Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Alto Adige, nel weekend 77 sanzioni della Polizia Stradale

lunedì, 13 luglio 2020

Bolzano – Nell’ottica del contrasto alle condotte indisciplinate dei motociclisti sui passi montani, prosegue incessante l’attività delle pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Bolzano su tutta la provincia.

polizia stradale montagnaL’attività del fine settimana, in particolare, si è concentrata sui passi della Mendola e Sarentino Renon, e nelle aree della Val Gardena, Val Badia e Val Pusteria. Nell’ambito dei controlli effettuati, sono stati contestati numerosi verbali relativi a eccessi di velocità, inosservanza della segnaletica orizzontale, sorpassi azzardati, alterazione del veicolo, addirittura sulla metà dei motoveicoli fermati. Condotte che pongono in serio pericolo la vita dei motociclisti stessi e degli altri utenti della strada, e che la Polizia stradale continuerà a sanzionare nelle prossime settimane, in vista dell’aumento crescente del traffico turistico estivo.

I controlli del fine settimana hanno riguardato, altresì, l’utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta dei bambini. Grazie ai posti di controllo dispiegati ad ampio raggio nella Provincia, tra i 255 veicoli controllati e le 77 contestazioni effettuate, ben 32 hanno riguardato proprio il mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta, a testimonianza di come non tutti gli utenti hanno ancora ben chiaro il fatto che la cintura di sicurezza, e i sistemi di ritenuta in generale, costituiscano uno strumento salva-vita in più della metà dei casi di incidente stradale, secondo statistiche, ormai, più che note.

Nel corso della settimana, poi, è stata completata un’attività mirata al rispetto del divieto di utilizzo di apparecchi cellulari alla guida dei veicoli pesanti, attività che era iniziata nel fine settimana precedente. Le pattuglie impegnate in questo tipo di servizio specifico, che ha lo scopo di prevenire condotte estremamente pericolose per la circolazione autostradale, hanno intercettato e fermato un totale di 10 mezzi pesanti irrispettosi del divieto, a cui è stata contestata la violazione, che comporta, fra l’altro, la decurtazione di 5 punti dalla patente.

Infine, grazie all’instancabile attività degli operatori in forza alla Sezione, anche questo fine settimana sono stati fermate e sanzionate tre persone alla guida sotto l’influenza di alcol. In uno dei casi, si è trattato di conducente professionale per cui, si vuole ricordare, vige un divieto assoluto di porsi alla guida dopo aver assunto alcol. Il limite di concentrazione alcolica nel sangue per chi esercita professionalmente attività di trasporto di persone o cose, così come per i neopatentati e per i conducenti di età inferiore ad anni 21, è infatti di zero grammi per litro.

In un altro caso, è stata fermata e sanzionata penalmente una persona di origini cubane, che guidava con una concentrazione di alcol nel sangue pari a 1,24 grammi per litro. Il fermato, a cui tra l’altro è stata ritirata la patente di guida cubana per una mancata conversione nei tempi normativamente previsti nel corrispondente titolo di guida italiano, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per guida sotto l’influenza di alcol.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136