Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Programma appuntamenti UniTrento

venerdì, 13 aprile 2018

Quando:
19 aprile 2018@16:00–17:00 Europe/Rome Fuso orario
2018-04-19T16:00:00+02:00
2018-04-19T17:00:00+02:00
UNIVERSITÀ DI TRENTO
APPUNTAMENTI DAL 14 AL 27 APRILE 2018
Lunedì 16 aprile, ore 15
Il giudice e lo straniero: banco di prova per l’esercizio della funzione? – Interviene Martina Flamini (Tribunale di Milano). Per il ciclo “Lo status giuridico e le funzioni dei magistrati”. Palazzo di Giurisprudenza, aula 1 (Trento – Via Verdi, 53).
Lunedì 16 aprile, ore 16
Guerra e guerriglia tra riflessione storica e ricerca sul campo – Incontro con Gastone Breccia (Università di Pavia). Palazzo Paolo Prodi, aula 1 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Martedì 17 aprile, ore 10
Ad alta voce. Laboratorio di poesia – Rosaria Lo Russo interviene alle “Frontiere della poesia 2018”, Seminario permanente di poesia Semper. Palazzo Paolo Prodi, aula 1 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Martedì 17 aprile, ore 11
Diritto e genetica – Intervento di Marta Tomasi (assegnista di ricerca, Università di Bolzano). L’appuntamento è inserito in un ciclo di incontri con esperti ed esperte sulle frontiere delle scienze della vita, nell’ambito del modulo “JM-BioTell”. Palazzo di Giurisprudenza (Trento – Via Verdi, 53).
Martedì 17 e mercoledì 18 aprile
Animali parlanti II. Letteratura, teatro, disegni – Convegno internazionale articolato in due giornate di interventi e presentazioni. Il filo conduttore che lega i diversi momenti della seconda edizione? Dal simbolismo animale dell’età classica, declinato nelle sue varie forme letterarie e teatrali, al fumetto e alla vignetta satirica dei giorni nostri. I lavori iniziano alle 14 di martedì 17 e riprendono alle 10 di mercoledì. Il momento conclusivo sarà mercoledì alle 16 con “Le lavagne animate” quando le parole lasceranno spazio al disegno. Alcuni tra i protagonisti più celebri del panorama internazionale e nazionale del fumetto e del disegno satirico (Giorgio Cavazzano – Topolino; Riccardo Mannelli – Il Fatto quotidiano; Silver – Lupo Alberto; Staino – Bobo) disegneranno dal vivo i loro “animali parlanti” e racconteranno le suggestioni che il mondo animale ispira loro. La partecipazione al convegno è valida ai fini dell’aggiornamento insegnanti della Provincia di Trento. Palazzo Paolo Prodi (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Martedì 17 aprile, ore 17.45
Antiche città dipinte: i casi straordinari di Treviso e di Trento – Intervengono Ezio Chini (Italia Nostra, Trento), Chiara Voltarel e Rossella Riscica (Fondazione Benetton Studi Ricerche, Treviso). Per il ciclo di incontri “Trento città dipinta”. Palazzo Paolo Prodi, aula 6 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Mercoledì 18 aprile, ore 11
Neuroscienze e diritto – Intervento di Antonio D’Aloia (professore di diritto costituzionale, direttore dello University Center of Bioethics, Parma). Per “Meeting the Expert”, ciclo di incontri con esperti ed esperte sulle frontiere delle scienze della vita, nell’ambito del modulo “JM-BioTell”. Alle 12 avrà luogo il conferimento del premio 2017 per tesi di laurea su tematiche di bioetica e di biodiritto. Palazzo di Giurisprudenza (Trento – Via Verdi, 53).
Mercoledì 18 aprile, ore 15
Il giudice, la legge, i diritti – Interviene Antonio D’Aloia (Università di Parma). Per il ciclo “Lo status giuridico e le funzioni dei magistrati”. Palazzo di Giurisprudenza, aula 1 (Trento – Via Verdi, 53).
Mercoledì 18 aprile, ore 17
Le indagini informatiche nel processo penale – Interviene Federica Iovene (sostituto procuratore, Tribunale di Bolzano) nell’ambito dei seminari del corso di Procedura penale. Palazzo di Giurisprudenza, aule 7-8 (Trento – Via Rosmini, 27).
Mercoledì 18 aprile, ore 17.30
Diritto internazionale, tutela dei diritti umani e lotta alla impunità – Conferenza con Mauro Politi (Università di Trento). Come garantire la tutela effettiva dei diritti umani a fronte dell’impunità, assicurata dal coinvolgimento e dalla complicità degli apparati statali ai responsabili delle loro violazioni più gravi? Dai processi di Norimberga, ai tribunali internazionali creati per il Rwanda e l’ex-Jugoslavia, fino alla Corte penale internazionale. Vent’anni dopo questo snodo decisivo, Politi intende trarre un bilancio e indicare le prospettive di uno strumento fondamentale per l’adempimento della promessa, contenuta nella Dichiarazione universale del 1948, di garantire ad ogni individuo «il rispetto universale e l’osservanza dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali». Mauro Politi, dal 1992 al 2001 consigliere giuridico della rappresentanza permanente d’Italia presso l’ONU, ha avuto un ruolo centrale nelle battaglie combattute dall’Italia, quali l’istituzione di un organo permanente di giustizia penale internazionale e l’adozione di una moratoria universale sulla pena di morte. Dal 2003 al 2009 è stato giudice della Corte penale internazionale. Attualmente è membro del Comitato Diritti umani dell’ONU, con sede a Ginevra.
La conferenza, inserita nel programma culturale del Collegio Bernardo Clesio, è aperto all’intera comunità universitaria e cittadina. I posti sono 100 ed è richiesta la prenotazione online entro il17 aprile. Palazzo Paolo Prodi, aula 1 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Giovedì 19 aprile, ore 10
Il teatro, gli eroi – Con Giorgiò Ierano, Guido Paduano e Margherita Rubino. Incontro e dibattito sul libro “L’ultimo eroe. Filottete, straordinarie fortune di un arciere greco” di Federica Boero e Margherita Rubino (Genova, il Melangolo, 2018). Palazzo Paolo Prodi, aula 5 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Giovedì 19 aprile, ore 10
Narrative and Counter-narratives: The Stories Americans Tell About Race – Incontro con Jessica Maucione (Gonzaga University, Spokane, Washington State) per i seminari offerti dall’Ambasciata USA nell’ambito del programma American Studies Italy. «Maucione – si anticipa – si soffermerà su testi di letteratura, cinema e cultura popolare statunitense per interrogare il ruolo di personaggi e narrazioni che separano la specie umana lungo artefatte linee di razza, celebrano la presunta superiorità “bianca” e disumanizzano chi ha un altro colore della pelle». Il seminario è programmato per studenti e studentesse di Letterature angloamericane ed è aperto a chiunque abbia interesse. Palazzo Paolo Prodi, aula 114 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Giovedì 19 aprile, ore 13
L’istituzione del pubblico ministero europeo: verso un sistema giudiziario integrato? – Interviene Luca Pressacco (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) per il modulo “Diritto dell’Unione europea e processo penale”. Palazzo di Giurisprudenza, aula 10 (Trento – Via Verdi, 53).
Giovedì 19 aprile, ore 14
La rete delle cure palliative tra bisogni sociali e sanitari – Intervengono Gino Gobber (direttore – Cure palliative, Apss Trento) e Federica Bresciani (coordinatrice infermieristica servizio CP Hospice). Il seminario è rivolto a studenti e studentesse del corso di Metodi e tecniche del lavoro nei servizi sociali, ma non esclude la partecipazione di altre persone interessate. Palazzo di Sociologia, aula 8 (Trento – Via Verdi, 26).
Giovedì 19 aprile, ore 15
L’accesso alla magistratura: come si diventa giudici? – Interviene Enrico Borrelli (Tribunale di Trento). Per il ciclo “Lo status giuridico e le funzioni dei magistrati”. Palazzo di Giurisprudenza, aula 1 (Trento – Via Verdi, 53).
Giovedì 19 aprile, ore 16
Grande Guerre et grandes vacances – Incontro con Antoine Compagnon e con Paolo Tamassia e Massimo Rizzante. Appuntamento inserito nel programma del SIR – Il romanzo e le altre arti. Palazzo Paolo Prodi (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Giovedì 19 aprile, ore 18
Gabbie di Genere – Discussione intorno al libro “Gabbie di Genere – Retaggi sessisti e scelte formative” con la partecipazione delle autrici Irene Biemmi e Silvia Leonelli (Università di Firenze e Bologna). L’evento è all’interno del seminario di credito “Libri al centro. Leggere il genere, l’individuo e la società al Centro Studi di Genere” ed è aperto alla cittadinanza. Palazzo di Sociologia, aula 20 (Trento – Via Verdi, 26).
Giovedì 19 aprile, ore 18
Neanderthals like Us – Conferenza con Diego E. Angelucci che racconterà come le ricerche condotte negli ultimi anni abbiano cambiato radicalmente il modo di vedere i Neanderthal e il loro rapporto con l’umanità attuale riscrivendo parte della Preistoria umana. I dati più significativi derivano dallo scavo di nuovi siti archeologici, ma anche dal riesame di vecchi ritrovamenti attraverso l’applicazione di nuove tecniche di analisi, cercando di superare una serie di pregiudizi. Grazie a questi dati si è scoperto che i Neanderthal erano in grado di produrre oggetti con significato simbolico, che avevano capacità cognitive comparabili alle nostre e che la loro supposta estinzione forse non è mai avvenuta. Questa rivoluzione ha coinvolto il Laboratorio Bagolini, la struttura del Dipartimento di Lettere e Filosofia che si occupa di archeologia preistorica (tra le altre cose). Le informazioni più rilevanti provengono da un progetto di ricerca internazionale che, dal 2006, si è concentrato sullo studio della transizione Paleolitico Medio – Paleolitico Superiore (ovverossia, il passaggio da Neanderthal a Sapiens) in Spagna meridionale. In questa conversazione il geoarcheologo Diego E. Angelucci riassumerà le principali tappe della ricerca svolta nei siti paleolitici spagnoli, illustrandone i risultati e le principali implicazioni archeologiche e antropologiche.
La conferenza, inserita nel programma culturale organizzato per allievi e allieve del Collegio Bernardo Clesio, è aperta all’intera comunità universitaria e cittadina. Capienza: 40 persone. È richiesta la prenotazione online entro il giorno 18 aprile. Collegio Bernardo Clesio, aula seminari (Trento – Via Santa Margherita, 13).
Venerdì 20 aprile, ore 9
Il ruolo della magistratura di sorveglianza – Intervento di Giovanni Maria Pavarin (presidente del Tribunale di sorveglianza di Venezia) all’interno del corso di Diritto penitenziario della Facoltà di Giurisprudenza di UniTrento. Palazzo di Giurisprudenza, aula B (Trento – Via Verdi, 53).
Venerdì 20 aprile, ore 9.30
Predis. Prevenire la dispersione dei talenti – Introduzione e presentazione del progetto “Predis” (https://www.predis.eu/) con Olga Bombardelli (responsabile Predis per l’Italia) e Marta Codato (assegnista di ricerca, Dipartimento di Lettere e Filosofia, UniTrento). Seguiranno relazioni su buone pratiche contro l’abbandono scolastico precoce attraverso alcuni casi concreti. Su richiesta sarà rilasciato attestato di partecipazione. Palazzo Paolo Prodi, aula 227 (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
Venerdì 20 aprile, ore 14.30
Mediazione tra volontarietà e obbligatorietà – Un bilancio a un decennio dalla Direttiva 2008/52/Ce. La partecipazione all’evento è gratuita. Ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi per alcuni ordini professionali, è necessaria l’iscrizione online. Palazzo di Giurisprudenza, sala conferenze (Trento – Via Verdi, 53).
Martedì 24 aprile, ore 15
Anziani e depressione – Intervengono Gabriele Noro (Geriatria, Trento) e Renzo Rozzini (Geriatria, Brescia). Nuovo appuntamento di “Invecchiamento e qualità della vita. Ciclo di incontri sulla prossima grande sfida sociale”. L’iniziativa, organizzata dall’unità di ricerca eVita – Età della vita del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale di UniTrento con il patrocinio dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della Provincia di Trento, è aperta a tutte le persone interessate. Ingresso gratuito, gradita la prenotazione per motivi organizzativi (tel. 0461 281363 oppure sara.formaggio@unitn.it). Palazzo di Sociologia (Trento – Via Verdi, 26).
Giovedì 26 aprile, ore 15.30
Nuove ipotesi per un romanzo di formazione – Con Michele Sisto e Walter Nardon. Per il SIR, Seminario internazionale sul romanzo. Liceo scientifico Galileo Galilei (Trento – Viale Bolognini, 88).
Venerdì 27 aprile, ore 9
Il ruolo del difensore nel processo penale – Interviene Stefano Daldoss (Foro di Trento) nell’ambito dei seminari del corso di Procedura penale. Palazzo di Giurisprudenza, aule 7-8 (Trento – Via Rosmini, 27).
Venerdì 27 aprile, ore 14
Trentino Young Scientist Challenge. Sfida finale dell’edizione 2017/2018 – L’iniziativa, ispirata al successo internazionale di Young Scientist, ha l’obiettivo di avvicinare studenti e studentesse di scuola secondaria di primo grado al mondo scientifico attraverso l’approccio metodologico del learning by doing (imparare facendo). L’esperienza, basata sul lavoro in gruppi efficaci e cooperativi, è finalizzata a sviluppare competenze cognitive attraverso la tecnologia e le scienze con l’obiettivo di stimolare creatività, pensiero critico, collaborazione e comunicazione. Il progetto, indipendentemente dall’ambito scientifico scelto dal gruppo di lavoro, deve rispondere almeno a uno dei seguenti criteri: creatività, innovazione, comunicazione e metodologia scientifica e deve essere accompagnato da una documentazione appropriata per la presentazione pubblica e da un breve documento esplicativo, al cui testo scritto possono essere aggiunti eventuali grafici, foto, illustrazioni. La premiazione è prevista dopo le 17. Palazzo Paolo Prodi (Trento – Via Tommaso Gar, 14).
ALTRE SEGNALAZIONI
Fino a domenica 15 aprile
Trento Smart City Week 2018 – Il tema è la “partecipazione” espressa nel motto: “La speranza dell’appartenere”. Negli ultimi anni la pubblica amministrazione sta puntando molto sul coinvolgimento della cittadinanza nella definizione delle priorità della vita comunitaria e nella gestione di servizi e di beni. Le tecnologie hanno consentito una maggiore interazione fra le persone e gli enti. I centri di ricerca e le università hanno sviluppato modelli e servizi che incentivano e facilitano questo nuovo modo di collaborare. L’impatto è stato notevole anche nei rapporti interpersonali. La manifestazione, che si tiene principalmente in piazza Duomo a Trento, vuole soffermarsi su questa nuova dimensione del concetto di “partecipare”. Il programma, costruito in modo partecipato dalle istituzioni partner, dalle realtà associative e produttive e dalla cittadinanza, vuole offrire un’opportunità per interpretare insieme la complessità in una prospettiva di fiducia.
Trento Smart City Week 2018 propone – attraverso le conferenze e le iniziative in programma – un modello di città e territorio che già in parte esiste, nel quale la tecnologia è un fattore di arricchimento positivo della relazione e il virtuale è un mezzo per incontrarsi e uno strumento di dialogo e di benessere comune anziché di solitudine. Trento Smart City Week è un progetto condiviso da: Comune di Trento, Provincia autonoma di Trento, Università di Trento, IEEE – Institute of Electrical and Electronics Engineers, Consorzio dei Comuni Trentini e Fondazione Bruno Kessler.
Informazioni e programma: https://www.smartcityweek.it/
Fino a domenica 15 aprile
Educa 2018. Algoritmi educativi. A Rovereto nona edizione del festival dell’educazione su responsabilità e spirito critico nel tempo delle nuove tecnologie. Grazie al contributo di esperti e studiosi nazionali e alla presentazione di prassi innovative e attraverso un percorso multidisciplinare, s’intende inquadrare meglio il rapporto fra educazione, relazione e tecnologie digitali. Appuntamenti – seminari, presentazioni di libri e ricerche, laboratori, giochi, spettacoli e mostre – con ospiti di fama nazionale e internazionale dedicati a bambini, giovani, genitori, insegnanti ed educatori e per tutti coloro che hanno passione per il futuro. Il programma è elaborato dal Comitato promotore (Provincia autonoma di Trento, Comune di Rovereto e Università di Trento) con il supporto scientifico di Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Franco Demarchi e IPRASE e il coordinamento organizzativo di Con.Solida, e sarà arricchito dalle proposte di molte agenzie educative, scuole, associazioni, cooperative, istituzioni, enti di ricerca e culturali.
Cattedra di accoglienza del Collège de France all’Università di Trento: c’è Compagnon
Sarà Antoine Compagnon, critico letterario e scrittore, il prossimo ospite dell’Università di Trento nell’ambito della convenzione che da tempo lega l’Ateneo trentino al Collège de France in un programma di collaborazione e mobilità internazionali. Compagnon terrà due conferenze all’Università di Trento (Palazzo Paolo Prodi, mercoledì 18 aprile alle 16 e giovedì 19 aprile alle 10). Compagnon ha insegnato alla Sorbona e da molti anni è professore alla Columbia University di New York. Dal 2006 è professore al Collège de France, dove ricopre la cattedra di “Letteratura francese moderna e contemporanea: storia, critica, teoria”. Tra le sue pubblicazioni tradotte in italiano, si ricordano “Proust tra due secoli” (Einaudi, 1992), “I cinque paradossi della modernità” (Il Mulino, 1993), “Il demone della teoria. Letteratura e senso comune” (Einaudi, 2000), “Un’estate con Montaigne” (Adelphi, 2014) e “Gli antimoderni, Da Joseph De Maistre a Roland Barthes” (Neri Pozza, 2017).
Well Come. UniTrento for Refugees
Prosegue “Well Come”, programma articolato di iniziative, promosso e coordinato da Equità & Diversità dell’Università di Trento. Si può ancora visitare la mostra fotografica “Ombre di guerra e di disperazione: come 100 anni fa” (allestita alla Buc, Biblioteca universitaria centrale, fino al 14 maggio). Attraverso gli scatti d’autore di Giorgio Salomon (con testi di Franco Filippini e progetto espositivo di Manuela Baldracchi) si approfondisce il dramma dell’emigrazione. Inoltre lunedì 23 aprile (alle 15 al Palazzo di Giurisprudenza, aula 6) proiezione del cortometraggio “My Name is Wasky”, storia di un giovane rifugiato ghanese in Italia dal 2015, incontro e dibattito con i produttori. Quindi (alle 18 al Giardino del Palazzo di Economia) aperitivo interculturale con performance Rap di Nana Kofi Osei e Ibrahim Mohammed. Nana Motobi in collaborazione con “My Name is Wasky” inviterà a riflettere, attraverso le sue musiche, sulla situazione del sistema di accoglienza in Italia. Ci saranno anche stand informativi sui progetti di accoglienza e inclusione avviati in Ateneo.
Concorso di idee per il logo di Q@TN
Il progetto Q@TN (Laboratorio trentino per le scienze e tecnologie quantistiche, Quantum Science and Technologies) intende creare a Trento una forte comunità di ricerca interdipartimentale e multidisciplinare che sia protagonista della seconda rivoluzione quantistica e acquisisca una posizione di rilievo in ambito europeo.
Ora il Dipartimento di Fisica dell’Università di Trento, con il sostegno finanziario della Fondazione Caritro, lancia un concorso di idee per la realizzazione del logo di Q@TN. Tale logo è destinato a essere utilizzato come segno grafico identificativo su tutti gli strumenti cartacei e telematici di informazione e comunicazione.
Il bando è rivolto a studenti e studentesse delle università italiane. La partecipazione al concorso, gratuita, è consentita solo a gruppi di due con iscrizione a corsi di studio di discipline diverse (esempio, corso di laurea in Fisica e corso di laurea in Gestione aziendale). La scadenza per le candidature è martedì 24 aprile alle 12.
Informazioni: Segreteria del Dipartimento di Fisica, info.qtn@unitn.it; tel. 0461 282042 -1575 -1504. Il bando è pubblicato su: www.unitn.it/dphys
Emozionare con la scienza
Nuova edizione di “Emozionare con la scienza”, workshop sulla narrazione scientifica riservato a studenti e studentesse. Il percorso, fino al 24 maggio, fornirà competenze e strumenti di base per sviluppare la capacità di narrare la scienza lavorando su due aspetti basilari dello storytelling: la costruzione del racconto (drammaturgia) e la sua restituzione (come narrazione ovvero come monologo). Il laboratorio è pensato per chi ha l’esigenza di incontrare un pubblico, non necessariamente di esperti, e di trovare le chiavi per creare un senso di curiosità e di meraviglia attorno ai contenuti scientifici esposti. Il workshop sarà tenuto da Andrea Brunello (fisico, attore e direttore teatrale) e coordinato da Stefano Oss (professore del Dipartimento di Fisica, UniTrento).
Settimana di orientamento alla scelta universitaria
Per la Settimana di orientamento alla scelta universitaria sono aperte fino al 28 maggio le candidature di ragazzi e ragazze del quarto anno di scuola superiore di tutta Italia. L’iniziativa, giunta alla quinta edizione, è organizzata dall’Università di Trento e dalla Libera Università di Bolzano per permettere di sperimentare la vita universitaria a chi ancora è impegnato a scuola. La settimana, dal 24 al 28 agosto, in forma residenziale, propone un programma di attività svolte tra Trento e Bolzano, che mettono a stretto contatto docenti dell’Università con studenti e studentesse delle superiori e degli atenei che si occupano di orientamento e/o tutorato, per confrontarsi, approfondire tematiche e discipline di studio universitario, favorire riflessioni su motivazioni e ambiti di interesse.
Tra le candidature ricevute, ne saranno ammesse fino a 90. La selezione, a cura delle due università, avverrà in base ai risultati scolastici e a una valutazione complessiva del profilo.
Informazioni e candidature online: www.unitn.it/settimana-orientamento
Visite a Palazzo Sardagna – Tutti i sabati pomeriggio Palazzo Sardagna, sede del Rettorato dell’Università, sarà aperto ai visitatori che parteciperanno alle visite guidate promosse e organizzate dall’APT di Trento nel centro storico cittadino. Si tratta di una breve tappa di un percorso più ampio che toccando il Rettorato, si chiude a Palazzo Roccabruna, poco distante. Nella visita è possibile ammirare le opere di Marcello Fogolino che affrescano le sale al piano terra. Orari, informazioni e prenotazioni sono disponibili sul sito dell’APT di Trento Monte Bondone, Valle dei Laghi.
Premio di poesia “Città di Trento – Oltre le mura”
Il Comune di Trento, la Biblioteca comunale di Trento e il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento bandiscono la prima edizione del Premio di poesia “Città di Trento – Oltre le mura”. Il Premio si articola nella sezione poesia (per opere poetiche pubblicate in volume dotato di ISBN, edite fra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017 e regolarmente in commercio) e nella sezione traduzione (per traduzioni di opere poetiche di autori stranieri tradotte da lingue antiche e moderne, edite fra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017 in volume dotato di ISBN e regolarmente in commercio). La giuria del Premio è composta da: Pietro Taravacci (presidente della giuria), Franco Buffoni, Maria Borio, Federico Condello, Reinhard Christanell, Carla Gubert, Alessandro Niero, Paolo Ruffilli, Nadia Scappini, Italo Testa. La giuria assegnerà al vincitore di ciascuna sezione un premio in denaro dell’ammontare di 2 mila euro. Saranno possibili anche altri eventuali riconoscimenti.
Indicazioni e scheda di iscrizione per partecipare sono disponibili sul sito ufficiale del Premio: https://sites.google.com/site/premiopoesiatrentooltrelemura
Per partecipare è necessario presentare cinque copie cartacee per ciascuna opera; una copia digitale; scheda di iscrizione; una lettera di presentazione della casa editrice (indicante i contatti di un referente per i premi letterari e di un addetto stampa, nel caso in cui l’autore non partecipi a titolo personale); solo nel caso della seconda sezione (traduzione poetica), una nota bio-bibliografica del traduttore (con dati anagrafici, contatti di recapito telefonico e di posta elettronica). La copia in formato digitale va spedita all’indirizzo di posta elettronica: premiopoesiatrento@gmail.com Le copie cartacee vanno inviate a: dott. Vittorio Carrara – Biblioteca Universitaria Centrale – Via Adalberto Libera, 3 – 38122 Trento (TN), indicando la sezione cui si partecipa. La data entro la quale le opere dovranno pervenire è fissata al 30 di aprile 2018. Per le opere giunte oltre il 30 aprile 2018 farà fede il timbro postale. Il materiale ricevuto non sarà restituito.
KNOWTRANSFER
È online il numero 18 di “Knowtransfer. Tecnologie e saperi tra università e impresa” (http://knowtransfer.unitn.it), il periodico dell’Università di Trento rivolto a chi si occupa di ricerca, sviluppo, innovazione. Tra i contributi di questo numero si segnalano: l’editoriale del rettore Paolo Collini sui Progetti strategici e le collaborazioni con imprese e istituzioni, l’articolo di Nicola Pugno e Maria Pantano su un nuovo brevetto relativo ai nanomateriali e l’articolo di Renato Troncon sul Design Research Lab (DRLab).
Knowtransfer esce in edizione cartacea e online e si può ricevere gratuitamente.
UNITRENTOMAG
È online il periodico di informazione dell’Ateneo UNITRENTOMAG www.unitn.it/mag
Questi gli ultimi articoli:
- Il giurista del XXI secolo. Il ruolo della formazione universitaria e le nuove sfide per il diritto
- La legione cecoslovacca. Se ne parla nella puntata di aprile del calendario digitale La Grande guerra +100
- Facoltiadi invernali 2018. Trionfa il Polo di Collina con Scienze e Ingegneria. E a giugno tornano le Facoltiadi estive.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136