Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Arco, “Le borse colorate”

martedì, 18 giugno 2019

Quando:
20 giugno 2019@14:45–15:45 Europe/Rome Fuso orario
2019-06-20T14:45:00+02:00
2019-06-20T15:45:00+02:00

 Si tiene giovedì 20 giugno al nuovissimo chiosco del parco Nelson Mandela il laboratorio «Le borse colorate», promosso da Anffas e aperto a tutti: grandi e piccoli. L’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’associazione Andromeda e con il Comune di Arco, inizia alle ore 14.30. Alla fine del laboratorio si potranno tenere le proprie realizzazioni.

Un appuntamento d’eccezione con i ragazzi e gli operatori di Anffas, realtà associativa che da molto tempo è presente ad Arco e che da circa due anni collabora attivamente alla gestione e alla salvaguardia dell’orto didattico e terapeutico che si trova al parco Nelson Mandela.

La collaborazione con l’Associazione Nazionale Famiglie di persone con disabilità intellettiva e relazionale è nata dalla voglia di far conoscere emozioni e sensazioni nuove ai ragazzi e alle ragazze, che soffrendo problemi di deambulazione o di movimento apprezzano ancora di più la possibilità di svolgere attività all’aria aperta. Proprio per questo l’orto sociale è stato realizzato in modo da adattarsi alle esigenze di chi soffre di disabilità. I ragazzi e le ragazze utenti di Anffas e i loro operatori vivono settimanalmente il parco e l’orto. Hanno suddiviso la parte di vasca che è loro affidata in due zone distinte: una la utilizzano come orto per fragole, fiori, e piccole piantine da trapianto, l’altra come un percorso sensoriale dove legnetti, sassi, sabbia attivano la loro fantasia e la loro sensibilità.

Anffas non è solo una struttura che accoglie gli utenti per finalità di solidarietà sociale nel campo dell’assistenza sociale, sanitaria e socio sanitaria, della ricerca scientifica, della formazione, della tutela dei diritti civili a favore di persone svantaggiate in situazioni di disabilità intellettiva e relazionale e delle loro famiglie, ma è soprattutto un occasione di crescita con esperienze e percorsi di stimolo e interazione.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136