Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


A Rovereto si re-introduce il Baco da seta

venerdì, 26 giugno 2020

Quando:
1 luglio 2020@12:20–13:20 Europe/Rome Fuso orario
2020-07-01T12:20:00+02:00
2020-07-01T13:20:00+02:00

Mercoledì 1 luglio in Sala Consiglio del Comune di Rovereto saranno consegnate le chiavi alla ditta vincitrice della gara per l’uso dell’area denominata Orto di San Marco (ex Salvaterra) area centrale a Rovereto, nei  pressi del centro commerciale e in prossimità degli uffici del Catasto e delle Politiche Sociali del Comune. La proprietà è del Comune, che la concede in uso per 9 anni, per avviare la produzione del baco da seta che rese ricca Rovereto nel ’700. Prende corpo, così, il primo tassello di produzione della seta, quello che dovrebbe diventare il distretto culturale ed economico a cui l’Amministrazione lavora da tempo per valorizzare un patrimonio storico della città in termini culturali, turistici ed economici. Come noto il “progetto seta” ha tra i suoi  obiettivi anche la sperimentazione e la ricerca, per sviluppare processi produttivi innovativi con riferimento alla meccatronica, alla robotica, ma anche all’economia circolare.
Ed è su queste leve che si è lavorato per indire la gara per l’assegnazione dell’Orto “San Marco” (ex Salvaterra) posto in prossimità dell’area commerciale e di servizio di via Pasqui dove reintrodurre la gelsi-bachicoltura a Rovereto. L’area scelta è un fondo incolto, attualmente inutilizzato oltre che in uno stato di evidente precarietà, situato vicino al cimitero di San Marco. Un tassello di rigenerazione urbana che ora prende forma dopo la procedura ad evidenza pubblica per la concessione in uso dell’immobile comunale per un periodo di 9 anni.
La ditta ‘’Lagarina società semplice agricola’’ di Villa Lagarina è risultata aggiudicataria per la concessione in uso del terreno di via Pasqui, e quindi procederà alla reintroduzione in via sperimentale della gelsi-bachicoltura, svolgendo attività didattiche e formative. Sarà un “orto urbano” in piena osmosi con la città: la cittadinanza avrà libero accesso per momenti personali di relax e lettura.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136