Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Risultati e classifica Campionati Italiani Orienteering

sabato, 4 maggio 2019

Quando:
5 maggio 2019@23:00–6 maggio 2019@00:00 Europe/Rome Fuso orario
2019-05-05T23:00:00+02:00
2019-05-06T00:00:00+02:00

Giornata di grande Orienteering oggi a Carpegna dove si è svolta la gara Middle che assegnava il titolo di Campione d’Italia.
A trionfare nella massima categoria è stato il trentino Riccardo Scalet (PTW) con lo straordinario tempo di 34’:17”, e la brianzola di Besana Brianza, Anna Caglio (Pol. Besanese) con 38’:30”.
Sul podio maschile anche il triestino Marco Seppi (Agorosso Bergamo), uomo di grandissima esperienza, e Sebastian Inderst (PWT).
Al femminile argento per Verena Troi (Terlano Orienteering) e Francesca Taufer (USPrimiero).
In una giornata uggiosa Scalet si è imposto dando ancora una volta la sensazione di dominio assoluto. “L’obiettivo era vincere – dichiara il trentino – e ci sono riuscito. Si è gareggiato su un terreno speciale di non semplice interpretazione. Vi erano molti dettagli e bisognava avere una buona tecnica di navigazione e mantenere alta la velocità di gara”.
Scalet è reduce da una grande gara in Scandinavia, la 10mila, dove con il suo team è giunto 3°. “In effetti è così. Si tratta di una di quelle prove in cui ci si emozione ancora tanto prima del via perchè si ha la responsabilità di un’intero team sulle spalle. Vale la pena perteciparvi”.
Domani nuova sfida con la Staffeta. “Ovviamente ci teniamo a far bene. Il nostro team sarà composto da Tommaso Scalet al via, poi Sebastian Inderst e infine io che chiudo per finalizzare”.
Marco Seppi, argento, è una delle sorprese di giornata: “Non ho la velocità di Scalet e nei tratti fisici lui è in grado di fare la differenza. Ho però saputo sfruttare la mia esperienza e le situazioni di gara. E’ un buon risultato”.
Sfortunato il terzo, Inderst giunto al traguardo ferito dal filo spinato trovato in un attraversamento.
Raggiante invece la neo campionessa italiana, Anna Caglio: “Non mi aspettavo questo oro. Sono partita quasi preoccupata dal fatto di essere fin troppo tranquilla. Qualche piccolo errore e poi dopo il terzo punto ho iniziato a ingranare, senza pensare alle mie avversarie. Questo non mi ha fatto perdere la testa. Il finale è stato in crescendo, recuperando sulle altre concorrenti. Il segreto è stato quello di prendermi il tempo di fare le scelte giuste”.
La dedica: “A chi mi è vicino sia nello sport che nello studio. Sono al secondo anno di Osteopatia”.
Verena Troi: “Una prova buona dove non ho trovato il giusto feeling con la mappa”.
I GIOVANI: In W 20 Erica Ceresa (OriComo) vince su Alice Selem (Erebus Vicenza) e Serena Raus (Pergine). In M20 Lukas Patscheider (Terlano) batte Alberto Bazan (Teviso) e Angelo Occhi (Besanese).
In M 18 Pietro Palumbo (Crea Rossa) ha la meglio su Matteo Mandelli (Besanese) e Tommaso Bocchietti (Como). In W18 Sara Mondin (Fonzato) supera Nicol Canova (GS Pavione) e Sofia Lanzarini (Pol Masi).
Il terreno di gara è stato molto apprezzato dai concorrenti per la sua velocità e la ricchezza di difficoltà tecniche. Il tracciatore, Daniele Pagliari, ha messo a dura prova i partecipanti.
Si chiude così la prima giornata di gare organizzata dalla Picchio Verde ASD di Matteo Dini che ha visto al via oltre 500 concorrenti provenienti da tutta Italia.
Domani si tiene la Staffetta. Tra i team da tenere sotto controllo PWT, Primiero, Besanese e TOL. Traccia Monica Casalini.
I ringraziamenti finali arrivano da Matteo Dini, organizzatore: “Dobbiamo dire grazie alla Brigata Folgore nella persona del Comandante Francesco Corallo, al Comune di Carpegna e al Commissario Straordinario FISO, Sergio Anesi e a Confesercenti. Quella di Carpegna è una località molto strategica tra Emilia Romagna, Toscana e Marche. Abbiamo cercato di proporre un evento interessante da tanti punti di vista, tecnico, turistico e culturale”.
Da sottolineare che venerdì sera a Pennabilli si è tenuta una gare in centro storico. Un borgo molto interessante e valorizzato dalla figura di Tonino Guerra che vi ha vissuto per 25 anni. Carpegna è invece la salita resa famosa dal Pirata, Marco Pantani, che la percorreva nei suoi allenamenti.

CLASSIFICA:
1 Riccardo Scalet PARK WORLD TOUR ITALIA S.S.D. 34:17
2 Marco Seppi AGOROSSO OR. S. ALESSANDRO +02:55
3 Sebastian Inderst PARK WORLD TOUR ITALIA S.S.D. +04:48
4 Mattia Debertolis U.S. PRIMIERO +05:36
5 Samuele Tait GRONLAIT OR. TEAM +06:23
6 Alessio Tenani POL. ‘G. MASI’ +06:44

DONNE:
1 Anna Caglio POL. BESANESE 30:54
2 Verena Troi TERLANER ORIENTIERUNGSLAEUFER +02:15
3 Francesca Taufer U.S. PRIMIERO +02:54
4 Eleonora Donadini POL. BESANESE +04:00
5 Michela Guizzardi C.U.S. BOLOGNA +04:28



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136