Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Arco, al via il progetto Grisù

martedì, 16 febbraio 2021

Quando:
25 febbraio 2021@18:55–19:55 Europe/Rome Fuso orario
2021-02-25T18:55:00+01:00
2021-02-25T19:55:00+01:00

Il 1° febbraio ha preso avvio il nuovo progetto «Grisù: la tutela del territorio è un impegno di tutti»: per un anno un giovane in sevizio civile affiancherà l’amministrazione comunale nell’aggiornamento del Piano di protezione civile e nelle fasi di informazione e coinvolgimento della cittadinanza.

L’idea: utilizzare la risorsa costituita dal servizio civile per supportare un’attività di rilievo quale la tutela del territorio. Il servizio civile è per il giovane un’occasione di transizione all’età adulta e di avvicinamento al mondo del lavoro, oltre che un’esperienza per completare il proprio percorso formativo in vista dell’approdo lavorativo (sono previsti momenti formativi specifici sul tema, anche in collaborazione con il Corpo dei vigili del fuoco volontari di Arco). Per l’amministrazione comunale, d’altronde, il servizio civile è un’opportunità per consentire lo svolgimento dei compiti che il giovane è chiamato a effettuare, secondo un progetto precedentemente redatto dalla stessa amministrazione comunale, sulla base di una serie di obiettivi.

Il giovane in servizio civile affiancherà il personale del Comune dell’analisi e nell’aggiornamento del Piano di protezione civile comunale attualmente in vigore; nelle attività pratiche di supporto al reperimento, monitoraggio ed elaborazione di documenti e di dati; nella cura della comunicazione, supportando l’ideazione e la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione dei temi della sicurezza e della gestione delle emergenze; nell’adozione di strumenti e criteri previsionali (prevenzione dei rischi sul territorio) e operativi (modalità di intervento in collaborazione con i vigili del fuoco e la Protezione civile); in incontri con le diverse associazioni operanti sul territorio, con le quali interloquire per individuare e condividere proposte; e nella progettazione e nella realizzazione di eventi rivolti ai diversi portatori di interesse.

Il progetto è stato curato da Biancamaria Simoncelli, dirigente dell’Area tecnica; operatore locale di progetto (OLP) è la dott.ssa Valeria Gallini dell’Ufficio ambiente, mentre il tutor è il p.ed. Valerio Linardi del cantiere comunale.

Si ricorda che il Piano di protezione civile comunale è uno strumento obbligatorio che permette di fronteggiare le diverse tipologie di emergenze ambientali che potrebbero interessare il territorio, come frane e esondazioni, nonché altre, non solo di natura idrico-idrogeologica. Il piano permette, in caso di emergenza ambientale, di intervenire celermente e in modo efficace, perché secondo procedure prestabilite e con l’attivazione sinergica di tutti i soggetti competenti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136