Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Convegno “Porte aperte in cardiologia”

venerdì, 14 febbraio 2020

Quando:
15 febbraio 2020@10:00–11:00 Europe/Rome Fuso orario
2020-02-15T10:00:00+01:00
2020-02-15T11:00:00+01:00

Bed manager, Sonographer, tele cardiologia: parole che sembrano proiettarci nel futuro, ma che di fatto fotografano il presente. Oggi la nostra salute è sempre più supportata dall’innovazione tecnologica, grazie alla quale si stanno facendo passi da gigante in campo medico, con l’introduzione nella pratica clinica di straordinarie possibilità di cura, inimmaginabili fino a poco tempo fa. A fronte di cambiamenti così rapidi è necessario però fermarsi a ripensare questa evoluzione, per capire da dove si è partiti, dove si è arrivati e dove si vuole andare. Proprio con questo obiettivo è stato organizzato l’incontro «Porte aperte in cardiologia. L’innovazione nella cura delle malattie cardiovascolari tra tecnologia, organizzazione e comunicazione», domani dalle 9 in poi nell’auditorium dell’ospedale Santa Chiara di Trento. La giornata, aperta alla cittadinanza, vede la partecipazione di diversi professionisti dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

 

Il convegno sarà l’occasione per fare il punto sulle novità e i risultati nel campo delle malattie cardiovascolari e conoscere la passione e l’impegno che sono alla base di questi successi: si parlerà di quanto di nuovo e positivo si può fare oggi e di quanto ancora rimane da studiare e approfondire per migliorare la salute di chi soffre di patologie cardiovascolari, la principale causa di mortalità nei paesi occidentali. Sarà un momento di confronto importante non solo per i professionisti e gli addetti ai lavori,  ma anche e soprattutto per i pazienti.

In un mondo sempre più complesso si sente la necessità di innovare, non solo gli strumenti classici di cura (farmaci e interventi con nuovi dispositivi), ma anche gli strumenti organizzativi e di comunicazione, mezzi altrettanto fondamentali e potenti per raggiungere l’obiettivo di migliorare le cure dei pazienti. Il convegno vuole affrontare l’innovazione nel senso più ampio del termine: oltre alle testimonianze delle associazioni dei cardiopatici in Trentino ci sarà anche un momento dedicato all’etica, fondamentale guida nelle scelte di salute.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136