Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


SPI Trentino, convegno su invecchiamento attivo e assistenza domicialiare

lunedì, 27 gennaio 2020

Quando:
29 gennaio 2020@11:00–12:00 Europe/Rome Fuso orario
2020-01-29T11:00:00+01:00
2020-01-29T12:00:00+01:00

Invecchiare a casa propria è un diritto per gli anziani, che va reso esigibile anche attraverso un nuovo welfare per la terza età. E’ da qui che parte la riflessione proposta da Spi Cgil del Trentino e Auser regionale sulla domicialiarietà delle  cure e dei servizi nell’ambito di un convegno in programma mercoledì 29 gennaio alla sala conferenze del Muse, a partire dalle 9,30.

 

In Trentino gli anziani sono 119 mila e rappresentano il 22,1% della popolazione residente (Annuario statistico Ispat); le persone con più di 80 anni sono il 6,9% della popolazione residente, in crescita rispetto al 2,5% del 1981. Cifre che sono destinate a crescere nei prossimi anni.

A fronte dell’allungamento delle aspettative di vita la nostra comunità come il resto del Paese deve, dunque, fare i conti con il calo delle nascite e una platea di giovani sempre più ristretta: ci saranno sempre più anziani e molti di loro non saranno autosufficienti. Bisogna, allora, pensare a nuovi strumenti di welfare e nuovi servizi per dare risposte agli anziani e alle loro famiglie. Le strade maestre per andare in questa direzione sono principalmente due, la domiciliarità dell’assistenza e della cura e l’invecchiamento attivo. Perché vivere più anni non vuol dire automaticamente vivere bene.

 

Durante il convegno di Spi e Auser verranno presentati i risultati della ricerca sulla domicialirietà in Provincia di Trento, sulle principali criticità del sistema e sui limiti che impediscono agli anziani di invecchiare serenamente a casa loro.

I dati saranno anche lo spunto per interrogarsi e riflettere sugli attuali servizi di assistenza e cura per la terza età, sull’incompiuta riforma del welfare anziani e sulla sperimentazione dello spazio Argento.

 

Dopo gli interventi introduttivi del segretario provinciale dello Spi Ruggero Purin e della presidente regionale di Auser Chiara Vegher alla sala conferenza del Muse prenderanno la parola Renzo Dori, presidente della Consulta provinciale della Salute ed Enzo Costa, presidente dell’Auser nazionale.

E’ previsto anche l’intervento della vicesindaco e assessora comunale Maria Chiara Franzoia e della responsabile del Servizio Politiche Sociali della Pat Federica Sartori.

 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136