QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad
Ad

L’agenda delle Valli

Tutti gli appuntamenti giorno per giorno nelle zone montane. Sport, spettacoli ed eventi di ogni genere tra Valtellina, Valle Camonica, Val di Sole per arrivare in Trentino. L’Agenda delle Valli contiene eventi, manifestazioni, iniziative delle zone bresciane e trentine di cui si occupa il portale. Valli che spesso ospitano campionati nazionali e internazionali di diverse discipline e personaggi di fama internazionale. Esibizioni di cori, manifestazioni ciclistiche, raduni degli Alpini. Giorno per giorno tutti gli eventi tra Breno, Edolo, Passo Tonale, Vermiglio, Malè, Cles, Trento passando per Ponte di Legno, Temù, Vezza d’Oglio, Incudine, Malonno, Sonico, Cedegolo, Aprica, Cortenedolo, Caldes, Stavel, Velon.

 

lug
22
sab
2017
Astrio per A.N.D.O.S. Valle Camonica
lug 22@20:00–21:00

Sabato 22 luglio presso il campo sportivo di Astrio si terrà l’evento “Astrio per A.N.D.O.S.”, il cui ricavato verrà devoluto al Comitato A.N.D.O.S. di Vallecamonica – Sebino. Una serata in compagnia per la raccolta fondi a favore della ricerca e di nuove tecnologie per la cura e la prevenzione dei tumori, allietata da buona musica e da un ottimo spiedo. L’evento sarà dedicato a Silvana Vielmi. 

Anche quest’anno il Comitato A.N.D.O.S. di Vallecamonica – Sebino ha ringraziato anticipatamente per l’organizzazione la famiglia di Silvana (il marito Sergio, i figli Luca e Marco) e tutta la comunità di Astrio per la dedizione verso l’operato e la missione di portare speranza ad ogni donna colpita dal cancro.

La serata avrà inizio alle ore 20:00. Il costo della cena è di euro 20, comprendenti:
- Aperitivo
- Spiedo e polenta
- Contorno
- Formaggio
- Dolce

Per prenotazioni rivolgersi a Sergio: 328 706 3908.

Il Comitato A.N.D.O.S. di Vallecamonica – Sebino è stato costituito nel dicembre 2002 da volontari/e, donne operate al seno e non. Ne fanno parte e sono soci fondatori anche tre medici, che sono disponibili al bisogno e hanno il ruolo di operatori scientifici. L’associazione nasce dalle esperienze dolorose di donne che, pur portando ancora nel corpo e nel cuore i segni delle prove subite, hanno saputo trovare la forza di superare il loro trauma, ma anche la spinta positiva ed attiva per aiutare altre donne colpite dalla stessa patologia.

Concerto del gruppo proCdur al Granaio Cadipietra
lug 22@20:05–21:05

Sabato 22 luglio primo appuntamento con la rassegna “Musica al Museo delle miniere”: al Granaio di Cadipietra si esibiscono i proCdur.

Per il primo appuntamento della rassegna “Musica al Museo delle miniere” 2017, sabato 22 luglio 2017, alle ore 20, al museo nel Granaio di Cadipietra, il quartetto vocale proCdur proporrà un viaggio musicale dai Comedian Harmonists attraverso i Beatles fino ai Wise Guys e a Peter Fox, un repertorio che pesca tra i classici della musica pop del XX secolo.

Nato a Brunico, dal 2012 il gruppo dei proCdur si dedica con passione al canto “a cappella”. L’ensemble di voci maschili è formato da Gert Fischnaller (primo tenore), Florian Ebert (secondo tenore), Markus Haipl (primo basso) e Christian Künzel (secondo basso).

Un tempo magazzino dei generi alimentari della miniera di Predoi ed ora una delle sedi del Museo provinciale delle miniere, il Granaio Cadipietra illustra la storia della miniera attraverso mezzi multimediali e filmati di testimoni dell’epoca, documenti storici, modellini, dipinti, carte minerarie e altri reperti.

L’ingresso al concerto costa 12 euro per gli adulti e 7 euro per i bambini fino ai 14 anni.

Alan McAdam dj set
lug 22@20:30–21:30
Sabato 22 Luglio  2017
alla
Conca d’Oro Lido
Via Pietro da Salò 125
Salò (Brescia)
Alan McAdam dj set
Alan McAdam è un dj e sound designer del Lago di Garda. All’epoca dei suoi vari alias di produzione drum’n'bass ha visto pubblicate piu di una dozzina di tracce su vari ep che hanno fatto il giro dei negozi di dischi del globo, vendendo svariate decine di migliaia di copie, su tutti un remix per i Transglobal Underground e un ep condiviso con i Nero. Fra i suoi estimatori più noti il leggendario dj di Radio BBC One John Peel.
Resident da due stagioni al Disco Volante Culture Club, il suo set odierno è una miscela eclettica di melodic techno, tribal garage ed elettronica nel quale non è difficile avvertire le influenze di una vita passata a lungo oltreconfine.
Dalle 20.30
Vi aspettiamo per tutta Estate !!
ingresso libero
infoline
340 410 0845
Il ricco weekend tra Valli del Noce e Val di Fassa di TrentinoInJazz 2017: il programma
lug 22@20:30–21:30
Venerdì 21 luglio 2017
ore 21.00
Cortile di Palazzo Parisi
Via Roma 24
(in caso di pioggia Auditorium delle Scuole Medie)
Denno (TN)
Kilometro zero in jazz: From Ella to Amy
Sabato 22 luglio 2017
Santuario di San Romedio
(in caso di pioggia Casa de Gentili)
Sanzeno (TN)
Ore 20:30:
Coro Giovanile C. Eccher: A Little Jazz Mass
Ore 21:00:
Prembhai: Mystic Experience
Domenica 23 luglio 2017
ore 11.00
Corso Dante
(in caso di pioggia Palazzo Assessorile)
Cles (TN)
Diapason Sax Connection
ore 13.00
Buffaure
Pozza di Fassa (TN)
Big Band Giovanile dell’Alto Adige
diretta da Helga Plankensteiner
Ore 14:30 – Albergo Al Capriolo
Ore 15:00 – Chalet Tovel
Ore 15:30 – Albergo Lago Rosso
(In caso di pioggia Teatro Parrocchiale)
Lago di Tovel, Tuenno (TN):
Diapason Sax Connection 
ore 15.45
Spiaggia Centro Visitatori
Lago di Tovel
Prembhai – Jazz Experience
Venerdì 21, sabato 22, domenica 23 luglio: uno splendido weekend – tra valli, feste e ottima musica - al TrentinoInJazz 2017! Tre appuntamenti che sintetizzano perfettamente lo spirito della rassegna trentina e che incrociano due tra le più caratteristiche sezioni del festival, Valli del Noce Jazz e Panorama Music in Val di Fassa.
Si parte venerdì 21 con Kilometro Zero in Jazz: from Ella to Amy, uno spettacolo speciale che porta a Denno (TN) una dedica importante a due straordinarie personalità, Ella Fitzgerald e Amy Winehouse, ad opera di un affiatato trio, quello di Eleonora Merz (voce), Pino Dieni (chitarra), Samuele Lambertini (batteria). Ella Fitzgerald, timida e riservata, con il suo timbro cristallino e i suoi virtuosismi ha segnato la storia del jazz e non solo. Amy Winehouse, tormentata, estroversa, scomparsa troppo presto, ha lasciato un segno indelebile con la sua voce e il suo look inconfondibili. Anche lei appassionata di jazz, è stata capace di rendere ancora attuali alcuni grandi classici di questo genere. Due voci emozionanti e indimenticabili eppure così lontane nel tempo s’incontrano nell’immaginario, due stili che dialogano, due epoche lontane che si avvicinano, passando per altre voci femminili e non. Un viaggio fantasioso e a volte imprevisto attraverso la canzone, la voce e il jazz.
Sabato 22 ci si sposta al Santuario di San Romedio per il nuovo appuntamento di Valli del Noce Jazz, dedicato a nuove forme di spiritualità in musica e al dialogo tra culture e religioni: in apertura il Coro giovanile della scuola di musica “C.Eccher” - diretto da Massimo Chini, con Stefano Andreatta al pianoforte – eseguirà una personale interpretazione della Missa Brevis del compositore britannico Robert Chilcott. A seguire la “Mystic Experience” di Prembhai, il trio interrazziale di Esharef Alì Mhagag (voce), Egidio Marchitelli (chitarra) e Ivano Fortuna (harmonium, percussioni): un viaggio nella tradizione di popoli e religioni, un’unione spirituale di continenti e culture, con il trio che si avventura laddove il sacro diventa mistico e il linguaggio si fa più istintivo e universale. Musica sacra europea, bajan e kirtan indiani o preghiere cantate ispirate al Corano travalicano i confini e proiettano la performance in una sorta di “campo libero”, dove il suono e l’azione diventano meditazione.
Domenica 23 sarà una giornata di festa in musica. Alle 11.00 a Cles in Piazza Dante si terrà la quarta edizione di “Patablock – Street Boulder Contest e Tortei de Patate”, una manifestazione di arrampicata urbana e cucina tipica delle valli del Noce, organizzata da Smarano Climbing e dalla Pro Loco di Cles. Giochi e divertimento per i più piccoli, gonfiabili e una parete d’arrampicata, mentre i più ambiziosi arrampicheranno archi, fontane e scale nel centro storico di Cles. Non potrà mancare la musica: alle 11.00 in Piazza Dante Diapason Sax Connection, un gruppo di Saxofoni formato da docenti e allievi di lunga data della scuola musicale “il Diapason” di Trento, sfogherà tutto lo spirito più spensierato e festaiolo della tradizione jazz, swing e funk. Un appuntamento scoppiettante con il gruppo composto da Alessandra Bassi (sax soprano e tenore), Filippo Corbolini, Paolo Fontanari, Sebastiano Zeminian, Giacomo Mascher (sax alto), Davide Ferrari (sax tenore), Marco Milelli (sax baritono) e Giovanni Principe (batteria).
Alle 13.00 gli appassionati di musica in alta quota potranno sbizzarrirsi a Buffaure di Pozza di Fassa con la Big Band giovanile dell’Alto Adige! Si tratta di un progetto curato dall’associazione meranese Muspilli e di Sweet Alps che unisce dodici giovani musicisti provenienti da tutte le parti dell’Alto Adige, dal Burgraviato fino a Dobbiaco in Alta Val Pusteria e questa volta anche da Trento. Il progetto mira a sostenere giovani talenti nel settore jazz durante l’anno scolastico. Il lavoro consiste in laboratori per tecnica strumentale, nella pratica degli strumenti in sezione e nell’orchestra, facendo anche i primi passi nell‘improvvisazione. Naturalmente, l’obiettivo principale è quello di suonare insieme buona musica sotto la guida di professionisti del jazz. La direzione è stata affidata per la quarta volta a Helga Plankensteiner, l’esperta versata musicista e direttrice d’orchestra. In caso di maltempo il concerto si terrà alle 15.00 presso il Padiglione Manifestazioni di Pozza di Fassa; concerto gratuito, costo del biglietto per la cabinovia Buffaure a carico dei partecipanti.
Chi invece preferisce un altro tipo di ambiente, quello del Lago di Tovel, troverà un pomeriggio suggestivo, con tre concerti in diverse location della Diapason Sax Connection dalle 14.30 alle 15.30 (Albergo Al Capriolo, Chalet Tovel, Albergo Lago Rosso), e alle 15.45 la Jazz Experience del trio Prembhai. Il mosaico di musiche e culture proposto la sera prima nella cornice sacra del Santuario di San Romedio si rinnova e si tinge di jazz: un percorso che parte dall’ispirazione che i grandi compositori di musica sacra sanno suscitare e si sviluppa, senza riferimenti devozionali specifici, nell’improvvisazione libera. In conclusione del concerto il gruppo inviterà bambini, ragazzi e adulti a sperimentare i linguaggi del suono e del ritmo e trasformare l’esperienza sonora in un grande dialogo.
Prossimo appuntamento TIJ 2017: lunedì 24 luglio Marco Bovi Trio, Comano (TN).
Amichevole: Napoli-Chievo a Trento
lug 22@20:45–21:45

Dopo diciotto giorni di lavoro, il Napoli si prepara all’amichevole più probante del ritiro di Dimaro-Folgarida. Domani sera gli azzurri affrontano il Chievo Verona in un antipasto di serie A, che arriva a cinque giorni dalla cerimonia di formulazione dei calendari. La sfida si gioca il 22 Luglio al Briamasco di Trento ma potrebbe essere anche un appuntamento per le prime giornate del prossimo campionato.

Dopo le fatiche patite contro il Carpi (4-1), quello di domani sera è un test molto interessante per valutare il livello di condizione atletica a pochi giorni dalla fine del ritiro e soprattutto a tre settimane dal play-off di Champions League. Dovrebbe essere il giorno del debutto in maglia azzurra per Mario Rui, il terzino portoghese sta seguendo un programma personalizzato per arrivare al livello di condizione dei compagni, che hanno una decina di giorni d’allenamento in più nelle gambe. 

Stamattina Mario Rui ha svolto l’intera seduta in gruppo, partecipando anche alla partitella a campo ridotto, terminata 2-2 grazie alle reti di Pavoletti, Callejon, Rog e Diawara, mentre sono stati annullati due gol per fuorigioco, uno a Milik ed uno a Callejon, reti che avrebbero consentito ai gialli d’aggiudicarsi la sfida interna.

Sarri ha concesso mezza giornata di riposo, i calciatori hanno approfittato del tempo libero per dedicarsi alla pesca oppure hanno pranzato in ristoranti tipici della zona, recandosi anche in luoghi molto suggestivi come le malghe Zeledria e Vigo. Gettonata anche il classico pomeriggio di pesca nel laghetto appena a nord di Dimaro-Folgarida e i giri in mountain bike sui fantastici tracciati della valle, top a livello mondiale. I giornalisti accreditati (oltre 140 in totale) sono saliti in quota a Pejo 3.000 per poi pranzare al Rifugio Scoiattolo e rilassarsi alle terme di Pejo, prima di riprendere la normale attività di comunicazione. Una giornata di ossigenazione in quota ideale per il fisico.

Intanto al campo di Carciato continuano le presenze illustri di allenatori e addetti ai lavori, venuti a studiare la filosofia di calcio proposta da Maurizio Sarri. Da ieri stanno seguendo gli allenamenti di Sarri Jorge Simao, ex allenatore dello Sporting Braga nella scorsa stagione, e Cristiano Bacci, che ha guidato l’Olhanense nella serie B portoghese. Presente anche Adriano Bacconi.
Ieri grande serata di Made in Sud in Piazza Madonna della Pace.

Nel Napoli d domani dovrebbe essere confermato Reina tra i pali, la linea difensiva dovrebbe essere composta da Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam, a centrocampo si va verso il trio Allan-Jorginho, Hamsik alle spalle dei “piccoletti” Callejon, Mertens e Insigne. 

Ecco la probabile formazione del Chievo Verona: Sorrentino; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Castro, Radovanovic, Bastien; Birsa; Pellissier, Inglese. 

I biglietti sono già disponibili con le seguenti modalità di acquisto: Online con pagamento con carta di credito o ricaricabile al seguente link: www.bit.ly/Amichevoli-Ritiro-SSCNapoli; con pagamento in contanti c/o Ufficio Informazioni di Dimaro i sabato al botteghino al Briamasco. Per i tifosi vi è anche la possibilità di prenotare il servizio di Bus Navetta dalla Val di Sole di andata e ritorno a Trento, tramite Agenzia Campo Base di Dimaro Folgarida. Costo a persona 20€, con obbligo di prenotazione allo 0463.970046. 

L’amichevole di domani sera rappresenta un succoso antipasto della serata di domenica sera quando in Piazza Madonna della Pace l’intera squadra si scatenerà al ritmo musicale del DJ Daniele Decibel Bellini.

Festival Talent Show e Miss Italia: musica, ballo e bellezza a Tione di Trento
lug 22@21:00–22:00

L’ennesima tappa del Festival Talent Show è in programma domani, sabato 22 luglio, a Tione di Trento. La serata, organizzata dalla Proloco in collaborazione con il Comune, si svolgerà a partire dalle ore 21 con ingresso libero in Piazza Cesare Battisti e vedrà sfidarsi sul palco giovani talenti del settore danza e musica, ballo e canto, in cerca di visibilità e conferme sul loro talento artistico.

miss tioneIl Festival talent Show, per cui si ringrazia la Trentino Marketing, ideato da Sonia Leonardi, da la possibilità ai talenti che provengono da tutta Italia di esibirsi davanti a delle giurie popolari e di aggiudicarsi il pass per le successive serate.

Le prossime tappe del Festival Talent Show saranno il 27 luglio a Borgo Valsugana, il 30 luglio a San Vigilio di Marebbe e l’8 agosto ad Andalo. La finale si terrà anche quest’anno a Folgaria il 24 agosto.

Non solo musica e danza a Tione di Trento, ma anche bellezza e moda. Saranno infatti una ventina le ragazze che arrivano da tutta la Regione, tra i 18 e i 30 anni, presentate da Sonia Leonardi, coordinatrice regionale del Concorso Nazionale di Miss Italia, che sfileranno davanti ad un sempre numeroso pubblico per contendersi il titolo di Miss Miluna Tione di Trento. L’hair look delle ragazze sarà curato dal Salone Hollywood Hair and Beauty di Stenico e dal Sanole Vogue di Ala.

Non mancherà il momento dedicato alla moda a kilometro zero con le collezioni pensate e create dai giovani studenti del Centro Moda Canossa di Trento. Una presentazione degna delle più importanti passerelle che per molti di loro può rappresentare un primo passo nel mondo della moda.

Sonia Leonardi: “Ringrazio nuovamente la Proloco di Tione per la riconferma dell’evento che ha sempre avuto molto successo e tutte le bellissime località Trentine e Alto Atesine che ci hanno dato fiducia anche quest’anno. Le serate del Festival Talent Show e di Miss Italia, fortemente legate al territorio, rappresentano una forte attrattiva sia per i turisti che per i residenti. Oltre ad essere un grande spettacolo, danno la possibilità alle partecipanti di mettersi in gioco e di avvicinarsi seriamente al campo artistico seguiti da un’agenzia seria ed affidabile quale la Soleoshow. Non solo divertimento ma anche serie e concrete opportunità lavorative. Un grazie anche alle ragazze che hanno deciso di mettersi in gioco e che accetteranno con il sorriso il risultato della serata”.

La finalissima Regionale per eleggere Miss Trentino Alto Adige quest’anno sarà ospitata per il quarto anno consecutivo in Alto Adige e precisamente nella suggestiva ed elegante Piazza Duomo di Bressanone domenica 20 agosto. In questa attesissima serata, voluta dalla Associazione turistica e dal Comune di Bressanone, dedicata alla moda e allo spettacolo, verrà eletta la ragazza più bella della Regione, che prenderà la corona di Giorgia Zenatti e che per un anno intero veicolerà la bellezza della Regione in tutta Italia.

Da li in poi 9 ragazze della regione accederanno alle prefinali nazionali di JESOLO, per poi tentare poi di approdare nella diretta televisiva in cui verrà eletta Miss Italia e  che andrà in onda il 9 settembre su LA7.

Se hai tra i 18 e i 30 anni, nazionalità o cittadinanza italiana, iscriviti gratuitamente al Concorso, o chiedi semplicemente informazioni a soleo@soleoshow.com o chiama lo 0461 239111. Sarai invitata a partecipare ad una sfilata e potrai così vivere un’esperienza divertente e unica!

Folgaria, via al raduno azzurro: il Trentino casa della Nazionale
lug 22@21:00–22:00

Ha preso il via oggi, sabato 22 luglio 2017, il cammino della Nazionale Italiana di pallacanestro verso l’appuntamento clou della stagione, Eurobasket 2017. Un cammino che anche quest’anno parte dalle montagne del Trentino, da Folgaria, dove gli Azzurri per il sesto anno consecutivo cominceranno la preparazione in vista poi di un’estate ricca di appuntamenti per arrivare pronti alla rassegna continentale. I 19 atleti convocati dal CT Ettore Messina sono già al lavoro: dopo sette intensi giorni di training camp (con allenamenti al Pala Folgaria aperti al pubblico domenica 23 e mercoledì 26 luglio, orari 10.00-12.30 e 17.30-20.00) gli Azzurri giocheranno ben 12 partite prima del 31 agosto, quando a Tel Aviv capitan Datome e compagni debutteranno contro Israele nel primo match del gruppo B.

Durante la permanenza sull’Alpe Cimbra ci saranno altre occasioni per incontrare gli Azzurri: nella mattinata del 27 luglio è prevista una conferenza stampa aperta al pubblico nella piazza centrale di Folgaria, mentre nel pomeriggio gli Azzurri saranno di nuovo in piazza per firmare autografi. Venerdì sera invece, a Trento, alcuni campioni dell’Italbasket saranno ospiti nella Club House di Aquila Basket in piazzetta Lunelli per incontrare i tifosi alla vigilia della Trentino Basket Cup.

Ad aprire la serie di importanti partite dell’Italia infatti sarà la VI Trentino Basket Cup, che andrà in scena al PalaTrento sabato 29 e domenica 30 luglio: l’Italia giocherà la prima semifinale contro la Bielorussia per poi affrontare un’avversaria fra Olanda ed Ucraina, nazione che è inserita nel girone di Tel Aviv degli Azzurri ad Eurobasket. Per non perdersi lo spettacolo della Nazionale in azione a Trento ecco il link con tutte le informazioni sulle modalità di acquisto dei biglietti del grande evento dell’estate cestistica trentina. http://bit.ly/TrentinoBasketCup2017

I convocati per il raduno di Folgaria (22/28 luglio)

Awudu Abass (1993, 200, A)
Pietro Aradori (1988, 194, G)
Filippo Baldi Rossi (1991, 207, A/C)
Marco Stefano Belinelli (1986, 196, G/A)
Paul Stephane Biligha (1990, 200, C)
Christian Burns (1985, 203, A/C)
Riccardo Cervi (1991, 216, C)
Andrea Cinciarini (1986, 193, P)
Marco Cusin (1985, 211, C)
Luigi Datome (1987, 203, A)
Amedeo Della Valle (1993, 194, G)
Ariel Filloy (1987, 190, P)
Diego Flaccadori (1996, 192, G)
Danilo Gallinari (1988, 208, A)
Daniel Lorenzo Hackett (1987, 197, P)
Nicolò Melli (1991, 205, A)
Stefano Tonut (1993, 194, G)
Luca Vitali (1986, 201, P)
Andrea Zerini (1988, 205, A)

Commissario Tecnico: Ettore Messina

Il programma

Pala Folgaria (via Nazioni Unite, Folgaria)

22 luglio 2017
9.00-12.00 – Allenamento
17.00-20.00 – Allenamento

23 luglio 2017
10.00-12.30 Allenamento (a porte aperte)
17.30-20.00 Allenamento (a porte aperte)

24 luglio 2017
12.00-15.00 Allenamento

25 luglio 2017
10.00-12.30 Allenamento
17.30-20.00 Allenamento

26 luglio 2017
10.00-12.30 Allenamento (a porte aperte)
17.30-20.00 Allenamento (a porte aperte)

27 luglio 2017
12.00-15.00 Allenamento

28 luglio 2017
12.00-15.00 Allenamento e trasferimento a Trento

 

LIBERIDI FESTIVAL: programma eventi
lug 22@21:00–22:00
ASSOCIAZIONE LIBERIDI’
con il patrocinio del comune di Provaglio d’Iseo
presenta
LIBERIDI FESTIVAL 
21/22/23 LUGLIO 2017
presso
Castello S.Rocco
 Pian delle Viti
Provaglio D’Iseo (BS)
Il festival Liberidì nasce nel 2015 con l’intenzione di promuovere musica originale, questo è il terzo anno del festival organizzato nel comune di Provaglio d’Iseo.
VENERDI 21 LUGLIO 2017
INDIPENDENT DAY
con
DI NOI STESSI e ALTRI MONDI
Di noi stessi nasce su un treno, cresce davanti a una birra e ha bisogno di tanto tempo, tante cene, tanto vino e tante parole per venire allo scoperto. Registrano un Ep tutto in presa diretta, senza avere bene in mente come si faccia o che cosa sia. Una chitarra, una batteria, delle parole, i suoni di un organo, il battito di un cuore, annegare nel riverbero.Per suonare le parole e parlare con la musica.Di noi stessi e altri mondi sono Marco, Mattia, Thomas e Francesco.
MALKOVIC
I Malkovic sono una band alternative rock italiana.Si formano a Milano nel 2014 ad opera di Giovanni Pedersini (voce, chitarra) e Elia Pastori (batteria, elettronica) e trovano la loro formazione definitiva con l’entrata di Fabio Copeta al basso.  Nel Marzo 2016 entrano in studio per registrare il loro primo EP omonimo che vedrà la sua uscita a Novembre 2016.
ENDRIGO 
Gli Endrigo sono quattro amici da sempre che nascono in un posto che si chiama assurdamente Villaggio Sereno, quasi a Brescia ma non abbastanza, rubano un nome già pronto e cominciano a suonare rock’n’roll. Discograficamente attivi dal 2012 con due EP, “Spara” e “Buona Tempesta”.Sul finire del 2016 si sono chiusi nella Casa Vacanze Macchione, adibita a studio di registrazione, per registrare il primo vero album, prodotto da Andrea Marmorini (Woodworm, La Quiete) e Jacopo Gigliotti (Fast Animals and slow kids). “Ossa rotte, occhi rossi” uscirà il 17 marzo 2017 per IndieBox Music (distr. digitale Artist First – distr. fisica Self) e sarà anticipato il 17 febbraio dal videoclip e dalla release digitale del brano di apertura “Straight outta Villaggio Sereno (BS)”.
e a seguire LUCA FERRARI (VERDENA) DJ SET
SABATO 22 LUGLIO 2017
I LOVE REGGAE
con
JAKALA
La Jakala Reggae Band nasce a Brescia nel Settembre 2012 da un’idea di Andrea Paderno (batteria) e Michele Pellegrini (basso).Poco alla volta sono venuti ad aggiungersi gli altri componenti della band, raggiungendo in breve tempo una formazione completa. La band è caratterizzata da un binomio di voci soliste, accompagnate da un sound giovane volenteroso di apprendere insegnamenti dalle radici della musica già affermata, ma anche attento a non cadere in banali sonorità già ascoltate.
REBEL ROOTZ
 La band, nata a Trento nel 2010, si fonda sul reggae e sull’incontro delle personalità dei suoi componenti: Massimo Fontanari (voce e chitarra), Carlo Villotti (chitarra e cori), Francesco Dallago (basso), Pietro Toniolli (tastiere), Michele Tasin (tastiere e cori) e Loris Dallago (batteria). Il loro primo singolo, nel 2011, è Tu sei musica, seguito dall’album Radice ribelle e dal video della canzone Fragile. Nel 2014 hanno inciso il nuovo disco, Sotterraneo.
DOMENICA 23 LUGLIO 2017
LUCIO CORSI
Lucio Corsi è un cantautore maremmano di 22 anni, di Val Di Campo di Vetulonia, provincia di Grosseto. Nelle sue canzoni (il suo esordio è di un paio di anni fa circa) per Picicca Dischi, Lucio ha spesso raccontato la Maremma e i suoi abitanti, intesi come gli animali che la popolano. Oggi ha deciso di scrivere un vero e proprio “Bestiario Musicale”, prendendo spunto dai tradizionali Bestiari Illustrati di cui tutti abbiamo memoria. Ha scelto quindi 8 animali tipici della zona, annotandosi anche la mitologia che si portano dietro, e ha scritto una canzone per ognuno di loro. Lucio Corsi è un cantautore toscano proveniente da Val di Campo di Vetulonia. Nel 2012 sconfigge la Matematica e dopo varie esperienze con gruppi della zona incomincia a comporre canzoni proprie influenzato dai cantautori italiani e dal glam rock di David Bowie e Lou Reed. Un giorno a Firenze riesce ad abbracciare Iggy Pop e dopo esser tornato soddisfatto a casa ed aver esplorato bene le tombe etrusche della sua zona si trasferisce a Milano. Nella città tentacolare, con una buona dose di cocomeri, dinosauri, farfalle e sigarette per la testa decide di intraprendere la carriera solista proponendo brani propri in italiano. Il 13 gennaio 2015 è uscito il suo disco d’esordio “Altalena Boy / Vetulonia Dakar”, prodotto da Federico Dragogna e pubblicato da Picicca Dischi.
Tutte le sere Live Painting con Danilo Diprizio, Sabato sera postazione fissa con Telescopio per guardare le stelle, Domenica h.15.00 Tornep semilampo di scacchi iscrizioni al 3282767388.
Area Ristori con Birra, panini e menu’ Fiorentina By Osteria Pian delle viti.
Bus Navetta dal parcheggio in via sebina provaglio
Inizio concerti ore 20.30
Dalle 15.00
Ingresso libero
INFOLINE 3351588831
21esima “La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme”: iscrizioni agevolate
lug 22@23:00–lug 23@00:00

 

I bikers lo sanno, “La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme” da Ora (BZ) a Molina di Fiemme (TN) lungo 40 km e 1056 metri di dislivello è una delle prove più ambite del challenge Trentino MTB presented by Rotalnord anche per i trofei e gli allettanti premi che assegna… tra cui un favoloso soggiorno di una settimana per 2 persone in pensione completa, a scelta fra Calabria o Puglia in Hotel & Resort Buonevacanze.
Il prossimo 6 agosto, i vincitori della classifica assoluta maschile potranno aggiudicarsi uno skipass stagionale Dolomiti Superski per la stagione 2017/2018 (1°), uno skipass stagionale Fiemme Obereggen 2017/2018 (2°), una bicicletta Olympia (3°), un occhiale Smith Pivlock Arena (4°), ed uno skiroll Nones sport Globulo Nero riservato al quinto classificato. La prima assoluta della ventunesima edizione de “La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme” fra le donne avrà invece in dotazione uno skipass stagionale Fiemme Obereggen 2017/2018, una bici Olympia alla seconda ed un occhiale Smith Pivlock Asana dalla terza alla sesta classificata, premi ai quali si aggiungeranno uno skiroll Nones sport Globulo Nero alla settima, uno skipass settimanale Fiemme Obereggen all’ottava, un kit guanciali Lav System alla nona, ed infine un intimo tecnico Nexttoskin alla decima. Gli escursionisti maschili e femminili dalla prima alla decima posizione godranno invece di premi in natura, mentre la società di mountain bike più numerosa si aggiudicherà un soggiorno villaggio per due persone in pensione completa Club BV, una bici Olympia andrà alla seconda, un materasso Memory Lav System alla terza, un JK Fitness performance alla quarta società classificata ed un occhiale Smith Pivlock alla quinta. Premi andranno anche ai vincitori del traguardo volante di Pinzano situato al dodicesimo chilometro, con 150 euro al primo maschio a transitare e 100 euro alla prima femmina, mentre il primo e la prima della categoria escursionisti usufruiranno di premi in natura. Il GP della Montagna a Passo San Lugano è invece situato al km 27, ed in questo caso il primo e la prima assoluta si porteranno a casa una forma di formaggio Lagorai, mentre gli escursionisti riceveranno un gadget sport Fiemme in omaggio.
I riconoscimenti non sono finiti qui, perché al traguardo volante alla “Segheria Berti” situato alla stazione di Castello al 32° km ci saranno 150 euro per il primo maschio e 100 euro per la prima femmina. Ultima ma non ultima, la cronoscalata Muro della Pala al 34° km di Molina di Fiemme assegnerà un Polar Loop Activity Tracker ai più veloci a transitarvi. Premi anche per i primi delle categorie elite, under 23, junior e donne open, con i primi a ricevere rispettivamente 300, 150, 100 e 200 euro, e via a scalare sino alla decima posizione, mentre i master dal 1° al 5° classificato riceveranno premi in natura. Gli appassionati di MTB dovranno affrettarsi, le iscrizioni a 30 euro termineranno il 23 luglio.
Info: www.laveciaferovia.it

lug
23
dom
2017
I Suoni delle Dolomiti in Val Rendena: un’alba all’insegna del legame tra Uomo, Fede e Musica
lug 23@07:00–08:00

I musicisti della Kremerata Baltica e Mario Brunello concludono la settimana musicale in Val Rendena con un evento al sorgere del sole interamente dedicato al legame ancestrale tra esseri umani, musica e fede. L’appuntamento è per le ore 6 al Prà Castron di Flavona

Dopo una settimana in cui la Val Rendena – dalle cime al fondovalle, dalle architetture dolomitiche ai muri affrescati delle antiche chiese – ha vissuto una vera e propria immersione nella musica e nell’arte grazie alla presenza del noto violoncellista Mario Brunello e della Kremerata Baltica, progetto nato dalla mente di Gidon Kremer e che riunisce il meglio dei talenti musicali dei paesi baltici, non poteva mancare un momento emozionante e fortemente simbolico come L’alba de I Suoni delle Dolomiti.
Un saluto al sole, al suo sorgere, un’esperienza difficilmente ripetibile nell’arco dell’anno. I concerti delle Albe delle Dolomiti sono speciali e molto seguiti, non solo per la straordinaria bellezza di luoghi scoperti a orari inconsueti, ma anche per una particolare propensione del pubblico all’ascolto favorita dal silenzio della notte che sfuma nel giorno. L’appuntamento è per domenica 23 luglio alle ore 6 a Prà Castron di Flavona sulle Dolomiti di Brenta.

Luce e sole si sa hanno da sempre un forte valore simbolico per l’uomo: la luce che nella Genesi è all’inizio del processo della Creazione o il sole che tanto fascino ha avuto per gli uomini antichi e i loro culti religiosi. L’alba è quindi anche un momento che supera le semplici leggi della scienza, la rotazione dei pianeti e il nostro posto nelle galassie. È spunto per affrontare il legame ancestrale tra l’uomo, la fede e la musica. È luogo di stupore e interrogativi che nel tempo sono stati motori creativi per grandi composizioni musicali.
Mario Brunello e la Kremerata Baltica propongono un programma che alle celebri opere di Mozart e Tchaikowsky (Divertimento e Serenata per archi), alternerà Bach con un Corale, l’Adagio dal concerto per due violini e Louange à l’immortalité de Jesus di Messiaen.

Quella del 23 luglio è l’ultima opportunità per ascoltare lo straordinario gruppo di talenti che è la Kremerata Baltica. Non a caso la sua nascita è dovuta a un maestro come Gidon Kremer, ormai nel lontano 1997, e non a caso fin da subito si fa portatrice di un modo diverso di intendere e fare musica come ambito di sperimentazione, innovazione, dialogo con il mondo e il presente in tutte le sue espressioni. In essa si respira ancora un’anima pionieristica e la voglia di far parte di qualcosa di vivo e unitario in continua evoluzione sempre capace di guardare al passato e al presente senza rinchiudersi in muri e definizioni che rischiano di essere solo vincoli alla creatività.

Come si raggiunge il luogo del concerto
Il luogo del concerto è raggiungibile da Passo Campo Carlo Magno con la Cabinovia del Grostè, aperta per l’occasione dalle ore 3.30 del mattino (le casse degli impianti sono aperte dalle ore 3.00; costo biglietto solo andata per tratta 1 e 2 è di € 12,40 mentre di A/R è di € 18,20) e poi a piedi lungo il segnavia 306, Sentiero delle Palete, in 30 minuti di cammino con un dislivello in discesa 150 metri e difficoltà E.

L’escursione
Dopo il concerto è possibile partecipare a una escursione con le Guide Alpine del Trentino di ore 5 di cammino, dislivello 1.110 metri in discesa, difficoltà E. Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento dei posti:
- gratuita per i possessori di Dolomeet Card e di Trentino Guest Card (visittrentino.info/card +39 0465 447501)
- a pagamento su prenotazione con le Guide Alpine Madonna di Campiglio (+39 0465 442634).

In caso di maltempo il concerto non sarà recuperato

Informazioni: 0465 447501 – www.campigliodolomiti.it

Nos Brass Quintet al Rifugio Denza
lug 23@11:00–12:00

 

DOMENICA 23 LUGLIO
NOS BRASS QUINTET – Rifugio Denza – ore 11.00
In caso di maltempo all’interno del rifugio
Nostalgia Club: “Panino allo Stelvio”. Il programma
lug 23@13:00–14:00

Il Nostalgia Club propone la primissima edizione di “Panino allo Stelvio”Domenica in Amicizia a cura del Valtellina Point, in programma per domenica 23 luglio. paninoDa tempo ormai il club ha creato dei legami d’amicizia tra appassionati di auto storiche, che almeno una volta all’anno colgono l’occasione del periodo estivo per passare insieme una giornata allo Stelvio. Visto il successo di questi incontri spontanei, il Nostalgia Club ha pensato di organizzare un piccolo raduno ”ufficiale” che mantenga i requisiti di una giornata libera: niente quota partecipazione quindi, ma solo qualche orario che permetta agli aderenti alla manifestazione di ritrovarsi e di passare insieme la domenica. Le iscrizioni devono pervenire entro e non oltre venerdì 21 luglio (due giorni prima della manifestazione) a Maria Orsini, Vice-presidente del Nostalgia Club e responsabile del Valtellina Point. Di seguito, il programma dettagliato dell’evento e i contatti:

Domenica 23 luglio:
h10:00 - ritrovo a Tirano presso la Pasticceria Balsarini con possibilità di colazione / aperitivo in convenzione (5,00 €);
h10:45 - riordino vetture e partenza per il Passo dello Stelvio;
h11:45 - previsto arrivo allo Stelvio;
a seguire - pranzo libero, pomeriggio in compagnia, rientro (orario libero).
Responsabile Manifestazione: Maria Orsini, cell. 328 865 1881.
L’organizzazione si riserva la facoltà di modificare il presente programma in funzione di esigenze specifiche.

Vela d’Oro – Trofeo Alpin Renault
lug 23@13:00–14:00

Un percorso “crociera” lungo circa 17 miglia nautiche, che ricalca quello del prestigioso Trofeo Nastro Azzurro organizzato dalla Fraglia Vela Riva, sarà domani, domenica 23 luglio 2017, l’impegno del Circolo Vela Torbole.

Lo scopo è di trascorrere una giornata assieme, regatando sì ma con lo spirito dello stare assieme, senza la ricerca, a volte esasperata, dell’agonismo puro. Per questo il Circolo nella giornata odierna e domani sera, mette a disposizione degli iscritti alla “veleggiata” gli ormeggi, in modo da poter trascorrere una serata in sede a quanti vorranno raggiungere Torbole. È organizzata una cena “spagnola” a base di paella e sangria presso il nostro ristorante, scopo preparare “al meglio” la regata di domani.

Regata che mette in palio il Trofeo Alpin Renault, alla quale potranno partecipare tutte le imbarcazioni a bulbo con lunghezza (fuori tutto) di oltre 5 metri, e il termine per iscriversi è fissato entro le ore 10 di domani, domenica 10 luglio.

Le classifiche saranno stilate in base alla suddivisione delle imbarcazioni come da categorie ammesse e pubblicate sul Bando di Regata, la partenza è fissate, vento permettendo, per le ore 12 di domani, partenza e arrivo a Torbole.

La pressione arteriosa in montagna: prima giornata italo-svizzera di informazione e prevenzione cardiovascolare in quota
lug 23@13:45–14:45

L’ipertensione arteriosa, detta “il killer silenzioso” per la sua asintomaticità, è ancora oggi il principale fattore di rischio per malattie cardiovascolari in tutto il mondo, e colpisce circa il 40% della popolazione adulta occidentale.

Per prevenire il verificarsi di eventi cardiaci e cerebrali spesso fatali o invalidanti, occorre quindi prestare maggiore attenzione al comportamento della pressione arteriosa in diverse condizioni della nostra vita quotidiana.

Studi recenti dell’Istituto Auxologico Italiano e dell’Università di Milano-Bicocca hanno chiaramente dimostrato come la pressione arteriosa salga in modo significativo durante esposizione ad alta quota (sopra i 2500 metri), iniziando a modificarsi anche in caso di salita ad altitudini moderate (attorno ai 1800-2000 metri). Questo si verifica in soggetti normali e anche in pazienti già affetti da ipertensione arteriosa, sollevando così il problema di come mantenere la pressione controllata anche quando si salga in quota, per garantire un approccio alla montagna sicuro e privo di rischi per l’apparato cardiovascolare.

Dato che, soprattutto in estate, il numero di persone, con o senza problemi cardiovascolari, che salgono in montagna è altissimo, la Società Italiana contro l’Ipertensione Arteriosa (SIIA), la Commissione Medica Centrale del Club Alpino Italiano e la Società Italiana di Medicina di Montagna (SIMeM) hanno deciso di organizzare una campagna di informazione su questi temi.

La campagna di sensibilizzazione “La Pressione Arteriosa In Montagna”“Blood pressure at moderate and high altitude” ha come scopo promuovere in chi si avvicina alla montagna la consapevolezza sulle reazioni dell’apparato cardiovascolare a quote moderate e alte. Oltre a questo obiettivo di divulgazione scientifica tra gli escursionisti,la campagna ha anche l’obbiettivo di effettuare una semplice ma importante raccolta di dati per ricerca scientifica sul comportamento della pressione arteriosa in montagna e sul profilo individuale di rischio cardiovascolare tra gli escursionisti.

A questo scopo verranno istituite postazioni in 16 rifugi di montagna che hanno deciso di partecipare all’iniziativa, sulle Alpi in Italia e in Svizzera e sugli Appennini (in particolare in Valle D’Aosta, Lombardia, Alto Adige, Abruzzo e Lazio), dove gli escursionisti potranno ricevere informazioni sul rapporto tra pressione arteriosa e montagna, misurare la propria pressione arteriosa, frequenza cardiaca e saturazione di ossigeno nel sangue, e compilare un breve questionario non solo contribuendo alla ricerca scientifica (in modo anonimo), ma anche verificando in modo semplice e rapido la propria condizione di rischio cardiovascolare e la proprio reazione alla esposizione a quote moderate o alte.

Informare e prevenire sono i capisaldi dell’intera attività del Club alpino italiano in ogni sua singola espressione ed è per questo che la giornata di studi e divulgazione sul tema della pressione arteriosa in montagna costituisce la riprova di una proiezione dinamica di crescente attenzione verso chi frequenta le terre alte”, afferma il Presidente generale del CAI Vincenzo Torti. “Alpinisti ed escursionisti possono in questo modo contribuire ad una sempre più approfondita conoscenza sia delle risposte del proprio organismo durante l’attività, sia delle criticità che possono emergere in presenza di patologie quali l’ipertensione. Il che sarà molto prezioso per le nostre Scuole e per la pratica dell’accompagnamento in montagna”.

Secondo Gianfranco Parati, Presidente della SIIA, Luigi Festi, Presidente della Commissione Medica Centrale del CAI, e Guido Giardini, Presidente di SIMeM, “questa iniziativa, sperimentata con successo in alcuni rifugi alpini e appenninici già nel 2016, rispecchia pienamente la principale missione delle organizzazioni promotrici: aumentare la consapevolezza di tutti sui rischi legati all’ipertensione e promuovere la sicurezza in montagna. Siamo felicissimi di vederla finalmente realizzata su ampia scala”.

I rifugi nei quali si svolgerà questa campagna il 23 luglio 2017 sono: Rifugio Mantova(Gressoney-La-Trinité – AO), Rifugio Torino (Courmayeur – AO), Casermetta Monte Bianco Espace Mont Blanc (Courmayeur – AO), Rifugio Teodulo (Valtournenche AO), Capanna Michela/Motterascio (Canton Ticino, Svizzera), Rifugio Curò (Valbondione – BG), Rifugio Tagliaferri (Schilpario – BG), Rifugio Pizzini (Valfurva – SO), Rifugio Martello(Martello – BZ), Rifugio Bolzano (Fiè allo Sciliar – BZ), Rifugio Vallon (Corvara – BZ), Rifugio Franchetti Gran Sasso (Teramo), Rifugio Duca Degli Abruzzi (Pietracamela – TE), Rifugio Rinaldi (Terminillo – RI).

La manifestazione è stata resa possibile dal supporto non solo dell’Istituto Auxologico Italiano e dell’Università di Milano-Bicocca, ma anche dell’Università dell’Insubria con i Master in Mountain Emergency Medicine e Expedition Medicine, di EURAC – Institute of Mountain Emergency Medicine, Fondazione Montagna Sicura, Presidenza del Club Alpino Italiano e del Club Alpino Svizzero, oltre che dei gruppi regionali del CAI di Alto Adige, Lazio, Lombardia, Suedtirol Alpenverein AVS, del CAI di Bergamo e del CAS Ticino e di altre Istituzioni o Associazioni.

Ferrovia Venosta: ripristinata la circolazione dei treni
lug 23@17:40–18:40

Da domanica mattina la ferrovia della Venosta torna in esercizio secondo il consueto orario. “I tecnici della STA e delle imprese specializzate hanno lavorato a fondo per assicurare con una doppia modalità di controllo il sistema di regolazione e chiusura dei passi a livello su tutta la linea”, spiega l’assessore provinciale alla mobilità Florian Mussner. Dal 6 luglio la circolazione ferroviaria era stata sospesa per ragioni di sicurezza dopo che un passaggio aveva registrato un guasto tecnico.

 

I sensori che controllano la chiusura dei passaggi a livello, sottolinea il direttore di STA Joachim Dejaco, saranno accoppiati con quelli che sovrintendono all’apertura, in modo che in caso di malfunzionamento di una parte del sistema di chiusura i treni non potranno transitare ai passaggi. Per approntare questo sistema del doppio controllo è stato necessario un nuovo cablaggio per i comandi delle sbarre di ogni passaggio a livello, realizzato da tecnici specializzati delle aziende Wegh, Ansaldo STS e STA e validato da Italcertifer, soggetto indipendente specializzato in verifiche sulla sicurezza. Si è lavorato su 32 passaggi a livello con 74 barriere.

 

Fino a domani pomeriggio saranno eseguiti gli ultimi test e verifiche. “Ringraziamo ancora gli utenti per la loro comprensione e tutti coloro che si sono attivati per la soluzione in tempi rapidi, compatibilmente con il problema”, ribadisce Mussner. Nel periodo di fermo dei treni il servizio è stato assicurato ogni giorno da 20 autobus, 30 autisti e 160 corse.

Miss Italia in Lombardia: Miss Lodi Vecchio
lug 23@21:00–22:00

Continua il tour Miss Italia 2017, ma le possibilità per le ragazze che vogliono iscriversi ai casting MISS ITALIA LOMBARDIA 2017 stanno per terminare! Domenica 23 Luglio nella Piazza Vittorio Emanuele II a Lodi Vecchio (LO) si svolgerà il penultimo appuntamento provinciale della stagione 2016/2017 di Miss Italia Lombardia.

Miss Equilibra 01Per uno degli ultimi eventi, Miss Italia Lombardia ha deciso di dedicare la serata all’importante tema della violenza sulle donne. Il concorso di Miss Italia si fa promotore di questa iniziativa di tutela delle donne e vuole sensibilizzare tutto il suo pubblico sull’argomento. Fatti di cronaca vedono coinvolta anche una ragazza che ha partecipato negli anni scorsi al concorso: Jessica Notaro, sfregiata dall’ex fidanzato nel gennaio 2017.

Un importante messaggio quello di cui Lodi Vecchio si farà promotore. Madrina della serata Miss Equilibra Lombardia, Giulia Piscina. Tensione, emozione e felicità sarà lo stato d’animo delle ragazze che affronteranno il casting, prima parte della meravigliosa giornata organizzata per loro.

La serata terminerà con l’elezione delle sette ragazze premiate. La prima e la seconda classificata avranno accesso alle finali Regionali della Lombardia. La prima con il titolo di MISS Lodi Vecchio e la seconda con il titolo di MISS BELLEZZA ROCCHETTA.

Programma
H 15.00 Ritrovo per iscrizioni e CASTING MISS ITALIA LOMBARDIA valevole per tutta la stagione 2017
H 17.00 PROVE
H 17.30 SHOOTING
H 18.00 Aperitivo con le MISS
H 21 Inizio dello spettacolo MISS ITALIA Lombardia

Capo di Ponte: “Seradina” – yoga e stelle
lug 23@22:00–23:00
lug
24
lun
2017
Polonia: Sudety MTB Challenge
lug 24@16:25–17:25

La Sudety MTB Challenge è una delle più vecchie gare a tappe in mountain bike con un percorso molto tecnico e divertente e, fino a pochi anni fa, era caratterizzato da vari sconfinamenti tra Polonia e Repubblica Ceca. Ora il percorso rimane esclusivamente in Polonia e parte con la prima tappa da Kudowa Zdrój, località termale della Bassa Slesia. Vi aspettano sei giorni di avventura e sport, esattamente un prologo e cinque tappe, in parte anche con tratti molto tecnici attraverso un parco nazionale protetto.  Da fare sono complessivamente 320 km e 11.000 metri di dislivello, ma per i partecipanti, che gareggiano sia individualmente sia in coppia è una vera occasione per scoprire un nuovo territorio in Europa. Le montagne della Polonia non sono così alte come le Alpi ma sono bellissime, ideali per praticare la mountain biking.

Inclusa nella quota d’iscrizione, che varia tra 349.- € e 399.-€ calcolata in base alla data di registrazione, si trovano numerosi servizi: oltre all´assistenza medica e meccanica, si possono scaricare i dati GPX per il navigatore, si usufruisce dei ristori lungo il percorso e alla fine delle tappe, del cronometraggio, del lavaggio bici e del pernottamento nel Sudety MTB Challenge Camp (dal 23 al 28.07), nel quale si dorme in palestre con il proprio materassino e sacco a pelo. L´organizzazione propone alcuni utili servizi extra da prenotare in tempo e si occupa del trasporto del bagaglio personale da inserire, volendo, nei grandi borsoni d’acquistare anche sul posto (mass. 20 kg di peso a persona). Il pernottamento avverrà ogni giorno, a fine tappa, in un´altra località: il concorrente potrà passare la notte nel Sudety MTB Challenge Camp oppure negli alberghi prenotati in precedenza. Tramite l´organizzazione è possibile prenotare anche i pasti serali e le prime colazioni, ma anche massaggi e alcuni prodotti energetici. La gara termina nella stessa località di partenza, a Kudowa-Zdrój. Per raggiungere questa località bisogna passare per la Germania (Regensburg) e proseguire fino a Praga, da dove si raggiunge presto il confine ceco-polacco. In alternativa si può prendere un volo per Praga e usare il bus transfer fino a Kudowa-Zdrój.

Oltre alla versione Classic con le 5 tappe (+ prologo) esiste anche una più corta, chiamata Mega, dove si assaporano le prime due tappe (+ prologo), questo per conoscere l´evento. La 13esima edizione della Sudety MTB Challenge 2017 si terrà tra il 23 e il 28 luglio.

In tanti lo sanno: le gare a tappe sono un´avventura indimenticabile e un´immensa soddisfazione quando si raggiunge l´ambito traguardo dopo tante fatiche. E’ anche un´opportunità per conoscere un territorio nuovo. In sella a una mountain bike si arriva in posti che altrimenti non si sarebbero mai visitati. Vi consigliamo vivamente di partecipare a questa gara a tappe in Polonia, in un territorio che si trova tra le Alpi e i Monti Urali, un mondo fatto per soddisfare tutte le esigenze di un biker.


Queste le tappe 2017:

Prologo 23.07.2017, a Kudowa Zdrój (POL) partenza alle ore 12.00,  lunghezza:  7,7 km +  477 m di dislivello

1.tappa: 24.07.2017 Kudowa Zdrój – Stronie Śląskie –  80,9 km +   2.167 m di dislivello
2.tappa: 25.07, Stronie Śląskie – Stronie Śląskie –  66,5 km  +  2.343 m di dislivello
3.tappa: 26.07, Stronie Śląskie – Bardo –  68,4 km  +  2.186 m di dislivello
4.tappa, 27.07,  Bardo  - Gluszyka  -  58,7 km  +  2.190 m di dislivello
5.tappa, 28.07, Gluszyka  - Kudowa Zdrój – 70,4 km  +  1.776 m di dislivello

Iscrizioni in Italia tramite l´agenzia bolzanina Bike & More (www.bikeandmore.it >  esatto link http://www.bikeandmore.it/it/tappe/sudety-mtb-challenge), partner ufficiale degli organizzatori polacchi, oppure tramite il sito ufficiale http://www.mtbchallenge.com.

Vermiglio: spettacolo per bambini
lug 24@16:30–17:30
LUNEDì 24 LUGLIO
FROZEN  Teatro Polo Culturale – ore 16.30
BIBLIObambini – Spettacolo per bambini
Settimane mondiali al Circolo Vela Arco – Clinic – Nacra Championship e O’Pen Bic Championship
lug 24@18:00–19:00

Per il Circolo Vela Arco si entra nelle settimane principali della stagione organizzativa. Una sequenza ininterrotta di appuntamenti di rilevanza internazionale non secondi a quanto già disputato, ma che mette in mostra le qualità di gestione del nostro preparato staff.
E’ cominciato ieri il Clinic pre mondiale O’Pen Bic (dal 18 al 20) che ha portato sulle acque gardesane i principali circoli d’Italia aderenti al mondiale che andrà in scena sempre sotto le direttive del circolo Vela Arco dal 31 luglio al 5 agosto.
Clinic: tre giorni di intenso allenamento affiancato da allenatori federali che cercheranno di portare tutta la formazione italiana allo stesso livello tecnico e agonistico. Giorni impegnativi per studiare nuovi approcci di regata, strategie e conoscere ancora con più precisione le caratteristiche meteomarine della parte nord del più grande lago d’Italia.
Nella crescente spinta di questa nuova classe giovanile, al Circolo Vela Arco si può affermare senza troppo esagerare che vi si trova il futuro della vela nazionale, ragazzini dalle straordinarie doti atletiche e agonistiche che su questi piccoli ma prestanti open daranno filo da torcere a tutte le nazionalità in arrivo sul Garda trentino. Classe giovane quella dell’ O’Pen Bic e sostenuta con soddisfazione dalla Federazione Italiana Vela (Fiv) presenza forte sia in questo clinic e nell’imminente mondiale.
Inizia quindi l’estate d’eccellenza competitiva al Circolo Vela Arco che tra il clinic e il mondiale O’Pen Bic si impegnerà nell’organizzazione di uno dei mondiali velici più importanti dell’anno. Il mondiale dei catamarani Nacra in programma dal 24 al 30 luglio.

Gruppo CDP: grazie a SACE e SIMEST la bresciana E.VA. Energie Valsabbia alla conquista degli USA
lug 24@18:55–19:55

SACE e SIMEST, che insieme costituiscono il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, sostengono congiuntamente l’ingresso negli Stati Uniti di E.VA. Energie Valsabbia (Gruppo EVA), azienda bresciana attiva nel settore nelle energie rinnovabili e nel campo dei servizi per l’efficienza energetica.

Il Gruppo EVA ha acquisito per circa 4,5 milioni di euro il controllo della Californiana Alternative Energy Systems Consulting Inc. (AESC), attiva nei servizi energetici innovativi (produzione distribuita, efficientamento energetico, energie rinnovabili, mobilità elettrica, smart grid etc) verso i privati e verso le principali utilities ed authorities pubbliche californiane.

L’acquisizione è stata resa possibile grazie alla costituzione da parte di Gruppo EVA di una newco statunitense con SIMEST socio al 49% (per un investimento pari a 2 milioni di euro) e a un finanziamento bancario di Intesa Sanpaolo pari a circa 2 milioni di euro, garantito da SACE. A capo della nuova società, Antonio Corradini attuale Direttore Generale di AESC. Nella strutturazione dell’Acquisizione EVA è stata supportata dall’avv. Carlo Periti dello studio Negri-Clementi.

Con l’Acquisizione di AESC il Gruppo EVA espande le proprie attività in un settore ad altissimo potenziale di crescita e in un’area tra le più avanzate e ricche del mondo. Questo gli consentirà di accelerare ed arricchire di opzioni strategiche lo sviluppo del piano industriale che punta, da un lato a potenziare la produzione idroelettrica e fotovoltaica (con le 28 centrali di proprietà per una potenza installata complessiva di oltre 32,0 MWp), dall’altro alla fornitura di servizi energetici innovativi. Per il raggiungimento di questi obiettivi il Gruppo EVA assumerà nei prossimi 12 mesi oltre 20 nuovi ingegneri (informatici, elettrici e meccanici) dalle migliori università italiane e statunitensi. Grazie all’acquisizione, inoltre, il Gruppo EVA raggiungerà nel 2017 un fatturato consolidato di oltre 25,0 milioni di euro ed un EBITDA di circa 13,5 milioni di euro.

 

 

SACE e SIMEST costituiscono il Polo dell’Export e dell’Internazionalizzazione del Gruppo CDP 

  • SACE, controllata al 100% da Cassa depositi e prestiti, offre servizi di export credit, assicurazione del credito, protezione degli investimenti all’estero, garanzie finanziarie, cauzioni e factoring. Con € 87 miliardi di operazioni assicurate in 198 paesi, SACE sostiene la competitività delle imprese in Italia e all’estero, garantendo flussi di cassa più stabili e trasformando i rischi di insolvenza delle imprese in opportunità di sviluppo.
  • SIMEST, controllata al 76% dalla SACE e partecipata da primarie banche italiane e associazioni imprenditoriali interviene in tutte le fasi dello sviluppo estero delle imprese italiane, con finanziamenti a tasso agevolato a sostegno dell’internazionalizzazione, con contributi agli interessi a supporto dell’export e attraverso l’acquisizione di partecipazioni.

E.VA. Energie Valsabbia è una azienda della provincia di Brescia attiva dal 2001. Ha registrato nel 2016 un fatturato consolidato pari ad euro 17,5 milioni, con un EBITDA di circa 9,7 milioni di euro, impiegando 17 addetti.

 

AESC sviluppa softwares dedicati ai servizi energetici. AESC concentra le proprie attività in California e Oregon tramite gli uffici di San Diego, Los Angeles, Fresno, Sacramento, San Francisco e Portland. AESC conta oltre 40 ingegneri che coprono tutte le aree degli innovativi e sofisticati servizi energetici. AESC presenta un fatturato di circa 7,5 M $, un EBITDA margin di oltre il 12,0 % ed una posizione finanziaria positiva per oltre 1,2 M $.

 

Archivio diocesano a Bressanone: migliorare spazi e assistenza
lug 24@20:00–21:00

La Provincia di Bolzano studierà la situazione dell’Archivio diocesano a Bressanone, alle prese con problemi di spazio e funzionamento: assicurazioni di Mussner e Achammer

L’Archivio diocesano nel Palazzo vescovile a Bressanone è uno dei più significativi dell’arco alpino, considerato un archivio centrale per l’intera area del Tirolo, con utenti che arrivano anche dall’estero: il quadro della situazione è stato fatto dalla direttrice Erika Kustatscher durante un sopralluogo promosso dall’assessore provinciale ai beni culturali Florian Mussner, cui erano presenti l’assessore Philipp Achammer, la direttrice di Ripartizione Christine Roilo, il vicario generale della Diocesi Eugen Runggaldier e i consiglieri provinciali brissinesi Hans Heiss e Magdalena Amhof.

La metà del patrimonio dell’archivio attualmente non è ancora accesibile, gli spazi di deposito sono distribuiti su quattro piani con problemi anche sul piano della sicurezza e della climatizzazione. Nel Palazzo vescovile sarebbero a disposizione altri locali più adatti, ma sono necessari interventi edilizi per riutilizzarli allo scopo, ha spiegato la direttrice nel corso della visita. In aggiunta la carenza di personale non consente di elaborare tutto il materiale documentaristico e storico, di completare l’inventario e di dare risposta alle molte richieste di utenti interessati a ricerche scientifiche.

Ora l’Archivio provinciale provvederà ad analizzare nel dettaglio la situazione dell’Archivio diocesano, “e cercheremo, anche attraverso i colloqui con i responsabili diocesani, di individuare le soluzioni migliori e fattibili per una adeguata sistemazione e funzionalità della struttura, che rappresenta un importante bene storico-culturale del Sudtirolo e merita di essere resa accessibile”, hanno assicurato Mussner e Achammer. Questo intervento va anche in direzione della mozione approvata a fine 2016 dal Consiglio provinciale all’unanimità.

Stage al Passo dello Stelvio per le squadre di skicross
lug 24@21:00–22:00

Stage quasi al completo per le squadre di Coppa del mondo e Coppa Europa di skicross sul ghiacciaio del Passo dello Stelvio, dove il direttore sportivo Cesare Pisoni ha convocato da domencia 23 a mercoledì 26 luglio dieci atleti: si tratta di Riccardo Croese, Jamie Lee Castello, Yanick Gunsch, Edoardo Zorzi, Stefan Thanei, Siegmar Klotz, Debora Pixner, Lucrezia Fantelli e Giorgia Dalmasso, seguiti dai tecnici Bartolomeo Pala e Dario Dellantonio. La prima tappa di Coppa del mondo è in programma a Val Thorens (Fra) dal 7 al 9 dicembre, quella di Coppa Europa a Pitztal (Aut) il 26 novembre.

TrentinoInJazz 2017 con Marco Bovi, Michele Giro e Sò Forrò
lug 24@21:00–22:00
TRENTINOINJAZZ 2017 
Ars Modi
Valli del Noce Jazz
e
Valsugana Jazz Tour
presentano:
Lunedì 24 luglio 2017
ore 21.00
Grand Hotel Terme
Loc. Terme Comano 8
Comano (TN)
Marco Bovi Trio
Martedì 25 luglio
ore 20.30
Loc. Valcanover
Albergo Ristorante Valcanover
Pergine Valsugana (TN)
Michele Giro Trio
ore 21:00
Piazza Regina Elena
Cles (TN)
Sò Forrò
ingresso gratuito
Comincia una nuova settimana con il TrentinoInJazz 2017, e i tre concerti dei primi due giorni lunedì 24 luglio e martedì 25 luglio, provengono da tre diverse sezioni territoriali della rassegna, ampiamente rappresentative della varietà del festival: Ars Modi, Valsugana Jazz Tour e Valli del Noce Jazz.
Il primo concerto si terrà a Comano Terme con il trio di Marco Bovi, chitarrista ferrarese accompagnato da Luca Pisani (contrabbasso) e Enrico Tommasini (batteria). L’artista ferrarese ha collezionato negli anni innumerevoli collaborazioni artistiche, da Tony Scott e Jimmy Owens a Vinicio Capossela, ha suonato in importanti tour teatrali (da Aldo, Giovanni e Giacomo a Cochi e Renato ed Enzo Jannacci) e calcato prestigiosi palcoscenici (Jazz al Filarmonico di Verona, Mo Jazz, Festival Internazionale di Torino, Umbria Jazz, ecc.).
Martedì 25 ci spostiamo a Pergine Valsugana con un altro trio, quello di Michele Giro. Insieme al pianista troveremo Marco Stagni (contrabbasso) e Roman Hinteregger (batteria): il GiRo Trio coniuga elementi della musica classica con il tipico linguaggio del jazz, creando paesaggi sonori inediti e sperimentando elementi stilistici originali. Il loro primo album Childhood è un’entusiasmante escursione alla ricerca di nuove strade e nuovi territori, una ricerca sempre curiosa ma anche energica attraverso la combinazione di elementi jazzistici dal forte impatto e forme classiche più sobrie. Stessa serata, stesso orario ma luogo (Cles) e rassegna (Valli del Noce Jazz) diversi, per il concerto del trio Sò ForròAlex Savoz (voce e chitarra), Roberto Cannillo (fisarmonica) e Paul Zogno (basso elettrico), con la partecipazione del batterista Gilson Silveira propongono un viaggio tra la musica brasiliana e le sue danze, famose per la vastità di generi e la sorprendente creatività. Il gruppo suonerà un concentrato delle espressioni brasiliane più caratteristiche (forró, samba, Bossa Nova, Jazz), forme di espressione popolari, di ritmo e allegria, malinconia e saudade, poesia, ritualità e specchio delle mille affascinanti sfaccettature del Brasile.
Prossimo appuntamento TIJ 2017: Robert Bonisolo Trio, Croviana 26 luglio:
Trentino Jazz:
Trentino Cultura:
Val Senales e Val Martello, protezione dalle valanghe
lug 24@23:00–lug 25@00:00

Sopralluogo dell’assessore Schuler presso due cantieri in Val Senales e Val Martello: l’obiettivo è ridurre al minimo i rischi legati a due valanghe.

Sicurezza. Questa la parola d’ordine del sopralluogo effettuato ieri sera (21 giugno) dall’assessore Arnold Schuler, accompagnato dal direttore di Dipartimento Klaus Unterweger e dal direttore dell’Agenzia per la protezione civile Rudolf Pollinger, in Val Senales e in Val Martello. La prima tappa è stata a Vernago, località della Val Senales minacciata dalla valanga Hochegg che già nel 1986 fu protagonista del distacco di una massa nevosa che arrivò sino al lago artificiale sottostante, provocando la chiusura della strada per quattro giorni. I tecnici dell’Ufficio sistemazione bacini montani ovest sono attualmente al lavoro in quota, ad un’altitudine compresa fra i 2.080 e i 2.300 metri, sulla zona d’innesco della valanga: in totale, grazie alla posa di ben 14 file di reti paravalanghe, con una lunghezza compresa tra i 36 e i 140 metri, sarà possibile mettere in sicurezza la zona di distacco della valanga. Il progetto era già stato avviato nel 2014, sino ad ora sono state montate 5 file di reti, e altre due seguiranno durante quest’anno. I costi previsti per questo intervento ammontano a circa 250mila euro, comprendente anche la manutenzione della teleferica.

La seconda tappa del sopralluogo, invece, ha avuto come destinazione la Val Martello, e in particolare la valanga Eberhöfer. Da secoli la slavina rappresenta una minaccia per la zona abitata, e il distacco di valanghe dalla Parete Bianca non sono una novità per l’abitato di Martello, che nel 2001 è stato praticamente sommerso dalla neve precipitata a valle. Le successiva analisi hanno confermato l’elevata pericolosità, mettendo in risalto la necessità di intervenire urgentemente con misure adeguate. Anche in questo caso l’investimento previsto ammonta a 250mila euro, e i lavori prevedono la realizzazione di un argine di contenimento lungo 220 metri e la posa di reti antivalanghe nella zona di distacco. Gli interventi sono coordinati sempre dall’Ufficio sistemazione bacini montani ovest dell’Agenzia per la protezione civile, attualmente è in fase di costruzione la decima fila di reti, ma le operazioni sono piuttosto complicate tanto da rendere necessario l’utilizzo dell’elicottere per il trasporto dei materiali di costruzione e delle reti paravalanghe.

“In un territorio particolare come l’Alto Adige – sottolinea Schuler – è fondamentale investire con continuità nella sicurezza. Ogni intervento presenta delle caratteristiche specifiche che lo rendono più o meno complesso, ma in entrambi i casi stiamo riuscendo a coniugare le necessità di sicurezza della popolazione con l’aspetto ecologico e paesaggistico. Per questo desidero ringraziare principalmente coloro che lavorano quotidianamente nei due cantieri di Martello e Vernago, e che devono farlo in condizioni spesso estreme”.

lug
25
mar
2017
Falcade: Accelerathon “Montagna”
lug 25@15:00–16:00

 

La dichiarazione del sindaco di Falcade Michele Costa in merito all’evento Accelerathon “Montagna” del programma FactorYmpresa Turismo, promosso dal Ministero dei Beni Culturali e gestito da Invitalia, che avrà luogo a Falcade il 25-26 luglio 2017. Due giornate in cui i partecipanti (20 startup e 8 aggregazioni di imprese) si confronteranno sul tema “Montagna. La vacanza green su misura: avventura, sport, relax”, con l’obiettivo di accelerare la realizzazione delle idee d’impresa che valorizzino le destinazioni montane. Maggiori info su: www.invitalia.it

“Sono entusiasta di questa iniziativa e non vedo l’ora di dare il benvenuto a organizzatori e partecipanti” afferma Michele Costa, sindaco di Falcade. “Sono profondamente convinto che il turismo montano, soprattutto qui sulle nostre Dolomiti Bellunesi, abbiamo bisogno di nuove idee imprenditoriali e molto coraggio per riuscire ad affrontare il futuro con una visione diversa. Non potrei quindi essere più felice di accogliere a Falcade un workshop che si propone di affrontare questa tematica e sviluppare nuove strategie orientate all’innovazione turistica”.

“Piccoli Azzurri”, torna a Trento il Camp che fa conoscere la Nazionale di Basket
lug 25@17:00–18:00

Migliorare le proprie qualità individuali allenandosi per una settimana con gli allenatori del settore giovanile della Dolomiti Energia Trentino. Vivere la propria passione per la pallacanestro anche nel bel mezzo dell’estate. Ma soprattutto, conoscere i giocatori della Nazionale Italiana allenata da coach Ettore Messina, e dopo averli incontrati durante una sessione di allenamento, vederli all’opera durante la Trentino Basket Cup, il tradizionale torneo estivo che anche quest’anno, il 29 e 30 luglio, concluderà la settimana di ritiro azzurro a Folgaria con i primi test agonistici dell’Italia sulla strada verso Eurobasket 2017.

Tutto questo, e tanto altro ancora, sarà possibile per tutti i giovani atleti nati tra il 2004 e il 2008, che vorranno iscriversi al Camp “Piccoli Azzurri”, tradizionale evento dell’estate bianconera organizzato a Trento da Trentino Basketball Academy tra il 24 e il 29 luglio prossimi. Di seguito le informazioni dettagliate relative al Camp, le cui iscrizioni sono limitate nel numero e sono già aperte presso l’Aquila Basket Store di Piazzetta Lunelli. 

Il CAMP “Piccoli Azzurri” è un camp dedicato a ragazzi e ragazze nati tra 2004 e 2008. A fianco della tradizionale formula “Day Camp” verrà riproposta la formula “Full Camp” con alloggio presso Fly Bike Hotel (Galloway). Il camp si svolgerà presso il Centro Manazzon e presso la palestra della Clarina in via Einaudi. 

I COSTI 220 euro per la formula Day Camp, 430 euro per la formula Full Camp. Saranno inclusi nel prezzo gli ingressi gratuiti per le gare della Trentino Basket Cup in programma il 29-30 luglio al PalaTrento, 2 magliette, 1 pantaloncino e 1 sacca portascarpe. Sarà inoltre inclusa una gita presso il Parco “Natura Viva”.

INFO E ISCRIZIONI Per info e iscrizioni rivolgersi all’Aquila Basket Store di Piazzetta Lunelli (orario 9-12.30, 15.30-19 da martedì a sabato, lunedì solo pomeriggio) o scrivere via e-mail a info@aquilabasket.it. I posti sono limitati.

 

Mercato: Alessandro Furlan è del Trento
lug 25@17:45–18:45

L’AC Trento S.C.S.D ha annunciato che nella giornata odierna è stato definito l’accordo per il ritorno in maglia aquilotta di Alessandro Furlan, centrocampista classe 1985, fino allo scorso 30 giugno in forza al Südtirol di cui è stato anche capitano.
Professionista di affidabilità indiscussa, Alessandro è uno dei migliori giocatori trentini con un curriculum di tutto rispetto alle spalle: 4 campionati di Serie D ad inizio carriera, di cui tre in maglia gialloblu, e poi 11 tornei consecutivi tra Serie C2, C1 e LegaPro con le maglie di Portogruaro, Mezzocorona, Itala San Marco e Südtirol. Con la squadra altoatesina ha disputato le ultime sette stagioni e sfiorato la promozione in Serie B quando in panchina c’era proprio quel Claudio Rastelli che da Direttore Sportivo del Trento è stato decisivo nella scelta di Furlan di accettare la sfida di riportare la squadra della propria città tra i professionisti.
“Con Rastelli abbiamo anche rischiato di conquistare la Serie C1 col Mezzocorona – sottolinea un Furlan al settimo cielo – e devo ammettere che di gare impegnative ne ho disputate tante, ma le prossime che mi aspettano con questa maglia sono sicuramente le più attese. Col Trento sono cresciuto come uomo e come giocatore dopo gli inizi col Lavis ed il Villazzano – continua Alessandro – e tornarci dopo undici anni rappresenta forse il modo migliore per restituire ai tifosi le gioie che meritano.
Nella mia scelta, a fronte delle richieste ricevute anche da categorie superiore, hanno avuto il loro peso la conoscenza diretta con lo stesso Direttore Sportivo, la carica che sono in grado di trasmettere Mauro Giacca e Daniele Sontacchi ed il fascino che esercitano questi due colori sulla pelle di un ragazzo nato e cresciuto qui!”

Vivere il Parco 2017: concerto con Libera-mente Trio
lug 25@18:00–19:00

Proseguono i concerti che si tengono presso il Parco delle Terme di Levico, inseriti nell’ambito di “Vivere i parco”, iniziativa a cura del Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento.
Martedì 25 luglio alle ore 18 nuovo appuntamento con il Libera-mente Trio. Il concerto si terrà presso l’installazione “sequoia” all’entrata principale del parco, in caso di maltempo nella rimessa del parco.

Libera-mente Trio nasce dalla collaborazione dell’armonicista Max De Aloe con Giuliano Cramerotti alle chitarre e Carlo La Manna al contrabbasso. La musica proposta è originale e improvvisata. Si offre un concerto diverso, dove la parola, la musica e la memoria vanno di pari passo. Ogni musicista è una biblioteca d’incontri, di viaggi, di tentativi e di aneddoti raccontati dalle parole e dal suono. I brani hanno una storia e i titoli diventano piccole narrazioni. Un laboratorio umano/artistico quindi, fatto di pensieri, notizie possibili ed impossibili. Tra il jazz e la poesia, un salotto all’aria aperta. I componenti del trio vengono da esperienze diverse, da luoghi diversi, tutto è mescolato ed armonizzato: la dinamica, le pause e i silenzi creano il suono.
Informazioni:
Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale
Provincia Autonoma di Trento
Via R. Guardini, 75 – 38121 TRENTO
Tel. 0461 706824 (Parco di Levico)
e-mail: parco.levico@provincia.tn.it
www.naturambiente.provincia.tn.it
fb: Parco delle terme di Levico

Basket n’Fun, a Trento palla a spicchi protagonista
lug 25@19:00–20:00

La febbre del basket a Trento non passa più: dopo aver vissuto col fiato sospeso le recenti Finali Scudetto, il capoluogo trentino si prepara ad accogliere la Nazionale Italiana con una serie di eventi organizzati da Dolomiti Energia Trentino e Trentino Basketball Academy in collaborazione con il Comune di Trento. Dal 25 al 28 luglio piazza Cesare Battisti, nel cuore del centro storico della città, si trasformerà in un affascinante playground che ospiterà quattro belle giornate di pallacanestro targate Basket n’Fun: largo ai piccoli campioni di domani, che avranno a disposizione alcuni istruttori di Dolomiti Energia Trentino, ma spazio anche alle spettacolari esibizioni dell’Aquila Dance Team e ad una giornata dedicata completamente al basket femminile.

Dal bollettino valanghe alla storia condivisa: i progetti dell’Euregio
lug 25@19:00–20:00

La Giunta del Gect Euregio nella seduta di Sanzeno ha passato in rassegna i progetti: dal bollettino valanghe congiunto alla storia regionale.

L’agenda 2017 dell’Euregio, passata in rassegna questa mattina dalla Giunta del Gect riunita a Sanzeno, comprende sia la prosecuzione dei progetti intrapresi negli anni dal 2013 al 2016 che la realizzazione dei progetti programmati per il 2017 nei diversi ambiti. Un ulteriore impegno è costituito dal progetto triennale Albina(2017-2019), finanziato nell’ambito del programma Interreg V Italia Austria, che vede la collaborazione tra l’Euregio e l’Università di Vienna, nonché il sostegno delle ripartizioni per la protezione civile delle province di Bolzano e Trento e del Land Tirolo per la realizzazione di un bollettino valanghe congiunto multilingue che informi i cittadini sulla situazione valanghe nell’intero territorio dell’Euregio.

Historegio è, invece, un progetto di ricerca sulla storia regionale condotto dalle tre Università di Trento, Bolzano e Innsbruck, con il coordinamento del Centro di competenza Storia regionale dell’Università bolzanina. A fianco degli Atenei vi è l’Euregio, quarto partner di progetto, che avrà il compito di favorire la divulgazione dei risultati delle ricerche condotte, attraverso manifestazioni che coinvolgano gli enti di formazione e culturali, nonché mediante il sito dedicato alla Prima guerra mondiale in ambito euroregionale, www.14-18.europaregion.info. Il finanziamento è di 450.000 euro suddiviso in tre anni.

Si articola tra nove centri di ricerca e tre Province, con il coordinamento della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige in collaborazione con l’Euregio, il progetto Environment, Food & Health (EFH), che punta a promuovere l’invecchiamento in salute della popolazione dei tre territori, con un approccio multidisciplinare basato su ambiente, cibo e sostenibilità. Il finanziamento è 1,2 milioni in tre anni, tre sono i pilastri: 12 percorsi per giovani ricercatori, seminari e un network di ricerca; l’obiettivo è ideare una “versione alpina” della dieta mediterranea promuovendo gli alimenti locali dell’Euregio, dalle mele ai piccoli frutti, passando per formaggi, trote, asparagi, noci e cereali integrali.

L’Euregio punta anche a un maggior coordinamento tra lo stesso Gect e i progetti Interreg. Da tempo, parallelamente all’Euregio, nell’ambito del programma Interreg V Italia-Austria sono sorte strutture locali transfrontaliere di cooperazione basate sul cosiddetto approccio CLLD (acronimo che sta per community-led local development, ovvero ”sviluppo locale di tipo partecipativo”) promosso dall’Unione europea. Il Gect ha deciso di mettere in campo alcune azioni per rafforzare la cooperazione tra il Gect e le regioni dei consigli Interreg “Terra Raetica”, “Wipptal” e “Dolomiti Live”.

Le imprese simulate sono un’esperienza ormai diffusa nelle scuole di tutti e tre i territori dell’Euregio. La giunta oggi  ha deciso di sostenere il progetto che prevede di organizzare, a partire dalla primavera 2018, prima in Alto Adige e poi a rotazione in Tirolo e in Trentino, una fiera di due giorni per le esperienze di impresa formativa simulata attivate dalle quarte classi delle scuole superiori dei tre territori.  L’impegno di spesa complessivo è di 95.000 euro.

Torna, infine, la Festa dell’Euregio. Dopo la prima edizione del 19 settembre 2015 ad Hall in Tirolo sarà Pergine Valsugana il prossimo 17 settembre ad ospitare l’appuntamento che vuole essere, anzitutto, una grande festa popolare.

Garda Trentino e KYG: patto per la soddisfazione del turista
lug 25@19:45–20:45

Da oggi sarà più facile soddisfare le aspettative dell’utente turista. C’è uno strumento sempre più selettivo ed efficace nell’individuare i desideri e le intenzioni degli ospiti. Si chiama KYG – Know Your Guest - ed è nato da una intuizione di due albergatori del Garda Trentino con l’obiettivo di migliorare le performance dei loro hotel attraverso lo sviluppo del marketing esperienziale. Il sistema tecnologico viene messo a punto nel 2016 e dopo poco più di un anno di sperimentazione già coinvolge 80 hotel, 3 destinazioni italiane, 3 Apt, tra le quali proprio Garda Trentino, Dmo e Consorzi. L’obiettivo della convenzione tra Garda Trentino e KYG è la soddisfazione del turista, anticipandone bisogni e appagandone le aspettative attraverso un lavoro di previsione quanto mai fondamentale in un processo in cui l’ospite diventa sempre più ambassador e co-produttore nella costruzione del valore turistico.

“L’analisi dei dati è decisiva per una destinazione come la nostra - ha fatto notare Roberta Maraschin, direttrice di Garda Trentino SpA - soprattutto per sapere di più sulle motivazioni del nostro ospite, con cui grazie a KYG possiamo interagire anche prima che arrivi sul territorio, avendo così l’opportunità di proporre i servizi diversi dalla camera attraverso NOW, il market place di Garda Trentino”.

KYG è un sistema tecnologico di marketing che aiuta operatori e Apt a conoscere in anticipo la motivazione vacanza degli ospiti, singolarmente o per grandi categorie, in base all’esperienza desiderata. Questo migliora la vendita dei servizi non room, valorizzando e personalizzando l’enorme offerta del Garda Trentino in fatto di sport, attività outdoor, cultura, relax, enogastronomia, shopping, divertimento, eventi, perché indirizza il cliente verso ciò che desidera, in modo selettivo, già al momento della prenotazione e all’arrivo.

Lo strumento, semplice da utilizzare e molto flessibile, è adatto a tutte le strutture (hotel, agriturismi, campeggi e B&B) che, grazie alla convenzione tra Garda Trentino SpA e KYG, possono usufruire di un 30 per cento di sconto.

KYG permette di raccogliere – in modo estremamente intuitivo –  i dati del cliente disponibile a compilare il breve questionario di preferenza subito dopo aver prenotato on-line, oppure una volta arrivato in loco, tramite il tablet KYG, alla reception delle strutture che aderiscono all’iniziativa. La tecnologia di KYG consente inoltre di collegare in maniera automatica i dati raccolti alla scheda anagrafica del cliente, contenuta nei più importanti gestionali e, nel caso non si disponga di un gestionale, sarà possibile farlo al desk al momento del check in.

Questo processo rende possibile avere nel dashboard sul proprio personal computer, in automatico, il profilocompleto di marketing dell’ospite, sapendo in tempo reale e in ogni momento chi è arrivato e quale è la sua motivazione. Grazie a questi dati diventa possibile suggerireorganizzare e anticipare le esperienze vacanza del cliente, con l’invio automatico di proposte altamente targetizzate, tra cui quelle estrapolate da NOW, il market place dell’offerta extra-ricettiva del Garda Trentino.

KYG permette di analizzare in modo approfondito numerosi input e informazioni provenienti direttamente dall’ospite. Lo studio di questi dati è importante non solo per sviluppare le attività di marketing delle singole strutture, ma diventa funzionale anche all’impostazione di strategie, linee operative, azioni e progetti di destinazione, con il risultato che operatori e territorio convergono sulle motivazioni vacanza e possono lavorare insieme sulla crescita mirata dell’offerta.

Trentino Volley, un altro prodotto del Settore Giovanile approda in prima squadra: nella rosa 2017/18 spazio anche per Oreste Cavuto
lug 25@19:50–20:50

Da ormai un decennio la rosa della prima squadra di Trentino Volley accoglie regolarmente almeno un nuovo prodotto del Settore Giovanile gialloblù all’esordio assoluto nel massimo Campionato Nazionale. La tradizione verrà rispettata anche durante l’annata sportiva 2017/18: a rinnovarla sarà lo schiacciatore Oreste Cavuto che, dopo aver completato l’intera trafila nel vivaio trentino e vissuto le ultime stagioni in Serie A2 fra Potenza Picena e Bergamo, da agosto approderà in SuperLega per vestire la maglia della Diatec Trentino.
Cavuto, laterale ventenne di origine abruzzese, ritorna quindi a Trento dove arrivò giovanissimo nel 2012, notato dai dirigenti gialloblù al Trofeo delle Regioni; nelle due annate più recenti si è distinto soprattutto per le sue interessanti qualità di attaccante, realizzando complessivamente 845 punti in Serie A2. Grazie anche a questi numeri, ha ricevuto nel 2016 il premio Badiali quale miglior Under 23 del torneo; nella sua personale bacheca avevano trovato già posto cinque titoli italiani giovanili, tutti conquistati con Trentino Volley, ed il riconoscimento di mvp della Junior League 2015.
Approdando in prima squadra cercherà di ricalcare il percorso già effettuato negli anni scorsi da Simone Giannelli, Tiziano Mazzone (che gli lascerà la maglia numero cinque per maturare esperienza a Ravenna) e ancora prima da Filippo Lanza, proponendosi in prospettiva come una potenziale alternativa alla coppia titolare in banda.
Ogni volta che un giocatore del Settore Giovanile approda in prima squadra proviamo un senso di orgoglio particolarmente intenso  – ha spiegato il Presidente Diego Mosna - . Il vivaio di Trentino Volley continua a produrre atleti di alto livello ed è riuscito costantemente a portare avanti di pari passo quantità e qualità, tenendo conto anche degli oltre dieci ragazzi che ogni stagione prestiamo fra SuperLega e Serie A2. Cavuto è sicuramente uno degli elementi più interessanti che sono emersi questi ultimi anni, ha giocato e vinto tante finali scudetto giovanili con la nostra maglia e mi auguro possa continuare la sua ascesa offrendoci un contributo sempre maggiore. Lorenzetti ha avuto modo di conoscerlo meglio nelle settimane di allenamenti estivi ed è stato il primo ad appoggiarne il rientro. Mi fa poi particolarmente piacere che proprio durante la settimana che si è aperta oggi Cavuto si trovi in Monte Bondone in qualità di istruttore del BIG Camp; è la dimostrazione lampante di quanto senta forte il senso di appartenenza a questo Club”.
Tornare a Trento era il mio obiettivo, il mio sogno: sono contento di poterlo coronare ma tutto ciò per me deve essere solo un punto di partenza, non di arrivo – ha dichiarato Oreste Cavuto - . Mi sento pronto e particolarmente stimolato ad offrire il mio contributo nuovamente con questa maglia addosso, anche perché sono reduce da due campionati molto positivi fra Potenza Picena e Bergamo, che mi hanno fatto aiutato a crescere ed offerto tanta esperienza. Lavorerò sempre di più per migliorare e compiere un altro passo in avanti; con Angelo Lorenzetti durante il mese di giugno al PalaTrento ho già iniziato questo tipo di percorso professionale che so essere ancora molto lungo. Per il prossimo campionato l’allenatore mi ha chiesto di mettermi in mostra e di aiutare la squadra a raggiungere il livello di gioco più alto possibile. Sono contento di ritrovare in squadra un amico ancora prima che un compagno come Giannelli, con cui ho condiviso tante esperienze nelle giovanili. Durante gli allenamenti ingaggeremo sicuramente sfide a rete molto belle, come capitato in passato”.

La scheda
ORESTE CAVUTO
nato a Lanciano (Chieti), il 5 dicembre 1996
199 cm, ruolo schiacciatore
2007/09 Vdc Tollo giov.
2009/10 Asd Volley Crecchio giov.
2010/12 Teate Volley Chieti giov. e C
2012/13 Trentino Volley giov. e B2
2013/14 Trentino Volley giov. e B1
2014/15 Trentino Volley giov. e B1
2015/16 Volley Potentino Potenza Picena A2
2016/17 Caloni Agnelli Bergamo A2
2017/18 Trentino Volley SuperLega

Palmares
2 Junior League (2014, 2015)
2 Campionato Italiano Under 19 (2014, 2015)
1 Campionato Italiano Under 17 (2013)
Miglior giocatore italiano Under 23 di Serie A2 2015/16
Miglior giocatore italiano Junior League 2015
Miglior giocatore italiano Under 19 2015

In nazionale
Medaglia di bronzo Mondiali Under 23 2015

Online il portale delle vacanze, proposte per bimbi e ragazzi in Alto Adige
lug 25@23:00–lug 26@00:00

Online il nuovo portale con tutte le proposte per le vacanze estive di bambini e ragazzi.

All’indirizzo www.provincia.bz.it/vacanze gli utenti del web possono trovare il nuovo portale delle vacanze della Provincia. Dai tour in bicicletta ai corsi di pittura o di lingua, per arrivare ai viaggi di un giorno nelle città, sulla pagina si possono trovare tutte le proposte estive pensate per bambini e ragazzi. Il pezzo forte del portale completamente rinnovato è la banca dati molto aggiornata nella quale è possibile effettuare ricerche in base alla data, alle classi di età dei bambini, al tipo di proposta e all’ente organizzatore. “Il nuovo sito offre la possibilità di vedere velocemente tutte le proposte per l’assistenza estiva che viene svolta con il concorso finanziario della Provincia, ed è un valido aiuto per le famiglie”, sottolinea l’assessora all’informatica Waltraud Deeg.

“La quantità di offerte raccolte in questa piattaforma bilingue – aggiunge l’assessore alla scuola Philipp Achammer – dimostra l’impegno delle organizzazioni e del servizio giovani di lingua tedesca per venire incontro alle esigenze di bambini e ragazzi”. Il nuovo portale, come tutte le nuove pagine web della Provincia, è programmata con il design responsive, ed è quindi visualizzabile indipendentemente dalle differenti dimensioni e risoluzioni degli schermi e display di computer portatili o fissi, tablet e smartphone.

Prosegue la campagna di sicurezza stradale “SOS Zebra”
lug 25@23:00–lug 26@00:00

Una nuova campagna per la sensibilizzazione alla sicurezza sulle strisce pedonali “SOS Zebra” approvata dalla Giunta per il 2017/18.

La campagna per la sicurezza dei pedoni “SOS Zebra” sarà proseguita anche nell’anno scolastico 2017/2018. Lo ha deciso la Giunta provinciale il 18 luglio, su proposta dell’assessore alla mobilità Florian Mussner.

L’azione “SOS Zebra” sarà dotata di un nuovo soggetto e accompagnata da un apposito opuscolo con le principali norme da osservare nell’utilizzo dei passaggi pedonali e informazioni sulla mobilità sostenibile. L’impegno finanziario sarà di 72mila euro. Anche nel prossimo anno proseguirà la collaborazione con Polizie municipali, Ökoinstitut e Safety Park. La campagna sarà presentata il prossimo autunno nell’ambito di una conferenza stampa.

Sensibilizzare bambini e ragazzi al tema della sicurezza stradale e promuovere la mobilità sostenibile: questi gli obiettivi della campagna “SOS Zebra”. Avviata nel 2009 per proteggere i pedoni, soprattutto i bambini, è rivolta anche alle persone anziane. I pedoni quali utenti della strada più deboli ed in particolare i bambini e anche gli anziani, devono essere tutelati in modo speciale. A tal fine con la campagna “SOS Zebra” si punta alla sensibilizzazione sul fatto che le strisce pedonali costituiscono un ambito di sicurezza da rispettare e che i pedoni hanno la precedenza.

L’assessore provinciale Florian Mussner afferma “la sicurezza nel traffico stradale è un diritto fondamentale dei bambini. È pertanto importante insegnare loro fin dall’infanzia e a scuola le regole fondamentali della sicurezza nel traffico, affinché essi siano in grado di identificare autonomamente situazioni a rischio e siano in grado di reagire in maniera adeguata. Un altro obiettivo è quello di sensibilizzarli fin da piccoli alla mobilità sostenibile e all’uso dei mezzi pubblici”.

Nel corso dell’ultimo anno scolastico – grazie anche alla collaborazione delle Polizie municipali e dell’Ökoinstitut – con “SOS Zebra la mobilità fa scuola” sono state coinvolte nella campagna più di 2.000 alunni e 570 bambini delle scuole per l’infanzia con un ulteriore incremento dei partecipanti.

In occasione della Settimana della mobilità al Safety Park a Vadena hanno preso parte alle offerte formative 186 bambini e persone anziane per le quali sono pensate iniziative mirate.

Trentino MTB: classifiche e campioni
lug 25@23:00–lug 26@00:00

La quinta prova di Trentino MTB presented by Rotalnord si è svolta a Malè per la Val di Sole Marathon, valevole anche come Campionato Italiano 2017. E nel percorso marathon di 70 km e 3100 metri di dislivello si è imposto il bresciano Juri Ragnoli, nettamente su Samuele Porro ed il compagno di squadra di quest’ultimo Fabian Rabensteiner. Per quanto riguarda le donne, invece, è Maria Cristina Nisi ad aggiudicarsi la contesa, con la toscana capace di mettere le proprie ruote davanti all’“anaconda” Annabella Stropparo e ad Elena Gaddoni.

Maria Cristina Nisi e Juri Ragnoli sono dunque i due campioni italiani marathon 2017, ma la giornata solandra ha incoronato campioni italiani marathon nelle rispettive categorie anche (ELMT) Andrea Bravin, (Master 1) Mattia Lorenzetti, (Master 2) Davide Garelli, (Master 3) Serghei Michaulovski, (Master 4) Oscar Lazzaroni, (Master 5) Andrea Pendini, (Master 6) Enrico Bontempi, (Master 7) Agostino Oss, (EWS) Eloise Tresoldi, (Women 1) Nicol Guidolin, e (Women 2) Lorena Zocca.

La veronese dopo la Val di Sole Marathon resta dunque al comando del circuito, così come Franco Nicolas Adaos Alvarez, protagonista del percorso classic di 40 km e 1600 metri di dislivello davanti allo junior Leonardo Tabarelli e ad Andrea Zamboni, appannaggio anche della vicentina Edi Boscoscuro, autentica dominatrice davanti a Sandra Lever e Silvia Piccoli. Il cileno prosegue dunque la propria camminata verso il successo, ma è tallonato da due atleti dell’RH Racing di Roel Paulissen, il livignasco Mattia Longa ed Emanuele Crisi, “risaliti” dopo la Val di Sole Marathon. Fra gli elite sport il trentino Marco Rosati si mette alle spalle Gabriele Depaul ed Andrea Zampedri, due sempre ai nastri di partenza di Trentino MTB.

Lorena Zocca deve guardarsi da Simona Mazzucotelli, vincitrice della Dolomitica Brenta Bike, e Patrizia D’Amato, le cui prestazioni sono sempre costanti anche se prive di acuti. Fra gli junior poderoso balzo in avanti di Leonardo Tabarelli, grazie al secondo posto in Val di Sole, davanti a Zaccaria Toccoli e ad un’altra new entry, quella di Ramon Vantaggiato, nel segno che il circuito ha del ‘materiale su cui lavorare’ anche per il proprio ed immediato futuro. Nei master 1 il duello fra Francesco Vaia e Mattia Lorenzetti è destinato a protrarsi sino al termine della stagione, mentre nei master 2 sembra più che solida la posizione di Andrea Zamboni, ma dietro ha un Alessandro Forni sempre insidioso. Luca Zampedri e Claudio Segata sono altri contendenti in perenne battaglia sportiva nella categoria master 3, così come Stefan Ludwig e Michele Bazzanella nei 4. Diverso il discorso per i master 5 e 6, ove Daniele Magagnotti e Piergiorgio Dellagiacoma non hanno rivali, soprattutto per meriti propri. Gloria per Zamboni e Zocca anche nella classifica degli scalatori, mentre fra le società il Vertical Sport KTM sembra avere una marcia in più.

Ora i bikers torneranno in sella per “La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme” del 6 agosto, prima della conclusione ufficiale del challenge prevista per il 27 agosto ad una “3TBIKE” più che mai ricca di novità.

Info: www.trentinomtb.com

 

 

Classifiche dopo la 5a tappa

 

Categorie Individuali:

 

Open

1 Adaos Alvarez Franco Nicolas Ktm Torre Bike; 2 Longa Mattia Cannondale RH Racing; 3 Crisi Emanuele Cannondale RH Racing;

 

Elite Sport 

1 Rosati Marco Team Todesco; 2 Depaul Gabriele Team Spacebikes; 3 Zampedri Andrea Isolpi Racing Team;

 

Femminile Unica

1 Zocca Lorena Sc Barbieri; 2 Mazzucotelli Simona Gs Massì Supermercati; 3 D’Amato Patrizia Team Bsr;

 

Junior

1 Tabarelli Leonardo Team Nob Selle Italia; 2 Toccoli Zaccaria Team Lapierre Trentino – Ale’; 3 Vantaggiato Ramon Asd Team Velociraptors;

 

Master1

1 Vaia Francesco Team Todesco; 2 Lorenzetti Mattia SC Ala; 3; Clauser Andrea Asd Chero Group Team Sfrenati

 

Master2

1 Zamboni Andrea Carina – Brao Cafe’; 2 Forni Alessandro Team Orobica; 3 Presutto Alfonso Asd Gruppo Abici;

 

Master3

1 Zampedri Luca Sc Pergine; 2 Segata Claudio Team Todesco; 3 Giovanetti Mauro Acd Bik Bike;

 

Master4

1 Ludwig Stefan Team Bsr; 2 Bazzanella Michele Team Todesco; 3 Nave Valentino Vertical Sport Ktm Team;

 

Master5

1 Magagnotti Daniele Avesani Bike; 2 Rigon Flaviano Team Rudy Project Xcr; 3 Redaelli Roberto Team Spacebikes;

 

Master6

1 Dellagiacoma Piergiorgio Carina – Brao Cafe’; 2 Dalla Paola Mario Team Zanolini Bike Professional; 3 Berlusconi Massimo Team Spacebikes;

 

Società

1 Vertical Sport Ktm Team; 2 Team Todesco; 3 Team Zanolini Bike Professional;

 

 

Cronoscalata Abbonati:

 

Femminile

1 Zocca Lorena Sc Barbieri; 2 D’Amato Patrizia Team BSR; 3 Benedetti Sandra Vertical Sport Ktm Team;

 

Maschile

1 Zamboni Andrea Carina – Brao Caffe’; 2 Vaia Francesco Team Todesco; 3 Rosati Marco Team Todesco;

 

 

Calendario 2017

 

VALDINON BIKE -  7 maggio

PASSO BUOLE XTREME – 21 maggio

100 KM DEI FORTI – 11 giugno

DOLOMITICA BRENTA BIKE – 25 giugno

VAL DI SOLE MARATHON – 16 luglio

LA VECIA FEROVIA DELA VAL DE FIEMME – 6 agosto

3TBIKE – 27 agosto

Selezione per la nomina a direttrice o direttore dell’Ufficio Parco Nazionale dello Stelvio
lug 25@23:40–lug 26@00:40

L’Università della Montagna segnala un bando di selezione per la nomina a direttrice o direttore dell’Ufficio Parco Nazionale dello Stelvio.

La Direzione generale della Provincia comunica che è stato indetto il bando di selezione per la nomina a direttore dell’Ufficio Parco Nazionale dello Stelvio.
Il bando è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Trentino Alto Adige n. 27.
Le domande di partecipazione vanno presentate in forma elettronica entro il 2 Agosto prossimo all’Ufficio provinciale Organizzazione a Bolzano

Scopri di più

lug
26
mer
2017
Alla Casa di Cura Regina i pazienti trentini con esiti da poliomielite
lug 26@13:15–14:15

I pazienti trentini con esiti da poliomielite potranno contare su una struttura per la riabilitazione estensiva in provincia di Trento, ovvero la Casa di Cura Regina di Arco. Oggi, presso la struttura di Villa Regina, nel Garda Smart Residence “La Terrazza”, si è tenuta una conferenza stampa alla quale hanno preso parte l’assessore provinciale alla salute e politiche sociali Luca Zeni, il sindaco di Arco Alessandro Betta, il direttore dell’Area riabilitazione dell’Apss Eugenio Gabardi, il vicepresidente della Casa di Cura Mario Claudio Cariello. Tra il pubblico anche il presidente di Villa Regina Lorenzo Prati, con l’ad Antonella Guarnati, e il personale della struttura fra cui i dottori Bruno Danzi e Millo Martini, riferimento a livello nazionale per i pazienti affetti da esiti di polio.
La conferma del ruolo della Casa di Cura, che da sempre si occupa di lungodegenza, anche per la riabilitazione estensiva di questo tipo di pazienti, è frutto delle deliberazioni approvate nei giorni scorsi dalla Giunta provinciale, che hanno sancito di fatto la riforma del comparto della riabilitazione provinciale: “Nella Rete riabilitativa sono entrate a tutti gli effetti anche le strutture sanitarie private accreditate del settore riabilitativo – commenta l’assessore Luca Zeni -, anzi, il loro ruolo è stato ulteriormente responsabilizzato, perché sono state coinvolte nel miglioramento del saldo negativo di mobilità sanitaria interregionale.
Nel caso specifico, alla Casa di Cura Regina viene affidato un mandato per accogliere i pazienti trentini con poliomielite, che fino ad oggi dovevano necessariamente rivolgersi alla struttura di Malcesine. A questo scopo abbiamo deciso di assegnare alla struttura di Arco un budget ulteriore di 220.000 euro. Villa Regina – ha proseguito l’assessore – è una realtà che lavora molto bene, che ha fatto interventi strutturali di qualità, credo che rappresenti anche un motore economico per questo territorio, con scelte che si muovono verso il futuro perché danno risposte a un trend in corso, che è quello dell’invecchiamento della popolazione e che si sta muovendo in modo dinamico, intercettando i bisogni crescenti della comunità”.

A portare il saluto dello staff della Casa di Cura Regina è stato il vicepresidente Cariello, che dopo aver ringraziato l’assessore Zeni, il sindaco Betta e il dottor Gabardi, ha spiegato l’attività della struttura: “Abbiamo fatto investimenti importanti sia per quanto riguarda il personale qualificato, sia strutturali, creando fra le altre cose una vasca per attività idroterapeutica; in questo modo siamo diventati polo attrattivo anche per pazienti affetti da polio provenienti da tutt’Italia”.
Il sindaco Betta, nell’evidenziare che la Casa di Cura Regina è “una parte importante del sistema sanitario del Garda Trentino”, ha ripercorso la storia della comunità arcense, dal Kurort austriaco ai sanatori, una zona che ha una vocazione che viene dalla storia e dal clima.
Infine il direttore dell’Area riabilitazione dell’Apss, Gabardi ha messo in luce la buona collaborazione fra l’Azienda e la Casa di Cura Regina “snodo importante nella rete ospedaliera trentina”.
La nuova Rete riabilitativa provinciale punta all’appropriatezza dei ricoveri grazie a una sinergia fra ospedali, case di cura, Rsa, strutture sanitarie private accreditate, Azienda sanitaria, per passare da una gestione episodica della riabilitazione a una vera e propria presa in carico individualizzata del paziente attraverso una gestione coordinata. Obiettivo implementare forme alternative al ricovero ospedaliero, quando le stesse rispondono più efficacemente ai bisogni di salute. La Rete è infatti costituita dalla strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private accreditate in grado di garantire riabilitazione estensiva, intensiva e intensiva ad alta specializzazione nei vari setting: ricovero ordinario, diurno, cure intermedie, ambulatoriale e domiciliare.
Contestualmente alla creazione della Rete, la Giunta provinciale aveva dato mandato alle strutture private accreditate, fra cui appunto Villa Regina, di attivarsi per recuperare la mobilità passiva. In questo modo il ruolo delle strutture sanitarie private accreditate è stato ulteriormente responsabilizzato: esse da un lato devono incrementare la mobilità attiva, dall’altro attivarsi per recuperare la mobilità passiva riferita agli episodi di riabilitazione ospedaliera, mettendo a disposizione risorse per l’aumento dei budget riservati ai pazienti trentini. In particolare Villa Regina avrà a disposizione 220.000 euro per accogliere i pazienti trentini con esiti da poliomielite in riabilitazione estensiva, secondo il protocollo fissato dall’Azienda provinciale per i Servizi sanitari.
La Casa di Cura di Arco svolge da sempre la propria attività nell’ambito della lungodegenza e riabilitazione estensiva attraverso i suoi 164 posti letto complessivi di cui 147 accreditati. Attualmente il 35% dei pazienti proviene direttamente dalla provincia di Trento, mentre il 65% da fuori provincia. La struttura offre numerose prestazioni sanitarie personalizzate, potendo contare sulla collaborazione di personale altamente qualificato, e su di un impianto strutturale recentemente arricchito dalla realizzazione della vasca per l’idrokinesiterapia. Nel tempo l’attività si è sempre più allargata allo scopo di ampliare l’offerta sanitaria fino ad arrivare recentemente ad avviare un’area dedicata alla riabilitazione linfologica. Da diversi anni vengono trattati pazienti con esiti di poliomielite da tutta Italia; nell’approccio procedurale sanitario a questa patologia, inizialmente il paziente viene sottoposto ad una visita per una valutazione dei deficit muscolari ed eventuali patologie concomitanti, in base alla quale viene prescritto un trattamento personalizzato di rieducazione motoria, esercizi in acqua, di terapia antalgica e massaggi; qualora necessario, vengono dati consigli ai pazienti sulla prescrizione di ortesi.

Calciomercato, Toscano acquistato dal Trento
lug 26@14:40–15:40

La società AC Trento S.C.S.D. ha comunicato di aver acquisito le prestazioni sportive del laterale destro difensivo Jacopo Toscano.
Classe 1998, Toscano è cresciuto nel settore giovanile del Cuneo con cui si è preso non poche soddisfazioni durante la scorsa stagione: 30 presenze nella sua prima esperienza in Serie D con tanto di convocazione nella Rappresentativa di categoria e conquista del campionato nel Girone A, uno dei più impegnativi.
Torinese di nascita e tifoso della Juventus, Jacopo frequenta l’Istituto Tecnico Informatico, si ispira a Dani Alves e già domani sarà agli ordini di mister Vecchiato nel ritiro di Cavalese.
“Non vedo l’ora di conoscere allenatore e compagni di squadra – esordisce Toscano – e di conoscere dal di dentro la realtà Trento: il direttore sportivo Claudio Rastelli mi ha messo subito a mio agio e confermato le premesse che danno città e squadra tra le mete preferite per crescere col giusto equilibrio tra ambizione e serenità.
Sono pronto a tuffarmi in questa nuova avventura sportiva con la grinta che metto da inizio a fine gara e conto di riprovare a Trento la stessa, fantastica emozione provata a Cuneo – conclude Toscano – quando abbiamo festeggiato la conquista della LegaPro in un girone durissimo.”
Il nuovo arrivato in maglia gialloblu svolgerà le sedute previste nel fine settimana e partirà poi alla volta di Castelrotto insieme al gruppo impegnato domenica alle 17 nella gara contro il Bologna.

Sci alpino: raduno a Saas Fee
lug 26@15:00–16:00

Il gruppo delle discipline tecniche maschili scia a Saas Fee (Svi) da lunedì 24 a venerdì 28 luglio con Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Florian Eisath, Stefano Gross, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Roberto Nani, Giuliano Razzoli, Tommaso Sala, Patrick Thaler e Riccardo Tonetti con il capo allenatore Massimo Carca, l’allenatore responsabile Stefano Costazza e i tecnici Giancarlo Bergamelli, Devid Salvadori, Daniele Simoncelli, Alberto Sugliano e Andrea Viano.

Al Passo dello Stelvio saranno invece protagonisti da lunedì 24 a venerdì 29 luglio i protagonisti della velocità, eccezione fatta per Dominik Paris. Presenti Henri Battilani, Guglielmo Bosca, Emanule Buzzi, Peter Fill, Werner Heel, Christof Innerhofer e Matteo Marsaglia con l’allenatore responsabile Alberto Ghidoni e i tecnici Christian Corradino, Lorenzo Galli, Raimund Plancker e Patrick Staudacher.

Le nevi francesi di Les Deux Alpes ospiteranno da domenica 23 a domenica 30 luglio le ragazze delle discipline tecniche di Coppa del mondo: il direttore sportivo Massimo Rinaldi ha convocato Manuela Moelgg, Chiara Costazza, Irene Curtoni, Federica Sosio e Roberta Midali, impegnate agli ordini del capo allenatore Matteo Guadagnini, dell’allenatore responsabile Luca Liore e dei tecnici Angelo Weiss e Ruggero Muzzarelli. Nella stessa località sono attese da lunedì 24 luglio a lunedì 1 agosto anche le ragazze del gruppo polivalenti con Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia con l’allenatore responsabile Gianluca Rulfi e i tecnici Roberto Lorenzi, Damiano Scolari e Marcello Tavola. L’unico team che priviligerà nei prossimi giorni la preparazione atletica sarà quello dello della velocità femminile, impegnato a Moena (Tn) dal 25 al 28 luglio con Nicol Delago, Verena Gasslitter, Laura Pirovano, Johanna Schnarf e Verena Stuffer.

Bric à Brac live
lug 26@18:30–19:30
Mercoledi 26 luglio 2017
 la Rassegna ESTATE QUA
con
Bric à Brac
live 
Presso la casa di Margherita D’este
 Via Giorgione, 7 (San Polo)
Brescia
ore 18.30
Bric à brac: cianfrusaglie, strumenti di legno, pelli d’asino, voci gracchianti, tasti d’avorio e testi da emporio. Nel mercato delle pulci musicali la formazione bresciana dei Bric à brac propone sulla bancarella del “mai usato” brani originali in lingua italiana dal sapore contaminato (gipsy, jazz, folk e quant’altro).
I Bric à brac nascono a Brescia nel 2010, hanno pubblicato un EP dal titolo “Vento calmo” e nell’inverno 2013 pubblicano l’EP “Il circo degli errori” registrato in collaborazione con Gabriele Ponticiello. Vantano numerose esperienze in locali e festival del Nord Italia. Per la naturale propensione alla teatralità e le caratteristiche strumentali, i Bric à Brac trovano la loro miglior espressione proprio nella dimensione live e “di strada”.
I componenti del gruppo provengono da differenti esperienze e formazioni musicali: Luca “Ferro” (fisarmonica, voce, piano rhodes), Nicola “Quinzi” (contrabbasso), Pierlaura Vezzoli (mandolino) e Davide Moroni (batteria e percussioni).
Per chi si iscrive in lista sul sito tante promozioni e l’aperitivo del mercoledì offerto
Infoline +39 030 80 80 187

 

Passo Tonale: “La lavorazione delle resine”
lug 26@21:30–22:30
MERCOLEDì 26 LUGLIO
LA LAVORAZIONE DELLE RESINE PASSO TONALE – Sala Polifunzionale – ore 21.30
Illustrazione grafica, dimostrazione delle resine, uso alimentare e antiche conoscenze
Apertura serale Forte Strino
lug 26@21:55–22:55

 

SPECIALE APERTURA SERALE FORTE STRINO
Apertura serale dalle 21.00 alle 22.30. Visita guidata gratuita alle ore 21.00
Campionati del Mondo 2017 di corsa in montagna a Premana: i convocati
lug 26@23:00–lug 27@00:00

 

 

Gli appassionati di corsa in montagna attendevano con ansia i “nomi mondiali” degli azzurri che competeranno il 29 e 30 luglio (classic) ed il 5 e 6 agosto (long distance) nei Campionati del Mondo a Premana (LC).

Prestigiosi risultati sono stati ottenuti agli scorsi Europei sloveni ma, in occasione del Mondiale che si terrà proprio sugli alpeggi del Belpaese, coach Paolo Germanetto schiererà la miglior formazione possibile.

Il Mondiale classic del 30 luglio vedrà competere su di un tracciato completamente inedito e per quanto riguarda la categoria senior uomini il fresco campione d’Europa Xavier Chevrier e Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe), i gemelli Bernard e Martin Dematteis (Corrintime), un ritorno il loro, visto che i due hanno saltato l’appuntamento europeo proprio per potersi preparare al meglio al Mondiale organizzato dall’AS Premana, mentre Alex Baldaccini (Atl. Valle Brembana) sarà la riserva dopo un non brillantissimo europeo.

Le sempre preparate senior donne sono anch’esse in cerca di rivalsa dopo l’argento in Slovenia, e vedranno ai nastri di partenza Valentina Belotti (Atl. Alta Valtellina), Sara Bottarelli (Freezone), Roberta Ciappini (GS CSI Morbegno), Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) e l’esperta Ivana Iozzia (Calcestruzzi Corradini) come riserva.

Gli junior uomini promettono spettacolo capitanati da Daniel Pattis, con Stefano Martinelli (GS CSI Morbegno), Pattis appunto (ASD Suedtirol Team), Andrea Prandi (Atl. Alta Valtellina) ed Andrea Rostan (Atl. Saluzzo). Le junior donne risponderanno presente con Gaia Colli (APD Pont Saint Martin), Anna Frigerio (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), Linda Palumbo (Atl. Clarina Trentino) e Paola Varano (ASD Bognanco).

Per quanto riguarda il Mondiale dedicato alle lunghe distanze del 6 agosto, che si svolgerà sul tradizionale tracciato del Giir di Mont di scena anche quest’anno con la 25.a edizione, gli azzurri presenteranno fra i senior uomini: Luca Cagnati (Atl. Valli Bergamasche Leffe), Marco De Gasperi (Atl. Alta Valtellina), pluricampione del mondo che dopo le due epiche sfide con Kilian Jornet al Giir di Mont potrebbe rifarsi in occasione dell’appuntamento iridato, e ancora il forte Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana) ottimo terzo agli Europei, Alessandro Rambaldini (Atl. Valli Bergamasche Leffe) e Nicola Spada (Atl. Valli Bergamasche Leffe). Fra le senior donne si notano alcune figure di spicco della corsa in montagna e non solo, come Barbara Bani (Freezone), Lisa Buzzoni (Altitude Race), Antonella Confortola (Marathon Club Imperia), storia dello sci di fondo e della corsa in montagna nostrana, nonché autentica “capitana” e condottiera assieme a De Gasperi, Stephanie Jimenez (AS Premana), azzurra ‘per amore’, e Silvia Rampazzo (Tornado).

Una squadra di tutto rispetto competerà dunque a Premana, sperando possa portare più in alto possibile il tricolore.

Info: www.giirdimont.it e www.wmrcpremana2017.com e alla pagina Facebook dell’evento mondiale.

Piattaforma delle Resistenze contemporanee: Young Inside selezionato tra i 14 vincitori del bando “PRiNT. Raccontare per trasformare”
lug 26@23:00–lug 27@00:00

 

La storia della Piattaforma delle Resistenze contemporanee diventerà parte di un libro: questo il prestigioso traguardo ottenuto dal progetto sostenuto dall’assessorato provinciale alla cultura dell’Alto Adige. Il racconto elaborato dalla coop Young Inside è stato selezionato tra i 14 vincitori del bando “PRiNT. Raccontare per trasformare” della collana New Fabric di Pacini Editore. Il libro sarà presentato in novembre a Milano.

Piazza Matteotti, il Festival delle Resistenze contemporanee (cresciuto e diventato Piattaforma) e il recente Spazio Resistenze di via Torino diventano protagonisti di un libro. Merito del testo inviato da Young Inside, capofila del progetto sostenuto dall’assessorato provinciale alla cultura, al bando nazionale “PRiNT. Raccontare per trasformare” dedicato alla ricerca di pratiche di rigenerazione urbana. La direzione della collana “New Fabric”, insieme a Pacini Editore, ha concluso la lettura dei 25 racconti finalisti decretando i 14 progetti vincitori, che sono:

Festival delle Resistenze contemporanee (Bolzano)

Laboratorio Sociale Officina Piedicastello (Trento)

La Rete delle Case (Torino)

Metropoliz (Roma)

Le mirabili imprese dell’Armata Brancaleone (Ravenna)

Di serre, di orti e percorsi. Kilowatt (Bologna)

Orizzonti innovativi e meridiani (Castel Volturno)

Coworking come pretesto per l’innovazione sociale (Ruvo di Puglia, Bari)

Mercato Lorenteggio (Milano)

FabriQiamo (Milano)

Save Town (Putignano, Bari)

Tre periferie milanesi. Sei donne. Una casa, Dar (Milano)

Amina, un parco Eco-Archeologico (Salerno)

ReUSEs (L’Aquila)

Al bando hanno partecipato 99 proposte pervenute da tutte le regioni italiane da parte di gruppi informali di cittadini, ricercatori, associazioni, cooperative, università e amministrazioni comunali, che hanno inviato progetti da grandi aree metropolitane come Roma, Torino, Milano, Bari e Napoli ma anche città di provincia, piccoli centri e singoli quartieri. La prima selezione ha ristretto il numero a 26 proposte, con 25 soggetti che hanno infine inviato i racconti in forma estesa.

 

Il libro “PRiNT. Raccontare per trasformare” contenente i 14 racconti vincitori sarà presentato sabato 18 novembre 2017 alle 17.30 al COHUB Milano, in via Calusca 10, nell’ambito del Milano Book City in un incontro che vedrà coinvolti i protagonisti di queste esperienze e buone pratiche, la direzione della collana e l’editore. Grazie all’investimento di Pacini Editore, che si configura come editore di riferimento per la divulgazione dei contenuti e delle pratiche sulla rigenerazione, tutte le 25 storie rientreranno comunque nella pubblicazione online (e-book) che uscirà successivamente all’edizione cartacea e andrà in distribuzione nelle librerie digitali e sul sito dell’editore, come il libro cartaceo naturalmente.

Premio di architettura “Costruire il Trentino”, al via la nuova edizione
lug 26@23:00–lug 27@00:00

Torna il premio di Architettura, “Costruire il Trentino”, giunto alla sua sesta edizione, con l’obiettivo di promuovere gli edifici costruiti con qualità negli ultimi anni. La nuova edizione, organizzata dal Circolo trentino per l’architettura contemporanea (Citrac) insieme all’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Trento e all’Ordine degli Ingegneri della provincia di Trento, vuole confermarsi come un appuntamento “istituzionale” a cadenza regolare per monitorare il paesaggio nelle sue trasformazioni. In particolare l’ultima edizione, svoltasi nel 2012, ha rappresentato un importante momento di verifica dell’attività progettuale svolta sul territorio Trentino, raccogliendo ben 146 progetti.
Il premio, e la segnalazione, delle migliori architetture realizzate in provincia si pone l’obiettivo di far emergere gli interventi che abbiano saputo distinguersi per la ricerca coerente e consapevole del linguaggio contemporaneo. Saranno premiate opere realizzate sul territorio provinciale, dal 2013 al 2016, in qualsiasi campo della produzione privata e pubblica, siano esse nuove costruzioni o interventi di recupero e ripristino e comunque in opere di trasformazione del territorio.
Il premio è stato presentato dall’assessore alla coesione sociale, urbanistica, enti locali ed edilizia abitativa Carlo Daldoss, il presidente di Citrac Marco Piccolroaz, la presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Trento Susanna Serafini e il vicepresidente dell’Ordine Ugo Bazzanella. “Il premio ci permette – ha sottolineato l’assessore Daldoss – di mettere in risalto le buone cose dell’edilizia trentina con lo spirito di mettere al centro la qualità del costruito. Un grazie va sicuramente agli organizzatori di questo concorso, alla loro capacità di fare rete e di coinvolgere tutti i professionisti del settore”.
Per aderire al concorso c’è tempo fino al 24 settembre 2017. Tutte le informazioni sono disponibili sui siti www.citrac.it e www.architettitrento.it.  

Finalità
L’architettura di una regione costituisce parte integrante della sua cultura, perché rappresenta l’evoluzione di una società e l’emblema del dialogo che essa riesce ad instaurare sul proprio territorio. La contemporaneità del linguaggio architettonico partecipa a dare significato e sostanza alle identità locali. Ciò avviene in molte regioni europee dove il ruolo dell’architettura, più di altre espressioni artistiche, rappresenta lo spirito “del luogo e del tempo”. Il premio all’architettura vuole essere così il pretesto per un’ampia riflessione sulla nostra cultura, sulla nostra architettura, sui paradigmi interpretativi contemporanei del nostro paesaggio, al fine di identificare una nuova consapevolezza di come si stia modificando il territorio. Il dibattito ed il confronto tra i professionisti rappresenta l’occasione per una crescita comune e per la promozione dei temi dell’architettura nei confronti di un pubblico più vasto. Il premio, e la segnalazione, delle migliori architetture realizzate in provincia si pone l’obiettivo di far emergere gli interventi che abbiano saputo distinguersi per la ricerca coerente e consapevole del linguaggio contemporaneo.

A chi è rivolto
Il premio di Architettura riconosce e premia i progettisti, le imprese, i committenti pubblici e privati che concorrono alla realizzazione di opere significative nel campo dell’architettura sul territorio della provincia di Trento. Saranno premiate opere realizzate sul territorio provinciale in qualsiasi campo della produzione privata e pubblica , siano esse nuove costruzioni o interventi di recupero e ripristino e comunque in opere di trasformazione del territorio. Alla edizione del premio possono partecipare opere realizzate dal 2013 al 2016.

La selezione
La selezione sarà eseguita da una giuria composta da:
- prof. Marco Biraghi architetto, professore ordinario presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano
- arch. Gianmatteo Romeggialli progettista con studio a Morbegno (SO)
-arch. Francesca Torzo docente e progettista con studio a Genova
La giuria formulerà la selezione decidendo i premi, nel numero indicativo di cinque, le eventuali segnalazioni nel numero che riterrà consono. Le scelte saranno motivate con una relazione finale. I membri della giuria dovranno rendersi disponibili all’effettuazione di sopralluoghi alle opere che riterranno più significative e dovranno produrre un intervento scritto sulle loro valutazioni circa lo stato dell’architettura in Trentino ed almeno uno presenzierà alla premiazione.

Il premio
Ai premiati, come da selezione della Giuria e senza graduatoria di merito, sarà consegnata una targa in cui saranno segnalati il progettista, il costruttore ed il committente con la possibilità di apporla sull’edificio. Sarà inoltre pubblicato un catalogo con riportate le considerazioni dei giurati, l’illustrazione delle architetture premiate e di quelle eventualmente segnalate.

Cerimonia, mostra, pubblicazione
Il premio sarà consegnato in una apposita cerimonia nel marzo 2018 nell’ambito di una Giornata dell’Architettura abbinata all’apertura della mostra e della presentazione della pubblicazione dedicata al premio. La premiazione vedrà la partecipazione di una rappresentanza della giuria che esporrà i contenuti e le motivazioni della selezione e alcune considerazioni sullo stato dell’espressione architettonica nel Trentino. I premi saranno consegnati dalle autorità patrocinanti la rassegna. La mostra vedrà l’esposizione di tutte le opere partecipanti alla selezione. La pubblicazione raccoglierà i lavori di tutti i partecipanti al premio e dedicherà uno spazio maggiore ai progetti premiati e segnalati, sarà inoltre corredata dagli apporti critici dei giurati.

lug
27
gio
2017
Forte Zaccarana: concerto con El Teler
lug 27@11:00–12:00

 

GIOVEDì 27 LUGLIO
CONCERTO CON “EL TELER” – Forte Zaccarana – ore 11.00
In occasione del Trekking ai Forti Zaccarana e Strino – In caso di maltempo a F. Strino alle 16.30
Corso post diploma per enotecnico, “brilla” un cento nella squadra dei 20
lug 27@14:55–15:55

Alla Fondazione Edmund Mach si è concluso l’esame del corso di specializzazione post-diploma per il conseguimento del titolo di enotecnico. Si tratta del percorso formativo che fino al 2015 si superava con esame di maturità dopo sei anni e che, a seguito della riforma della scuola, è diventato un corso post diploma della durata di un anno, rivolto ai diplomati che hanno conseguito la maturità tecnica agraria con articolazione viticoltura ed enologia.
A settembre partirà la terza edizione. Per coloro che hanno superato il test di ingresso, l’iscrizione obbligatoria è entro il 14 luglio.
“Il gruppo di allievi che quest’anno ha ottenuto il titolo di enotecnico si è dimostrato sin dall’inizio del corso molto motivato ed interessato a questa particolare specializzazione -spiega il dirigente del Centro Istruzione e Formazione, Marco Dal Rì-.  Mi preme anche sottolineare che due studenti hanno partecipato anche al campionato europeo delle scuole enologiche, in rappresentanza delle nostra scuola, classificandosi nelle prime posizioni”.
Questa, del 2017, è la seconda sfornata di enotecnici secondo il nuovo ordinamento. Ecco i loro nomi: Balboni Luca; Bergamini Marcello; Bonvicin Ivan; Centurioni Simone; Cerisara Isaia; Corradini Barbara; Dallona Nicholas; Fattorini Roberto; Ferrari Nicola; Franzoi Samuele; Gilli Giacomo; Giovannini Martin; Italiano Lorenzo; Nardelli Mirko; Nerozzi Filippo; Pedrotti Valentino; Ramoser Florian; Rossi Alessandro; Scrinzi Andrea; Zanoni Stefano.
In merito agli altri corsi post diploma, la Fondazione Edmund Mach attiverà da gennaio il nuovo corso per tecnico delle bevande e la sesta edizione del corso per tecnico superiore verde. I due corsi rientrano nell’ambito dell’alta formazione professionale, di durata biennale con 3000 ore di formazione. C’è tempo fino ad ottobre per iscriversi ai test di valutazione.

Biathlon: “Arena Alto Adige” di Anterselva ospita il quintetto della squadra maschile di Coppa del mondo
lug 27@16:45–17:45

Confermato il blocco di cinque componenti della squadra A maschile di Coppa del mondo che partecipanti questa settimana al raduno che ha come base l’Arena Alto Adige di Anterselva, sede dei Mondiali di biathlon del 2020. Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli e Giandomenico Salvadori avranno la possibilità di sfruttare la nuova pista di skiroll (inaugurata l’anno passato) e le moderne strutture al coperto dell’impianto altoatesino fino a venerdì 28 luglio. Presenti anche l’allenatore responsabile Giuseppe Chenetti, i tecnici Paolo Riva e Francois Ronc Cella e il fisioterapista Erik Benedetto. Si tratta del quinto raduno estivo dopo quelli effettuati nelle ultime settimane sulle nevi norvegese di Sognefjeld e successivamente sulle strade di Toscana, Trentino ed Emilia Romagna.

Val di Fassa Bike 2017: la ricognizione del campione italiano Marathon Juri Ragnoli
lug 27@18:00–19:00

Un tester d’eccezione ha visionato nei giorni scorsi il percorso della 10° Val di Fassa Bike accompagnato dalle telecamere di MTB Granfondo. Si tratta del campione italiano marathon Juri Ragnoli, grande fan della gara di Moena che lo ha avuto ai nastri di partenza di numerose edizioni vedendolo trionfare nel 2013.

Fresco sposo della sua amata Claudia, l’atleta azzurro della Scott Racing Team si è concesso una breve luna di miele nella romantica Fata delle Dolomiti, approfittandone anche per provare il più lungo dei tre diversi tracciati proposti dal Comitato Organizzatore per la Val di Fassa Bike 2017 in programma domenica 10 settembre.

La gara partirà sempre dal centro di Moena, zona Navalge, portando tutti i partecipanti ad affrontare la leggendaria e ripida salita del Lusia che contraddistingue da sempre e rende unica la Val di Fassa Bike.

Sia l’Hard Track (48 km per 2000 m di dislivello), su cui si è misurato Juri Ragnoli, che l’Easy Track (38 km per 1600 m di dislivello) includeranno un tratto cronometrato enduro/downhill su cui verranno premiati i primi tre tempi in assoluto più veloci, maschili e femminili, mentre chi sceglierà il percorso più corto “easy” eviterà di confrontarsi con l’ultima salita caratterizzata da single track molto tecnici e la rapida e divertente discesa che riporta verso Moena prima dell’ultimo tratto con veloci saliscendi che porta al traguardo. Grande novità la Up Hill Lusia Legend (8 km per 1000 m di dislivello) che si svolgerà esclusivamente sulla salita del Lusia terminando quindi al GPM di Le Cune (2202 m).

RICOGNIZIONE GRATUITA PER TUTTI GLI ISCRITTI
Anche per i bikers già iscritti alla Val di Fassa Bike 2017 c’è la possibilità di testare i percorsi di gara usufruendo gratuitamente di una guida di MTB di Moena, ogni domenica di luglio e agosto. Prenotazione obbligatoria: fassaevents@gmail.com

Per maggiori info: www.valdifassabike.it

© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136