Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Enoturismo, primo corso online su ospitalità in vigne e cantine

martedì, 30 marzo 2021

Quando:
8 aprile 2021@12:55–13:55 Europe/Rome Fuso orario
2021-04-08T12:55:00+02:00
2021-04-08T13:55:00+02:00

Al via il primo corso online per operatori enoturistici organizzato da Coldiretti Lombardia. Si tratta di un percorso formativo in dieci appuntamenti – spiega la Coldiretti regionale – in programma da giovedì 8 aprile a giovedì 6 maggio 2021.

La partecipazione – precisa la Coldiretti Lombardia – è riservata alle imprese agricole vitivinicole associate a Coldiretti. Al termine delle lezioni, i partecipanti che frequenteranno almeno l’80 per cento delle ore riceveranno l’attestato necessario per iscriversi all’elenco regionale degli operatori enoturistici.

Diverse le tematiche trattate durante la formazione: dalla normativa di riferimento alla fiscalità, dalle regole dell’accoglienza all’attività didattica enoturistica fino al marketing territoriale. “L’enoturismo – spiega Carmen Caruccio, responsabile vitivinicola di Coldiretti Lombardia – è il turismo tematico che pone al centro dell’esperienza il vino, la sua produzione e il legame con il territorio. A livello nazionale si stima che valga già oltre 2,5 miliardi di euro e, una volta usciti dall’emergenza sanitaria, potrà rappresentare la chiave di ripartenza per le aziende vitivinicole che oggi devono fare i conti con l’impatto economico negativo provocato dal coronavirus”.

Per ricevere informazioni sulle modalità di iscrizione – prosegue la Coldiretti Lombardia – è possibile scrivere una mail all’indirizzo: enoturismo.lom@coldiretti.it

In Lombardia – conclude la Coldiretti regionale – ci sono più di 20mila ettari a vigneto, oltre 3mila imprese vitivinicole, con una produzione che per circa il 90% è costituita da vini di qualità grazie a 5 DOCG, 21 DOC e 15 IGT.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136