Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Pista ciclabile Laives-Vadena: sbloccato l’iter per la realizzazione

martedì, 12 gennaio 2021

Quando:
25 gennaio 2021@15:40–16:40 Europe/Rome Fuso orario
2021-01-25T15:40:00+01:00
2021-01-25T16:40:00+01:00

La Giunta provinciale, su proposta dell’assessora Maria Hochgruber Kuenzer, ha avviato oggi (12 gennaio) la procedura di modifica d’ufficio dei piani urbanisticidei Comuni di Laives e Vadena per l’inserimento del progetto per la realizzazione della nuova tratta che collegherà Laives alla pista ciclabile Bolzano-Salorno. Dopo anni di attesa, Laives avrà un nuovo collegamento ciclabile che consentirà a tutti gli amanti delle due ruote di raggiungere la pista ciclabile che si snoda lungo l’argine del fiume Adige. Il tratto ciclabile nel territorio comunale di Laives, di circa 1,7 chilometri, è già pronto, ora potrà essere costruito quello sul territorio comunale di Vadena nella cosiddetta “zona Cervo”, per poco più di 700 metri. Questo passaggio burocratico è di fatto rilevante perché potrà sbloccare definitivamente l’iter che prevede la costruzione di una tratta che dalla zona della stazione ferroviaria di Laives, proseguendo fino al comune di Vadena, raggiungerà direttamente la pista ciclabile provinciale che collega Bolzano alla Bassa Atesina.

Step di rilievo per la mobilità ciclabile

“Con questo provvedimento è stato fatto un passo importante per la realizzazione della pista ciclabile sovracomunale e gli aspetti positivi sono evidenti: riduzione del traffico individuale e collegamenti migliori per i ciclisti negli spostamenti quotidiani e nel tempo libero”, sottolinea l’assessora provinciale al territorio e paesaggio Maria Hochgruber Kuenzer. “In Alto Adige, per rendere ancora più attrattivo l’uso della bicicletta quale mezzo di mobilità sostenibile, vantaggioso e sano, stiamo ampliando la rete ciclabile collegando sempre più fra di loro le piste ciclabili, come nel caso di Laives”, sottolinea l’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider. “Finalmente Laives avrà un nuovo ed efficiente collegamento – aggiunge l’assessore all’ambiente Giuliano Vettorato – un tracciato breve, ma allo stesso tempo funzionale per gli amanti delle due ruote, che potranno usufruire di uno snodo cruciale per raggiungere uno dei percorsi ciclabili più belli ed apprezzati del nostro territorio, lungo la sponda del fiume Adige”.

Il progetto

Il progetto riprende fedelmente due delibere provinciale, l’ultima delle quali approvata nel 2016, che prevedeva la modifica d’ufficio dei piani comunali di Laives e Vadena per l’inserimento della pista sovracomunale da realizzare nei pressi del Safety Park di Vadena. Tale approvazione era stata respinta dopo una sentenza del TAR su ricorso di proprietari dei terreni interessati. In seguito, la Comunità comprensoriale Oltradige-Bassa Atesina ha chiesto ed ottenuto il riavvio la modifica del procedimento dei piani urbanistici comunali di Laives e Vadena. La nuova documentazione, che definisce l’opera di interesse provinciale, prevede l’inserimento di nuovi allegati, tra i quali le mappe catastali relative alle proprietà interessate dal tracciato del percorso ciclabile, l’elenco dei proprietari delle stesse, la sezione tipo della pista ciclabile e una planimetria dettagliata delle zone di esproprio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136