cura della Pro LocoConfronti d’annata”**, dedicata all’invecchiamento del Teroldego, condotta da Eros Teboni, miglior sommelier del mondo WSA 2018, che guiderà i partecipanti alla scoperta di un’annata storica e una nuova di cinque aziende, per un totale di dieci vini (costo 30 euro).

 

Alle 20.30 la Biblioteca di Mezzocorona presenterà la biografia romanzata dell’artista Maurizio Boscheri “Le parole non servono – Il mondo incantato di Maurizio Boscheri”, protagonista della mostra Beauty of the beasts, sviluppata in collaborazione con l’artista locale Daniele Calovi e visitabile ogni giorno.

 

Domenica 19 settembre la corte sarà aperta sin dalle ore 10.00, con winebar. Alle ore 10.30, in particolare, è in programma un aperitivo di Teroldego Rosato, mentre dalle 12.00. Alle 16.30 il noto sommelier AIS Roberto Anesi, coinvolto dai TeRoldeGO Evolution, proporrà la Masterclass “Terreni alluvionali a confronto”, mentre alle 19.00 l’approfondimento sarà a cura della Fondazione E. Mach – Istituto Agrario San Michele all’Adige, che proporrà l’incontro “Un autoctono di successo valorizzato da un territorio vocato”, condotto da Luciano Groff (entrambe le masterclass hanno un costo di 20 euro).

 

Alle 17.00 ritorna il cocktail bar di Leonardo Veronesi e il Personal Tasting con ANAG Trentino Alto Adige, mentre l’intrattenimento musicale sarà affidato al Real Folk Blues Duo.

 

Per chi lo vorrà, inoltre, dalle 14.00 alle 18.00, si potrà partecipare alle visite guidate di Palazzo Martini, alla scoperta di pitture ad olio, affreschi, arredi, boiserie e stufe in maiolica presenti nelle sale.

 

La partecipazione alle varie iniziative ed attività è consentita solo ai possessori di Green Pass e la prenotazione è fortemente consigliata. Ad eccezione dell’appuntamento ONAV, prenotabile scrivendo a trento@onav.it, le altre masterclass sono prenotabili contattando il Consorzio Turistico Piana Rotaliana Königsberg al numero 0461 1752525 o scrivendo a info@pianarotaliana.it.

 

Un plauso agli organizzatori dell’iniziativa – ha commentato Mattia Hauser, Sindaco di Mezzocoronache hanno colto la sfida non facile di ripensare la manifestazione affinché potesse continuare a valorizzare il territorio e il suo prodotto di eccellenza, nel rispetto delle normative vigenti ma coinvolgendo tutte le anime che da sempre compongono la variegata cornice dell’evento. Per noi e per tutta la cittadina di Mezzocorona è un appuntamento imperdibile, fortemente radicato sul nostro territorio, che aspettiamo con gioia ”.

 

È stato molto importante – ha proseguito Matteo Permer, Assessore che gestisce il rapporto con le associazioniil lavoro svolto dalla Pro Loco, che ha dato alle associazioni locali la possibilità di tornare a incontrare il pubblico dopo un anno di stop forzato che, se fosse ulteriormente proseguito, sarebbe stato un duro colpo. Un’occasione per rimettersi in gioco e per esplorare nuove opportunità nella consapevolezza che le crisi possano tramutarsi in opportunità”.

 

Siamo particolarmente felici – ha aggiunto Sergio Valentini, Presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentinodi sostenere questa iniziativa rispetto alla quale speriamo di essere coinvolti sempre di più anche a livello organizzativo, oltre che di coordinamento. Come Associazione, precediamo e accompagniamo questa importante  manifestazione enologica, contribuendo a rilanciarla e accendere i riflettori su questo straordinario vitigno su tutto il territorio provinciale, con la rassegna A tutto Teroldego (tastetrentino.it/atuttoteroldego), in programma dal 16 al 26 settembre: un ricco calendario di degustazioni, menù a tema, proposte vacanza, visite in cantine e nei vigneti dentro e fuori la Piana Rotaliana, dall’Altopiano della Paganella alla Vallagarina, dal Lago di Garda all’Altopiano di Pinè, dalla Valsugana alla città di Trento”.

 

Sostegno anche da parte del Consorzio Piana Rotaliana Königsberg che, nelle parole di Rosa Roncador, ha voluto ricordare come siano tante le iniziative proposte dal Consorzio e dall’Apt Paganella-Dolomiti in linea con l’offerta della manifestazione. Appuntamenti riuniti dal comune intento di far conoscere la Piana Rotaliana non solo come eccellenza dal punto di vista vitivinicolo ma anche sul fronte dell’accoglienza turistica.

 

Un saluto, infine, da Chiara de Vescovi, in rappresentanza della Cassa di Trento, che sostiene l’evento offrendo anche l’utilizzo degli spazi di Palazzo Martini, sottolineando l’importanza del legame con il territorio, che rimane il tratto distintivo del loro approccio rispetto ad altri istituti di credito.

A Lavarone l’Aperitivo del Malghese
Set 18@15:00–16:00

Dopo il successo degli scorsi anni, torna l’Aperitivo del Malghese, iniziativa organizzata dalla Strada del Vino e dei Sapori del Trentino in collaborazione con Apt Alpe Cimbra, in programma sabato 18 settembre, a partire dalle ore 15.00, a Lavarone, nell’ambito di Latte in festa (Lavarone, 18-19 settembre), manifestazione dedicata alla scoperta del mondo lattiero-caseario.

Un pomeriggio per ricaricare le batterie di aria fresca e cose buone, godendosi gli ultimi scampoli di estate, in attesa definitivo sui banchi di scuola e negli uffici.

Perfetto sia per grandi che per bambini e ideale per trascorrere una giornata diversa in coppia, in famiglia o tra amici, l’Aperitivo del Malghese prevede la partenza dal Punto Info del Villaggio del Latte a Parco Palù, in località Cappella, da cui ci si incamminerà tra i boschi e prati della zona, guidati dal racconto di un accompagnatore del territorio di Albatros – Divulgazione Ambientale.

Dopo una passeggiata di un paio di chilometri, che prevede un dislivello di circa 100 metri, si giungerà alla Fattoria Lenzi, dove si potranno scoprire i segreti della stalla e conoscere da vicino le mucche di Dario. Al termine si prenderà la propria coperta messa a disposizione dagli organizzatori e ci si rilasserà sul prato per degustare un aperitivo 100% trentino con Vezzena e gli altri formaggi di Fattoria Lenzi, mele La Trentina, Teroldego Rotaliano di Azienda Agricola Zanini Luigi, Acqua Levico e una golosa proposta realizzata da Malga Millegrobbe. Al termine dell’aperitivo, si farà ritorno a Latte in Festa a Parco Palù.

La quota di iscrizione è di 20 euro per gli adulti e 10 euro per bambini e giovani, da 3 a 18 anni; prenotazione obbligatoria entro giovedì 16 settembre, chiamando la Strada del Vino e dei Sapori del Trentino al numero 0461 921863 o scrivendo a info@stradavinotrentino.com . La partecipazione è consentita ai soli possessori di Green Pass.

Scopri il programma su: www.tastetrentino.it/aperitivodelmalghese

Teglio sapori: programma eventi Pizzocchero d’oro
Set 18@15:55–16:55

Si è aperta l’edizione 2021 di “Sapori d’autunno” a Teglio, la rassegna gastronomica organizzata dai ristoratori tellini, e in particolare il “Pizzocchero d’oro” che anima il mese di settembre

Le occasioni non mancheranno nelle prossime settimane: gli ultimi due weekend di settembre, il 18 e 19 e il 25 e 26 saranno ancora all’insegna del “Pizzocchero d’oro”, quindi, a ottobre, esordiranno i “Weekend dei funghi”. I ristoratori consigliano sempre la prenotazione, in particolare per il pranzo della domenica quando si registra il maggior afflusso: sui volantini distribuiti e sul sito internet www.tegliosapori.info si trovano tutti i recapiti.

Per avere informazioni sugli eventi organizzati a Teglio ci si può rivolgere all’Ufficio Turistico (0342 782000). Sabato 18 settembre, con inizio alle ore 9, nel salone dell’Oratorio, è in programma il convegno “Teglio incontra il biologico”, organizzato nell’ambito del Progetto Interreg Sinbioval, durante il quale verrà presentato il progetto di conversione all’agricoltura biologica e che si concluderà con una degustazione guidata dei prodotti biologici della provincia di Sondrio. Da visitare è la mostra sull’agricoltura biologica della montagna alpina, presso la Biblioteca, aperta da lunedì a sabato dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30 e la domenica dalle 9 alle 12.30.

Ciclismo, Piccola Sanremo, in 172 a caccia del successo
Set 18@16:00–17:00

Cresce l’attesa a Sovizzo (Vi) per la 54^ edizione della Piccola Sanremo che andrà in scena domenica sulle strade beriche: la Classicissima riservata agli Under 23 anche quest’anno potrà contare su di un parterre di atleti di assoluto primo piano grazie all’ottimo lavoro svolto dall’appassionato e professionale staff dell’Uc Sovizzo capitanato dal presidente Gianluca Peripoli.

La lunga lista degli iscritti comprende ben 172 atleti provenienti da tutte le parti d’Italia; un lotto di grande prestigio impreziosito anche dalla presenza di tre compagini straniere.

Ad indossare il dorsale numero uno sarà il Campione Italiano Under 23 Gabriele Benedetti (Zalf) che si presenterà al via della sfida di Sovizzo accompagnato dal trentino Edoardo Zambanini,fresco vincitore a Loro Ciuffenna (Ar). Tra i più attesi al via ci saranno senza dubbio anche i francesi della Ag2r Citroen U23, vincitori dell’edizione 2019 della Piccola Sanremo, che con gli svizzeri del Vc Mendrisio e con i talenti dell’Uc Monaco comporranno il gruppo degli stranieri in gara.

Grande attenzione meriterà anche la Colpack Ballan che a Sovizzo schiererà i propri migliori atleti con Luca Rastelli, Mattia Petrucci e Alessandro Verre; presenti anche il marchigiano vincitore del Gp Sportivi di Poggiana Riccardo Ciuccarelli (Biesse Arvedi), il lecchese Luca Colnaghi (Trevigiani), il laziale Martin Marcellusi (Mastromarco), il veneziano Jacopo Menegotto(General Store), il giovane friulano Giovanni Bortoluzzi (Work Service) e l’ucraino Yaroslav Parashchak (Iseo Rime Carnovali).

Tra gli outsider che potrebbero regalare la sorpresa sul tracciato di 151,5 chilometri disegnato dall’Uc Sovizzo anche Andrea Guerra (Italian Cycling Team), Filippo D’Aiuto (Pedale Scaligero) e Samuele Rubino (Lan Service).

“Avere al via il meglio del ciclismo italiano Under 23 è una soddisfazione unica oltre che un grande orgoglio per tutto il nostro team organizzatore” ha sottolineato il presidente dell’Uc Sovizzo, Gianluca Peripoli. “Domenica ci attende una importante giornata di sport e di festa: l’invito per tutti gli appassionati è di venire sulle strade di Sovizzo per applaudire i ragazzi impegnati in gara e godersi appieno lo spettacolo della Piccola Sanremo nel rispetto delle norme anti-covid per la scurezza di tutti. Voglio ringraziare sin d’ora tutte le istituzioni e gli sponsor che sono stati al nostro fianco in questo anno e mezzo di attesa che ci hanno portato a riproporre una grande edizione della Piccola Sanremo. Infine auguro buona fortuna agli atleti e alle squadre che verranno a Sovizzo per regalare spettacolo oltre che un buon lavoro a tutti i volontari e alle forze dell’ordine che saranno impegnati lungo il percorso per garantire il regolare svolgimento della corsa e la sicurezza degli atleti in gara”.

IL PERCORSO – 151,5 i chilometri in programma per assegnare la 54^ Piccola Sanremo: dopo il trasferimento al chilometro zero posto nei pressi di Villa Cordellina Lombardi, i primi 70 chilometri saranno completamente pianeggianti disegnati lungo l’anello cittadino che andrà ripetuto per sette volte. A determinare la prima selezione saranno poi le quattro tornate comprendenti la classica ascesa di Vigo mentre il gran finale si disputerà nel doppio passaggio sul Muro del Castello di Montemezzo cui farà seguito la salita di Vigo, ultimo trampolino di lancio per chi avrà ambizioni di successo.

LE MAGLIE IN PALIO – Cinque le maglie messe in palio in occasione della 54^ Piccola Sanremo realizzate da Saby Sport: la maglia rossa GT Trevisan al vincitore del Memorial Girolamo Trevisan che si aggiudicherà la classifica dei GPM e la maglia gialla Saby Sport che andrà al vincitore della classifica dei Traguardi Volanti valida per il Memorial Dino Peripoli. A queste si aggiunge la maglia bianca Inglesina per il più combattivo, la maglia verde Ristorante Il Castello di Montemezzo per il primo passaggio su Cima Montemezzo intitolata al Memorial Lino Urbani e la maglia azzurra Banca delle Terre Venete che sarà indossata dal vincitore della Piccola Sanremo.

IL PROGRAMMA DELLA 54^ PICCOLA SANREMO:
Ore 9.00 – Apertura Segreteria di gara a Sovizzo, Via Roma – Presso gli impianti sportivi
Ore 11.00 – Ritiro accrediti stampa presso la Segreteria di gara
Ore 11.30 – Riunione Tecnica
Ore 13.15 – Partenza ufficiosa da Sovizzo
Ore 13.30 – Partenza ufficiale da Montecchio Maggiore – Villa Cordellina Lombardi
Ore 17.15 circa – Arrivo della 54^ Piccola Sanremo – Sovizzo
Ore 17.30 – Cerimonia protocollare di premiazione

COPERTURA TV – Importante la copertura televisiva della 54^ Piccola Sanremo che sarà riproposta in sintesi sulle emittenti locali e nazionali con un ricco palinsesto. Questa la programmazione TV:
Lunedì 20 settembre – Ore 21.15 – TVA Vicenza – Speciale Piccola Sanremo
Giovedì 23 settembre Ore 14.00 – TVA Vicenza – Speciale Piccola Sanremo
Giovedì 23 settembre – Ore 19.00 – RAISport (Canale 57) – Servizio all’interno di Radiocorsa
Giovedì 23 settembre – Ore 21.00 – Telechiara (Canale 14) – Sintesi completa all’interno di Teleciclismo
Sabato 25 settembre – Ore 13.15 – Telechiara (Canale 14)

Trento, Magnete, Povo e Ravina: più puliti grazie all’impegno dei cittadini
Set 18@16:00–17:00

Continuano le adesioni di cittadini, singoli o associati, alla proposta di collaborazione semplice Al mio quartiere ci penso anch’io, proposta prevista dal Regolamento comunale per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani e finalizzata a promuovere la collaborazione attiva dei cittadini per la pulizia del proprio territorio con rimozione di rifiuti abbandonati, in collaborazione con Dolomiti Ambiente. 

Sabato 18 settembre alle 16 sarà l’associazione universitaria Urla con una decina di volontari a mettersi all’opera in via Stenico, presso la collinetta del Magnete, con attività di spazzamento e rimozione di rifiuti abbandonati negli spazi e aree pubbliche.

Sabato 25 settembre protagonista l’Avis di Povo, impegnata nella pulizia del sobborgo, mentre venerdì 8 ottobre sarà la volta della Pro Loco di Ravina prendersi cura del proprio sobborgo.

Dolomiti Ambiente fornirà i materiali necessari alle attività di pulizia

Tutte le informazioni sulla proposta e sulle iniziative nate da essa sono disponibili sul sito del Comune, nell’area tematica dedicata ai Beni comuni.

Volley femminile, “Trofeo Bresaole d’autore” in Valchiavenna
Set 18@16:55–17:55
Ritiri, collegiali, camp giovanili e tornei: nell’estate che si sta per concludere lo sport è stato ancora una volta il grande protagonista in Valchiavenna. Circa settemila presenze, tra atleti, tecnici e accompagnatori, quasi il doppio rispetto allo scorso anno, oltre all’orgoglio di ospitare società di vertice della pallavolo italiana e squadre nazionali.
Alla vigilia del “Trofeo Bresaole d’autore“, che porterà in Valchiavenna quattro formazioni della serie A femminile per l’ultimo test prima dell’inizio delle partite ufficiali, il bilancio è più che positivo. Otto mesi, dall’Epifania a settembre inoltrato, da un torneo all’altro, per confermare la centralità della Valchiavenna, ormai riconosciuta quale sede ideale per gli allenamenti. Un turismo che consente di riempire gli alberghi anche in periodi di minor flusso e che non risente delle condizioni meteorologiche.
All’inizio di aprile, in piena zona rossa, Chiavenna aveva ospitato le nazionali under 16 femminili di Olanda, Portogallo, Germania, Spagna, Francia, Belgio e Italia impegnate nel Wevza Volleyball Tournament per la qualificazione ai Campionati europei di categoria di luglio in Ungheria. Da metà giugno sono iniziati i camp estivi giovanili, quindi i raduni collegiali delle nazionali e i ritiri nella seconda metà di agosto.

≪Non è stato semplice superare le difficoltà legate alla pandemia – sottolinea il direttore del Consorzio Turistico della Valchiavenna Filippo Pighetti -, ma gli sforzi compiuti per garantire la sanificazione di tutte le strutture e per l’adozione delle misure di sicurezza ha convinto le società a venire in Valchiavenna. La nostra valle si è fatta trovare pronta e in grado di soddisfare le esigenze dello sport, sia a livello giovanile che professionistico, per le attività dei singoli club e delle federazioni nazionali: per noi è stata una grande soddisfazione riscontrare il gradimento degli ospiti e vedere confermati i programmi anche in quest’ultimo anno e mezzo segnato dall’emergenza sanitaria. Quest’anno siamo riusciti ad aumentare le presenze rispetto al 2020, vicine a quelle registrate nel 2019, e con ottime prospettive per il 2022≫. Una scelta, quella di puntare con decisione sul turismo sportivo, operata alcuni anni orsono dalla Comunità Montana della Valchiavenna che continua a sostenere il progetto e a investire nell’accoglienza delle massime società di pallavolo ma anche di altre discipline sportive.

La stagione si concluderà in grande stile il prossimo fine settimana con il “Trofeo Bresaole d’autore“, sesta edizione del Torneo Valchiavenna, che vedrà impegnate quattro squadre della serie A di volley femminile: Vero Volley Monza, Valsabbina Millenium Brescia, Unet E-Work Busto Arsizio e Hermaea Olbia. Il programma prevede gli scontri diretti alle 17 e alle 20.30 di sabato 18 settembre e le finali domenica 19 a partire dalle ore 15.30. Il torneo si svolgerà al Palamaloggia di Chiavenna, dove si potrà accedere esibendo il green pass: il biglietto per il singolo incontro costa 7 euro, 4 il ridotto fino a 12 anni, 10 e 6 euro per le due partite.

In questi giorni, a stagione non ancora conclusa, il referente per il turismo sportivo Luca Tognotti è già impegnato a programmare il 2022: ≪Stiamo chiudendo gli accordi con le società e la federazione e procedendo con le prenotazioni di impianti sportivi e alberghi – afferma Tognotti -. Ringrazio gli Enti pubblici e il Consorzio turistico per la fiducia che ripongono in me. Abbiamo un comune obiettivo: migliorare la reputazione della Valchiavenna quale destinazione turistica, fare in modo che sia apprezzata e portare i turisti. In questo senso lo sport si sta dimostrando uno strumento fondamentale e continueremo a promuoverlo≫.

Basket, scrimmage tra Brescia e Trento al PalaLeonessa A2A
Set 18@18:00–19:00

Sabato 18 settembre alle ore 18 il Brescia svolgerà al PalaLeonessa A2A uno scrimmage con la Dolomiti Energia Trentino. La partita, che chiuderà la preseason della squadra biancoblu, sarà disputata a porte chiuse.

Previsioni meteo
Set 18@20:00–21:00

Sarà un weekend a due facce quello che si prospetta per l’Italia, sospeso tra due stagioni: l’autunno e l’estate. Da un lato una perturbazione atlantica comprometterà il tempo al Nord con clima fresco e spesso piovoso, dall’altra l’ostinato anticiclone africano surriscalderà ancora una volta il Sud facendo proseguire l’estate. Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che sia sabato e sia domenica un fronte perturbato proveniente dall’oceano Atlantico, diventato fucina delle perturbazioni pilotate dalla neonata depressione d’Islanda, interesserà le regioni settentrionali a partire dal Nordovest per poi estendersi gradualmente al Nordest. La perturbazione riuscirà a interessare anche la Toscana settentrionale e abbandonerà l’Italia soltanto nel corso di domenica pomeriggio/sera. I temporali previsti potranno risultare a tratti intensi, essere accompagnati da locali grandinate e provocare improvvisi allagamenti, soprattutto nella giornata di domenica. Situazione opposta invece sul resto del Centro e soprattutto al Sud dove sarà l’anticiclone africano a dettare legge. In questo contesto generale, se al Nord le temperature subiranno una diminuzione di 3-5°C ritornando grossomodo in media con il periodo, al Sud i valori termici saliranno ulteriormente fino a toccare punte di 38°C in Sicilia (come a Siracusa per esempio) e fino a 34°C in Calabria, Basilicata e Puglia. Al meridione i valori si trovano già sopra la media del periodo di circa 10°C!

NEL DETTAGLIO

Venerdì 17. Al nord: ultime note instabili al Nordest e in Liguria, ma migliora. Al centro: molto instabile su gran parte delle regioni, meno in Sardegna. Al sud: instabile soprattutto in Campania.

Sabato 18. Al nord: graduale peggioramento da Ovest verso Est con rovesci. Al centro: un po’ instabile sull’alta Toscana, soleggiato altrove. Al sud: qualche rovescio sui rilievi pugliesi.

Domenica 19. Al nord: rovesci e temporali a tratti forti da Ovest verso Est. Al centro: temporali sulla Toscana settentrionale, rovesci possibili pure su Lazio e Umbria e Marche. Al sud: soleggiato.

Da lunedì più sole, ma è atteso un nuovo peggioramento.

“Vi sono due fiumi in questa parte di chiusure”
Set 18@20:30–21:30

Presentazione del volume Vi sono due fiumi in questa parte di chiusure, di Michela Capra ed edito da Fondazione Civiltà Bresciana. L’evento si terrà sabato 18 settembre alle 20.30, presso il Centro Polivalente di Forno d’Ono a Pertica Bassa. Dialogherà con l’autrice il prof. Alfredo Bonomi. Ingresso libero con obbligo di Green Pass.

Calcio Trento, partite al Briamasco: modifiche alla viabilità e divieti
Set 18@20:30–21:30

Per permettere lo svolgimento in sicurezza del campionato allo stadio Briamasco, nelle due ore antecedenti e seguenti lo svolgimento delle partite di calcio della stagione 2021-2022 della società Calcio Trento e di ogni avvenimento sportivo viene istituito il divieto di transito in via Sanseverino nel tratto di strada compreso tra le intersezioni con corso Lavoro e Scienza e via Verdi.

Inoltre nelle due ore precedenti l’inizio, durante e nell’ora successiva alla fine di ogni partita è confermato il divieto per i titolari delle attività commerciali e/o di somministrazione di alimenti e bevande situate all’interno dello stadio e per gli operatori commerciali ambulanti posizionati lungo via Sanseverino a partire dalla rotatoria di San Lorenzo fino all’intersezione con via Monte Baldo, compresa l’area del quartiere delle Albere e i parcheggi di :

  • somministrare e vendere bevande alcoliche con gradazione superiore ai 5°
  • utilizzare bicchieri di vetro per la somministrazione
  • vendere bevande sia alcoliche che analcoliche in contenitori di vetro (sia chiusi che aperti) e in contenitori chiusi in qualsiasi materiale
  • utilizzare, specie per l’arredo esterno al locale o punto di ristoro, oggetti in vetro o materiale pesante che possano essere facilmente asportati ed utilizzati come armi improprie per il lancio

La vendita in contenitori di vetro o chiusi e l’utilizzo per l’arredo esterno di oggetti in vetro o materiale pesante vale anche per i titolari delle attività di somministrazione di alimenti e bevande situate nelle immediate adiacenze dello stadio.

Volontariato e Terzo settore, accordo di programma in Trentino
Set 18@20:30–21:30

al via l’accordo di programma tra Provincia e Ministero per le attività di interesse generale

Sostenere un programma di interventi per l’implementazione di attività di interesse generale di livello locale da parte delle organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e fondazioni del Terzo settore: è quanto prevede l’accordo tra la Provincia autonoma di Trento e il Ministero del lavoro e delle politiche sociali il cui schema è stato approvato oggi dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia. Gli interventi dovranno riguardare una o più aree prioritarie, individuate nelle linee di indirizzo ministeriali e nell’accordo stesso.
Per il Terzo settore è previsto un fondo sul bilancio dello Stato destinato al trasferimento di risorse alle Regioni e alle Province di Trento e Bolzano in base alla consistenza della popolazione e al numero di enti presenti nei territori: per l’anno 2021 la somma messa a disposizione per il Trentino è di circa 500.700 euro, che verrà erogata all’avvio del procedimento per l’individuazione dei soggetti attuatori.

La misura ha precedentemente consentito alla Provincia, in attuazione dell’accordo stipulato alla fine del 2019, di finanziare 57 iniziative presentate da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale locali, per un importo complessivo di oltre 1,6 milioni di euro, al quale si sono aggiunte ulteriori risorse connesse all’emergenza Covid19 e attualmente in fase di valutazione, per un importo di oltre 572.000 euro.
Compete infatti alla stessa Provincia autonoma, una volta stipulato l’accordo, l’individuazione delle specifiche iniziative e dei soggetti di volontariato che le realizzeranno, secondo modalità non discriminatorie e trasparenti. Gli obiettivi di riferimento rientrano in pieno in quelli dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile: dal porre fine ad ogni forma di povertà all’assicurare salute e benessere per tutti, ma anche azioni per la promozione di opportunità educative, riduzione delle ineguaglianze ed altri su aree di intervento per realizzare modelli di sostenibilità. In Trentino sono centinaia le organizzazioni interessate, attive nel volontariato e nella promozione sociale.

Dado Moroni e Max Ionata chiude Valsugana Jazz Tour
Set 18@21:00–22:00
Sabato 18 settembre 2021
Ore 21.00
Teatro Comunale di Pergine
Piazza Garibaldi 5
Pergine Valsugana (TN)
TWO FOR YOU:
 
Dado Moroni – Pianoforte
Max Ionata – Sassofono
L’accesso al concerto è vincolato al possesso del green pass.
Biglietti: intero 15 €, ridotto 12 €, Card Amici dei Teatri 10€
Appuntamento di lusso per la chiusura del Valsugana Jazz Tour, una delle sezioni più importanti del TrentinoInJazz. Sabato 18 settembre al Teatro Comunale di Pergine Valsugana (TN) il duo Dado Moroni e Max Ionata con lo spettacolo Two For You.
Dopo i grandi successi discografici Two For Duke e Two For Stevie, Dado Moroni e Max Ionata tornano insieme, con un nuovo tour. Il duo è composto da due musicisti che nella vita sono principalmente grandi amici e tra le loro note si può respirare l’energia che scorre tra gli strumenti. Two for you è una sorta di the best dei due progetti, che a seconda dei momenti può anche ritornare alle origini, quindi concentrarsi sul programma di Duke Ellington o di Stevie Wonder.
Dado Moroni entra in contatto con la musica jazz molto presto, grazie alla collezione di dischi dei suoi genitori. Inizia a suonare il pianoforte all’età di 4 anni, la sua carriera professionistica decolla all’età di 14 anni, con concerti in tutta Italia con alcuni dei più importanti musicisti italiani. Numerose nel corso degli anni le collaborazioni al fianco dei grandi nomi del panorama jazzistico mondiale, per uno dei musicisti italiani piú apprezzati e considerati a livello internazionale. Max Ionata è considerato uno dei sassofonisti più interessanti del panorama jazz italiano; si è avvicinato alla musica nel 2005, dopo essersi trasferito a Roma, e ha iniziato la sua carriera professionale collezionando successi ed approvazioni da parte di critica e pubblico.
Prossimo appuntamento TIJ: 19 settembre, Isera (TN), Midnight Jazz Quartet.
Calendario concerti:
Sito:
Risultati Calcio amputati, Europei di Cracovia: Azzurri battuti dalla Russia ai quarti
Set 18@21:40–22:40

Finisce il sogno della semifinale europea per la Nazionale Italiana Calcio Amputati. A Cracovia, la Russia batte l’Italia per 2-0 ai quarti di finale della rassegna continentale. Nonostante il risultato contrario, la formazione azzurra è riuscita ad esprimere un ottimo gioco in campo, disputando una partita alla pari contro una delle squadre più forti a livello mondiale. La pioggia battente e il terreno impraticabile hanno poi sicuramente agevolato la fisicità del team russo.

Il primo tempo si è concluso 0-0 con molte occasioni da entrambe le parti. Il secondo tempo, molto frizzante e duro, ha cambiato le sorti della partita quando i russi sono riusciti a segnare prima al 45’ su autogol sfortunato di Emanuele Padoan, e poi nell’ultimo minuto di gioco con la seconda rete ottenuta su punizione.

Domani alle 15, l’Italia affronterà la vincente tra Turchia e Irlanda per i match di classificazione dal quinto all’ottavo posto.

A fine incontro il CT Renzo Vergnani dichiara: “Non essere entrati in semifinale dopo aver giocato una partita in cui siamo stati superiori e prendere gol proprio alla fine, ci dispiace molto. Sono orgoglioso dei miei ragazzi perché hanno fatto una partita strepitosa. Andiamo avanti così”.

Le partite degli Azzurri saranno trasmesse in diretta streaming sul canale Facebook di FISPES e di EAFF.

Set
19
dom
2021
Nostalgia Club, By Barbise 2021
Set 19@10:30–11:30

Nostalgia Club: sesta edizione dell’evento BY BARBISE, raduno di auto d’epoca e moto di ogni età a calendario per domenica 19 settembre.

Da 6 anni a questa parte, il Gruppo By Barbise organizza l’omonimo raduno in ricordo di Giacomo Calzoni (detto “Barbise”), che ha saputo trasmettere l’amore per le auto e le moto d’epoca. Barbise aveva una passione particolare per le Moto Guzzi e quest’evento è da sempre l’occasione per trascorrere una domenica in amicizia tra amanti dei motori.

“Considerati i ritardi nella programmazione dovuti alla pandemia, quest’anno ci riteniamo ancora più soddisfatti di essere riusciti ad organizzare l’evento.” dice Stefania. “Per noi era importante ricordare il nostro amico Barbise e tanti altri che durante questi anni ci hanno lasciato troppo presto. Questa manifestazione sarà l’occasione giusta per sentirli ancora vicini, trascorrendo una “domenica in amicizia” all’insegna della nostra passione condivisa!”

ISCRIZIONI entro il 14 settembre presso:
– sede Nostalgia Club (Breno),
– Bar Enjoy (Niardo),
– Caffetteria del Lago (Idro).

Costi di partecipazione a giro, aperitivo e pranzo:
– euro 25 per gli adulti,
– euro 10 per i bambini fino ai 10 anni.

Opzione giro e aperitivo:
5 euro a partecipante.

PROGRAMMA:

h08:30 – accreditamento partecipanti presso la sede del Nostalgia Club a Breno (BS), con possibilità di scoprire il Museo
h10:00 – riordino moto e partenza per giro turistico
h11:00 – sosta a Niardo per aperitivo
h11:45 – ripartenza per giro turistico
h13:00 – pranzo presso sede Alpini a Niardo
h15:30 – premiazioni, ringraziamenti e saluti ai partecipanti.

La manifestazione si terrà nel rispetto delle normative anti Covid-19. NB: per la partecipazione al pranzo verrà richiesta l’esibizione del Green Pass.

Evento Facebook:
By Barbise – VI edizione

© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136